logo-small
Funzionalità Prezzi
Notizie 0
Ultime notizie Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Webinar 0
Prossimi webinar Visualizza tutti
Prossimi webinar

Spiacenti, non abbiamo trovato prossimi webinar previsti.

Vedi webinar registrati
Blog 0
Post recenti Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
José Facchin

Come fare analisi della concorrenza online con SEMrush?

José Facchin
Come fare analisi della concorrenza online con SEMrush?

Effettua un’analisi della concorrenza per individuare i tuoi competitor online e studiare il loro traffico web con SEMrush

Se non te ne sei accorto, la tua azienda non è sola in Internet!

La tua pagina web o blog corporativo deve competere con centinaia di migliaia di siti per una porzione di visibilità online. Queste pagine web, siano relazionate direttamente o indirettamente con il tuo mercato di riferimento, sono tuoi competitor, per cui mi chiedo: Sai chi sono e come analizzare questa concorrenza?

Per trovare più facilmente la risposta a questa domanda, l’ideale per la tua attività sarebbe ricorrere a strumenti online di intelligenza competitiva o di Business Intelligence. Ma attenzione: non tutti si dimostreranno adatti alla tua azienda!

La cosa migliore è trovare una piattaforma che possa esserti utile per svolgere non solo una parte di quest’attività ma anche molte altre, così come SEMrush, che ti permette inoltre di identificare e studiare il traffico, le parole chiave che lo hanno generato e le condizioni di salute (in termini di SEO on Page) dei tuoi concorrenti.

Quindi, in questa seconda guida, vedremo come utilizzare questa piattaforma che permette di riconoscere ed effettuare analisi della concorrenza online.

Studia il traffico web dei tuoi competitor con SEMrush

Studia il traffico web dei tuoi competitor con SEMrush

1º Identifica i tuoi competitor online

La prima cosa che dobbiamo fare è, se ancora non l’abbiamo chiaro in mente, individuare quali sono le pagine web che stanno competendo con noi per una fetta del traffico in arrivo da Google.

Per trovare la nostra concorrenza, SEMrush ci mette a disposizione diverse opzioni, anche se in questa occasione vedremo solo le due che, a mio parere, sono più semplici e utili per svolgere questo compito.

Identifica i tuoi competitor online - Parole chiave

Attraverso l’analisi delle nostre keyword principali (come abbiamo visto nell’articolo precedente). Questo ci serve per individuare chi è già posizionato nelle prime 20 posizioni di Google per queste parole e trovare i nostri competitor.

Introducendo il nostro dominio nella casella di ricerca di SEMrush

Introducendo il nostro dominio nella casella di ricerca di SEMrush e cliccando sulla opzione “Competitor” nella parte superiore della colonna di sinistra. Può trattarsi sia di traffico organico che procedere da campagne a pagamento. La lista di web che il tool individua si basa sulle keyword che questi siti hanno in comune con il tuo, ossia, quante più parole chiave hanno in comune con te, più alto sarà il loro posizionamento in quanto a livello di competitività.

Come possiamo osservare nei due screenshot anteriori, SEMrush ti permette di vedere direttamente la pagina web dei tuoi competitor. Inoltre, cliccando sul dominio in questione, puoi fare dentro della piattaforma un’analisi della concorrenza e dei risultati organici nelle ricerche della stessa.

2º Analisi del traffico web della nostra concorrenza

Una volta che abbiamo visto chi sono i nostri competitor, possiamo cominciare ad analizzare (e segnarci) quali sono le keyword che maggior quantità di traffico apportano ai loro siti. A sua volta, possiamo anche vedere quali sono le parole chiave che abbiamo in comune, quelle che loro hanno e noi no, e viceversa, informazioni che ci serviranno per definire sia strategie offensive che difensive.

3º Adesso la domanda più importante: Come si fa?

Anche in questo caso, esistono varie strade per realizzare questo studio. Per questo, vedremo quelle che, a mio parere, sono allo stesso tempo le forme più semplici e più produttive di ottenere risultati.

A- Parole chiave in comune

Nella pagina “Competitor” di SEMrush, come puoi vedere dal seguente screenshot, ci viene mostrata la quantità di parole chiave che una pagina web ha in comune con noi.

Introducendo il nostro dominio nella casella di ricerca di SEMrush

Cliccando su questo numero (2 parole in comune), SEMrush ci indirizza a uno dei suoi tool di punta:  Dominio Vs. Dominio.

Introducendo il nostro dominio nella casella di ricerca di SEMrush

Questa opzione permette di comparare il tuo dominio con quello di altri competitor, fino a un massimo di 4 alla volta, per studiare parallelamente il posizionamento delle parole chiave comuni. Come puoi vedere nell’immagine precedente, ti viene mostrata la posizione che la parola chiave occupa in Google con la tua web e, di seguito, il posizionamento con l’altro sito. Inoltre, ti viene indicato:

  • il volume di ricerca,
  • il CPC,
  • l’indice di concorrenza,
  • la quantità dei risultati,
  • le tendenze.

Puoi raccogliere tutte queste informazioni (nel modo avanzato) sia per la base del traffico organico che per quella a pagamento e vederle come una lista, piuttosto che come grafico.

Importante:

Come per tutte le opzioni viste in questa guida e nella precedente, puoi scaricare tutti i risultati in Excel. Questo primo punto è imprescindibile sia per le strategie SEO difensive che offensive.

B- Studiare tutte le parole chiave del nostro avversario

In questa pagina di SEMrush possiamo vedere tutte le parole chiave che la concorrenza ha posizionato, in modo da analizzarle nel loro complesso o separatamente, come abbiamo visto nel post precedente.

C- Studio del dominio della mia concorrenza

Cliccando sul dominio della web del nostro avversario nella opzione dei “Competitor di SEMrush”, o analizzando il dominio nella casella di ricerca, potrai accedere al riassunto di tutti i dati che hanno a che vedere con esso.

Da qui possiamo ottenere informazioni come: gli avversari del mio avversario, i suoi backlink, il traffico organico e quello a pagamento, e in quale database ha la maggior quantità di dati posizionati (tra le altre cose).

D- Analisi di Pagine

Seguendo il caso a cui abbiamo fatto riferimento nel punto C, o scrivendo l’indirizzo del dominio di un nostro competitor nella casella di ricerca, otterremo un report della pagina web.

Partendo da questo report, nel menù laterale di sinistra, dall’opzione “Ricerca organica”, scegliere la voce “Pagine”. Questo ci porterà a un report che mostra nel dettaglio le URL di ogni pagina della web del nostro avversario, indicandoci i dati sulla percentuale di traffico che genera la suddetta pagina e la quantità di parole chiave che ha posizionato in Google, come puoi vedere nell’immagine che mostro a continuazione.

Analisi di Pagine del nostro avversario

Ora, con tutti i dati ottenuti attraverso le differenti analisi, potrai sapere non solo chi sono i tuoi concorrenti più prossimi, ma anche quali sono le loro keyword migliori e quali pagine apportano la maggior quantità di traffico alla web.

E a cosa ci servono tutti questi dati di analisi della concorrenza?

Per disegnare con facilità strategie di SEO e content marketing che ti permettano di migliorare il posizionamento della tua azienda in Google.

4º Scopri lo stato di salute della web dei tuoi competitor con Site Audit

Lo strumento Site Audit che trovi nel menù laterale all’interno dell’opzione “Progetti”, ti permette effettuare un controllo sullo stato di salute sia del tuo sito web che di quello dei tuoi competitor per trovare errori e punti di forza.

Scopri lo stato di salute della web dei tuoi competitor con Site Audit

Cosa ne pensi della funzione di analisi della concorrenza di SEMrush che ti ho mostrato oggi?

Prova anche tu ad analizzare i tuoi competitor e dimmi cosa scopri.

Credits (site visitors) Shutterstock

José es el Country Manager en SEMrush para España y Consultor de Marketing Digital freelance especializado en Marketing de Contenidos y Posicionamiento SEO (@facchinjose).
Si te ha gustado este post, puedes leer más de sus contenidos en su blog personal: www.josefacchin.com

2000 simboli rimanenti
Have a Suggestion?