it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Vai al Blog
James Brockbank

La cannibalizzazione delle keyword sta frenando il posizionamento del tuo sito web?

73
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Questo post è in Italiano
James Brockbank
Questo post è in Italiano
La cannibalizzazione delle keyword sta frenando il posizionamento del tuo sito web?

La keyword cannibalization è uno dei concetti SEO più fraintesi.

In effetti, alcuni SEO sostengono addirittura che non esista, aggiungendo ulteriore confusione e generando ulteriori miti. Ma la realtà è che la cannibalizzazione delle keyword è un problema per molti siti Web e può frenare i tuoi posizionamenti nei risultati di ricerca.

Probabilmente non è quello che ti aspettavi.

Con questo in mente, mettiamo le cose in chiaro: vediamo di capire di che cosa stiamo parlando, cosa non è la cannibalizzazione di keyword e come puoi trovare e risolvere i problemi che impediscono al tuo sito di raggiungere il suo pieno potenziale.

Che cos’è la cannibalizzazione delle keyword nella SEO?

Troppo spesso, la cannibalizzazione delle parole chiave viene spiegata come qualcosa che accade quando si dispone di più di una pagina sul proprio sito che ha come target la stessa parola chiave e che una pagina cannibalizza la capacità dell'altra di classificarsi, per cui nessuna delle due performa nel modo giusto.

Ma non è proprio così.

Solo perché due o più pagine del tuo sito Web sono ottimizzate per la stessa parola chiave, ciò non significa automaticamente che nessuna delle due si posizionerà.

La cannibalizzazione delle parole chiave è una questione di intenti

La cannibalizzazione delle parole chiave riguarda tutto l'intento.

Tanto che il problema potrebbe essere meglio definito come "cannibalizzazione dell'intento delle keyword".

Vedi le SERP per "Macbook Pro"?

esempio di serp con due risultati che sembrano competere per una keyword

Apple.com ha due diverse pagine classificate nelle posizioni organiche n. 1 e n. 2 per questo termine. Forse non è una sorpresa che siano il miglior risultato, ma se il presupposto è che due pagine ottimizzate per la stessa parola chiave si impediranno a vicenda di classificarsi, dovremmo vedere un risultato diverso qui, giusto?

Diamo un'occhiata a queste pagine in modo un po' più dettagliato.

Ecco la pagina meglio posizionata:

https://www.apple.com/it/macbook-pro/

cannibalizzazione seo di pagine

Possiamo vedere chiaramente che questa è la pagina principale di Apple per Macbook Pro, che offre una panoramica del prodotto, incluso un semplice confronto tra modelli.

L'intento di ricerca di un utente che naviga in questa pagina è quello di trovare maggiori informazioni sul prodotto - si trova nella fase di ricerca del suo percorso di acquisto. È una pagina informativa.

L'altro risultato che si colloca appena sotto è la pagina "Acquista Macbook Pro":

https://www.apple.com/it/shop/buy-mac/macbook-pro/16

intenti di ricerca

Si tratta di una pagina di categoria tradizionale che si rivolge a coloro che hanno già fatto le loro ricerche e stanno pensando di realizzare un acquisto. Vediamo infatti ulteriori dettagli su prezzi, specifiche e altro. Questa pagina è transazionale piuttosto che informativa - è una parte chiara del processo di acquisto.

L'intento di queste due pagine è totalmente diverso.

Quello della prima pagina è presentare il Macbook Pro e aiutare a confrontare facilmente i diversi modelli disponibili, mentre il secondo risultato vuole aiutare qualcuno che sta valutando l'acquisto a trovare le specifiche esatte che sta cercando e procedere all’acquisto.

Queste due pagine possono esistere (e classificarsi) una accanto all'altra senza creare confusione né agli utenti né ai motori di ricerca.

Più pagine con lo stesso intento? Hai un problema di cannibalizzazione SEO

La cosa principale da ricordare è che "più pagine ottimizzate per la stessa parola chiave non portano automaticamente alla cannibalizzazione, a meno che il search intent di queste pagine non sia lo stesso”.

Quando ciò accade, stai essenzialmente competendo con te stesso.

Un paio di anni fa a John Mueller di Google venne chiesto su Reddit "Come viene vista la cannibalizzazione delle parole chiave da parte di Google?"

La risposta di John fu:

Classifichiamo il contenuto non appena lo otteniamo. Se hai un sacco di pagine con approssimativamente lo stesso contenuto, saranno in competizione tra loro, un po' come un gruppo di bambini che vogliono essere i primi della fila, e alla fine qualcun altro scivola davanti a loro :). Personalmente, preferisco meno pagine più forti rispetto a molte più deboli. Non ridurre il valore del tuo sito.

— John Mueller, Google

Pensaci in questo modo:

Se hai due o più pagine che rispondono esattamente allo stesso intento di ricerca, quale di queste dovrebbe posizionarsi? Qual è la più utile per gli utenti?

È probabile che tu non sia in grado di rispondere a queste domande, perché probabilmente non c'è una risposta giusta.

La cannibalizzazione delle parole chiave avviene quasi sempre per errore, quando nuove pagine vengono pubblicate nel tempo senza considerare ciò che già esiste.

Se non riesci a scegliere quale pagina dovrebbe posizionarsi, come puoi aspettarti che Google lo faccia?

I veri problemi di cannibalizzazione delle parole chiave riguardano il fatto che stai chiedendo all'algoritmo di un motore di ricerca di scegliere quale pagina classificare.

A volte ci sono segnali di ranking più forti che indicano a Google una pagina, ma spesso questo non avviene. In questo caso, ciò che accade è che nessuna delle due pagine si posiziona così bene come avrebbe potuto fare; le pagine cannibalizzano reciprocamente la capacità di ciascuna di performare.

È un problema significativo che interessa molti siti Web e ripulirli è un compito chiave che dovrebbe far parte della tua strategia SEO

Esempi di cannibalizzazione delle parole chiave e come possono ostacolare le prestazioni del tuo sito Web

La cannibalizzazione delle keyword può causare una serie di problemi diversi e può ostacolare le prestazioni del tuo sito Web in vari modi.

Alcuni dei più comuni problemi di cannibalizzazione che possono verificarsi includono:

Gli URL posizionati continuano a cambiare nelle SERP

Ti è capitato di vedere che un URL che si classifica per una determinata parola chiave continua a cambiare? Questo è un segno comune di keyword cannibalizzation e in genere significa che Google non è in grado di capire quale pagina dovrebbe essere posizionata.

Nell'esempio seguente, puoi vedere che più URL continuano a passare da una parola chiave all'altra.

segnale di cannibalizzazione: fluttuazione di una url per vari keyword

In sostanza, ci sono in gioco segnali confusi e contrastanti.

Sebbene ciò possa significare che le posizioni fluttuano, ciò può anche avere un impatto negativo sull'esperienza dell'utente e sul percorso di conversione; soprattutto quando una pagina converte gli utenti a un tasso molto più elevato rispetto all'altra.

La tua posizione in classifica è fluttuante

Questa fluttuazione del ranking in genere accompagna il cambiamento degli URL. Potresti aver notato che la tua posizione in classifica per una parola chiave continua a fluttuare, spesso eccessivamente.

Ciò può accadere a causa della cannibalizzazione delle parole chiave quando gli URL cambiano, e i segnali contrastanti indicano che la posizione della classifica varia di conseguenza.

Se una pagina ha guadagnato più link di un'altra, ma c'è un chiaro conflitto di intenti e di qualità complessiva dei contenuti, il traffico organico può fluttuare in modo abbastanza evidente se uno degli URL si classifica in una posizione di rilievo per un termine ad alto volume. 

Stai lottando per aumentare il ranking di una parola chiave

A volte il tuo sito ti sembra come bloccato. Soprattutto quando sai di aver guadagnato ottimi link e creato ottimi contenuti, quindi ti aspetti di vedere un aumento del ranking ma questo non avviene. Può essere frustrante ma è un problema comune causato dalla cannibalizzazione delle keyword.

In sostanza, ciò che sta accadendo qui è che l'autorità delle tue pagine è divisa in due o più parti, piuttosto che in una, e nessuna delle pagine si posiziona come potrebbe.

I link sono un fattore di ranking primario e quando l'autorità di collegamento è suddivisa su più URL, ciò può causare ulteriore confusione e sommarsi ai segnali in conflitto.

Se il tuo ranking non aumenta, fai un controllo per problemi di cannibalizzazione.

Si posizionano le URL sbagliate

A volte, scoprirai che si è classificato l'URL sbagliato per una parola chiave.

Potrebbe trattarsi di un singolo ranking di prodotto per una parola chiave che associ a una categoria o sottocategoria, o forse semplicemente un contenuto diverso da quello che pensi debba posizionarsi, forse uno che è stato pubblicato anni fa.

Ecco un ottimo esempio di blog post del 2011 che si posiziona ai primi posti, invece di una pagina lanciata di recente:

esempio di post che si posiziona cannibalizzando un altro

Quando ciò accade, è probabile che la causa del problema sia la cannibalizzazione e che l'URL "sbagliato" sia considerato più pertinente di quello che stai tentando di posizionare.

Questa cannibalizzazione di contenuti può avere un impatto negativo sui tassi di conversione se gli utenti stanno atterrando sulla pagina sbagliata.

Problemi che in realtà non riguardano la cannibalizzazione delle keyword

Così come è importante comprendere i problemi SEO causati dalla keyword cannibalization, è altrettanto importante sapere quali non sono, in realtà, problemi di questo tipo.

Ricordi che abbiamo usato Apple come esempio all'inizio di questa guida?

Cercando "Macbook Pro", Apple detiene effettivamente i posti n. 1 e n. 2, ma non si tratta di cannibalizzazione delle keyword.

Mantenere più di una posizione in classifica per una parola chiave, specialmente quando si tratta delle prime posizioni, non è cannibalizzazione e in questo caso non c’è nessun problema da risolvere.

Dopotutto, occupare più posizioni è un'ottima cosa, in questa situazione.

Come controllare i problemi di cannibalizzazione

Esistono diversi modi per verificare la presenza di problemi di cannibalizzazione, sia con strumenti gratuiti che con SEMrush. 

Position Tracking Tool di SEMrush

Se hai il piano Guru o Business, vedrai la scheda "Cannibalizzazione" all'interno dello strumento Position Tracking: questo è un ottimo posto per iniziare a trovare i problemi che esistono sul tuo sito.

Troverai la cannibalizzazione come opzione:

strumento di semrush per trovare le keyword che si cannibalizzano

Lo strumento ti offre due opzioni. Puoi visualizzare i potenziali problemi per "pagine" o "parole chiave" e trovare rapidamente i problemi da risolvere.

Ha senso iniziare dalla vista delle parole chiave, dato che, di solito, esaminerai la cannibalizzazione in base alle keyword.

Puoi analizzare una determinata parola chiave e vedere dove sono classificati più URL e le posizioni in cui compaiono per stabilire le tue priorità in base al volume di ricerca, il traffico stimato e l'attuale posizione in classifica.

report cannibalizzazione per url

Puoi anche usare Position Tracking per analizzare le fluttuazioni degli URL che potrebbero indicare un problema di cannibalizzazione e visualizzare la cronologia di una parola chiave espandendo la freccia accanto al termine di ricerca.

approfondimento sulla cannibalizzazione di una parola chiave

L'uso di questa funzionalità dello strumento può aiutarti a identificare i problemi di livello superiore e determinare quando sono iniziati e le pagine che si stanno cannibalizzando a vicenda.

Google Search Console

Google Search Console può essere un ottimo strumento per trovare problemi di cannibalizzazione.

Vai al rapporto sul Rendimento e vedrai, per impostazione predefinita, un elenco di query da cui il tuo sito ha ottenuto impressioni e clic. Fai clic su una di queste query, tramite la scheda "Pagine", e vedrai un elenco degli URL che si classificano per quella query e le statistiche associate.

Se viene mostrato più di un URL, potrebbe essere il risultato della cannibalizzazione di keyword.

come trovare cannibalizzazione seo con google search console

Operatore Site:

Utilizza l'operatore di ricerca "site: [domain] keyword" direttamente su Google per trovare un elenco di pagine ritenute pertinenti e ottimizzate per una specifica parola chiave.

risultati di ricerca per keyword con operatore site: per trovare cannibalizzazione

Se ritieni di soffrire di cannibalizzazione, analizza l'intento di queste pagine e implementa le correzioni ove necessario per assicurarti che solo una pagina sia rivolta a un intento specifico.

Come correggere la cannibalizzazione delle parole chiave sul tuo sito

Dopo aver identificato l'esistenza di problemi di cannibalizzazione sul tuo sito, è tempo di risolverli.

Ma prima di tutto, devi capire che non esiste un approccio "unico" per correggere la situazione e che il percorso per risolvere il problema dipende molto dalle circostanze individuali.

In parole povere, il modo di risolvere la cannibalizzazione per un sito probabilmente non sarà lo stesso di un altro sito web.

Detto questo, ci sono correzioni comuni a cui ricorrere quando è il momento giusto per farlo. Queste includono...

Rimuovi e reindirizza le pagine cannibalizzate

Se scopri che il tuo sito ha più pagine con lo stesso intento, e devi mantenere solo una di queste attive, il modo migliore per risolvere il problema è di solito mettendo in atto un redirect 301.

Una volta identificata la più potente tra le pagine che si stanno cannibalizzando (per aiutarti a individuarla considera come segnali utili i link in entrata che puntano alle pagine, la visibilità organica attraverso altri termini e il traffico storico), rimuovi semplicemente le altre pagine e reindirizza con un 301 le loro URL alla pagina rimasta.

Questo è di solito il modo più semplice per risolvere i problemi di cannibalizzazione.

Assicurati di aggiornare anche tutti i link interni che rimandano alle pagine rimosse, ma a parte questo, dovresti vedere gli URL rimossi abbandonare l'indice di Google nel giro di alcune settimane.

Canonicalizzazione

A volte non hai la possibilità di rimuovere le pagine cannibalizzate e conservarne solo una.

Potrebbe essere una landing page per una campagna PPC, un ottimo contenuto dal punto di vista dell'esperienza dell'utente oppure il CMS ha duplicato la pagina o un qualsiasi altro motivo.

In questo caso, considera l'utilizzo della canonicalizzazione per aiutarti a risolvere il problema. In questo modo sarai in grado di selezionare la pagina che dovrebbe essere classificata sulla SERP come principale, garantendo che i segnali di ranking, come la link equity, siano attribuiti alla pagina canonica.

Non dovrai rimuovere nessuna pagina e gli utenti potranno comunque accedervi.

Noindex

Proprio come con la canonicalizzazione, se per qualsiasi motivo non sei in grado di eliminare e reindirizzare le pagine problematiche, implementare il tag rel="noindex" (o un'intestazione di risposta HTTP) su tutte le pagine tranne quella che hai scelto come pagina principale può essere altrettanto efficace.

Adottare questo approccio significa che tutte le pagine possono ancora esistere sul sito, ma tutte tranne una pagina saranno de-indicizzate, risolvendo quindi i problemi di cannibalizzazione.

Detto questo, la canonicalizzazione dovrebbe essere preferita al noindex, dato che i segnali di ranking sono attribuiti al canonical, mentre altrimenti non lo sarebbero.

Usa questo approccio con cautela. 

Non commettere l’errore di combinare canonicalizzazione e noindex, dato che i due segnali sono informazioni contraddittorie, come affermato da John Mueller:

Noindex (solo) e il disallow in robots.txt (in generale) non sono chiari segni di canonicalizzazione. Il semplice fatto di avere un noindex su una pagina non ci dice che vuoi combinarlo con qualcos'altro e che i segnali dovrebbero essere inoltrati. Non dovresti mescolare noindex e rel=canonical: sono informazioni contraddittorie per noi. In genere sceglieremo rel=canonical e lo useremo sul noindex, ma ogni volta che fai affidamento sull'interpretazione di uno script per computer, riduci il peso dei tuoi input :) (e la SEO è in gran parte raccontare con script per computer le tue preferenze).

— John Mueller

Se non stai attento, finirai per inviare segnali in conflitto. Noindex può essere utile quando devi risolvere i problemi di cannibalizzazione causati da thin content (contenuti di bassa qualità) e contenuti duplicati che non hanno link in entrata e non ricevono alcun traffico organico; pensa alle pagine dei tag del tuo blog, per esempio.

Ri-ottimizzazione delle pagine

Puoi scoprire di aver causato inavvertitamente una cannibalizzazione a livello di metadati non ottimizzando le variazioni delle parole chiave.

Ad esempio, supponiamo che tu gestisca un negozio di eCommerce e che vendi un prodotto in tre colori diversi. È comune vedere le variazioni del prodotto su URL univoci ma con lo stesso tag title, tag H1 e nessuna chiara differenziazione tra le varianti tranne l'immagine.

In questo caso, puoi riottimizzare le pagine per indicare variazioni chiare e risolvere problemi di cannibalizzazione.

Rielaborazione della struttura di link interni 

In alcuni casi, puoi contribuire a risolvere i problemi di cannibalizzazione rielaborando la struttura di internal linking, in particolare quando stai utilizzando anchor text con corrispondenza esatta che punta a pagine diverse.

Rielaborare i collegamenti interni in modo che puntino alla pagina giusta (non una versione cannibalizzata) può aiutare a risolvere i problemi. Tuttavia di solito questo non è sufficiente per risolvere il problema in modo definitivo.

Adotta questo approccio insieme alla pulizia delle pagine in competizione per uno stesso intento di ricerca per avere un risultato migliore.

Accorpamento delle pagine

Se scopri di avere due (o più) pagine deboli che si stanno cannibalizzando a vicenda a causa della concorrenza sugli intenti, ha senso unirle in un'unica pagina. In sostanza, stai creando una pagina più forte da più pagine deboli.

Quando non è possibile identificare una pagina principale chiara, con un contenuto straordinario, collegamenti in entrata o che già riceve traffico, di solito questo è l'approccio migliore da adottare.

Può anche significare che è necessario aggiungere nuovi contenuti per migliorare la pagina finale - assicurati che vengano messi in atto reindirizzamenti 301 per tutte le pagine eliminate o che gli URL cambiati passino qualsiasi segnale di ranking.

Creazione di nuovi contenuti focalizzati sugli intenti

Un problema di cannibalizzazione comune riscontrato nei negozi di e-commerce è che una singola pagina prodotto si classifica per termini di ricerca relativi alla gamma di prodotti.

Se ciò accade perché non esiste alcuna sottocategoria per la gamma di prodotti, risolvere il problema è semplice come creare una pagina ad hoc.

Quando non c'è una pagina che corrisponde all'intento, creane una. Dovresti quindi vedere che il problema scompare grazie alla capacità di soddisfare questo intento.

Come evitare la cannibalizzazione in futuro?

Risolvere i problemi di cannibalizzazione delle parole chiave, nonostante sia un compito essenziale da svolgere, può richiedere molto tempo, soprattutto se si lavora su un sito di grandi dimensioni che ha accumulato più problemi nel tempo.

Il modo migliore per correggere la cannibalizzazione delle keyword è, in primo luogo, impedire che accada ed è altrettanto importante che i problemi risolti non si ripresentino in futuro.

Quindi cosa devi fare per evitare che si verifichi la cannibalizzazione? In realtà è piuttosto semplice...

Controlla se sul tuo sito ci sono contenuti che hanno lo stesso intento ogni volta che crei qualcosa di nuovo.

Farlo non dovrebbe richiedere molto tempo e dovrebbe essere fatto in fase di keyword research.

Vai su Google e utilizza l'operatore "site: [parola chiave]" per ottenere un elenco di pagine ritenute pertinenti per una parola chiave.

come rilevare cannibalizzazione di keyword sul tuo sito (ricerca su Google)

Guarda i risultati analizzandoli dal punto di vista delle intenzioni di ricerca. Cerca un contenuto esistente che abbia lo stesso scopo, lo stesso intento, del contenuto che stai considerando di creare.

Se vedi una pagina con lo stesso intento, prendi in considerazione di aggiornare questo contenuto piuttosto che crearne uno nuovo e causare problemi di cannibalizzazione.

La tua strategia a pagamento sta cannibalizzando il tuo traffico organico?

La cannibalizzazione delle parole chiave viene generalmente considerata nel contesto della SEO e del traffico organico, ma hai mai pensato che anche la tua strategia per il traffico a pagamento potrebbe cannibalizzare il tuo traffico organico?

Ci sono alcuni casi in cui ciò può accadere. 

Offerta per il Brand non necessaria

A volte, è necessario fare offerte per il tuo marchio, perché se non lo fai tu lo farà uno dei tuoi concorrenti. E l'ultima cosa che vogliamo è regalare traffico a coloro contro cui gareggiamo.

Ma nel caso in cui stessi facendo offerte per il tuo nome brand, quando in realtà non c'è nessun altro che lo fa, allora i tuoi annunci a pagamento potrebbero effettivamente rubare il tuo traffico organico.

Quando si tratta di ricerche brand, gli utenti più pigri spesso fanno clic sul primo risultato che vedono dal tuo dominio.

Assicurati di eseguire test su qualsiasi attività di offerta sul nome del tuo brand per determinare se stai pagando inutilmente il traffico che altrimenti avresti raccolto attraverso la ricerca organica.

Per approfondire: Come calcolare i Clic dalle campagne Brand che otterresti comunque.

Fare offerte per parole chiave quando sei in cima

Se sei già nella posizione n. 1 per una parola chiave, dovresti fare offerte con la tua campagna PPC?

Beh, dipende. In molti casi, lo si fa quando il budget lo consente. Maggiore è la visibilità, maggiore è la possibilità che un utente clicchi sul tuo sito, sia attraverso il tuo posizionamento organico che per la tua pubblicità a pagamento.

Ma se stai lavorando con un budget limitato, potresti scoprire che stai spendendo per clic che avresti per lo più raccolto comunque. Dopotutto, è raro che un utente faccia clic su un solo risultato e questo di solito è un mix di risultati sia a pagamento che organici.

Ancora una volta, assicurati di eseguire test adeguati per determinare se puoi disattivare gli annunci e, a sua volta, aumentare il traffico organico.

Un minor numero di clic può comunque dare più profitti, una volta presi in considerazione i costi degli annunci.

I tuoi annunci soffrono di cannibalizzazione delle parole chiave?

Potresti scoprire che le tue campagne PPC si stanno cannibalizzando, il che significa che i tuoi annunci, in pratica, competono tra loro. I modi comuni in cui ciò può accadere sono:

Sovrapposizione del targeting geografico

Quando configuri campagne con targeting geografico, assicurati di non sovrapporle inavvertitamente. In caso contrario, farai offerte in una località comune tra i diversi gruppi di annunci. 

Ciò può accadere facilmente se si utilizza il targeting per raggio - occorre fare attenzione a risolvere questo problema e prevenire la cannibalizzazione.

Campagne multiple che attivano la stessa parola chiave

A meno che tu non stia monitorando attentamente le tue campagne a pagamento, potresti scoprire che più campagne si stanno attivando per la stessa parola chiave, spesso a causa di diversi tipi di corrispondenza.

Quando ciò accade, puoi vedere che i tuoi annunci si cannibalizzano a vicenda, causando concorrenza interna e gonfiando artificialmente le tue offerte.

Per trovare e risolvere i problemi di cannibalizzazione delle keyword degli annunci puoi utilizzare il nostro PPC Keyword Tool per abbinare le parole chiave a corrispondenza inversa ed evitare la concorrenza e la cannibalizzazione tra i tuoi annunci.

La risoluzione dei problemi di cannibalizzazione delle keyword può farti ottenere grandi guadagni 

La cannibalizzazione delle parole chiave è un problema comune nella SEO, che provoca confusione continua e impedisce a molti siti Web di funzionare nel miglior modo possibile.

Usa processi ben definiti sia per trovare che per risolvere i problemi di cannibalizzazione, e rendili una parte fondamentale dei tuoi controlli periodici del sito, in modo da poter evitare che tali problemi si ripetano.

I siti più grandi che hanno accumulato una grande quantità di contenuti nel tempo sono in genere i più propensi ad affrontare problemi di cannibalizzazione, ma nessun sito ne è immune.

Fatti un favore ed esegui un audit per la cannibalizzazione sul tuo sito: ci sono concrete possibilità che troverai buone opportunità per migliorare le prestazioni della tua campagna.

James Brockbank
Leggenda

Arrivare fin qui non è affatto semplice.

James is Managing Director of award-winning digital PR and SEO agency, Digitaloft, and has been involved in search marketing since the mid-2000s. He's a regular writer on topics including link building, content marketing and eCommerce, having previously contributed to the likes of Search Engine Journal.
Invia feedback
Il tuo feedback deve contenere almeno 3 parole (10 caratteri).

Utilizzeremo questa e-mail solamente per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Grazie per il tuo feedback!