Come creare le Google Web Stories [Studio 2021]

Chiara Clemente

Oct 28, 20216 min read
Google Web Stories Studio 2021

Google Web Stories è una delle esperienze di ricerca di ultima generazione di Google e un nuovo formato che puoi ospitare sul tuo sito web.

Interfaccia Webstore per CNN, MIC, SBNation, The Washington Post. Fonte: techcrunch.com

Per avere maggiori informazioni sulle Web Stories di Google, noi di Semrush abbiamo deciso di approfondirne i diversi aspetti. Abbiamo quindi analizzato come funziona l'interfaccia per oltre 2.400 risultati di ricerca e creato un esaustivo studio di ricerca per il 2021.

Il nostro studio si è concentrato su diversi aspetti interessanti e alcune delle questioni chiave che abbiamo analizzato sono:

  • Domini più frequenti che compaiono nelle Storie.
  • Posizione più frequente per le Storie nelle SERP.
  • Quantità di testo utilizzata in ogni Web Story.
  • CTA più utilizzata nelle storie.
  • Gli "oggetti" più frequenti che compaiono nelle storie
  • e molto altro!

Cosa sono le Google Web Stories? 

Le Web Stories sono una versione basata sul Web del popolare formato "Storia". I creatori ospitano i propri contenuti e i risultati vengono visualizzati nelle SERP. I creatori possono utilizzare un mix di colori, parole e altro per creare la loro storia.

Le storie web sono supportate dalla tecnologia AMP (Accelerated Mobile Pages) di Google.

Come funziona Google Web Stories?

Il modo migliore per creare Google Web Stories è iniziare con una storia o un'idea che ritieni debba essere vista. Una volta che l'idea è presente, i creatori possono utilizzare vari strumenti per dare vita a quell'idea.

Dopo che la storia è stata creata ed è pronta per essere visualizzata, è il momento di pubblicarla su un sito Web e condividerla. La storia verrà visualizzata sulle piattaforme di Google pertinenti, incluse le funzioni di ricerca e Google Discover. Tieni presente che il carosello delle Storie è attualmente disponibile solo negli Stati Uniti, in India e in Brasile.

Ora che sai cosa sono le Google Web Stories e come funzionano, discutiamo dei risultati del nostro studio di ricerca.

Cosa abbiamo scoperto su Google Web Stories analizzando 2.400 URL

Abbiamo analizzato 2.423 SERP tra marzo e aprile 2021. L'area di ricerca su cui ci siamo concentrati è stata quella degli Stati Uniti e abbiamo esaminato solo i dispositivi mobili.

I dati mettono in risalto e approfondiscono 9 aree essenziali:

  1. Il numero di storie che appaiono su una SERP.
  2. Posizione delle Web Stories sulle SERP.
  3. Domini principali che appaiono nelle Web Stories.
  4. Analisi del testo delle Web Stories.
  5. Il numero di pagine in una Web Story.
  6. Condivisione di video e immagini.
  7. Analisi delle parole chiave.
  8. Call to action dall'ultima pagina delle storie.
  9. Analisi dell'immagine.

Esaminiamo ogni area in dettaglio.

1. Il numero di storie che appaiono su una SERP

Il numero medio di storie apparse su una SERP è stato 3; c'è stata sempre almeno 1 storia in SERP e mai più di 4, mentre il risultato medio per le storie in SERP è stato anche di 4 istanze.

2. Posizione delle Web Stories sulle SERP

Le nostre osservazioni hanno mostrato che nella maggior parte dei casi, la funzione di ricerca delle storie visive appare piuttosto alta in posizione o posizionamento all'interno di un risultato di ricerca, in media intorno alla posizione 5-6 (abbiamo considerato le funzionalità SERP circostanti come se avessero le loro posizioni). Una posizione così prominente rende interessante questa funzione.

img-semblog

Altre funzionalità della SERP che compaiono più comunemente insieme alle Web Stories sono: Le persone hanno chiesto anche, Risultati interessanti, Carosello video, Knowledge Panel e Storie principali.

Funzionalità SERP

% delle SERP

Le persone hanno chiesto anche

34%

Risultati interessanti

19%

Carosello video

12%

Knowledge panel

10%

Storie principali

7%

Le storie visive possono innescare altri eventi in SERP, come "le persone hanno chiesto anche". Il grafico seguente mostra quali eventi vengono attivati e dove.

img-semblog

3. Domini principali che appaiono nelle Web Stories

I risultati che abbiamo ottenuto dal nostro studio sono stati:

  • Il numero totale di URL analizzati è stato di 8 266.
  • Il numero di URL univoci era 1 073.
  • Il numero medio di SERP in cui appare una story è 5.

In media, l'URL di una storia appare su 5 diverse SERP. Ma, secondo il valore mediano, più del 50% delle storie analizzate appare solo su una SERP.

La maggior parte dei domini (21,4%) ha un traffico compreso tra 0 e 5000, quindi anche i piccoli domini tendono a comparire nella funzione SERP delle storie visive.

img-semblog

I 3 domini che appaiono più frequentemente sono amp.travel (nicchia di viaggio), washingtonpost.com (nicchia di pubblicazione), stories.mbl.com (nicchia di sport).

img-semblog

La maggior parte dei domini che appaiono nelle Web stories ha un traffico compreso tra 0 e 20k e al terzo posto troviamo domini che superano i 10 milioni.

4. Il testo delle Web Stories

Il numero medio di parole su una pagina di una Web Story è 22, mentre il numero massimo di parole è 194. L'11% di tutte le pagine non ha testo (abbiamo assunto che le storie con 1-3 parole non avessero testo, e che queste potessero essere, ad esempio, il nome dell'oggetto nella foto).

Se analizziamo i testi, possiamo vedere dalla distribuzione del numero di parole che ci sono due picchi:

  1. Pagine che contengono da 4 a 10 parole: fanno in modo che le persone si concentrino sul contenuto visivo.
  2. Pagine che contengono da 20 a 30 parole: pagine informative che forniscono un testo dettagliato.

Non è popolare inserire un'enorme quantità di informazioni su una pagina poiché le Web Stories sono un mezzo molto visivo. I creatori sembrano puntare a un equilibrio nei contenuti tra belle immagini e testi.

img-semblog

5. Numero di pagine Web in una Story

  • Il numero medio di pagine in una storia è 15.
  • Il numero minimo di pagine è 4.
  • Il numero massimo di pagine è 152.

La maggior parte delle storie contiene circa 14 pagine. La migliore pratica è quella di avere un numero inferiore di pagine, in modo che il lettore segua la storia fino alla fine.

img-semblog

6. Condivisione di video e immagini

Nel corso dell'indagine sulla differenza tra video e immagini statiche, abbiamo riscontrato quanto segue:

  • La quota media di pagine con foto o immagini è dell'84%.
  • La quota media di pagine con video è del 13%.
  • Il numero medio di pagine senza media (solo testo) è del 3%.

Le immagini o le foto statiche sono il tipo di contenuto visivo più comune nelle Web Stories su Google.

Per quanto riguarda i video, abbiamo scoperto che:

  • La durata media di un video è di 12 secondi.
  • La durata minima è di 1 secondo.
  • La durata massima è di 159 secondi.

7. Analisi delle parole chiave 

Il numero medio di parole chiave utilizzate nelle Web Stories su Google è 4, 1 è il numero minimo e 12 è il massimo.

Le parole chiave utilizzate variavano da coda corta a coda lunga. Un esempio di parola chiave a coda corta è "America" e un esempio di parola chiave a coda lunga è "Buone mete dove andare in luna di miele negli Stati Uniti".

L'argomento delle parole chiave che ha generato più Stories era legato alla nicchia dei viaggi. Anche le parole chiave nelle nicchie di ricette, moda e giochi hanno generato storie visive, ma la maggior parte erano legate ai viaggi.

Volumi delle parole chiave che generano Stories

Il volume medio mensile delle parole chiave di ricerca che genera storie visive è 34,238.

img-semblog

La maggior parte delle parole chiave che generano Web Stories non sono ad alto volume. Ci sono tante piccole parole chiave tematiche che innescano storie.

img-semblog

8. Call to action dall'ultima pagina delle Storie

L'obiettivo dell'ultima pagina di una storia è condurre il lettore al dominio principale che ha creato la storia stessa. Le frasi di invito all'azione più comuni utilizzate sono state le seguenti:

Call-to-action

Frequenza

Per approfondire

1098

Leggi di più

991

Leggi l'articolo

897

Scopri di più

736

Esplora di più

710

Altro su

528

Dai un'occhiata

498

Il miglior

343

Clicca qui

330

Il pulsante sottostante 

244

Trova altro

191

9. Analisi dell'immagine 

I colori statisticamente più usati nelle immagini sono le sfumature di grigio-blu e i colori tenui del marrone/beige.

KslIK8XrUUboRyCNk9-8GL_OWSf4tS0mZHbiwrUs5Rt5LUdgkKaV0V6Qh95sVQyPP_YbOt39dKMeoxyV4FeyNtB81ucGAqyxWfvWfg2QmZ3Cd8D_7NEqJh8TdnmirKeAREnOnYy4

Le persone sono presenti nel 67% delle Google Web Stories.

Altri oggetti popolari nelle Storie sono:

  • "Cose di tutti i giorni", che includono articoli come laptop e notebook.
  • "Casa e giardino", per lo più mobili.
  • "Cibo" include cibo e stoviglie.
  • "Strada", comprese strade e segnali stradali.
img-semblog

Principali risultati dello studio

  • Da febbraio 2021, sono state attivate storie visive su 2423 SERP.
  • La posizione media per le Web Stories sulle SERP è intorno alle posizioni 5 e 6.
  • In media, l'URL di una storia appare su 5 diverse SERP.
  • L'11% di tutte le pagine delle storie non ha testo.
  • La quota media di pagine con immagini è dell'84%, quella con i video è del 13% e le pagine di solo testo sono il 3%.
  • La durata media di una Storia web basata su video è di 12 secondi.
  • Per le parole chiave, l'argomento più popolare che genera storie visive è legato alla nicchia dei viaggi. Anche le parole chiave nelle nicchie di ricette, moda e giochi generano storie visive.

Le Google Web Stories hanno una posizione favorevole nelle SERP e, con l'esplosione del trend della comunicazione visiva digitale (Snapchat, Tik Tok, ecc.), è una strada che vale la pena esplorare per aumentare la visibilità e indirizzare più traffico significativo al tuo sito Web, soprattutto se sei un editore di notizie, una piattaforma di viaggi e di notizie sportive.

Author Photo
Chiara ClementeA digital marketer with a real passion for videos. I found my dimension in Semrush by creating engaging video content that helps digital marketers all over the world develop their online visibility with actionable advice.
Subscribe to learn more about Original Research
By clicking “Subscribe” you agree to Semrush Privacy Policy and consent to Semrush using your contact data for newsletter purposes