Scrivere un blog accattivante, con articoli degni di condivisione, è solo metà della battaglia nella creazione di contenuti che coinvolgano e convertano i consumatori. I marketers sanno che è importante anche tenere d'occhio il blog. L'ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è un modo intelligente per farlo, attirando organicamente i lettori sul tuo blog e aumentando la visibilità del tuo sito web.

Inoltre, il traffico che attiri in questo modo sarà composto da lettori interessati e coinvolti perché hanno trovato il tuo blog inserendo parole chiave pertinenti su Google (o altri motori di ricerca). Con una SEO efficace, hai già superato l'ostacolo di stuzzicare l'interesse iniziale del lettore. Se hai ottimizzato correttamente i tuoi post, gli utenti che finiscono sul tuo blog saranno già desiderosi di consumare i contenuti che hai creato.

Da lì, tutto ciò che devi fare è mantenere il loro interesse con una ricerca approfondita, una struttura ben organizzata e contenuti di qualità. Ciò è particolarmente importante per i blogger che dipendono in gran parte dal traffico organico per ottenere lead e generare revenues o vendite.

Che tu sia un piccolo imprenditore che desidera lanciare un sito e-commerce o un esperto SEO, non perderti i nostri principali suggerimenti SEO per blog che abbiamo raccolto per aiutarti a ottimizzare il tuo prossimo articolo. Nello specifico, ti spiegheremo come creare degli ottimi contenuti:

Organizza i tuoi contenuti in cluster di argomenti

In passato, blogging e SEO si concentravano principalmente sull'ottimizzazione dei singoli post. Sebbene questo sia importante, puoi migliorare ulteriormente il tuo posizionamento nei motori di ricerca usando cluster di argomenti. Seguendo questo modello, selezioni un argomento "pilastro" (pillar) più ampio o una parola chiave di destinazione che desideri classificare, e crei contenuto "cluster" su parole chiave specifiche correlate a tale argomento. Questo approccio si traduce in una maggiore interconnessione tra i singoli articoli del tuo blog, migliorando l'autorevolezza complessiva del sito web e la user experience del tuo pubblico.

In questo modo eviti anche la concorrenza tra i contenuti del blog. Quando hai più post sullo stesso argomento, puoi ritrovarti con URL che distolgono l'attenzione da altri. Un calendario editoriale è fondamentale se vuoi che il tuo modello pillar-cluster abbia successo. Puoi selezionare in anticipo gli argomenti pilastro e quelli cluster e pianificare una strategia SEO per il blog logica per la pubblicazione di nuovi contenuti.

Per prima cosa, seleziona gli argomenti pilastro. Quindi, compila da sei a otto argomenti secondari basati su domande specifiche che una persona potrebbe avere dopo aver letto il contenuto della pagina pilastro. Il nostro Topic Research Tool può aiutarti a trovare nuove idee per i contenuti correlati del tuo articolo pilastro. Supponiamo che tu gestisca un sito web su come praticare fitness in casa, ad esempio. Aggiungi la query di ricerca "fitness in casa" e ti verrà fornito un elenco di idee per le parole chiave correlate. 

Usa la Ricerca di parole chiave

Una ricerca approfondita delle parole chiave è fondamentale per il successo di un blog. Si tratta di un'attività che richiede qualcosa di più che pensare da solo: "Cosa inseriranno le persone su Google?" Ad esempio, la parola chiave più ovvia non è necessariamente la scelta migliore. Le keyword popolari, con un volume di ricerca elevato, sono altamente competitive, rendendo più difficile un buon posizionamento nei risultati dei motori di ricerca.

Fortunatamente, ci sono strumenti SEO che possono aiutarti nella ricerca delle tue parole chiave. Gli strumenti per la Keyword research di SEMrush ti forniscono una valutazione del valore e del ranking competitivo delle tue parole chiave e analizzano le classifiche organiche delle parole chiave dei tuoi concorrenti. Puoi persino scoprire le keyword "not provided" integrando il tuo account Google Analytics, e ottenere così dati incrociati per controllare il rendimento della ricerca organica.

Concentrati su una o due parole chiave a coda lunga, che rifletteranno l'intento di ricerca del tuo pubblico di destinazione. Si tratta di una frase più lunga e mirata che è più probabile che una persona utilizzi in un punto di acquisto o quando esegue una ricerca vocale. Invece di "articolo long-form", ad esempio, una persona potrebbe cercare "come scrivere un articolo long-form". Queste keyword dovrebbero essere incluse nel corpo del tuo blog post, nelle intestazioni, nell'URL della pagina, nella meta description e nel tag title.

Scrivi per posizionarti negli Snippet in primo piano

I Featured snippets vengono visualizzati nella parte superiore delle SERP (pagine dei risultati del motore di ricerca) di Google. Spesso compaiono come elenchi puntati, brevi guide pratiche o in formato di brevi domande e risposte. Gli Snippet in primo piano forniscono essenzialmente risposte rapide a ricerche comuni, in particolare alle domande "chi, cosa, dove, perché e come".

Se scrivi un contenuto che Google seleziona come Snippet in primo piano, apparirai automaticamente nella parte superiore delle SERP. Per ottimizzare gli Snippet in primo piano, dovresti prima trovare le SERP che già compaiono con uno snippet. Puoi anche verificare quali tipi di Snippet in primo piano Google mostra per un termine specifico, ad esempio un elenco puntato o numerato rispetto a un paragrafo di testo. E in base a questa informazione strutturare il tuo articolo. In termini di stile, dai la priorità a un copywriting chiaro e conciso con sottotitoli ponderati.

Il nostro Position Tracking Tool può aiutarti a monitorare facilmente se ti stai già classificando per uno Snippet in primo piano e fornirti informazioni sulle migliori opportunità per classificare uno snippet in base al termine di ricerca su Google. 

Incorpora Contenuti multimediali in pagina

Un blog di alta qualità richiede più di una buona scrittura. Incorpora i diversi tipi di rich media, ovvero i contenuti multimediali, come foto d'archivio, video o infografiche personalizzate. Google fornisce un pratico tutorial su come incorporare i rich media. Questo tipo di contenuti sono anche un ottimo trampolino di lancio verso altri contenuti del cluster sotto lo stesso pilastro.

I video sono particolarmente efficaci per qualsiasi nuovo post sul blog. Un contenuto video richiede automaticamente all'utente di rimanere su una pagina per un certo periodo di tempo, migliorando la frequenza di rimbalzo. Il video è anche un media estremamente popolare, come dimostra il successo di piattaforme come TikTok. La visualizzazione globale di video online è in aumento e la spesa pubblicitaria lo riflette. Tieni presente che spesso puoi riutilizzare i contenuti del blog per i video, semplificando il processo di creazione dei contenuti.

Aggiungi link interni ai tuoi contenuti

Un'altra best practice SEO che non richiede competenze SEO tecniche è quella di inserire link interni ponderati nei contenuti pubblicati sul blog. I link ad altre pagine incoraggiano i lettori a esplorare ulteriormente il tuo sito web, mantenendoli sulla tua piattaforma più a lungo. Ma aiutano anche i motori di ricerca a trovare altre pagine autorevoli pertinenti che hai da offrire. Quando crei un link, non usare più di cinque parole per il testo di ancoraggio. Per indurre gli utenti a cliccare su un link, chiarisci dove li porterà quel collegamento e quale valore fornirà il clic.

Ultimo ma non meno importante, assicurati che tutti i link interni siano logici. Un link con un anchor text fine a se stesso non darà ai lettori un valore aggiunto (il che significa che non cliccheranno). Google, per le sue classifiche, tiene in gran conto l'esperienza degli utenti finali e il valore che un contenuto fornisce loro. In generale, questi suggerimenti per l'ottimizzazione SEO di un blog sono tutti orientati a tale scopo.

Personalizza l'URL

Un importante fattore di ranking è la struttura del tuo URL quindi non fare affidamento su URL generati automaticamente per i tuoi post del blog. Gli URL personalizzati consentono ai motori di ricerca di capire facilmente di cosa tratta la pagina e permettono ai bot di Google di indicizzare le pagine di conseguenza. Ad esempio, la struttura dell'URL di una pagina pilastro sul content marketing potrebbe terminare con la sottodirectory "/content-marketing". Un cluster sull'uso dei blog per il content marketing potrebbe terminare con "/content-marketing/come-usare-blog-per-il-content-marketing".

Gli URL personalizzati, inoltre, mostrano più rapidamente agli utenti di cosa tratta una pagina. Questo può essere particolarmente utile quando si tratta di link interni. Se un utente passa con il mouse su un testo di ancoraggio e l'URL che viene visualizzato indica dove verrà reindirizzato, è più probabile che l'utente vi cliccherà. Tieni presente che se modifichi gli URL, dovrai tornare indietro e modificare anche i link interni. Inoltre, i link in entrata potrebbero non funzionare più. Quindi, crea buoni URL fin dal principio.

Un altro vantaggio di un URL personalizzato? Puoi usare le parole chiave per le quali stai cercando di classificarti. Assicurati solo che l'URL con le tue keyword sia SEO-friendly, ovvero che sia conciso e semplice.

Usa strumenti e plug-in per semplificare il tuo lavoro

I plug-in dei sistemi di gestione dei contenuti (CMS) semplificheranno gli sforzi SEO del tuo blog. Se hai scelto come CMS WordPress, ad esempio, puoi utilizzare Akismet per monitorare commenti e spam o Workflow Enhancement, che ti consente di modificare facilmente la dimensione del carattere, creare tabelle e altro ancora. Se usi Ghost (popolare tra i blogger), puoi integrare plug-in da Google Analytics, YouTube, Twitter e Zapier, solo per citarne alcuni.

I plug-in possono farti risparmiare tempo prezioso quando si tratta di SEO on-page. Prendi Yoast, ad esempio, un plug-in SEO per WordPress. È uno strumento che copre molti aspetti dell'ottimizzazione. Dopo averlo installato, disponi di un modulo nell'editor di ogni pagina, che ti mostra come si comporta la tua pagina in base ai criteri SEO chiave. Analizza tutto, dalla lunghezza del contenuto ai link in entrata, il meta title e il posizionamento delle parole chiave principali. Eventuali problemi che richiedono maggior attenzione vengono contrassegnati in modo che tu possa risolverli rapidamente.

Monitora la reattività e l'esperienza sui dispositivi mobili

Il mobile non è più un elemento secondario quando si parla di web design. Google ha confermato l'indicizzazione mobile-first. Ciò significa che il gigante dei motori di ricerca dà la priorità alla versione mobile del contenuto (rispetto alla versione desktop) quando indicizza e classifica le pagine web. L'approccio mobile first è stato implementato a luglio 2019 ed è ora l'impostazione predefinita per tutti i nuovi siti web.

Il primo step per verificare se il tuo sito è ottimizzato per i dispositivi mobili è fare il test tramite lo Strumento di ottimizzazione mobile di Google. Il tool ti segnalerà alcuni problemi di base e come risolverli. In generale, assicurati di avere un design responsive in modo che le pagine del tuo blog abbiano un solo URL (invece di due diversi per desktop e dispositivi mobili). Ciò garantisce che i backlink al tuo blog non vengano divisi tra due URL, aumentando la potenza di questi link in entrata.

Ci sono anche semplici passaggi stilistici che puoi seguire per rendere l'esperienza mobile più user-friendly. La migliore struttura del blog per la SEO dà la priorità alla leggibilità. Evita, ad esempio, grandi porzioni di testo, che sono più difficili da leggere sui dispositivi mobili. Usa le intestazioni per suddividere il testo e organizzarlo. Altri punti chiave che potrebbero essere segnalati dallo Strumento test di ottimizzazione mobile di Google includono la presenza di contenuti più larghi dello schermo, il posizionamento di elementi cliccabili troppo vicini tra loro e l'uso di testo troppo piccolo per essere letto da uno smartphone.

Semplifica la SEO del blog con SEMrush

Per creare contenuti per il blog ottimizzati SEO non devi conoscere i dettagli dell'algoritmo di Google o diventare un esperto in HTML. SEMrush offre una serie di funzionalità per semplificare e snellire il processo, facendoti risparmiare tempo e fatica. Dagli strumenti di panoramica del dominio alla tecnologia di ricerca di parole chiave organiche e all'assistenza per l'audit del sito, la nostra suite di risorse ti aiuterà a gestire le cose mentre ottimizzi la SEO del tuo blog. Questo ti darà più tempo da dedicare alla creazione di contenuti accattivanti che coinvolgano il tuo pubblico di destinazione.

Ottieni informazioni sulla concorrenza

con Ricerca organica di SEMrush

ADS illustration
Author Photo
Daryana SolntsevaInternational lead presso Semrush Italia, esperta in marketing e relazioni pubbliche. Ama prendere ispirazione da tutti i casi possibili per migliorare il suo lavoro.
Subscribe to learn more about Content Marketing
By clicking “Subscribe” you agree to Semrush Privacy Policy and consent to Semrush using your contact data for newsletter purposes
More about Content Marketing
Cos'è il Content Marketing?Cos‘è il content marketing? Esistono molti tipi di contenuto. Dai blog alle newsletter, dai video ai social, esamineremo i diversi tipi di content marketing e ti spiegherò come utilizzarli per la tua attività. Accomodati e leggi questa guida per conoscere il content marketing!
Come creare un calendario editoriale: una guidaIn questa guida al calendario editoriale riceverai suggerimenti e strategie per creare un calendario dei tuoi contenuti, imparerai cosa rende un calendario editoriale di successo, quali sono i passaggi per crearne uno, vedrai i diversi strumenti che puoi usare e imparerai cosa serve per creare un calendario dei contenuti destinati ai social media.