it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Vai al Blog
Amplia le tue conoscenze:
Amplia le tue conoscenze:
Local SEO
Daryana Solntseva

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi

87
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Questo post è in Italiano
Daryana Solntseva
Questo post è in Italiano
SEO per piccole imprese

Il numero di piccole imprese è in aumento. Attualmente in Italia ci sono circa 5.3 milioni di PMI, che rappresentano il 92% di tutte le imprese del Paese.

Come proprietario di un piccolo business, a volte può essere difficile capire perché un tuo concorrente è più in alto di te su Google. Sai che vendi prodotti (o servizi) superiori a un prezzo migliore ma, ogni volta che fai una ricerca, vedi che ci sono altre aziende che superano il tuo sito Web.

E questo è frustrante perché significa che stanno facendo affari che potresti prendere tu.

Demistificazione della SEO per le PMI

Potresti aver sentito dire che dovrai investire migliaia di euro ogni mese in uno specialista o in un'agenzia per vedere il tuo sito Web in classifica quando cerchi il nome della tua attività. Questo è un mito e non potrebbe essere più lontano dalla verità.

La SEO, specialmente per i siti web più grandi, può diventare tecnicamente molto complessa, ma le piccole imprese spesso competono a livello locale contro altre aziende come loro.

In molti casi, l'obiettivo della SEO per piccoli business è aumentare la visibilità e la conoscenza del brand in un'area geografica relativamente piccola.Ciò favorirà le visite al sito Web, le vendite o le richieste di informazioni, nonché un maggior afflusso di clienti al negozio o in uno showroom. Se sei disposto a investire un po' di tempo, puoi ottenere dei guadagni reali dalla visibilità online della tua attività.

In questa guida per principianti, ti spiegheremo come iniziare con la SEO per piccole imprese, esaminando in particolare:

L'importanza della SEO per una piccola impresa

Per prima cosa, vediamo perché la SEO è così importante per le aziende di piccole dimensioni. Tradizionalmente, le piccole imprese si pubblicizzavano sui giornali, alla radio o alla TV regionali.

Ma i tempi sono cambiati.

I consumatori oggi trovano i fornitori di prodotti e servizi in modo diverso da come facevano cinque o dieci anni fa. Quando le persone hanno bisogno di qualcosa, tirano fuori lo smartphone, aprono Google e fanno una ricerca. Dai ristoranti agli elettricisti, dai commercialisti agli avvocati, a molte altre attività e servizi diversi. In pochi secondi, si possono trovare decine di opzioni di prodotti da acquistare o qualcuno a cui chiedere informazioni.

E questo significa che, come piccola impresa, devi assicurarti che il tuo sito Web sia visibile quando qualcuno cerca su Google ciò che vendi. E le tue opzioni qui sono: SEO o PPC (annunci a pagamento).

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 0

Molto semplicemente, come piccola impresa, non puoi ignorare la SEO, poiché è un modo comprovato per conquistare nuovi clienti e fare grandi affari.

Se non è la tua attività a classificarsi su Google, lo sarà quella del tuo concorrente.

E questo fa male.

Problemi SEO affrontati dalle piccole imprese

È facile compatirsi e sentirsi frustrati dal fatto che un'altra azienda si posizioni più in alto della tua. Ci sono alcune ragioni per cui molti piccoli business non hanno un posizionamento elevato su Google.

Risorse e conoscenze specialistiche

Il primo motivo per cui le piccole imprese hanno difficoltà a comparire in un risultato di ricerca è la mancanza di risorse e conoscenze specialistiche.Non si nasconde il fatto che chi possiede e lavora per piccole imprese deve svolgere ruoli e mansioni diversi nel suo lavoro quotidiano.Ciò significa che molte piccole imprese spesso non dispongono di risorse di marketing dedicate o di coloro che hanno le competenze necessarie per posizionare con successo un sito Web su Google.

Budget

Un altro problema chiave affrontato dalle piccole imprese è che i loro budget di marketing sono spesso ridotti, anche in relazione alle loro entrate.

Se non ci sono le risorse finanziarie disponibili per assumere un team di marketing interno a tempo pieno, uno specialista o un'agenzia per gestire la SEO dell'azienda, sarà più difficile ottenere un buon rendimento nelle directory locali e nei risultati di ricerca.

Tempo

L'altro problema principale affrontato dalle piccole imprese, e il motivo per cui la loro SEO viene spesso trascurata, è il tempo. Anche quando un imprenditore sa che ci sono cose che potrebbe fare da solo per vedere il proprio sito Web più in alto su Google, la mancanza di tempo spesso si intromette.

Se puoi dedicare tempo a una buona strategia SEO per piccole imprese, ci sono molte risorse disponibili che possono aiutarti ad aumentare la visibilità del tuo sito Web.

Suggerimenti SEO per piccole imprese per posizionare il sito Web

Se hai intenzione di lavorare sulla SEO per la tua attività, ci sono molti modi che possono aiutarti a ottenere un buon posizionamento del tuo sito. Ecco 10 suggerimenti SEO per piccole imprese che si concentrano esclusivamente su azioni da intraprendere per iniziare.

Nota: sebbene questi suggerimenti siano rilevanti anche per altri tipi di attività, sono stati raccolti principalmente per piccoli siti Web che operano secondo un modello di business tradizionale per promuovere l'attività fisica o la vendita di servizi.

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 1

1. Configura Google Analytics e Search Console

Senza gli strumenti giusti, farai fatica a ottenere le informazioni necessarie per monitorare i tuoi progressi e prendere decisioni per aumentare la visibilità del tuo sito Web.

 I due strumenti chiave di cui hai bisogno sono entrambi disponibili gratuitamente: Google Search Console e Google Analytics. È possibile che entrambi i profili siano già impostati per il tuo sito Web ma, in caso contrario, devi familiarizzare con questi strumenti.

Google Analytics ti aiuta a monitorare e generare rapporti sul traffico e le conversioni del tuo sito Web, analizzarne la crescita e capire come il tuo pubblico utilizza il tuo sito.

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 2

Google Search Console ti mostra come viene presentato il tuo sito nei risultati di ricerca di Google. Puoi anche correggere errori, inviare il tuo sito per l'indicizzazione e visualizzare altri dati.

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 3

Installa questi strumenti per la tua attività prima di fare qualsiasi altra cosa, poiché le informazioni che puoi ottenere sono preziose per svolgere altre attività. Puoi scoprire come iniziare a usare Google Analytics qui e come aggiungere Google Search Console al tuo sito qui

2. Fai i conti con la Ricerca delle parole chiave

È importante sapere come i potenziali clienti cercano attività come la tua in modo da ottimizzare correttamente il tuo sito Web. Trovare i termini di ricerca che le persone usano è noto come ricerca delle parole chiave. La prima cosa da fare qui è aprire un blocco note e scrivere un elenco di termini che ti aspetti che le persone usino per trovare un'azienda che vende o offre ciò che fai tu.

Non ci sono termini giusti o sbagliati. Continua a scriverne finché non sarai in difficoltà.Puoi utilizzare lo strumento Panoramica delle keyword per trovare la parola chiave giusta in base al quale ottimizzare il tuo sito. Inizia inserendo nello strumento le parole e le frasi che hai appena annotato e clicca su analizza:

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 4

Dopo aver inserito la parola chiave che ti è venuta in mente, ti verranno fornite le statistiche che includono il numero di ricerche mensili (volume) e la difficoltà della parola chiave (KD%).

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 5

Aggiungi le parole chiave a un elenco per iniziare a creare un piano di parole chiave. Sebbene questo sia un ottimo modo per vedere quante persone stanno cercando i termini che hai annotato (e quanto sono competitivi), non avrai pensato a tutti.

Ed è qui che il  Keyword Magic tool può aiutarti. Inserisci una delle parole chiave principali che hai identificato e fai clic su "Cerca".

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 6

Riceverai quindi un elenco di idee per le parole chiave correlate al termine di ricerca principale che hai inserito.

%D0%A1%D0%BD%D0%B8%D0%BC%D0%BE%D0%BA%20%D1%8D%D0%BA%D1%80%D0%B0%D0%BD%D0%B0%202020-08-18%20%D0%B2%2013.30.31.png

Prosegui e aggiungi eventuali termini pertinenti a un elenco di parole chiave che utilizzerai a breve per pianificare la struttura, il contenuto e i tag SEO del tuo sito.

3. Dai un'occhiata ai tuoi concorrenti in SERP

Potrebbe sembrare semplice, ma una delle cose migliori che puoi fare quando lavori sulla SEO del tuo sito Web è passare un po' di tempo ad analizzare i tuoi concorrenti in SERP, dopo aver trovato le parole chiave per cui devi ottimizzare il tuo sito. Prenditi un momento per scrivere un elenco delle aziende che consideri tuoi concorrenti. Senza rivolgerti a Google, per ora.

Ma poi fermiamoci un attimo e affrontiamo una cosa.

I tuoi concorrenti in SERP non sono necessariamente i tuoi concorrenti offline. Questi potrebbero essere inclusi, ma probabilmente ce ne sono anche altri. Per dirla semplicemente, devi sapere con chi (e con cosa) competi per la prima posizione, in modo da poter adattare il tuo approccio di conseguenza.

Supponiamo che tu voglia classificarti per "avvocato divorzista a Milano". Se guardiamo la SERP (pagina dei risultati del motore di ricerca) per questo termine di ricerca, vediamo:

gif%20avvocato.gif

Probabilmente non è quello che ti aspettavi di vedere, vero? Supponiamo che ti aspettassi di vedere un elenco di avvocati. Sono lontani i giorni in cui Google classificava solo le aziende. Oggi Google mira a restituire i migliori risultati per gli utenti e questo non significa sempre dieci collegamenti a diverse attività.

Qui vediamo un mix di:

  • Elenchi di avvocati
  • Elenchi generici
  • Pratiche legali (business)

E ci sono gli elenchi delle mappe oltre ai principali risultati organici.

Vedere contro chi stai gareggiando può aiutarti a capire dove impiegare i tuoi sforzi. È importante che analizzi le SERP per le tue parole chiave di destinazione per capire cosa è già classificato e come devi strutturare il tuo sito e le sue pagine.

Quando fai le tue ricerche, cerca di stabilire se si sono classificate la home page di un'azienda o le sue pagine interne. Dalla SERP che abbiamo appena esaminato, possiamo vedere che è principalmente la home page degli avvocati a posizionarsi. Ci sono anche un paio di risultati che mostrano come si posiziona una loro pagina interna.

Dovresti anche investire del tempo a esaminare le pagine classificate da aziende come la tua e iniziare a costruire una panoramica del contenuto che trattano.Se hai bisogno di aiuto per scoprire per quali parole chiave si stanno posizionando i tuoi concorrenti nelle SERP, dai un'occhiata al nostro strumento di Ricerca organica. Sarai in grado di vedere dove si posizionano i tuoi concorrenti e definire una strategia per iniziare a conquistare i primi posti per parole chiave pertinenti.

Supera i tuoi concorrenti

e migliora il tuo ranking

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

4. Pianifica la struttura e le pagine del tuo sito

Dopo aver identificato le parole chiave per le quali desideri classificarti, devi pianificare la struttura giusta per il tuo sito e decidere come ottimizzarlo. Ciò significa ideare un piano per le pagine che dovrai creare (o per quelle di cui già disponi) per posizionare i termini con i quali vuoi classificarti. Qui la regola generale è di farsi guidare in qualche modo dalla ricerca delle keyword, ma anche dal buon senso. Un modo semplice di vedere la situazione è che hai bisogno di una pagina dedicata per puntare alle parole chiave principali che stai prendendo di mira.

Hai più sedi?

Avrai bisogno di almeno una pagina per ciascuna di esse. Ad esempio:

  • dominio.com/firenze/
  • dominio.com/roma/
  • dominio.com/napoli/

Oppure, se operi in una sola città ma offri più servizi, ti consigliamo di scegliere qualcosa come:

  • dominio.com/servizio-1/
  • dominio.com/servizio-2/
  • dominio.com/servizio-3/

Prenditi del tempo per mappare le pagine di cui hai bisogno in base alla ricerca delle parole chiave, oltre a considerare attentamente come i tuoi clienti interagiscono con la tua attività.

5. Trova e risolvi i problemi SEO di base

Oltre a dover trovare le parole chiave giuste per ottimizzare il tuo sito e strutturarlo in modo che sia i motori di ricerca che gli utenti riescano a navigarlo con facilità, devi anche prestare attenzione ai problemi SEO che potrebbero impedire il posizionamento del tuo sito Web.

Qui non ti spiegheremo come eseguire un audit SEO dettagliato. Sappi, però, che devi trovare e risolvere i problemi di SEO tecnica e on-page come:

  • Pagine la cui indicizzazione è stata bloccata
  • Link rotti
  • Sito lento
  • Errori nella Sitemap
  • Contenuti duplicati
  • E altro

Se stai cercando un modo per identificare facilmente tutti questi problemi, oltre a ricevere indicazioni su come risolverli, puoi utilizzare lo strumento Site Audit. Crea un nuovo progetto, inizia l'audit e lascia che lo strumento esegua la scansione del tuo sito. Cercherà problemi e raccoglierà dati. Una volta completata la scansione, ti verrà presentata una dashboard di consigli.

%D0%A1%D0%BD%D0%B8%D0%BC%D0%BE%D0%BA%20%D1%8D%D0%BA%D1%80%D0%B0%D0%BD%D0%B0%202020-08-18%20%D0%B2%2015.09.41.png

Inizia a lavorare sugli errori, gli avvertimenti e gli avvisi - vedrai i problemi presentati in questi gruppi di diversa gravità.

%D0%A1%D0%BD%D0%B8%D0%BC%D0%BE%D0%BA%20%D1%8D%D0%BA%D1%80%D0%B0%D0%BD%D0%B0%202020-08-18%20%D0%B2%2015.11.19.png

Fai clic su uno dei link "Perché e come correggere" accanto a errori, avvertimenti o avvisi e ti verranno forniti consigli su cosa significano e come risolvere i problemi. Dedica un po' di tempo a prendere confidenza con lo strumento e lavora comodamente su quante più aree puoi.

6. Crea fantastici contenuti che parlino ai tuoi clienti

Quando devi creare contenuti, pensa attentamente a ciò che i tuoi clienti devono sapere sui tuoi prodotti e servizi. Devi istruire gli utenti su ciò che vendi, informarli su come la tua azienda può assisterli e dare loro un motivo per scegliere te.

Ti ricordiamo che il contenuto è uno dei 3 principali fattori di ranking di Google e spesso è ciò che fa la differenza tra una visibilità ottima e una scarsa. I contenuti non solo aiutano gli utenti a comprendere la tua offerta e identificare le tue proposte di vendita uniche (USP), ma aiutano anche i motori di ricerca a capire di cosa tratta una pagina e il tuo livello di esperienza.

Contenuto non significa solo parole. Pensa a come potresti utilizzare anche immagini, video e altri media per coinvolgere i tuoi visitatori. Se stai cercando altri modi per migliorare i tuoi contenuti, leggi questa guida su Content marketing che include alcuni ottimi suggerimenti sulla creazione di contenuti per il tuo sito Web.

7. Ottimizza i tuoi titoli di pagina, le meta description e gli heading tag

Forse uno dei più grandi cambiamenti che puoi apportare in ottica SEO è ottimizzare correttamente i seguenti elementi sul tuo sito:

  • Titoli di pagina (Tag title)
  • Meta description
  • Tag di intestazione (Heading tag)

Non hai familiarità con questi termini?

I tag title, noti anche come titoli di pagina, sono i titoli visualizzati in alto in ogni risultato di Google.

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 11

Le meta description sono le righe di testo che vengono visualizzate su Google sotto il titolo per aggiungere ulteriori informazioni a un risultato. 

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 12

E i tag di intestazione sono le intestazioni di pagina visibili sulla propria pagina Web (intestazioni da H1 a H6):

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 13

Ottimizzare i tag del titolo e i tag di intestazione utilizzando le principali parole chiave di destinazione di una pagina influenzerà notevolmente il posizionamento del tuo sito Web.La meta description non viene utilizzata come fattore di ranking diretto, ma può aiutare ad aumentare la percentuale di clic, che è un fattore di ranking.

Ma come si ottimizzano questi elementi di SEO on-page?

Title tag

La nostra guida alle nozioni di base sulla SEO per i title tag offre i seguenti suggerimenti:

  1. Mantieni la lunghezza del titolo entro i 55-60 caratteri
  2. Usa parole chiave target nei titoli
  3. Descrivi il contenuto della tua pagina nel miglior modo possibile
  4. Usa parole come perché, cosa, come e dove: aiutano le persone a capire cosa troveranno sulla pagina
  5. Usa parole come migliore, recensione e definitivo per invogliare gli utenti a cliccare sulla tua pagina
  6. Scrivi titoli unici, non duplicati
  7. Usa il nome o il marchio della tua azienda con saggezza
  8. Sii semplice

Meta Description

La nostra guida SEO di base alle meta description dà i seguenti suggerimenti:

  1. Usa circa 1-2 frasi (140-160 caratteri)
  2. Non dimenticare di includere la tua parola chiave
  3. Aggiungi un invito all'azione, se pertinente
  4. Evita meta description duplicate
  5. Assicurati che siano significative, descrittive e che corrispondano ai tuoi contenuti
  6. Stimola un'emozione

Tag di intestazione

I nostri migliori suggerimenti per scrivere i tag di intestazione sono:

  1. Dovresti usare un tag H1 per l'intestazione principale su ogni pagina
  2. Includi le parole chiave in modo naturale: non forzarle e non sovra-ottimizzare
  3. Usa i tag H2 - H6 per suddividere il contenuto della tua pagina
  4. Scrivi per gli utenti, non per i motori di ricerca
  5. Riassumi cosa c'è nel contenuto a cui ogni intestazione si rivolge

Lavora su ciascuna delle pagine del tuo sito, ottimizzandole in base alle principali parole chiave che hai identificato.

Puoi utilizzare il nostro On-Page SEO Checker per ottenere ulteriori suggerimenti.

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 14

8. Crea elenchi online pertinenti per la tua attività

Uno dei principali fattori di ranking di Google sono i link. Un collegamento da un sito Web a un altro è un voto per la sua qualità (puoi saperne di più al rispetto nella nostra guida al PageRank).

Ottenere che altri siti Web linkino il tuo non è facile. Ci vuole tempo ed è un'abilità, ma le piccole imprese hanno bisogno di link per classificarsi in cima a Google.

Quindi quali sono le tue opzioni? Un approccio collaudato consiste nell'inserire la tua attività in elenchi (directory) pertinenti.

Far comparire la tua attività in directory come questa, così come in elenchi locali, può aiutarti a creare link pertinenti su pagine che si classificano su Google.

Torna alla classifica di "avvocato divorzista a Milano".

La metà della prima pagina dei risultati era costituita da elenchi di avvocati. Investire tempo per comparire in questi elenchi ti dà due vantaggi: link e visibilità sulle pagine che si posizionano (questa strategia è nota come Barnacle SEO). Puoi anche consultare questa guida su strategie di Link Building per attività locali per ottenere altre idee.

9. Chiedi ai tuoi fornitori e alle associazioni commerciali di linkare il tuo sito web

Gli elenchi di attività commerciali non sono l'unico modo in cui le piccole imprese possono creare link. Una comprovata strategia di Link Building che quasi tutti possono mettere in pratica è quella di contattare fornitori e associazioni di imprese e chiedere loro di linkarti.

Vendi i prodotti di qualcun altro? Probabilmente hanno una sezione "Dove acquistare" o "Grossisti" sul loro sito Web.

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 15

Se non ti vedi nell'elenco, chiedi al tuo contatto di linkare la tua attività.

10. Apri Google My Business

Come passaggio finale per portare il successo SEO a una piccola impresa registrati su Google My Business.

Si tratta della piattaforma che alimenta gli elenchi di mappe di Google. E questi sono visibili per quasi tutte le ricerche che riguardano piccole imprese:

SEO per piccole imprese: una guida per principianti in 10 rapidi passaggi. Immagine 16

Come business di piccole dimensioni, non puoi ignorare la visibilità che può derivare dal posizionamento negli elenchi delle mappe.La nostra guida alle schede di Google My Business può aiutarti a configurare e ottimizzare la tua pagina.

Ulteriori letture per saperne di più sulla SEO

Con la SEO puoi sempre continuare a imparare e, come piccola impresa, ecco ulteriori guide che ti consigliamo di leggere per migliorare le tue capacità e classificare il tuo sito Web più in alto:

Naturalmente, la SEO può diventare complessa.

Ma una piccola impresa, di solito, non è in competizione con i giganti globali. Prendersi il tempo per costruire un sito Web solido e ben ottimizzato può offrire grandi vittorie, seguendo i nostri suggerimenti SEO per le piccole imprese, con un po' di apprendimento e impegno. Con un buon punto di partenza, sarai sulla buona strada per superare i tuoi concorrenti.

Daryana Solntseva
SEMrush

Dipendente di SEMrush.

Marketing manager presso SEMrush Italia, appassionata di nuove tecnologie e digital marketing. Esperta in relazioni pubbliche e internazionali. Ama prendere ispirazione da tutti i casi possibili per migliorare il suo lavoro.
Amplia le tue conoscenze:
Local SEO
Invia feedback
Il tuo feedback deve contenere almeno 3 parole (10 caratteri).

Utilizzeremo questa e-mail solamente per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Grazie per il tuo feedback!