logo-small

8 consigli di Web Copywriting per farsi leggere

79
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Ulteriori informazioni

8 consigli di Web Copywriting per farsi leggere

Valentina Turchetti
8 consigli di Web Copywriting per farsi leggere

Web Copywriting: 8 consigli per catturare l'attenzione dell’utente online

Si parla tanto dell'importanza di creare contenuti nuovi, originali e di valore per chi legge, ma quasi sempre non viene specificato come poter creare questi contenuti. Il punto è: "ok, abbiamo capito che il web vive di contenuti, ma non è cosa scontata o banale saper scrivere argomentazioni utili ed interessanti per l'utente".

La scrittura comporta uno studio del target di riferimento, un'analisi del mercato, una strategia di content marketing. Scrivere non è immediato: servono studio, dedizione e capacità sia comunicative che analitiche. 

Perché non è facile scrivere online

Sul web l'attenzione dell'utente è davvero scarsa, spesso complici la rapidità di utilizzo del dispositivo (Pc, smartphone, tablet), la necessità di reperire immediatamente le informazioni di cui si ha bisogno, la consapevolezza che se non si trova ciò che si sta cercando in quel preciso momento, ci saranno altri risultati in serp da visitare, quindi non si aspetta a lungo il caricamento di una pagina o non si legge troppo a lungo per capire se quel risultato trovato è davvero il migliore.

Cerco qualcosa, apro un sito: quella pagina mi sta dando risposte ai miei bisogni? Se sì, proseguo nella lettura; se no, esco e apro un nuovo sito.

La vera sfida di chi si occupa di web copywriting e scrittura online è proprio catturare e mantenere l'attenzione delle persone in un determinato articolo o post. Come scrive Teresa Masterson (giornalista freelance e ex web editor NBC Philadelphia) nel capitolo 6 del mio libro "Web Content che converte", una ricerca Microsoft dimostra come la capacità di concentrazione dell'essere umano sia, oggi, di 8 secondi, capacità di concentrazione inferiore a quella di un pesce rosso (che è di 9 secondi).

Non a caso si legge spesso sul web, soprattutto sui social network, l'acronimo TL;DR, che significa "TOO LONG; DIDN'T READ" ("troppo lungo, non l'ho letto).

I lettori desiderano sì un contenuto utile, ma sono disposti a leggerlo se esso è esaustivo ma breve.

Da qui nasce la difficoltà di creare contenuti coinvolgenti, ma non troppo lunghi, che rispondano alle esigenze di rapidità di lettura dell'utente, altrimenti rischiamo che ciò che scriviamo non venga letto. E ricordiamolo... non scriviamo per noi stessi, ma per la nostra audience!

Esistono alcuni tips che aiutano il web copywriter a scrivere contenuti in grado di catturare l'attenzione dell'utente, sempre dando per scontato che il contenuto stesso sia rilevante e utile per il target di riferimento. Ecco 8 suggerimenti di Web Copywriting per te!

Web Copywriting: 8 consigli per scrivere online

1. Listening

Il listening è l'ascolto della rete ed è una pratica fondamentale per studiare il target di riferimento, le persone a cui vuoi rivolgerti:

  • chi sono i tuoi lettori?
  • quali sono i loro interessi?
  • di cosa parlano online e dove?

Il monitoraggio della rete serve proprio a capire, relativamente a un brand, un'azienda, un prodotto:

  • chi parla;
  • dove ne parla;
  • perché ne parla;
  • quando ne parla;
  • come ne parla.

Il listening può essere realizzato su blog, forum e social network, non solo per studiare l'utente "tipo", ma anche il linguaggio che usa, come si muove online, cosa gli piace leggere, su cosa necessita essere informato, quali sono i suoi bisogni.

[ per approfondire puoi leggere: Intercetta il buzz: esercitazione pratica di Web Listening ]

2. Risposta al bisogno di informazione

Il mio target ha un bisogno? Bene, io devo cercare di soddisfarlo nel migliore dei modi. Se il mio lettore sta cercando informazioni su un determinato prodotto, io devo essere in grado di fornirgli contenuti in linea con le sue esigenze: egli deve poter trovare il mio contenuto, leggerlo e pensare "caspita, è davvero ciò che stavo cercando, grazie!".

Come faccio a capire cosa cerca il mio utente online? Quali parole di ricerca inserisce online?

Molto semplice: vado su SEMrush, inserisco nel campo di ricerca (selezionando la lingua di riferimento) la keyword relativa, ad esempio, all'argomento di trattazione e analizzo i risultati che il tool fornisce.

Nella figura sottostante, ho effettuato un'analisi per la parola-chiave "pane integrale" e vedo immediatamente le parole-chiave di corrispondenza a frase e le correlate e il relativo volume di traffico: grazie a questa ricerca, posso capire le necessità di ricerca del mio target e studiare un'opportuna strategia di contenuti online.

Strategie di web copywriting: l'utilizzo di SEMrushRicerca keyword "pane integrale" con SEMrush

Tale ricerca mi permette anche di individuare gli argomenti dei miei prossimi post o articoli: che cosa interessa maggiormente al mio pubblico? Che cosa vorrebbero leggere? Ad esempio, dalla figura vedo che topic interessanti, anche in base al volume di traffico, sono: "fare il pane integrale con il bimby" o "le calorie del pane integrale".

[ puoi approfondire leggendo il post: Ricerca delle Parole Chiave Correlate: metodo e strumenti ]

3. Piramide rovesciata

La piramide rovesciata è una tecnica sfruttata nel web copywriting che consiste nel comunicare subito i fatti salienti, per poi passare ai dettagli e, infine, agli approfondimenti. È la giusta risposta a quella domanda di rapidità di lettura dell'utente online:

Io scrittore attiro subito l'attenzione del lettore con il contenuto più significativo, che voglio venga veramente letto da chi mi segue.

Solo successivamente aggiungo link e dettagli, verso la fine del mio contenuto: si tratta di un surplus che mi auspico venga letto, ma, se così non fosse, sono sicuro che il mio lettore non si è perso il nocciolo della questione.

Tecniche di web copyriting efficace: la piramide rovesciataLa piramide rovesciata

Se ci pensi bene, è un po' il contrario di quello che ci hanno insegnato alle scuole elementari, dove, per fare un tema di italiano, era necessario partire da un'introduzione, poi sviluppare un incipit, solo successivamente entrare nel cuore della trattazione e terminare con la conclusione.

Secondo la piramide rovesciata, è bene partire subito con la centralità dell'argomento, senza lasciar spazio a nessun tipo di stand-by o suspence per essere sicuri che, in pochi secondi, l'utente legga il focus dell'argomento.

4. Lingua

Intendo la correttezza linguistica, come sintassi e grammatica. Alcuni consigli nati da errori comuni che si vedono online:

  • il punto interrogativo ed esclamativo deve essere uno (metterne tre o quattro, alla fine della frase, trasmette arroganza);
  • i punti di sospensione sono solo tre ;
  • attenzione ai refusi;
  • attenzione alla differenza tra lettere accentate e apostrofate (È è diverso da E' );
  • opta per la forma attiva;
  • non scrivere frasi intere in maiuscolo (sul web equivale ad urlare).

5. CTA (call to action)

Cerca di inserire una specifica call to action nei tuoi contenuti, siano essi un articolo per il blog o un post sui social. 

Leggendo il contenuto, cosa deve fare l'utente? Rendilo partecipe esortandolo a fare qualcosa. Ad esempio:

  • Che ne pensi?
  • Vuoi maggiori informazioni? Contattami scrivendo a...
  • Se non sai come fare, chiamaci allo...
  • Dimmi la tua nei commenti!
  • Iscriviti alla mia newsletter e, prometto, non te ne pentirai!

[ per approfondire puoi leggere: CTA: le Call to action che funzionano davvero ]

6. Link: Bitly e UTM Google

Quando inserisci un link, ti consiglio di usare Bitly, uno strumento gratuito che ti consente di:

  • accorciare il tuo link; 
  • rinominare il link, per renderlo più appetibile e comprensibile all'utente (cosa troverà quando cliccherà sul link?);
  • monitorare il numero di clic ricevuti sul link.

Un altro tool utilissimo quando si fa web copywriting è il Campaign URL Builder di Google che aiuta a tracciare le azioni su un link con gli UTM: inserendo il link originario, la sorgente della campagna (es. Facebook), il medium (es. referral o cpc) e il nome della campagna (a tuo piacimento), puoi analizzare in Google Analytics il feedback del link inserito, vale a dire le sessioni, il tempo medio di permanenza e altri indicatori. 

Consigli di scrittura online e web copywriting: il tool URL Builder di GoogleUTM Google: https://ga-dev-tools.appspot.com/campaign-url-builder/

7. Formattazione

Molto utile nel web copywriting, anche per finalità SEO, formattare il testo con H1, H2, H3 e così via.

Mai trascurare la suddivisione in paragrafi e lo spazio bianco, che agevolano notevolmente la lettura a schermo, così come l'uso del punto elenco o del punto numerato, che permettono un lettura agile e veloce.

Interessante mettere in bold alcune keyword significative, evitando, invece, il sottolineato, che essendo usato per i link, può confondere il lettore.

8. Elementi "cattura-attenzione"

Esistono parole magnete in grado di attirare l'attenzione dell'utente, anche se vanno usate con cautela e consapevolezza, a seconda del canale di comunicazione scelto e del target di riferimento. Alcuni esempi:

  • novità;
  • gratis;
  • esclusivo.

E le emoji? Nel web copywriting sono efficaci o meglio evitarle?

Le emoji sono quei simboli colorati che dovrebbero favorire un approccio empatico tra lettore e scrittore e attirare l'occhio umano nel marasma del web. Recente è la notizia secondo cui le emoji saranno misurate per obiettivi di marketing, per capire, quindi, il loro reale impatto sul business. 

Web copywriting ed emojiEmoji

Cosa ne pensi di questi consigli di web copywriting e scrittura efficace?

Sono curiosa di sapere se anche tu li applichi e ottieni risultati positivi per i tuoi contenuti. Se ti va di farmi sapere la tua opinione, aspetto i tuoi commenti nel box qui sotto! ;-)

Sono Web Content Manager: mi occupo della creazione e della promozione di contenuti online, aiutando le aziende a sfruttare i social media e i contenuti online per farsi conoscere e promuoversi efficacemente sul web, trasformando la comunicazione digitale in una concreta opportunità di business.
Sono anche CoFounder del Marketing Business Summit, l'evento sul marketing digitale e il business online.
Sono infine autrice del libro "We Content che converte" (http://amzn.to/2r6Hd87) e dell'e-book "Social Media Marketing".
Condividi il post
o
2000 simboli rimanenti
Barbara Reverberi
Grazie Valentina, ottimo articolo davvero. Hai risposto ad alcuni dubbi e offerto validi spunti. Scrivo per FAMILY Health una webzine che si occupa di salute e benessere della famiglia. Farò tesoro dei tuoi consigli. Il punto della piramide rovesciata mi è familiare e lo utilizzo per redigere i comunicati stampa, ma nell'era della disintermediazione occorre diversificare per colpire ogni target e quindi diventa determinante l'ascolto. Comprerò il tuo libro ma soprattutto ti seguirò con piacere. Grazie!
Valentina Turchetti
Barbara Reverberi
Ciao Barbara, grazie a te!
Questo articolo è davvero eccezionale. Ricco di spunti e di approfondimenti, tratta in modo egregio la tematica senza essere banale ma anzi, mettendo in nuova luce anche concetti basilari. E poi c'è tanta generosità nel dare, per cui grazie: è un articolo davvero prezioso.
Valentina Turchetti
Alessia Savi
Ciao Alessia, grazie davvero! :-)
Valentina Turchetti
Ciao Marcello, grazie a te, mi fa piacere che l'articolo sia utile ed interessante!
Grazie Valentina, molto interessante il tuo articolo
Se non è di disturbo, cosa ne pensi dei testi del mio sito www.idea-design.it
saluti
Marcello
Have a Suggestion?