Ricerca sulle prestazioni dei siti web | Studio SEMrush 2018

64
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Ulteriori informazioni

Ricerca sulle prestazioni dei siti web | Studio SEMrush 2018

Questo post è in Italiano
Elena Terenteva
Questo post è in Italiano
Ricerca sulle prestazioni dei siti web | Studio SEMrush 2018

La velocità di caricamento delle pagine è letteralmente la prima cosa che noti quando visiti un sito Web. Ma ci fai caso solo se il sito web è troppo lento.

La velocità è una parte importante dell'esperienza utente, quindi non c'è da meravigliarsi che sia diventata ufficialmente un fattore di ranking per le ricerche su dispositivi mobili, dopo esserlo stato per anni anche per le ricerche da desktop.

Numerosi studi sulla correlazione tra velocità di caricamento delle pagine e frequenza di rimbalzo hanno portato a conclusioni piuttosto allarmanti: ogni millisecondo può fare la differenza. Con la nostra nuova ricerca sulle prestazioni dei siti web, abbiamo voluto dimostrare che si può porre rimedio alle statistiche più scoraggianti e che c'è molto margine per migliorare le prestazioni di un sito web.

Il nostro studio ti aiuterà a strutturare il tuo flusso di lavoro quando gestisci l'ottimizzazione delle prestazioni del tuo sito. In particolare, ti mostreremo quali sono gli errori più importanti e quali di essi devono avere la priorità nel processo di correzione.

Metodologia

Per questo studio abbiamo analizzato 150.000 siti web casuali (sia per desktop che per dispositivi mobili) e ne abbiamo valutato le prestazioni. Per raccogliere i dati abbiamo utilizzato il nuovo rapporto sul rendimento (Performance report) del tool Site Audit di SEMrush, che fornisce statistiche utili sui nove problemi più comuni che influiscono sulle prestazioni di un sito web.

Risultati sorprendenti

Per noi é stata una vera sorpresa scoprire che un’altissima percentuale dei siti web analizzati, l’82%, ha problemi che influiscono in modo significativo sulle proprie prestazioni. Ciò rende i problemi relativi alle performance tra i più comuni sui siti web.

Non solo: il 44% dei siti web analizzati presenta almeno un problema critico (in base alla classificazione di gravità del problema di Site Audit).

Come nota positiva, abbiamo rilevato che la maggior parte dei siti web che presentano problemi di prestazioni possono migliorare il loro rendimento utilizzando semplici tecniche di ottimizzazione delle pagine e una semplice configurazione del server.

Ora esamineremo più da vicino i problemi riscontrati, per poi suggerirti alcuni metodi collaudati per eliminarli.

Infografica: ricerca SEMrush 2018 sulle cause che rallentano la velocità di un sito

Verifica le prestazioni del tuo sito web

con Site Audit di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Speriamo che questi dati ti aiuteranno a stabilire le priorità del tuo lavoro e stimare il numero e la gravità dei problemi che possono verificarsi sul tuo sito web.

Diamo un'occhiata al processo da seguire per affrontare questi problemi. Per semplificare, abbiamo suddiviso le nostre raccomandazioni in tre gruppi:

  • Sistema i redirect

  • Snellisci le pagine

  • Aumenta le prestazioni del server

Sistema i redirect

Iniziamo con un compito facile. Le catene e i loop di redirect sono problemi classici che rallentano le prestazioni dei siti web. Se non vuoi mettere alla prova la pazienza dei tuoi utenti, cerca di evitarli sul tuo sito.

Inoltre, le catene di redirect confondono i bot; il loro budget per la scansione delle tue pagine è limitato e a ogni redirect la pagina perde un po’ del suo rank. Se vuoi approfondire la questione, di seguito è riportato un ottimo video di Matt Cutts sui redirect.

Se una pagina contiene 3 o più redirect, o un loop, il nostro Site Audit lo segnala.

Secondo il nostro studio solo il 7% dei siti web analizzati presenta questo problema.

Ma i redirect da una pagina all'altra sono spesso necessari, ad esempio in caso di rebranding di un sito web, di migrazione a HTTPS, quando si cerca di eliminare pagine duplicate (ad esempio, le versioni "www" e "non-www") e in molti altri casi. Più il tuo sito crescerà nel tempo, più difficile sarà mantenere pulita la sua struttura. I redirect tendono ad accumularsi e a creare catene; più link ci sono, più tempo ci vorrà per arrivare alla pagina di destinazione. Questo è il motivo per cui devi prestare particolare attenzione quando implementi i redirect “imprescindibili”.

Snellisci le pagine

Più una pagina è pesante e contiene risorse, più tempo impiegherà a caricarsi. È importante assicurarsi che le dimensioni della pagina e quelle dei file JS e CSS non superino i 2 MB (dimensione di trasferimento). Il nostro Site Audit segnala un errore per qualsiasi valore superiore a 2 MB. Anche se questo limite è sufficiente per consentire a una pagina di "vivere la sua vita al massimo", l'1% dei siti web analizzati presenta questo problema. Se ti trovi in questo 1%, ti consigliamo di mettere la tua pagina a dieta e di mantenere le sue dimensioni sotto i 2MB.

Immagini e video costituiscono la parte più importante del peso di una pagina, quindi dovrebbero essere il tuo punto di partenza. La modifica del formato, della risoluzione o della qualità può ridurre notevolmente il peso della tua pagina. Inizia chiedendoti se questi elementi apportano un valore reale agli utenti e ricorda che a volte less is more.

La nostra ricerca ha rivelato un deludente 68% di siti web con file JavaScript e CSS non minimizzati.

Snellire i file JavaScript e CSS (rimuovendo le linee non necessarie, lo spazio bianco e i commenti nel codice sorgente) ti permetterà di ridurre la dimensione delle tue risorse e quindi il loro tempo di caricamento, fornendo una migliore esperienza utente e migliorando il posizionamento delle tue pagine nei motori di ricerca. Il codice JavaScript può essere minimizzato (sottoposto al processo Minify) utilizzando due strumenti popolari: JSMin e YUI Compressor. YUI può anche minimizzare i file CSS. Closure Compiler è un altro pratico strumento che analizza il tuo JavaScript, rimuove il dead code e riscrive e minimizza ciò che rimane. L'offuscamento è un altro metodo di riduzione delle dimensioni, leggermente più efficace del Minify, anche se un po’ più rischioso per la generazione di bug a seguito dell’offuscamento stesso.

Oltre a ridurre script e stili, non dimenticare di comprimere i file HTML, CSS e Javascript utilizzando risorse come gzip o deflate. Questo ridurrà le loro dimensioni della metà o anche di più.

In base ai report State of JavaScript e Page Weight, che forniscono statistiche sull'utilizzo di JavaScript e CSS sul Web sia per le esperienze mobile che desktop, una pagina web media contiene 25 richieste di risorse (rispettivamente 20 richieste JS e 5 CSS).

Il nostro strumento Site Audit contrassegna con un errore una pagina che contiene "Troppi file JavaScript e CSS" se questa ne contiene più di 100, che non sono pochi.

Nel nostro studio l'1% dei siti web analizzati ha troppi file JavaScript e CSS!

Assicurati di non sovraccaricare la pagina con i file JavaScript e CSS. Generalmente, meno richieste ricevi, meglio è, quindi mantenendoti al di sotto delle 100 richieste sei al sicuro. Inoltre, tieni in considerazione l'unione di più file CSS e JS in singoli file per velocizzare il processo di caricamento.

Troverai molte informazioni utili su come condensare il tuo sito web nelle seguenti risorse:

Aumenta le prestazioni del server

Una delle cause della bassa velocità di caricamento è una grande dimensione della pagina HTML. Tuttavia, come abbiamo visto nel paragrafo precedente, solo l'1% dei siti web analizzati si trova in questa situazione. Quindi da dove proviene l'altro 42% dei problemi relativi alla velocità di caricamento di una pagina web? Molto spesso dipende dal server.

Se il server non è efficiente, la pagina web a cui si sta tentando di accedere verrà caricata lentamente. È necessario quindi rivedere il servizio di hosting e il pacchetto di servizi scelto; se è inadeguato, cambia il fornitore o prendi in considerazione la possibilità di procurarti un server dedicato. Scopri di più su come scegliere il miglior provider di web hosting.

Lo stesso vale per i siti web per mobile. In realtà, in questo caso il fattore velocità è ancora più critico in quanto l’utente è spesso in movimento. La calcolatrice di Think with Google ti aiuterà a stimare l’impatto che il miglioramento della velocità del tuo sito potrebbe avere sulle tue entrate.

Vi sono, tuttavia, anche altri fattori che possono rallentare la risposta del tuo server, come la logica delle applicazioni, le query lente del database, il routing lento, i framework, le librerie, un processore troppo lento per eseguire efficacemente il codice (CPU-starved) o un'insufficiente velocità di accesso alla memoria. Utilizza questi consigli di Google Developers su come gestire questi problemi e migliorare i tempi di risposta del server.

Come indica la nostra ricerca, il 25% dei siti web analizzati ha file JavaScript e CSS che non sfruttano la tecnologia di caching.

Questo problema si verifica se la memorizzazione nella cache del browser non è specificata nell'intestazione della risposta. In parole povere, non riuscendo ad abilitare il caching del browser, gli utenti scaricheranno gli stessi file ogni volta che visiteranno la tua pagina.

Abilitando la memorizzazione nella cache per i file JavaScript e CSS i browser potranno riutilizzare le risorse della pagina senza doverle nuovamente scaricare quando questa verrà richiesta. In questo modo, il browser scaricherà meno dati, riducendo il tempo di caricamento della pagina.

Con questa semplice soluzione, più di un quarto dei siti web investigati potrebbero avere prestazioni significativamente migliori.

Correggi gli errori che rallentano il tuo sito

Ci sono molti fattori che rallentano la velocità di una pagina web e occuparsi di tutti manualmente è un compito insostenibile, ma puoi sempre ricorrere a strumenti specializzati.

PageSpeed Insights di Google è un ottimo punto di partenza; è gratuito, funzionale e fornisce rapporti sia per le versioni mobile che per quelle desktop del tuo sito. Un ulteriore vantaggio è che si concentra sui problemi ritenuti importanti da Google stesso.

PageSpeed di Google

Google utilizza i dati dell'esperienza utente di Chrome per valutare se la pagina è veloce, lenta o media in termini di velocità di caricamento. Sfortunatamente, questo significa che sarai in grado di ottenere informazioni solo su siti web che ricevono traffico sufficiente dagli utenti di Chrome, mentre per siti web di dimensioni minori i dati potrebbero non essere disponibili.

Se ottieni come risultati Slow e Average ti verranno forniti suggerimenti di ottimizzazione: a tua disposizione avrai un elenco di best practice per velocizzare la pagina. Questa lista merita sicuramente di essere esaminata, ma con una certa distanza critica: inseguire il punteggio perfetto potrebbe solo farti perdere tempo e creare un'esperienza utente negativa.

Per un'analisi approfondita e flessibile del tuo sito, che vada anche oltre i problemi di performance, ti suggerisco lo strumento Site Audit di SEMrush:

Site audit di SEMrush analizza le prestazioni del tuo sito web

Il Report Performance di Site Audit ti fornirà grafici statistici per avere un'idea generale dei problemi tecnici del tuo sito web; lo strumento ti spiegherà in cosa consiste ogni problema e come puoi risolverlo.

L'elenco dei problemi è suddiviso per gravità in Errori, Avvertimenti e Avvisi; questo ti aiuterà a dare precedenza agli errori più critici.

Il Report Performance ti consente inoltre di connettere il tuo account Google Analytics per ottenere ulteriori informazioni sull'esperienza utente (Tempo di interazione medio della pagina di Google Analytics):

Il Report performance di Site audit di SEMrush

Come puoi vedere, con le dovute modifiche e la giusta configurazione, accelerare il tuo sito web è abbastanza semplice. Verifica parti specifiche del tuo sito, utilizza rapporti tematici e segui i nostri consigli per risparmiare risorse e ottenere i migliori risultati con il minimo sforzo! Inoltre, puoi sempre tenere traccia dei tuoi progressi monitorando il tuo Punteggio di rendimento nella parte superiore del rapporto.

E il tuo sito web presenta qualcuno dei problemi mostrati?

Utilizza la sezione commenti qui sotto per condividere link che possono aiutare altre persone a risolvere i problemi di prestazioni dei loro siti web - creiamo un’utile libreria sull’argomento!

Inoltre, sentiti libero di condividere le tue migliori pratiche per migliorare la velocità di un sito web.

Verifica le prestazioni del tuo sito web

con Site Audit di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Ti piace questo post? Seguici su RSS e leggi tanti altri post interessanti:

RSS
Elena Terenteva, Product Marketing Manager at SEMrush. Elena has eight years public relations and journalism experience, working as a broadcasting journalist, PR/Content manager for IT and finance companies.
Bookworm, poker player, good swimmer.
Condividi il post
o
2000 simboli rimanenti

Iscriviti al Blog SEMrush per ricevere contenuti preziosi direttamente nella tua casella di posta

Grazie!

La tua registrazione al nostro blog è stata eseguita correttamente.