it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Vai al Blog
Luke Harsel

Come migliorare il tuo punteggio su Google PageSpeed ​​Insights

71
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Questo post è in Italiano
Luke Harsel
Questo post è in Italiano
Come migliorare il tuo punteggio su Google PageSpeed ​​Insights

Se il tuo sito è lento, stai perdendo soldi. È semplice.

Secondo le parole di Google, "la velocità equivale ai guadagni".

La velocità del tuo sito Web ha un impatto diretto sulla SEO e sui tassi di conversione. Non apportare miglioramenti può costarti caro. Gli utenti, infatti, hanno molte più probabilità di rimbalzare da un sito Web lento e la probabilità che ciò accada aumenta di oltre il 100% se il tempo di caricamento della pagina (page loads) va da 1 a 6 secondi:

Velocità di caricamento della pagina vs bounce rate

C'è davvero bisogno di velocità e lo strumento gratuito PageSpeed Insights di Google è una risorsa fantastica che ti aiuta a trovare e risolvere i problemi che potrebbero rallentare il tuo sito.

Scopri come utilizzare il test di velocità di Google, come funziona il punteggio di PageSpeed e come velocizzare il tuo sito usando i consigli che ti vengono dati dallo strumento. Inoltre, scopri la verità su un paio di miti comuni prima dei tuoi concorrenti.

Perché la velocità del tuo sito conta

Ci si aspetta che il web sia veloce. Già nel 2010, Google confermava la velocità della pagina come fattore di ranking. All’epoca "era concentrato sulle ricerche desktop", fino a quando, a luglio 2018, non venne lanciato un aggiornamento di PageSpeed specifico per mobile.

Se la velocità è uno degli oltre 200 fattori di ranking di Google, nessuno di noi vuole perdere l’opportunità di approfittarne per qualcosa che, di solito, è sotto il nostro controllo. Backlinko ha analizzato 1 milione di risultati di ricerca di Google e ha trovato "una forte correlazione tra velocità del sito e ranking di Google".

la velocità incide sui posizionamenti di google

Ma a parte la SEO, abbiamo già visto come la frequenza di rimbalzo di una pagina aumenta man mano che la velocità di un sito rallenta. In effetti, uno studio del 2019 condotto dall'agenzia di marketing digitale statunitense Portent ha mostrato che "i tassi di conversione diminuiscono in media del 4,42% con ogni secondo aggiuntivo di tempo di caricamento (tra 0-5 secondi)." È stato inoltre riscontrato che i primi 5 secondi del tempo di caricamento della pagina hanno l'effetto maggiore sui tassi di conversione.

Se non stai già prestando attenzione alla velocità come metrica delle prestazioni Web, ora è il momento di farlo.

Lo strumento PageSpeed Insights di Google

PageSpeed Insights è uno strumento gratuito offerto da Google per aiutarti ad analizzare le prestazioni del tuo sito Web e visualizzare suggerimenti su come migliorarle.

In effetti, è senza dubbio lo strumento di analisi della velocità della pagina più popolare in circolazione, quindi vale la pena dedicarvi tempo.

Probabilmente ti starai chiedendo "come posso ottenere un punteggio di 100/100 con PageSpeed Insights?" Rallenta. Innanzitutto, è necessario sapere come utilizzare correttamente lo strumento e come implementare i suggerimenti che fornisce. Altrimenti, potresti non vedere quei miglioramenti delle prestazioni che possono fare la differenza per il tuo sito. È anche importante capire cos'è PageSpeed e cosa non è.

Velocità della pagina vs. Tempo di caricamento

Ecco una cosa interessante: lo strumento PageSpeed di Google non misura il tempo di caricamento del tuo sito, nonostante quello che la gente pensa. Per capire perché, affrontiamo innanzitutto la differenza tra velocità della pagina e tempo di caricamento della pagina. 

Velocità della pagina

Il PageSpeed score è un punteggio dato da Google nel suo strumento PageSpeed Insights. PageSpeed Insights e Lighthouse, lo strumento per le prestazioni delle pagine Web che lo alimenta, prendono metriche grezze sulle prestazioni di un sito e le convertono in un punteggio compreso tra 1 e 100

Anche se offre opportunità e rapporti di diagnostica come parte del suo report, questi non contribuiscono direttamente al punteggio delle prestazioni. Ciò significa che PageSpeed, da solo, non è in realtà un vero indicatore del tempo di caricamento di un sito. 

Tempo di caricamento

Quindi, cos’è il tempo di caricamento, rispetto alla velocità di pagina? È il tempo medio necessario per caricare una pagina per un utente. Non è un punteggio che viene calcolato. È il tempo effettivo impiegato da una pagina per caricare, in secondi o millisecondi, tra l'inizio e la fine del caricamento della pagina. Ovviamente, il tempo di caricamento da solo non fornisce un'idea di ciò che sta causando problemi di velocità alla pagina o di come risolverli.

Cosa significa questo per te?

Google Page Speed Insights può essere utile, ma non puoi utilizzarlo da solo per valutare il rendimento del tuo sito. È necessario utilizzare diversi indicatori per identificare e risolvere i problemi.

Come funziona PageSpeed Insights?

Lo strumento Google PagesSpeed Insights è alimentato da Lighthouse e fornisce sia "dati di prova controllati" che "dati reali" per una pagina.

I "dati di prova controllati" vengono raccolti in un ambiente controllato durante la scansione di una pagina: è un ottimo modo per identificare i problemi di prestazioni e trovare soluzioni per risolverli.

I "dati reali", invece, vengono raccolti nel mondo reale quando gli utenti caricano la tua pagina. Alcuni dei problemi e degli apparenti colli di bottiglia che rendono più difficile la conversione dei tuoi visitatori reali possono essere visualizzati qui.

In breve, lo strumento ti mostra un punteggio delle prestazioni da 1 a 100. Tuttavia, i risultati delle prestazioni non vengono ponderati allo stesso modo. Elementi come "'visualizzazione dei primi contenuti" (la prima volta che un utente vede apparire una parte della pagina) hanno un effetto maggiore.

  • 3x - Visualizzazione dei primi contenuti

  • 1x - Visualizzazione primi contenuti utili

  • 2x - Prima inattività CPU

  • 5x - Tempo per interattività

  • 4x - Indice velocità

  • 0x - Ritardo prima interazione potenziale max

Ma tu non vedrai nulla di tutto ciò. Vedrai un punteggio delle prestazioni con relativo colore. Nel dettaglio, il punteggio è indicato in questo modo:

  • Rosso (punteggio scarso): 0-49

  • Arancione (nella media): 50-89

  • Verde (buono): 90-100

Ora sai qualcosa in più su PageSpeed Insights di Google - cos'è e come vengono calcolati i suoi punteggi. Andiamo avanti.

Come usare PageSpeed Insights

1. Vai sulla pagina di PageSpeed Insights tool

la homepage di Pagespeed insights di google

2. Inserisci l'URL di una pagina Web. Non deve essere la home page/pagina root domain, ma una pagina specifica. Dopo che lo strumento ha calcolato i punteggi e i consigli, vedrai quanto segue:

risultato del test di velocità con pagespeed insights

3. Nota che come impostazione predefinita ti vengono offerti i punteggi di rendimento per dispositivi mobili. Puoi passare al desktop cambiando scheda in alto a sinistra nella pagina: 

risultato di velocità per la pagina da desktop

Per capire veramente come usare PageSpeed Insights, devi sapere cosa significa tutto quello che vedi e come interpretarlo.

 

Punteggio di velocità

pagespeed insighte score

Come spiegato sopra, il punteggio di velocità è una rappresentazione codificata a colori di più metriche delle prestazioni di Lighthouse calcolate insieme. È una metrica di velocità eccezionale, rapida, ma approssimativa.

Di per sé, non è una misura approfondita delle prestazioni, per motivi di cui abbiamo discusso in precedenza. Maggiore è il tempo di caricamento del tuo sito sulle metriche delle prestazioni, maggiore è il tuo punteggio di velocità. Assicurati di confrontare il tuo punteggio di velocità per dispositivi mobili e desktop.

 

Dati reali

dati reali, google pagespeed insights

“Dati reali" riporta il rendimento della pagina negli ultimi 30 giorni rispetto ad altri nel Rapporto sull'esperienza utente di Chrome, che è un insieme di metriche sulle prestazioni raccolte da alcuni utenti del browser Chrome di Google.

Se disponibile, potrai anche visualizzare un riepilogo per l'origine e l'URL specifico che stai testando. In sostanza, questo ti consente di vedere un confronto tra una pagina specifica e tutte le pagine dall'origine.

È importante sapere che i dati reali vengono aggregati da utenti reali su Chrome. Ma potrebbero non esserci dati sufficienti per l'URL che hai inserito. In tal caso, sarai in grado di visualizzare solo i "dati di prova controllati".

riepilogo delle origini

Prima visualizzazione con contenuti (PVC)

Questa metrica misura il tempo impiegato per navigare nella pagina e il tempo in cui viene eseguito il rendering del primo bit di contenuto nel DOM. È la prima pietra miliare a dimostrare che una pagina sta iniziando a caricarsi. PVC riporta la velocità per arrivare a questo punto.

Ritardo prima interazione (RPI)

Questa è una metrica chiave per misurare la reattività del caricamento, dato che quantifica la velocità con cui la pagina risponde all'input di un utente, come un clic del mouse.

Un RPI basso suggerisce che una pagina sarà presto pronta. Mentre PVC misura la velocità con cui una pagina inizia a caricarsi, RPI fornisce informazioni sulla prima impressione dell'utente quando interagisce con una pagina.

Dati di prova controllati

dati di prova controllati in pagespeed insights

‘Dati di prova controllati’, in confronto a ‘dati reali’, si basa sull'analisi di Lighthouse della pagina e su un dispositivo e una connessione internet emulati. Anche se qui non vengono mostrati i dati del mondo reale, aiuta a capire dove si verificano i problemi. Ancora una volta, PageSpeed Insights utilizza qui il suo familiare sistema con i colori del semaforo per indicare le prestazioni del sito: visualizzerai un cerchio per i punteggi verdi, un quadrato per l'arancione e un triangolo per il rosso.

Visualizzazione dei primi contenuti 

Sebbene PVC sia già mostrato nel rapporto "dati reali", qui si basa su un'analisi emulata da Lighthouse, piuttosto che sui dati del mondo reale.

Visualizzazione primi contenuti utili

Più basso è il punteggio di visualizzazione dei primi contenuti utili per il tuo sito o pagina Web, più veloce è la pagina a visualizzare il contenuto. In termini semplici, questo mostra quando il contenuto principale di una pagina è stato visualizzato sullo schermo ed è un ottimo modo per determinare l'esperienza di caricamento di un utente.

Indice di velocità 

La metrica dell'indice di velocità mostra la rapidità con cui il contenuto di una pagina diventa visibile. Punteggi bassi indicano prestazioni migliori.

Prima inattività CPU

Questa metrica indica quando la maggior parte degli elementi di una pagina sono interattivi e la pagina è in grado di rispondere alla maggior parte degli input dell'utente senza ritardi eccessivi.

Tempo per interattività

Misura la velocità con cui una pagina diventa interattiva. L'ottimizzazione della visibilità a scapito dell'interattività può essere frustrante per gli utenti. Da qui l'importanza di comprendere e misurare quando una pagina che mostra contenuti utili ha risposto entro 50 millisecondi.

Ritardo prima interazione potenziale max

Ricordi RPI, Ritardo prima interazione, nel rapporto "dati reali"? Nei "dati di prova controllati", questo è segnalato come il massimo potenziale primo ritardo di input e mostra la durata dell'attività più lunga dopo PVC che potrebbe essere sperimentata dagli utenti.

Opportunità 

Opportunità, dati di prova controllati

Nella sezione Opportunità ottieni informazioni sugli elementi su cui dovresti concentrarti per migliorare il tempo di caricamento della pagina e il punteggio PageSpeed, insieme a una stima della riduzione del tempo di caricamento che potresti vedere.

Diagnostica

La diagnostica, invece, ti mostra raccomandazioni sulle migliori pratiche che dovrebbero essere prese in considerazione anche se non migliorano necessariamente i tempi di caricamento.

Controlli superati

controlli superati

I controlli superati sono altre raccomandazioni con indicazioni di possibili risparmi di tempo.

Che cos'è un buon punteggio PageSpeed?

Anche se non raggiungi 100/100, puoi comunque avere un sito a caricamento rapido. Ricorda, PageSpeed, da solo, non è un indicatore diretto del tempo di caricamento.

È probabile che non raggiungerai mai il punteggio pieno, pur apportando miglioramenti determinanti che incidono positivamente sul tempo di caricamento del tuo sito. Focalizza i tuoi sforzi e risorse dove hanno più senso. Come affermato dalla piattaforma di hosting WordPress Kinsta:

Ottenere un 100/100 in PageSpeed Insights di Google non è in realtà così importante.

È più che altro un mito quello di dover ottenere un punteggio di 100/100 affinché il tuo sito funzioni correttamente.

Ricorda che il vero indicatore delle prestazioni del tuo sito è il tempo di caricamento, non il punteggio di PageSpeed Insights. Google ci dice che un punteggio scarso è compreso tra 0 e 49, uno nella media tra 50 e 89 e un buon punteggio è superiore a 90.

Punta in alto, questo sì, ma non ossessionarti con l’idea di ottenere un punteggio uguale a 100. 

È anche importante comprendere le prestazioni dei siti con cui si compete direttamente nelle SERP. Se hai un tempo di caricamento più veloce e un punteggio PageSpeed migliore, ma ottieni ancora un punteggio, diciamo, 92/100, ci sono buone probabilità che i tuoi sforzi possano essere meglio assegnati altrove.

Come migliorare il tuo punteggio in PageSpeed Insights 

Prova le azioni consigliate (o le migliori pratiche) indicate di seguito; risolvono i problemi più comuni e hanno il maggiore impatto a livello di miglioramenti.

1. Ottimizza le immagini

L'ottimizzazione delle immagini è forse uno dei motivi più comuni per cui una pagina Web ha un tempo di caricamento lento e spesso è il posto migliore per iniziare a migliorare, poiché gli aumenti sia del tempo di caricamento che di PageSpeed potrebbero essere significativi. Soprattutto quando ci sono più persone responsabili del caricamento di contenuti o dell'aggiunta di prodotti, è difficile mantenere standard rigorosi per le immagini e i problemi possono sorgere rapidamente.

Le immagini richiedono molte risorse per il download e spesso non sono adeguatamente ottimizzate. Le aree principali in cui è possibile apportare miglioramenti ottimizzando le immagini sono:

  • Le dimensioni di un'immagine.

  • Dimensioni visualizzate rispetto alle dimensioni effettive dell'immagine in pixel.

  • Rinvio del caricamento dell'immagine fuori schermo.

  • Usare una rete di distribuzione dei contenuti (CDN).

  • Usare immagini di ultima generazione.

Ottimizzazione delle dimensioni di un’immagine

Il download di un'immagine da 1 MB richiederà più tempo rispetto a un'immagine da 100 KB. Per ovviare a questo problema ed evitare di compromettere la velocità di download, lavora per comprimere le immagini senza perdere la qualità. Puoi utilizzare strumenti come TinyPNG per raggiungere questo obiettivo o dare un'occhiata a ImageMagick, raccomandato da Google.

Dimensioni delle immagini alla loro dimensione di visualizzazione

Un altro problema comune sono le immagini inutilmente più grandi di quanto debbano essere. Immagina che la tua pagina mostri un'immagine di 250 per 250 px. Se l'immagine originale è 1000 per 1000 px e usi CSS per ridurla, puoi accelerare notevolmente il tempo di caricamento. Allo stato attuale, il browser dovrebbe scaricare l'immagine originale (più grande) per visualizzarla a dimensioni inferiori.

Usa un Content Delivery Network (CDN)

Assicurati di caricare immagini con le dimensioni corrette; altrimenti, avrai di sicuro problemi di velocità. WordPress lo gestisce automaticamente creando più versioni di un'immagine quando questa viene caricata, ma se utilizzi un altro CMS, potrebbe essere necessario ridimensionare manualmente le immagini.

L'utilizzo di una rete CDN essenzialmente consente di distribuire il carico del server su più posizioni diverse, utilizzando quella più vicino all'utente per servire le risorse. Più i dati sono vicini, più veloce è il tempo di caricamento. Suona bene, vero? Leggi di più su come migliorare le performance di un sito con Google PageSpeed Module e CDN.

Rimandare le immagini fuori schermo

Potresti anche guardare al rinvio delle immagini fuori schermo, il che significa che le immagini vengono scaricate solo mentre l'utente scrolla. Si rischia che non tutte le immagini siano visibili quando richiesto, tuttavia è spesso un compromesso che vale la pena fare per migliorare i tempi di caricamento. Puoi farlo con diversi plugin di WordPress o seguire i consigli di Google sulle immagini fuori schermo.

Usa i formati immagine di nuova generazione

Infine, considera l'utilizzo di formati di immagine di ultima generazione come WebP. È stato dimostrato che le immagini WebP possono comportare una riduzione dell'85,87% delle dimensioni medie dell'immagine rispetto a JPG e una riduzione del 42,8% rispetto a PNG.

Non sono supportati da tutti i principali browser, ma alcune applicazioni possono gestire WebP.

2. Miglioramento dei tempi di risposta del server

La realtà è che migliorare i tempi di risposta del server non è qualcosa che la maggior parte ha la capacità di fare, dato che le due aree di impatto reali stanno riducendo il caricamento o migliorando l'hardware. 

I tempi di risposta del server si riducono davvero se il tuo sito è ospitato su un ottimo server. L'editore TechRepublic ha un foglio riassuntivo per scegliere il miglior host web.

Se vedi consigli relativi al tempo di risposta del server o al TTFB (tempo al primo byte), scrivi al tuo provider di hosting o considera le soluzioni di hosting più adatte al tuo sito.

Minificazione

Durante la scrittura del codice molti sviluppatori usano gli spazi per facilitare la lettura. La minificazione rimuove spazi bianchi e commenti per ottimizzare i file CSS e JS e può essere eseguita utilizzando un semplice strumento copia-incolla come Minify.

Memorizzazione nella cache del browser

Se hai WordPress come CMS (come circa il 35% del Web), non potrebbe essere più semplice utilizzare la memorizzazione nella cache del browser con i popolari plug-in gratuiti W3 Total Cache e WP Super Cache.

La memorizzazione nella cache funziona creando e offrendo rapidamente una versione statica del tuo sito agli utenti, al contrario di una pagina generata dinamicamente ogni volta che si accede.

Se non usi WordPress, puoi comunque impostare manualmente la memorizzazione nella cache del browser.

Cancella i reindirizzamenti

Nel tempo, i reindirizzamenti multipli possono rallentare la velocità di caricamento della pagina poiché i browser sono costretti a fare richieste HTTP aggiuntive, aumentando il tempo di caricamento. PageSpeed Insights evidenzierà questi problemi.

Usa Site Audit di SEMrush in alternativa a PageSpeed Insights

Site Audit di SEMrush è un modo fantastico per testare la velocità del tuo sito Web.

Come PageSpeed Insights, Site Audit tool può consigliarti come migliorare la velocità di caricamento di un sito e risolvere altri problemi di rendimento.

Inoltre, eseguirà la scansione per oltre 130 errori tecnici e SEO, fornendo grafici, istruzioni e indicazioni su tutto, dalla crawlability ai problemi di contenuto.

Avrai un rapporto tematico completo con una panoramica dei problemi del tuo sito e delle opportunità da cogliere per migliorare le performance.

site audit in alternativa a pagespeed insights

Il rapporto sulle performance è qui per aiutarti ad apportare miglioramenti concreti alle prestazioni e al tempo di caricamento del tuo sito. È un modo rapido per vedere il quadro generale e ottenere un'analisi visiva dei dati e delle metriche, che includono:

  • Velocità di caricamento della pagina.

  • Velocità di caricamento media della pagina.

  • Quantità di file JavaScript e CSS.

  • Dimensioni di file JavaScript e CSS.

Inoltre, il rapporto evidenzia errori, avvertimenti e avvisi. Tutto priorizzato per aiutarti a risolvere prima i problemi più importanti. Troverai informazioni su cosa fare per vedere i miglioramenti nella sezione "Perché e come correggere" nei problemi contrassegnati, tra cui:

  • Dimensioni pagina HTML grandi.

  • Loop e catene di reindirizzamento.

  • Velocità di caricamento pagina lenta

  • Pagine non compresse.

  • File Javascript e CSS non compressi.

  • File Javascript e CSS privi di specifica cache.

  • Dimensione file CSS e JavaScript troppo alta

  • Troppi file JavaScript e CSS.

  • File JavaScript e CSS non minimizzati.

  • Tempo interattivo medio del documento lento.

Perché non lo provi? Oltre a PageSpeed Insights di Google, il nostro Site Audit tool può aiutarti a stabilire le priorità e le azioni per portare avanti miglioramenti, ridurre i tempi di caricamento del tuo sito e avere la possibilità di convertire meglio i tuoi visitatori.

Quando inizierai a migliorare la velocità del tuo sito?

Non puoi ignorare l'importanza di avere un sito che carica rapidamente. Ora spero che avrai le idee un po’ più chiare anche su cos’è che lo strumento PageSpeed di Google, cosa non è e come funziona, nonché su come affrontare il miglioramento della velocità di un sito.

Se vuoi saperne di più leggi la Guida tecnica per ottimizzare le prestazioni di un sito web.

Spesso non si sa da dove cominciare, ma prendendoti il tempo per capire dove puoi avere il maggiore impatto, puoi iniziare a lavorare con i tuoi sviluppatori per mettere in atto un piano d'azione prioritario e cambiare le cose. Un miglioramento di questo tipo non influisce solo sulle prestazioni SEO del tuo sito, ma ti aiuta anche a far convertire gli utenti.

Scopri il punteggio del tuo sito

Sul report Performance di Site Audit tool.

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com
 

Luke Harsel
SEMrush

Dipendente di SEMrush.

I write articles on the SEMrush Knowledge Base and blog to show people how the tools on SEMrush can make it easier to participate in digital marketing. When I'm not at work I like to write music and spend time in nature.
Invia feedback
Il tuo feedback deve contenere almeno 3 parole (10 caratteri).

Utilizzeremo questa e-mail solamente per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Grazie per il tuo feedback!