Cosa sono le parole chiave LSI e hanno rilevanza?

Connor Lahey

Jun 21, 20219 min read
Cosa sono le parole chiave LSI

Le parole chiave di indicizzazione semantica latente, o LSI (Latent Semantic Indexing), sono un punto di contesa all'interno della comunità SEO. Molti non sono sicuri di cosa siano e se effettivamente aiutino un sito web a migliorare il proprio posizionamento su Google.

Sicuramente ci sono una miriade di idee e affermazioni sbagliate riguardanti queste tipologie di keyword.

Noi vogliamo chiarire questa confusione e aiutarti a capire cosa sono le parole chiave LSI e se sono importanti o meno. In questa guida, approfondiremo ciò che le riguarda, esaminando in particolare:

  • Cosa sono le parole chiave LSI?
  • Cos'è l'indicizzazione semantica latente?
  • Google vs. Parole chiave LSI
  • Le parole chiave LSI nella pratica
  • Come trovare parole semanticamente correlate per i tuoi contenuti

Cosa sono le parole chiave LSI?

Le parole chiave LSI (Latent Semantic Indexing) sono parole correlate a una keyword principale e viste come semanticamente rilevanti. Se la keyword principale della tua pagina è "carte di credito", le parole chiave LSI potrebbero essere "denaro", "punteggio di credito", "limite di credito" o "tasso di interesse".

Non stiamo parlando, però, di sinonimi (parole diverse che significano la stessa cosa). Ma di parole strettamente correlate che aiutano a definire l'argomento di una pagina.

Noi di Semrush, le chiamiamo "parole semanticamente correlate" e se vuoi che le tue pagine web si posizionino nelle SERP, non puoi ignorare l'importanza di includerle nei tuoi contenuti.

Google è andato oltre l'indicizzazione di una pagina basata su singole parole chiave (che è ciò che accadeva in passato). I suoi algoritmi usano parole chiave strettamente correlate per dare contesto al contenuto, soprattutto quando c'è ambiguità. 

In passato, Google cercava le occorrenze di una parola chiave su una pagina per determinarne la pertinenza rispetto a una query. Tornando all'esempio precedente, se la tua pagina riguardava le carte di credito, questa era la parola chiave usata per determinarne la pertinenza rispetto a una query e, in una forma semplicistica, più era menzionata, meglio era. 

Tuttavia, questo non era un modo accurato per determinare la pertinenza di una pagina e portò alla pratica del keyword stuffing e all'ossessione per la densità delle parole chiave. Il motore di ricerca doveva evolvere, a partire dal concetto che le parole correlate semanticamente potevano aiutare a definire un argomento meglio del numero di volte in cui veniva menzionata una parola chiave. 

Ora, nel 2021, l'ottimizzazione deve riguardare anche gli argomenti e non solo parole chiave specifiche, cosa che diventa evidente quando si analizzano le query di ricerca per cui si classificano le pagine più performanti.

Ne abbiamo una prova nell'immagine a continuazione, dove la pagina analizzata si classifica per 2.800 parole chiave diverse:

Allora, perché il dibattito sulle parole chiave LSI?

Tutto si riduce al fatto che Google ha confermato in diverse occasioni che non esistono. Anche noi abbiamo scritto molto su questo argomento e concluso che è un mito.

Ma attenzione a non decontestualizzare la faccenda. Usare parole chiave correlate nei tuoi contenuti è importante: farlo ti permette di lanciare una pagina che copre in modo completo un argomento, e questa è la chiave del successo. 

Chiamarle parole chiave LSI non è necessariamente corretto, ma è l'idea sottostante che conta.

E anche se le parole chiave LSI non esistono nel vero senso della parola, la comprensione dell'indicizzazione semantica latente può sicuramente aiutarti a creare contenuti migliori che si posizionano bene nelle SERP.

Cos'è l'indicizzazione semantica latente?

Conosciuta anche come Latent Semantic Analysis, LSI è una tecnica di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) sviluppata negli anni '80 per identificare la relazione contestuale tra le parole.

In breve, l'indicizzazione semantica latente "trova la relazione nascosta (latente) tra le parole (semantica) al fine di migliorare la comprensione delle informazioni (indicizzazione)."

Comprendere il contenuto di una pagina può aiutare a determinarne l'argomento, in base al modo in cui viene utilizzata la lingua. 

In teoria, ha senso che Google possa utilizzare questa tecnica per comprendere in particolare i sinonimi e che il loro uso in un contenuto aiuti il motore di ricerca a capire meglio l'argomento.

La polemica che circonda l'uso della frase "parole chiave LSI" non è tanto rivolta all'importanza di scrivere contenuti che parlino di ciò che ti aspetteresti di vedere su una pagina su un determinato argomento, ma piuttosto al fatto che non c'è prova che Google utilizzi l'indicizzazione semantica latente per questo scopo. 

LSI è ormai una tecnologia obsoleta, sviluppata per set di documenti più piccoli, non per l'intero Web. 

Detto questo, la semantica è la chiave per capire come i motori di ricerca comprendono una pagina di contenuto. Non si può negare che scrivere in modo approfondito su un argomento dovrebbe comportare l'uso di parole semanticamente correlate e sinonimi. 

Ottieni keyword semanticamente correlate

con SEO Content Template

ADS illustration

Google vs. Parole chiave LSI

Come abbiamo già detto, Google ha confermato che le parole chiave LSI non esistono e anche altri membri della community SEO hanno ribadito questo concetto.

john mueller lsi keywords

Per comprendere questo commento un po' più nel dettaglio, diamo un'occhiata a questo post in cui Bill Slawski si chiede se Google utilizzi o meno LSI. 

Dall'analisi di Bill sull'argomento si può capire che, come accennato in precedenza, LSI è una tecnologia obsoleta (in effetti, esiste da prima del web), ma che il motivo per cui se ne parla spesso nell'ambito della SEO riguarda il modo in cui Google può comprendere sinonimi e parole semanticamente correlate.

In effetti, se diamo un'occhiata al brevetto originale LSI, possiamo vedere che:

Poiché l'uso delle parole umane è caratterizzato da un'ampia sinonimia e polisemia, gli schemi di semplice corrispondenza dei termini hanno grossi difetti: punti rilevanti vengono trascurati perché persone diverse descrivono lo stesso argomento usando parole diverse e punti irrilevanti vengono evidenziati perché una stessa parola può avere significati diversi.

La semplice corrispondenza dei termini non è un modo efficace per indicizzare i contenuti sul Web.

Solo perché Google cerca di capire le parole semanticamente relazionate quando indicizza una pagina web non significa che l'indicizzazione semantica latente sia la tecnologia che utilizza. Tutt'altro, e tra le altre prove che Bill condivide ci sono testi di Google sulla modellazione semantica di argomenti, che non fanno riferimento a LSI. 

Tuttavia, solo perché non ci sono prove che Google utilizzi l'indicizzazione semantica latente come tecnologia per comprendere la relazione tra le parole e capire l'argomento di una pagina, ciò non significa che non venga usata in un altro modo. Possiamo essere certi che i contenuti che si collocano in cima alle SERP di solito coprono un argomento in modo sufficientemente approfondito e dimostrano autorità e competenza. 

Indipendentemente dal fatto che le parole chiave LSI siano il modo giusto per descrivere questo meccanismo, è chiaro che devi considerare attentamente le parole che usi per aiutare Google a comprendere l'argomento dei tuoi contenuti. 

Le parole chiave LSI nella pratica

Ora che abbiamo esaminato le parole chiave LSI un po' più in dettaglio, diamo un'occhiata a cosa sono in pratica e come entrano in gioco quando si creano e si ottimizzano i contenuti.

Le parole chiave LSI non sono sinonimi

È importante capire che le parole chiave LSI NON sono sinonimi.

Un sinonimo è una parola che ha lo stesso significato di un'altra e può essere usata al suo posto. Ma di per sé, alcuni sinonimi mancano di contesto. 

Un esempio di sinonimo senza contesto è la parola "pesca". Potrebbe indicare il frutto o l'atto fisico di pescare. La parola, da sola, non ci permette di dedurre il contesto in cui viene utilizzata.

Ma introduci parole semanticamente correlate in una pagina di contenuto e la parola acquisterà subito senso. 

Se la parola pesca è usata in un contesto che coinvolge altri frutti, alberi o ricette, non abbiamo alcun dubbio sul suo significato. Questi termini (altri frutti, alberi e ricette) non sono sinonimi di "pesca" ma parole correlate che permettono di dedurne il significato. In molti casi, le parole correlate possono aiutare a definire un argomento senza nemmeno menzionarlo. 

Parliamo di capitali citando Parigi, Roma e Londra e non ci sarà confusione sull'argomento o il significato della parola.

Dal punto di vista SEO, questo significa che i motori di ricerca sviluppano una comprensione delle parole che si aspettano di vedere su una pagina che parla di un particolare argomento. Da qui l'importanza di usarle nei tuoi contenuti.

Ad esempio, come puoi aspettarti che Google posizioni la tua pagina come la più pertinente sul Web per una query se non menzioni le cose di cui parlano le altre pagine? Devi utilizzare parole semanticamente correlate all'interno dei tuoi contenuti per dimostrare la pertinenza e, in breve, questo è l'obiettivo dell'uso delle cosiddette parole chiave LSI. 

Come trovare parole semanticamente correlate per i tuoi contenuti

Quindi, come trovi le parole semanticamente correlate da utilizzare nei tuoi contenuti? Ecco cinque approcci che puoi adottare durante la ricerca di parole chiave per assicurarti di parlare delle cose giuste nelle tue pagine e di includere le parole che ci si aspetta di trovare nei contenuti su quell'argomento:

  • Analizza le ricerche correlate su Google
  • Analizza il completamento automatico di Google
  • Analizza i risultati del box Le persone hanno chiesto anche
  • Usa il Keyword Magic Tool di Semrush
  • Usa il SEO Content Template di Semrush

Analizza le ricerche correlate su Google

Vai su Google ed esegui una ricerca per le parole chiave principali delle tue pagine. Mantenendo l'esempio precedente, utilizzeremo nuovamente le "carte di credito".

Scorri verso il basso fino alla fine delle SERP e vedrai una sezione "Ricerche correlate".

E se fai la stessa ricerca per "custodia iPhone" vedrai:

Usa questi argomenti e queste parole chiave come ispirazione per ulteriori argomenti di cui parlare nei tuoi contenuti.

Ovviamente, usa il buon senso e scegli quelli che ha senso includere nei tuoi contenuti. Riprendendo gli esempi appena visti, non menzionerai "fido di 3.000 euro" se non è un servizio che offri o "originali" se non vendi custodie originali. 

Le ricerche correlate possono anche darti idee su altre cose a cui fare riferimento sulla tua pagina. 

Analizza il completamento automatico di Google

Il completamento automatico di Google è un altro ottimo modo per trovare parole chiave correlate da utilizzare all'interno dei tuoi contenuti e richiede solo pochi secondi.

Vai su Google e inserisci la tua parola chiave principale ma non cliccare su Cerca. Invece, dai un'occhiata ai risultati del completamento automatico che ti vengono restituiti.

Analizza i risultati del box Le persone hanno chiesto anche

Proprio come le ricerche correlate su Google possono essere un ottimo modo per trovare parole chiave correlate da includere nei tuoi contenuti, puoi analizzare anche i risultati della sezione "Le persone hanno chiesto anche" per ulteriori idee.

Non sai di cosa si tratta?

"Il box Le persone hanno chiesto anche è un risultato di ricerca interattivo e universale di Google che mostrerà una casella di domande che altri utenti hanno posto in relazione alla tua ricerca originale".

7ePli7Gv5I9WX6JpOqfnmwtQSQLlKH05eHu7J-4WAJTFZCygRlqrAdN0UYZi_RGxLQrpG8CfLzWxeeWoZhyUZtHvq0jMtKye62uF96USZtCyTdLCZ2aVRNyQ-OQ2R7zQ3mHXzXo

L'analisi di questi risultati è davvero semplice e può essere eseguita utilizzando lo strumento AlsoAsked.com

Inserisci la tua parola chiave principale, attendi qualche istante e vedrai come le caselle si espandono, dandoti idee per le parole semanticamente correlate da usare.

AlsoAsked.com PAA flow

Usa il Keyword Magic Tool di Semrush

Vai sul Keyword Magic Tool di Semrush e inserisci la tua parola chiave principale per visualizzare un elenco di idee per le parole chiave da usare nei tuoi contenuti.

Clicca sulla scheda "Keyword correlate" nella parte superiore dello schermo per visualizzare un elenco di parole chiave simili alla parola chiave seme che hai inserito nello strumento.

Usa il SEO Content Template di Semrush

Lo strumento SEO Content Template di Semrush è un'altra grande fonte per trovare le principali parole semanticamente correlate in base alle classifiche delle migliori pagine per la tua parola chiave di destinazione.

Vedi il riquadro "Raccomandazioni chiave" e la sezione "Parole semanticamente correlate"?

Queste sono basate sui tuoi primi 10 rivali su Google per queste parole chiave. Assicurati di includerle nei tuoi contenuti per essere certo di parlare degli stessi argomenti e utilizzare le stesse parole di quelle pagine che sono già posizionate. 

Nonostante il dibattito in corso all'interno della comunità SEO sul fatto che le parole chiave LSI siano reali, non si può negare che dovresti usare parole semanticamente correlate all'interno dei tuoi contenuti. 

Includi i passaggi per trovarle all'interno del tuo processo di ricerca delle parole chiave e raccomanda a chi scrive i tuoi contenuti di utilizzare queste parole correlate. Assicurati di far loro sapere cosa sono e di usarle per migliorare la pertinenza dei tuoi contenuti. 

Ottieni Keyword semanticamente correlate

con SEO Content Template

ADS illustration

Author Photo
Connor LaheyEditor, SEO strategist, and writer. Enjoys monitoring SERP volatility. You can find me reading Tolkien in the far north of Norway.
Subscribe to learn more about Keyword Research
By clicking “Subscribe” you agree to Semrush Privacy Policy and consent to Semrush using your contact data for newsletter purposes
More about Keyword Research
Come usare Google Keyword PlannerScopri come usare Google Keyword Planner per le campagne SEO e PPC. Abbiamo preparato una guida passo passo su come usarlo, i trucchi che devi conoscere per ottenere il massimo dallo strumento, i pro e i contro e l‘analisi delle sue limitazioni.
17 min read