it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Invia il post
Torna ai giochi
Amplia le tue conoscenze:
WordPress

Come ottimizzare WordPress per la SEO: la mia lista di plugin e tool

44
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.

Come ottimizzare WordPress per la SEO: la mia lista di plugin e tool

Jader Liberatore
Come ottimizzare WordPress per la SEO: la mia lista di plugin e tool

Hai pubblicato numerosi contenuti di qualità sul tuo sito internet ma non ottieni il traffico desiderato: sei sicuro che Google stia "leggendo" ciò che leggi anche tu? 

Maggiori info Crawler: 18 motivi per cui non indicizzano il tuo sito Post Elena Terenteva

Molto spesso alla base di una cattiva indicizzazione di un sito internet e di uno scarso posizionamento nei risultati di ricerca, ci sono dei problemi strutturali e di comunicazione con il motore che impediscono di scansionarlo e quindi, di interpretare correttamente il contenuto delle pagine pubblicate.

Infatti, un'errata configurazione del file robots.txt, l'assenza dei tag title e description o un server che fornisce le pagine molto lentamente, impedirebbero anche al miglior contenuto di essere promosso nelle SERP.

Vediamo insieme 7 strumenti indispensabili per ottimizzare lato SEO il tuo sito WordPress e migliorare la sua visibilità su Google.

1. Yoast SEO

Il plugin Yoast SEO può aiutarti a migliorare il posizionamento del tuo sito

Con oltre 5 milioni di installazioni attive, Yoast SEO è tra i plugin preferiti da chi possiede un sito WordPress poiché consente di inserire il meta title, meta description e altre informazioni utili per i motori di ricerca in maniera semplice e veloce, mostrando all'autore l'anteprima dello snippet di come apparirà il contenuto tra i risultati di Google.

Tra le impostazioni principali del tool, c'è anche la possibilità di attivare la generazione automatica della sitemap, editare il file robots.txt, aggiungere gli attributi nofollow e noindex per le pagine di categoria e tag, mostrare le breadcrumbs e collegare la Search Console di Google.

2. WP Super Cache

WP Super Cache

Maggiori info Ricerca sulle prestazioni dei siti web | Studio SEMrush 2018 Post Elena Terenteva

La velocità di caricamento di un sito è fondamentale per posizionarsi in vetta ai risultati di ricerca (a patto che i contenuti siano veramente esaustivi) per consentire allo spider di Google di non sprecare crawl budget durante la scansione del sito e consentire agli utenti di caricare le pagine velocemente, anche se non dispongono di una rete internet veloce.

Se ritieni che il tuo sito sia piuttosto lento, assicurati di non avere attivato troppi plugin ed eventualmente provvedi ad acquistare un hosting performante, ma soprattutto installa e configura correttamente un plugin per gestire la cache del sito ed impedire che ogni visitatore faccia sprecare risorse hardware inviando numerose richieste al server.

WP Super Cache è tra i migliori plugin di cache per WordPress più facili da configurare ed efficaci per migliorare le prestazioni in termini di caricamento. Nonostante sia in lingua inglese, le impostazioni del plugin sono piuttosto intuitive ma vanno settate in maniera strategica e corretta per evitare di peggiorare le performance. Tuttavia sono disponibili numerosi video tutorial e articoli informativi su come configurare la cache utilizzando questo plugin ed altre valide alternative.

3. Schema – All In One Schema Rich Snippets

Rich Snippet

Se stai analizzando i competitor nella tua nicchia e in alcune SERP noti la presenza di informazioni aggiuntive tra l'URL della pagina e la sua descrizione, ti trovi di fronte a un Rich Snippet, ossia uno snippet più completo rispetto a quello classico che siamo abituati a vedere. Infatti, già da qualche anno, Google è in grado di interpretare i dati strutturati (in forma di microdati, microformati e RDFa) forniti dai vari siti internet per mostrare i risultati con il maggior numero di informazioni possibili tra cui la votazione dell'articolo, il tempo richiesto per terminare la procedura descritta al suo interno o il prezzo e la disponibilità di un prodotto in vendita.

Ottieni le SERP feature

Sfruttando i tool di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Maggiori info Il metodo SMR: una guida pratica alla implementazione di dati strutturati Post Dan Kempes

Per implementare i dati strutturati nel tuo sito WordPress, il plugin Schema - All In One Schema Rich Snippets è una soluzione molto efficace e comoda da utilizzare. Adatto per le pagine web dedicate a tutorial, ricette, eventi e prodotti, questo plugin ti consentirà di comunicare al motore di ricerca informazioni aggiuntive agli utenti che ti potranno beneficiare sul CTR e quindi ad aumentare le visite.

4. Redirection

Redirection

Il Crawl Budget di Google va gestito in maniera molto parsimoniosa e non dev'essere assolutamente sprecato: pena una cattiva indicizzazione del nostro sito web e un cattivo posizionamento. Se tra i link presenti all'interno delle pagine di un sito internet (che siano interni o esterni) ci sono collegamenti rotti o reindirizzati verso pagine errate, stiamo sprecando parte del budget giornaliero che lo spider di Google mette a disposizione per visitare le nostre pagine, oltre che a peggiorare l'esperienza dei lettori e impedire che la link juice possa propagarsi in maniera corretta sull'intera struttura del sito.

Per sopperire a questo problema, il plugin Redirection può risultare una soluzione valida per gestire gli errori 404 e creare redirect 301 per i contenuti spostati altrove. È inoltre in grado gestire i dati da file .htaccess ed esportare le regole URL rewrite per i web server Nginx.

I tuoi link funzionano perfettamente?

Scoprilo con il report Internal linking di Site Audit

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

5.  WP Nofollow Post

WP Nofollow Post

È buona norma fornire ai lettori collegamenti utili a pagine di approfondimento o alla fonte delle informazioni che stiamo riportando nella pagina, a maggior ragione se si tratta di domini molto autorevoli come Wikipedia, testate giornalistiche di rilievo e risorse scientifiche.

Maggiori info Link Dofollow Vs Nofollow: segnali e conseguenze Post Monica Brignoli

Ma tra i tanti link in uscita del nostro sito web potrebbero esserci collegamenti a pagine commerciali in affiliazione e siti poco attendibili: in questo caso, è buona abitudine aggiungere l'attributo nofollow per comunicare a Google che si tratta di una risorsa che preferiamo non accreditare.

Per aggiungere questo attributo è necessario scrivere le URL in questo modo <a href="indirizzoweb" rel="nofollow">pagina di destinazione</a> ma poiché digitare questa stringa potrebbe essere piuttosto costoso in termini di tempo (soprattutto per i siti con migliaia di pagine), il plugin WP Nofollow Post è di notevole aiuto.

È sufficiente installare il plugin e abilitarlo dalle impostazioni per aggiungere l'attributo nofollow a tutti i link in uscita presenti nelle pagine del nostro sito; successivamente ti basterà elencare quali domini escludere dalla funzione, per renderli nuovamente dofollow e trasferire autorevolezza.

6. Contextual Related Posts

Contextual Related Posts

I link interni ad articoli correlati di approfondimento sono uno strumento potente per migliorare il posizionamento organico, far notare a Google che siamo esperti su un topic specifico, abbassare il tasso di rimbalzo e aumentare la permanenza degli utenti sulle nostre pagine.

Oltre ad inserire dei collegamenti nel corpo degli articoli, potrebbe essere utile fornire approfondimenti in sidebar o alla fine di un contenuto: Contextual Related Posts è il plugin più apprezzato dai blogger per svolgere questa attività in maniera automatica e intelligente.

Permette infatti di settare le impostazioni di affinità dei contenuti in maniera chirurgica, consentendo l'esclusione delle pagine e dei post con determinati tag o appartenenti a specifiche categorie e dandoci la possibilità di scegliere dove mostrare gli articoli correlati ordinandoli per rilevanza.

7. Screaming Frog Spider

Screaming Frog Spider

Continuando a parlare di link building interna e spider di Google, l'ultimo strumento SEO non è un plugin ma un software a pagamento disponibile per i sistemi operativi Windows e macOS.

Simile alla funzione Site Audit di SEMrush, Screaming Frog Spider è in grado di scansionare in maniera completa e approfondita un sito web, fornendoci una serie di informazioni sulla lunghezza dei contenuti, la profondità di una pagina rispetto alla homepage, la presenza di titoli duplicati o link rotti o reindirizzati verso pagine errate.

L'interfaccia grafica è piuttosto tecnica e poco user-friendly, ma basterà utilizzare il programma con maggiore frequenza per scoprire tutte le funzioni messe a disposizione e avere la conferma che si tratta di un eccellente simulatore dello spider di Google.

Scansiona ora il tuo sito

Con Site Audit di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Devi usare questi strumenti e plugin subito?

Assolutamente no! Sebbene i plugin SEO suggeriti in questo articolo possano aiutarti a svolgere determinate attività in minor tempo, l'uso eccessivo impatta negativamente sulle performance dell'hosting o server dedicato che stai utilizzando. Pertanto, procedi alla loro installazione solo se ritieni sia necessario implementare determinate funzioni nel tuo sito internet o se eventuali interventi manuali richiedono una mole di lavoro insostenibile per essere svolta senza automatismi.

E tu di quali tool e plugin per la SEO non potresti mai fare a meno per gestire il tuo sito WP?

Raccontami le tue preferenze, magari mi aiuti a scoprirne qualcuno che non conosco!

Preview: Toolkit SEMrush per la SEO

Una SEO di successo richiede molte attività collegate tra loro su tutti i fronti: concorrenza, parole chiave, link building, ottimizzazione on-page e tecnica. Questo crea la necessità di vari strumenti, il che può risultare costoso. SEMrush risolve questo problema con il suo pluripremiato toolkit tutto in uno che include 17 strumenti per coprire tutti i campi della SEO. Questo e-book ti...

Ottieni il PDF gratuito

Jader Liberatore
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

Jader Liberatore è un consulente SEO e web marketing freelance.

Appassionato di fotografia e musica jazz, è il fondatore e autore unico di MelaRumors.com.

Nel corso degli ultimi 10 anni ha collaborato con HOEPLI, TrenDevice, IK Multimedia ed altri brand per promuovere i loro servizi e prodotti sul web.
Collabora come autore esterno con Forbes, Vanity Fair, Wired e altre testate giornalistiche italiane.
Amplia le tue conoscenze:
WordPress
Condividi il post
o

Commenti

2000
Davide Marzorati
Entusiasta

Ogni tanto prende parte alle conversazioni.

proverò Contextual Related Posts mi sembra un buon consiglio!
Monica Brignoli
editorialista

Gli editorialisti di SEMrush sono autori che hanno dimostrato la loro esperienza nel marketing digitale e contribuiscono regolarmente alla nostra comunità.

editorialista
Ciao Jader, articolo interessante. Che plugin mi consigli per generare la sitemap in modo che contenga elementi in più, come ad esempio le priorità? Yoast non lo consente e molti mi danno problemi ultimamente. Grazie!
Jader Liberatore
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

Monica Brignoli
Ciao Monica, sebbene la priorità di scansione indicata in sitemap sembrerebbe non avere più peso per lo spider di Google, se vuoi comunque specificarla per le sezioni del tuo sito, puoi usare il plugin "Google XML Sitemaps" di Arne Brachhold, ricordandoti di disattivare la generazione della sitemap da Yoast o altri plugin che stai usando e di inviare a Google il file aggiornato, rimpiazzando il precedente.
Hai già usato questo plugin?
alessandro civera
Aiutante

Un membro esperto, sempre lieto di dare una mano.

io aggiungere nella lista anche un plugin per la generazione di pagine AMP, utilizzo Accelerated Mobile Pages e mi trovo molto bene nella gestione del mio blog personale.
Jader Liberatore
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

alessandro civera
Grazie Alessandro, certo per chi vuole usare questa tecnologia per fornire i suoi contenuti è un plugin abbastanza buono.
Hai riscontrato notevoli benefici con l'uso di AMP? E in relazione alla monetizzazione e AMP, hai notato cambiamenti particolari?

Grazie!
alessandro civera
Aiutante

Un membro esperto, sempre lieto di dare una mano.

Jader Liberatore
Ciao, premetto che il mio blog di attività outdoor è stato aperto a inizio mese con lo scopo di vedere e provare a posizionare sui motori di ricerca i miei contenuti relativi ad escursioni e altre attività simili. Avendo ben in mente cosa volevo fare il plugin è attivo dal giorno zero e quindi sta lavorando pari passo con l'indicizzazione "normale" e non avendo un grande traffico non ho alcun riscontro in termini di monetizzazione anche perche non ho ancora attivato alcun programma di GoAdsense. Diciamo che sto cercando di lavorare piu sulla parte dei contenuti e sulla corretta struttura del sito per "piacere" il più possibile a Big G :)
Jader Liberatore
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

alessandro civera
Ottimo, non ti resta che pubblicare contenuti di qualità, ottimizzarlo per i motori di ricerca e successivamente candidarlo a Google AdSense o altre piattaforme utili che ti potranno aiutare a monetizzare.
alessandro civera
Aiutante

Un membro esperto, sempre lieto di dare una mano.

Jader Liberatore
Proprio quello il percorso che mi son disegnato in fase di progettazione, ho voluto mettere in pratica le mie competenze lavorative per un progetto personale cosi da nn avere limiti di budget visto che molto spesso i clienti non si vogliono mai sbilanciare... :)
Giovanni Giaccio
Maestro

Un veterano della community.

Una lista utilissima, Jader. Devo fare una premessa, il mio blog è totalmente artigianale (credo che tu e gli altri programmatori potreste malmenarmi per come è stato messo su) perciò ho scelto pochissimi plugin tipo: Elementor, HubSpot e Yoast. Per il resto non ho nulla.
Tra questi che citi tu, c'è qualcuno che potrebbe andare in conflitto? Se mi crasha il sito, oltre imprecare non ho molte chance.
Jader Liberatore
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

Giovanni Giaccio
Ciao Giovanni, grazie per il tuo contributo.
Hai fatto bene ad attivare pochi plugin - infatti nell'articolo sconsiglio di usarne tanti - e credo che quelli elencati non vadano in conflitto con quelli che utilizzi: ma usali solo se davvero necessari.
In linea di massima, evita di usare plugin che svolgono le stesse funzioni; ad esempio più page builder, plugin che aggiungono i pulsanti social, creano sitemap o redirect o quelli di gestione cache: in questi casi, usa un solo plugin per attività.
Giovanni Giaccio
Maestro

Un veterano della community.

Jader Liberatore
Grazie mille Jader, le seguirò! Mi conforta sapere di aver fatto cose giuste...

Invia un feedback

Your feedback must contain at least 3 words (10 characters).

Useremo questa email solo per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Thank you for your feedback!