Un calendario dei contenuti può semplificare l'organizzazione della tua strategia di marketing, essere più efficiente e farti risparmiare tempo, sia che tu stia lavorando da solo o come parte di un grande team di marketing. Ma quali sono le migliori strategie, strumenti e metodi per crearne uno e come nascono le idee per i contenuti di maggior successo? 

Siamo qui per aiutarti. In questa guida, ti mostreremo come creare un ottimo calendario editoriale. Troverai anche i suggerimenti della nostra esperta community SEO, e in particolare di Julia McCoy e Melanie Deziel, ospiti nella #Semrushchat dedicata alla creazione del calendario dei contenuti. Ecco tutto ciò di cui parleremo: 

  • Come creare un calendario editoriale
  • Cos'è un calendario editoriale?
  • Perché hai bisogno di un calendario editoriale
  •  Gli elementi di un calendario editoriale di successo
  • Passaggi per creare il tuo calendario editoriale
  • Calendario editoriale: le best practice
  • I migliori strumenti per il calendario editoriale

Cos'è un calendario editoriale?

Un calendario editoriale implica la pianificazione e l'organizzazione dei tuoi contenuti per la pubblicazione, anche sui canali dei social media. Ciò significa che crei una fonte autorevole a cui può accedere facilmente il tuo team di marketing o, se sei un libero professionista, i tuoi clienti.

Noto anche come "calendario dei contenuti", può essere organizzato su base settimanale, mensile o semestrale, a seconda delle esigenze di marketing. Indipendentemente da quale organizzazione scegli, avere un calendario editoriale ti consente di tenere sotto controllo tutti i contenuti in fase di produzione e pubblicazione. 

I calendari editoriali possono comprendere una vasta gamma di contenuti, a seconda del tuo settore. Questo include decisioni come:

  • Prossimi articoli
  • Eventi promozionali pianificati
  • Aggiornamento dei vecchi contenuti
  • Pubblicazione di video, come webinar e altro
  • Aggiornamenti di stato
  • Case study
  • Appuntamenti importanti all'interno del tuo settore o eventi stagionali

Perché hai bisogno di un calendario editoriale

1. Ti fa risparmiare tempo

Il principale vantaggio di avere un calendario editoriale è che organizzare e pianificare i contenuti in anticipo ti fa risparmiare tempo ed energie a lungo termine. Che possono essere spesi per attività più creative per la tua strategia di marketing.

2. Riduce al minimo gli errori

Usare regolarmente un calendario dei contenuti riduce la possibilità di errori da parte tua o del tuo team di marketing. Ad esempio, l'errore di pubblicare contenuti ripetitivi sui tuoi canali.

Pianificando in anticipo e designando chiaramente la responsabilità di ogni contenuto tra i membri del team, puoi anche garantire che tutti i flussi di lavoro necessari procedano senza intoppi. Ciò è particolarmente importante nei team più grandi in cui è probabile che responsabilità come l'editing e il fact-checking vengano distribuite tra i membri. Con un calendario editoriale è più facile tracciare questo processo ed evitare errori costosi.

3. Facilita la collaborazione

I calendari editoriali semplificano la collaborazione, sia interna che con freelance. Le funzioni di accessibilità dei calendari dei contenuti fanno sì che tutti conoscano lo stato di ogni post senza dover contattare le persone individualmente.

4.  Stimola la pubblicazione costante

La pianificazione dei contenuti tramite un calendario editoriale ti impedisce di pubblicare di rado e ti aiuta a identificare possibili lacune nei contenuti. Ciò consente di apportare modifiche prima della pubblicazione, se necessario.

È stato dimostrato che pubblicare con costanza è uno dei modi principali per stimolare il coinvolgimento del tuo pubblico di destinazione, costruire connessioni autentiche e aumentare la copertura dei contenuti.

5. Ti aiuta a identificare le aree di miglioramento

Un calendario editoriale può essere un'ottima risorsa per gli A/B test, che ti consentono di sperimentare con i contenuti e i tempi di pubblicazione, e vedere chiaramente cosa funziona e cosa no.

6. Può aumentare la creatività

Un calendario dei contenuti ti consente di dedicare più tempo ad attività creative. Ad esempio pensare a come migliorare la tua strategia sui social media o dedicare più tempo alla creazione di contenuti di alta qualità.

Melanie Deziel, @mdeziel:

Ecco alcuni suggerimenti rapidi che mi aiutano sempre:

— Quali contenuti aiuterebbero le vendite?

— Rispondi alle domande dei clienti

— Cosa possiamo insegnare al nostro pubblico?

— Chi dovrebbe conoscere il nostro pubblico?

— Quali scelte possiamo aiutare il nostro pubblico a fare?

Julia McCoy | Stay safe. Stay home. #COVID19, @JuliaEMcCoy:

Come scopro argomenti ad alto ROI per i blog post di @ExpWriters:

1. Argomenti del pubblico in tempo reale (la nostra chat dal vivo, e-mail) -> / O scoperta di argomenti importanti del settore utilizzando https://t.co/F7ERFrpbzo / @BuzzSumo.

2. Quindi, trovo una parola chiave a bassa concorrenza (con @semrush, @mangools_com).

Gli elementi di un calendario editoriale di successo

I calendari editoriali sono disponibili in tutte le forme e dimensioni. Il numero di categorie del calendario editoriale dipende in gran parte dalle esigenze individuali o del team, nonché dal settore. Le sezioni che avrà il tuo calendario saranno diverse se tutta la tua produzione è interna o se invece include freelance per la creazione dei contenuti.

I seguenti elementi sono componenti importanti dei calendari editoriali, ma non tutti saranno necessariamente applicabili a te, quindi sceglili e usali come desideri.

Titolo

Un titolo è importante sia per un blogger che per una grande azienda per assicurarsi di essere focalizzati sulla buyer personas di riferimento. Verificare che i contenuti forniscano valore e si concentrino sulle esigenze del pubblico è una necessità applicabile a tutte le aziende, grandi e piccole. 

L'aggiunta dei titoli al calendario editoriale fornisce anche chiarezza rispetto a ciò su cui si sta lavorando e può anche alimentare l'ispirazione per ulteriori contenuti.

Tipo di contenuto

Il tipo di contenuto — come un podcast, un'e-mail, un video o una guida — utilizzato per raggiungere un determinato pubblico è importante per tutti i marketer, in quanto definisce chiaramente il modo in cui il contenuto è pianificato. Averlo scritto nel tuo calendario editoriale ti aiuta anche a identificare le lacune nei tipi di contenuto che stai coprendo.

Melanie Deziel, @mdeziel,

Il miglior contenuto per QUALSIASI canale è quello che:

È nel formato giusto per la piattaforma

Ha un focus interessante per il pubblico

⭐️Ha la qualità che il pubblico si aspetta

Riconosce la posta in gioco per il pubblico

Include volti/voci con cui relazionarsi

Julia McCoy | Stay safe. Stay home. #COVID19, @JuliaEMcCoy:

Non pubblicare contenuti senza prima adattarli al mezzo. ✅

IN OGNI CASO, ricorda:

Le persone amano le STORIE ❤️ Quindi, racconta una storia personale nella tua prossima campagna email. Scrivi una #fridayintroduction su Instagram. Aggiungi una pagina Chi sono personale. Scrivi una storia su LinkedIn.

Sezione

Avere questo campo è particolarmente utile per le aziende più grandi, dove è probabile che il contenuto venga distribuito in una serie di sezioni (stile di vita, viaggi, musica, ecc.). La mancanza di una colonna con gli argomenti dei contenuti potrebbe rendere il calendario meno chiaro per i membri del team. Puoi fare un ulteriore passo avanti e assegnare un codice colore alle sezioni per maggiore chiarezza.

Fase di acquisto

Può essere utile includere nel calendario editoriale la categoria relativa alla fase di acquisto e quindi al punto in cui si trova il pubblico nel funnel di marketing; questo può aiutarti a monitorare i KPI in modo più efficace.

Pair Networks, @pairnetworks:

Creiamo il nostro calendario dei contenuti in base alle richieste e agli interessi dei nostri clienti di web hosting.

Data di revisione

La presenza di una sezione con la data di modifica è altamente consigliata per i team in cui il contenuto deve essere sottoposto a più processi ed essere visto da più persone prima della pubblicazione. Una data di revisione indica chiaramente quando il contenuto deve essere rivisto da tutti i membri del team interessati.

Data di pubblicazione

Importante sia per i freelance che per le aziende. Che il tuo team sia composto da una persona o da 50, con questo elemento assicuri il completamento del contenuto. Se sei un libero professionista che lavora con diversi clienti, ti aiuterà a monitorare anche le scadenze con le diverse aziende.

Redattore

Una sezione fondamentale per le aziende più grandi in cui i contenuti sono prodotti internamente e/o includono anche freelance esterni. Indicare chi creerà il contenuto assicura che tutti sappiano chi è responsabile del pezzo, evitando inutili confusioni.

Autore

La sezione autore è consigliata per le aziende che utilizzano partner esterni per servizi di ghostwriting per alcuni o tutti i loro contenuti.

Monitoraggio dell'avanzamento della produzione

Una colonna che mostra lo stato del contenuto è importante sia per i liberi professionisti che per le aziende. Nel caso di un freelance, questa indicazione può tranquillizzare i clienti. Per le aziende, questa colonna elimina la necessità di contattare le persone individualmente e può anche identificare potenziali colli di bottiglia nel processo di produzione.

Puoi decidere di separare questa categoria in ulteriori sezioni, includendo la data iniziale del contenuto, la data di scadenza della revisione e la data di pubblicazione.

Canale di destinazione 

Indicare dove il contenuto sarà pubblicato è utile per tutti i marketer, in quanto questa sezione può essere utilizzata per analizzare i dati in un secondo momento e valutare dove un determinato contenuto ha dato i migliori risultati.

Alizée Baudez, @AlizeeBaudez:

La distribuzione dei contenuti tra i diversi canali varia molto a seconda del cliente. In definitiva, la scelta del canale si basa sull'analisi delle metriche, con un certo margine di manovra per tentativi ed errori.

Strategia di promozione

Questa sezione mostrerà come intendi promuovere i contenuti che hai creato, ed è applicabile a tutte le aziende, grandi e piccole. Un sistema a colori (ad esempio il rosa per Reddit, il verde per le newsletter o il blu per Twitter) può fornire ulteriore chiarezza al tuo calendario.

Idee per contenuti futuri

Sia che tu stia creando contenuti da solo o come parte di un'organizzazione più grande, avere una sezione per le idee di contenuto ti sarà utile. Significa che tutte le tue idee sono archiviate in un posto pratico, e sarà utile consultarlo quando in futuro organizzerai un brainstorming con il tuo team per la creazione di nuovi contenuti.

John Gibbings, @JohnGibbings:

Identifica gli argomenti principali per il tuo sito, che sono in linea con il tuo modello di business. Attieniti agli argomenti che convertono. Chiedi al team: "Quali sono i problemi comuni, dove il nostro prodotto/servizio è una soluzione?" Inizia a creare contenuti partendo da quelle risposte e inserisci link interni.

Potresti decidere di basare questa sezione su eventi del settore in arrivo, promozioni stagionali o risultati aziendali. 

Targeting geografico

Per chi ha un pubblico internazionale considerevole, può essere utile anche avere una sezione che determina il Paese di destinazione del contenuto.

Campagna 

L'inclusione di questa sezione è consigliata alle aziende più grandi, in quanto permette di organizzare in modo efficiente i contenuti in base alla campagna (ad esempio, brand awreness, lancio di un prodotto o un concorso).

Documenti

Per i team di marketing più grandi, avere una colonna in cui caricare i documenti una volta che il contenuto ha completato una particolare fase del processo rende più facile coordinare le risposte degli altri reparti. È il caso, ad esempio, di un contenuto che deve essere esaminato dall'ufficio legale della tua azienda.

A pagamento o organico?

Per le aziende più grandi, definire se il contenuto è destinato alla ricerca organica o a quella a pagamento aiuta a chiarire alcune cose. Se l'obiettivo è il traffico organico, sarà necessaria una strategia SEO. Se si tratta di un contenuto che andrà sponsorizzato, sarà utile definire anche il budget a disposizione. 

Media di supporto

Potresti voler supportare alcuni contenuti con un ebook o un video. Avere una colonna con i media che supporteranno il tuo contenuto quando sarà il momento della pubblicazione, semplificherà il processo.

Passaggi per creare il tuo calendario editoriale

Decidi i tipi di contenuto

Quando pianifichi il tuo calendario editoriale, per prima cosa devi stabilire il contenuto che vuoi pubblicare. Questo può includere:

  • E-book
  • Case study
  • Articoli di opinione
  • Pagine di destinazione
  • Podcast
  • Blog post
  • Video
  • Newsletter
  • Presentazioni

Julia McCoy | Stay safe. Stay home. #COVID19, @JuliaEMcCoy:

✅ Un contenuto long-form sul blog funziona straordinariamente bene per raggiungere gli obiettivi di posizionamento e traffico SEO

✅ L'email può essere lunga O corta, a seconda dell'obiettivo e del pubblico

✅ Gli aneddoti personali su Instagram E LinkedIn vanno molto bene

✅ Contenuti Web = brevi e potenti

Organizza una sessione di brainstorming

Quando inizi a raccogliere le idee per il tuo calendario editoriale, devi confrontarti con i tuoi team di vendita e assistenza clienti per apprendere le domande poste più frequentemente dai potenziali clienti e le informazioni che vogliono sapere per procedere all'acquisto.

Successivamente, prendi tutte le idee raccolte e fai un brainstorming con il tuo team di marketing per determinare gli argomenti che non hai ancora trattato e le diverse strategie di contenuti che puoi utilizzare per raggiungere il tuo pubblico di destinazione. 

FSE Digital, @fsedigital:

Uno degli strumenti più preziosi per il tuo calendario dei contenuti è il tuo team (o i team dei tuoi clienti). Le persone che lavorano in diverse aree della tua attività conosceranno gli eventi chiave del settore, la stagionalità e ciò che favorisce o blocca le vendite in diversi momenti dell'anno!

iPullRank Digital Marketing Agency, @iPullRankAgency:

Tutti i membri del team collaborano alle idee, ma i nostri Content Strategist, SEO e designer indicano il cammino da seguire. Maggiore è il coinvolgimento dell'intero team, migliori saranno probabilmente le nostre idee sull'argomento.

Usa gli strumenti di ricerca 

Puoi anche usare un'ampia varietà di strumenti di ricerca per i diversi tipi di contenuto e trovare informazioni più dettagliate per ottenere risultati migliori.

Julia McCoy | Stay safe. Stay home. #COVID19, @JuliaEMcCoy:

➡️ NON cominciare MAI a creare contenuti senza aver fatto una ricerca di parole chiave e argomenti E averli mappati in relazione al tuo pubblico! ? Io ho un metodo che chiamo strategia per argomenti dei 3 secchielli. OGNI argomento che produciamo deve servire a uno dei nostri tre scopi!

Se ti stai chiedendo quali parole chiave di destinazione dovresti scegliere, abbiamo tre articoli che ti spiegheranno di quali strumenti hai bisogno:

Lo strumento giusto per la ricerca di parole chiave può aiutarti a costruire una content strategy di successo e a trovare le migliori keyword per le tue campagne SEO e PPC.

L'ideazione dei contenuti

Dopo il brainstorming e la scelta delle parole chiave, utilizza uno strumento come Topic research per vedere argomenti correlati, titoli recenti e le domande che le persone pongono sui motori di ricerca.

Trovare gli argomenti correlati e le domande che le persone fanno online può aiutarti a restringere le aree su cui concentrarti e i periodi dell'anno in cui dovresti lavorare su quegli argomenti. 

Analisi della concorrenza

Potresti trovare argomenti che desideri trattare, ma cosa succede se i tuoi concorrenti ne hanno già scritto? Dove si posizionano e cosa devono includere i tuoi contenuti per batterli? 

Puoi confrontare il tuo sito web aziendale con quelli dei competitor e vedere come si posizionano per diverse parole chiave rispetto a te con lo strumento Gap di keyword

Realizza un audit dei contenuti

Condurre un audit può aiutare a determinare cosa pubblicare e quando per ottenere i migliori livelli di coinvolgimento del pubblico. Guarda i dati dei tuoi social media da fonti come Facebook e/o Twitter Insights, nonché il Content Audit tool di Semrush per aiutarti in questo. 

Content Audit analizza le pagine esistenti sul tuo sito e ti suggerisce cosa dovresti riscrivere, aggiornare o rimuovere completamente; questo può darti un vantaggio per ottenere idee per la creazione di contenuti, utilizzando il contenuto già esistente.

Puoi anche usare il Content Audit di Semrush per analizzare un concorrente nel tuo settore.

Scegli i tuoi canali di social media

Assicurati di avere chiaro il tuo pubblico di destinazione e quali piattaforme social sono le migliori per raggiungerlo, in base al gruppo demografico di appartenenza.

Ben Austin, @absolutelyben:

In generale, LinkedIn e Twitter funzionano meglio per le aziende e Facebook per il pubblico B2C!

Tuttavia, dipende principalmente da dove si trova il pubblico di destinazione dell'azienda e dal tuo approccio per raggiungerlo!

Elena Salazar | Digital Marketer, @elenacsalazar:

È sicuramente un equilibrio tra dare la priorità alle piattaforme che funzionano meglio ed essere costanti in altri luoghi in cui il tuo pubblico è attivo. Ottimizzare i contenuti per ciascuna piattaforma è importante.

Monitora le tendenze

Inizierai a notare le tendenze dopo aver condotto un audit dei tuoi contenuti o dei tuoi concorrenti. Usa queste informazioni a tuo vantaggio per creare il tuo calendario. Prendi nota del tema, dell'ora e del giorno di questi contenuti, nonché delle piattaforme su cui hanno funzionato meglio.

Identifica le fasi di produzione

Definisci ogni fase del processo di creazione dei contenuti fino alla pubblicazione per tutti i tipi di contenuto che creerai. Questo è utile se sei un freelance, ma per le organizzazioni più grandi è praticamente imprescindibile perché, per raggiungere la pubblicazione, il contenuto può avere bisogno di passare attraverso una serie di fasi previe.

Una volta definite, aggiungi queste sezioni al tuo calendario editoriale e includi il nome della persona responsabile di ogni passaggio.

Decidi un programma di pubblicazione

Sulla base dell'audit dei contenuti e dei dati analitici, puoi determinare la frequenza con cui pubblicare contenuti per aumentare i livelli di coinvolgimento del tuo pubblico di destinazione.

Considera l'idea di creare una libreria di contenuti

Per i team di marketing, vale la pena avere tutti i file multimediali in un'unica libreria di contenuti, accessibile dal calendario editoriale tramite Dropbox, Google Drive o un collegamento al database interno. Questo può facilitare la vita di tutti quando arriva il momento di preparare i contenuti per la pubblicazione. 

Ricorda i contenuti evergreen

Dovresti programmare dei contenuti che non siano limitati a una data o a un orario specifico. Questo può essere utile quando ci sono ritardi nella pianificazione, perché puoi usare i contenuti evergren per coprirli.

Non dimenticare i contenuti degli ospiti

Se tu e/o il tuo team state svolgendo attività promozionali attraverso i contenuti, come guest post o podcast, aggiungeteli anche al calendario editoriale.

Apporta modifiche dell'ultimo minuto e pubblica

Dopo aver stabilito una strategia di content marketingper il tuo flusso di lavoro, dovresti anche considerare chi deve approvare i post prima che siano pubblicati, se lavori in un'azienda di grandi dimensioni. In questo caso, potrebbe essere utile avere nel tuo calendario una sezione con le linee guida, in modo da avere processi e risorse utili in un unico luogo facilmente accessibile.

Per quanto riguarda la pubblicazione, prendi in considerazione di scegliere un calendario che abbia una funzione di pianificazione, in modo da non doverlo fare manualmente. Per pianificare i contenuti sui social, puoi usare il nostro Social Media Poster, che ti consente di pubblicare e programmare i contenuti per le pagine aziendali su Instagram, Facebook, Twitter e Pinterest.

Suggerimenti sulle best practice per il calendario editoriale dei social media

Evita di ripubblicare lo stesso messaggio

Non commettere l'errore di utilizzare lo stesso identico testo nei post per ciascuna piattaforma; i pubblici sono diversi e per raggiungerli servono messaggi diversi. 

Itamar Blauer, @ItamarBlauer:

Pubblica contenuti periodicamente per massimizzare la tua copertura.

Non pubblicare immediatamente i tuoi contenuti su tutte le piattaforme.

Hai un contenuto di 2 mesi fa che è ancora pertinente? Condividilo sui social media!

Usa gli UTM per vedere dove stai ricevendo clic.

Impegnati nell'ascolto sui social

Per trovare idee per il tuo calendario editoriale, dovresti assicurarti di sapere cosa dicono le persone sulla tua azienda attraverso l'ascolto sui social media. Puoi ottenere insights preziosi dai tuoi clienti riguardo al tuo brand, attraverso le menzioni sui social media della tua azienda e dei tuoi prodotti, e anche dei concorrenti.

SEO Charge, @seocharge_:

Pianifichiamo i nostri post in base al comportamento del nostro pubblico (la loro attività, il tasso di coinvolgimento, ecc.). Il modo migliore per definire la giusta frequenza di pubblicazione è analizzare le informazioni sul pubblico. Noi tendiamo a pubblicare nuovi contenuti quasi ogni giorno.

Pubblica frequentemente

Pianificare sul calendario editoriale post frequenti sui canali social è importante per la visibilità del brand e per aumentarne la notorietà. Ma con che frequenza dovresti pubblicare? Dipenderà dalle tue analisi, ma di seguito sono riportati i consigli di SproutSocial:

  • Facebook — 1-2 volte al giorno
  • LinkedIn — 1-2 volte a settimana
  • Twitter — 2-10 volte al giorno
  • Instagram — 2-5 volte al giorno
  • Pinterest — 3-15 volte al giorno

Sii flessibile

Il tuo calendario dei contenuti social non dovrebbe essere visto come qualcosa di rigido. Consenti una certa flessibilità alla tua programmazione per eventuali cambiamenti o tendenze dell'ultimo minuto che non potevi prevedere.

I migliori strumenti per il calendario editoriale

Uno strumento di calendario, un'app o un plug-in all'interno del tuo sistema di gestione dei contenuti può rendere il processo di creazione di un calendario editoriale più semplice ed efficiente. Ogni strumento di calendario ha vantaggi diversi, quindi prima di sceglierne uno considera in anticipo le seguenti domande:

  1. Qual è la funzionalità più importante che dovrebbe avere? Ad esempio: monitoraggio dei progressi, condivisione dei file, creazione di annotazioni, ecc. 
  2. Quanto è facile da usare?
  3. Quanto è facile per le persone trovare e utilizzare lo strumento di calendario che hai scelto (applicabile sia ai freelance che alle aziende)?
  4. È pratico?
  5. Il calendario può includere contenuti visivi e aggiornamenti dei social media?

Melanie Deziel, @mdeziel:

Mi dispiace essere la ragazza del "dipende", ma... Ho visto all'opera software sofisticati, fogli di calcolo, calendari Google, task manager, lavagne e altri sistemi. QUALE sistema scegli è meno importante che UTILIZZARE effettivamente un sistema.

Di seguito è riportata una selezione dei migliori strumenti di calendario, plug-in e piattaforme disponibili per portare la creazione di contenuti al livello successivo:

Fogli Google

I noti e affidabili Fogli di Google potrebbero non essere così attraenti, ma sono semplicissimi da usare per mettere insieme un calendario per i social media o i contenuti, efficace e facile da condividere.

@PanditRajeev22:

Un semplice foglio di calcolo è un vero e proprio gioiello per monitorare l'avanzamento dei tuoi contenuti. Puoi commentare, chattare e fare molto altro sui fogli di calcolo.

Steph Whatley, @SEOStephW:

Non ti puoi sbagliare con un foglio di calcolo ben fatto! Puoi monitorare le prestazioni o configurare una dashboard con Google Data Studio: ti renderà sempre la vita più facile su tutta la linea e sarà più semplice da capire per tutti durante i report.

Il calendario editoriale di WordPress 

Questo plugin è un'estensione gratuita di WordPress, utile per chi ha team piccoli. I post possono essere modificati dal calendario, che include una pratica funzione drag and drop per modificare la pianificazione.

Il Calendario di marketing di Semrush

Questo calendario incorpora un sistema di gestione delle attività e può essere facilmente integrato con altri strumenti di Semrush. Puoi mappare tutte le azioni e i processi delle tue campagne nel calendario e usarlo per collaborare con gli altri membri del tuo team.

Excel

Excel può essere facilmente personalizzato in base alle metriche su cui si concentra il tuo team.

Fonte: SmartSheet

Evernote

Questa app per prendere appunti ha modelli personalizzabili che possono essere adattati alle esigenze del tuo team e alla tua campagna. 

Fonte: HubSpot

Trello

La versione gratuita di questo strumento ti consente di aggiungere note e link pertinenti e ha un componente aggiuntivo per la visualizzazione del calendario. È semplice aggiungere attività, post e tenere traccia dei progressi tramite le sue bacheche ed è un ottimo strumento per la collaborazione in team.

Asana

Il calendario dei contenuti di Asana ti consente di impostare diverse visualizzazioni, in modo da poter visualizzare separatamente l'elenco delle tue attività personali, i progetti e i progetti del team. Offre inoltre il filtraggio dei contenuti in qualsiasi progetto, in modo da poter identificare rapidamente le priorità o gli stati di approvazione.

Ecco alcuni suggerimenti in più dai partecipanti alla chat: 

Diana Richardson, @DianaRich013:

In un foglio di calcolo noi tracciamo i contenuti per argomento e per piattaforma di pubblicazione (blog, newsletter, ecc.) e poi utilizziamo Later.com per pianificare i post con le nostre grafiche.

Salt Rank, @saltrank:

Ho provato i fogli di calcolo ed è stato semplicemente estenuante. Per me l'ideale è avere un buon software che mi aiuti. La nostra azienda ha iniziato a utilizzare @CoSchedule per pianificare i contenuti e programmare i post e adoro tutto di questo strumento. Ma ci sono molte altre gemme là fuori.

Conclusione

Che tu stia organizzando una strategia di marketing per te stesso o che tu faccia parte di un grande team di marketing, un calendario editoriale ti aiuta ad essere più efficace e ad usare il tuo tempo in modo più efficiente. Essere più organizzati e coordinati con le altre parti interessate non può che produrre benefici positivi per le aziende, sia grandi che piccole.

Facci sapere i tuoi suggerimenti sul calendario editoriale nei commenti qui sotto e unisciti a noi per la #Semrushchat ogni mercoledì alle 11 am ET/4 pm BST

Author Photo
Maria KalyadinaMaria is the Social Media Marketing Manager at Semrush and the host of the weekly #Semrushchat. You can always connect with her on Facebook and follow her on Twitter! Join the #SemrushChat every Wednesday at 11 am ET/ 4 pm BST!
Subscribe to learn more about Content Marketing
By clicking “Subscribe” you agree to Semrush Privacy Policy and consent to Semrush using your contact data for newsletter purposes
More about Content Marketing
SEO per il blog: suggerimenti per ottimizzare i tuoi articoliScrivere un blog accattivante, con articoli degni di condivisione, è solo metà della battaglia nella creazione di contenuti che coinvolgano e convertano i consumatori. I marketers sanno che è importante anche tenere d‘occhio il blog.Avere una forte strategia SEO è un modo intelligente per farlo, attirando organicamente i lettori sul tuo blog e aumentando la visibilità del tuo sito web.