Dati Strutturati: perché non puoi farne a meno

71
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Ulteriori informazioni

Dati Strutturati: perché non puoi farne a meno

Riccardo Mares
Dati Strutturati: perché non puoi farne a meno

I dati strutturati sono una modalità di scrittura del HTML che consente ai webmaster di pubblicare contenuti in modo codificato.

Molti chiamano questa metodologia di pubblicazione Semantic Web, io preferisco usare il termine Dati Strutturati per non creare confusione con altri argomenti legati ai contenuti e attenermi alla definizione che ne dà Google.

Quindi come si possono definire i dati strutturati? Te lo spiego con un esempio banale banale:

“Ciao mi chiamo Riccardo Mares, sono nato a Rovigo nel 1977 e nel tempo libero vado a correre con regolarità, facendo anche gare con gli AsicsFrontRunner.”

Una “macchina” per estrarre dati da questa frase dovrebbe INTERPRETARLI. Questo significa che il risultato di comprensione finale potrebbe non essere certo. La frase, inoltre, potrebbe avere un linguaggio non corretto o usare uno slang non riconosciuto.

Chiamiamo in causa Shannon e Weaver, che nel 1949 schematizzarono ogni processo comunicativo come segue:

fonte > codifica > canale > decodifica > destinazione

Il nostro compito sarà di declinare questo schema sfruttando la tecnologia (linguaggio) a nostra disposizione. Questa tabella è un esempio di dato strutturato:

Un esempio di un dato strutturato

Nel web possiamo fare la stessa cosa con gli Structured Data. Ecco un esempio:

Essempio di Structured Data

Come puoi vedere, Google (abbiamo usato un suo tool) capisce perfettamente quello che gli stiamo dicendo, perché gli stiamo inviando un messaggio codificato usando dei campi standard.

Gli standard e schema.org

Come sostenuto da Shannon/Weaver, affinché la comunicazione avvenga nel modo corretto ci sono due step da affrontare: codifica e decodifica.

Google, Microsoft, Yahoo e Yandex nel 2011 hanno pensato bene di creare un enorme vocabolario chiamato schema.org. Nel sito ufficiale sono rappresentati tutti gli schemas (tipi di dato) che vengono riconosciuti dai motori di ricerca.

Traducendolo in linguaggio volgare significa: “Vuoi che io (motore di ricerca) capisca alla perfezione il tuo messaggio? Perfetto: fammelo trovare scritto così.”

Oltre alla grammatica, in schema.org sono indicate anche le diverse forme con cui il messaggio può essere “scritto” e sono: Microdata, RDFa, JSON-LD.

Schema.org formati: Microdata, RDFa, JSON-LD.* è necessaria corrispondenza semantica, altrimenti partono le penalty!

Ti mostro un esempio chiarificatore:

Esempio di messaggio nei diversi formati di Schema.org

Perché usare Schema.org

Ti tolgo subito il dubbio e ti dico che i dati strutturati NON sono un fattore di rank DIRETTO. Google lo afferma da sempre, anche in tempi molto recenti, con le parole del suo frontend John Mueller:

“We don’t use it as a quality factor, so it’s not like we would say that this site has Schema markup, therefore it’s a better site.”

— John Mueller

Puoi vederlo qui:

Quindi prevedo immediatamente la tua domanda: “Perché usare i dati strutturati”?

Le risposte sono due:

  • Per aver la certezza che il tuo messaggio arrivi in modo corretto al destinatario (i motori di ricerca).

  • Per accedere al meraviglioso mondo dei Rich Snippet.

Cosa sono i Rich Snippet?

I rich snippet sono, appunto, degli snippet (i singoli risultati nelle SERP di Google) che hanno degli elementi visivi in più.

Qualche esempio:

  • Ricetta (Recipe) 

    Esempio di Rich snippet (dato strutturato): una ricetta

  • Prodotto (Product) 

    Esempio di rich snippet per un prodotto

  • Breadcrumb (BreadcrumbList) 

    Rich snippet: esempio con Breadcrumb

Praticamente, per alcune tipologie di dato, possiamo utilizzare la grammatica dei dati strutturati e permettere a Google di recepire il messaggio in modo corretto e pubblicare uno snippet avanzato con più informazioni.

Questi snippet sono sicuramente (e anche statisticamente) più attrattivi rispetto a quelli tradizionali e questo consente di migliorare il CTR (Click Through Rate), ovvero la quantità di click per numero di volte che tale snippet viene pubblicato da Google. Non è male se su 100 visualizzazioni cliccano in 40 al posto di 25, non credi?

Rich Snippet e eCommerce: Quali usare

Per farti un esempio concreto dell’uso dei rich snippet, ti elenco i tipi di dati che possono essere usati in un ecommerce.

Product

Aiuta a codificare il prodotto in vendita. Va inserito nella pagina di dettaglio di prodotto (non nelle pagine di listing). Il tipo di dato Product ospita al suo interno altri tipi di dati:

  • offer: i dati relativi all’offerta commerciale, come il prezzo e la disponibilità del prodotto

  • review: le singole recensioni del prodotto

  • aggregate rating: le valutazioni aggregate degli utenti, quello che poi si traduce nelle mitiche “stelline” in SERP

L’uso dei dati economici consente inoltre di attivare in Google Shopping la possibilità di aggiornare i dati relativi a prezzo e disponibilità del prodotto al passaggio del crawler (sempre googlebot) senza dover aspettare l’aggiornamento giornaliero del feed merchant (per approfondire http://bit.ly/2qxOKOG).

Fonte:

Review

Gli utenti che acquistano sul tuo ecommerce possono esprimere la propria opinione sul servizio con le recensioni. Anche loro possono essere codificate, usando il tipo di dato Review. Ottimale è avere una pagina di “Dicono di noi” all’interno del quale raccoglierle e codificarle tutte.

Fonte:

Aggregate Rating

Come per i prodotti, puoi raccogliere i voti che gli utenti danno al tuo store e dirlo a Google. Nei casi in cui non ci sia questa possibilità, si possono aggregare i voti dei singoli prodotti.

Attenzione: ciclicamente Google verifica lo stato dei vari siti in merito a questi dati e spesso il risultato è una pesante pulizia dei “furbetti” ai quali rimuove le stelline dalle SERP.

Fonte:

Local Business

Se l’ecommerce ha anche delle sedi fisiche, il tipo di dato Local Business permette di dichiare le informazioni base dello store, come il nome, i contatti e la posizione. Questo dato andrà a rafforzare la comprensione da parte di Google, ma è secondario rispetto alle impostazioni della scheda Google My Business.

Fonte:

Website

Permette di comunicare a Google un nome del sito da sostituire in SERP come primo nodo del breadcrumb, al posto del dominio.

In più consente di segnalare a Google che, se vuole attivare il sitelink search box (ovvero il modulino di ricerca del sito direttamente in SERP), porti l’utente nei risultati del sito e non in una SERP filtrata per il sito.

Fonte:

AMP e Article

Tema scottante degli ultimi anni è AMP (Accelerate Mobile Pages), in modo particolare per quanto concerne il mondo mobile delle news.

Uno dei requisiti base affinché Google decida di pubblicare i tuoi snippet di news sui dispositivi mobile e in modalità AMP è l’uso del dato strutturato Article.

Per approfondire: http://bit.ly/2qB7QDG

Dati Strutturati e Approfondimenti

Per concludere

L’uso dei dati strutturati consente principalmente di:

  • Aumentare al massimo la comprensione da parte dei motori di ricerca dei nostri contenuti fondamentali

  • Accedere alla pubblicazione dei Rich Snippet nelle SERP di Google

  • Accedere a funzionalità avanzate di comunicazione con Google, come ad esempio l’aggiornamento delle informazioni per Google Shopping

Tutto chiaro? E allora che cosa aspetti: prova anche tu a sfruttare i dati strutturati!

Aspetto di sapere quali risultati avrai ottenuto.

Ti piace questo post? Seguici su RSS e leggi tanti altri post interessanti:

RSS
Riccardo nella SEO ne ha viste di cotte e di crude su diverse tipologie di siti web: dal B2B al B2C, dai web site di annunci agli e-Commerce, dai siti di hotel a quelli sul travel, dai blog ai portali editoriali con centinaia di migliaia di pagine. È Search Engine Manager presso Studio Cappello e autore di “Mamma, posso spiegarti: lavoro nel web”
Condividi il post
o
2000 simboli rimanenti
Damiano Bertuna
Schema.org è un'ottimo database, ma a volte lo trovo un po' macchinoso. Ritengo che lo standard da usare sia il Json-ld, dà grande flessibilità e facilità di utilizzo.

L'uso degli structured data dovrebbe essere una prassi per tutti coloro che si occupano di realizzazione siti web, ma purtroppo in questo campo c'è troppa gente che si spaccia per professionista senza avere la benché minima idea dell'enorme lavoro che ci sta dietro la messa online di un sito benfatto.

Complimenti per l'articolo.
merlinox
Damiano Bertuna
Grazie Damiano.
Ciao Riccardo! complimenti per il post... ho un sito di guide How to (tema tecnologia) che tipologia di data types consigli di usare?
merlinox
Francesco
La cosa che si avvicina di più è il modello question-answer.
Come ho scritto nel post i reali benefici in termini di CTR avvengono alla conversione in rich snippet.
merlinox
Si concordo infatti volevo implementare il rating "con le stelline" nello rich snippet :)
Grazie a Semrush e a Riccardo per questo ottimo post! Ora non rimane che mettere in pratica i suggerimenti.
merlinox
Lorenzo
Eh si: provare provare provare.
Non a caso, con delle buone basi, ma provare ;)
merlinox
Grazie mille SEMrush per l'opportunità.
A disposizione per domande o feedback.
Benedetto Motisi
merlinox
Gran bel post, Riccardo!

Direi che più chiaro di così.. solo usando i rich snippet, appunto :)
merlinox
Benedetto Motisi
Sai che Google non mi vuole tanto bene e me li toglie tutti!
Benedetto Motisi
merlinox
Lascia fare, che li ha tolti in una nicchia particolare (e-commerce di articoli sanitari) e c'è il cliente che sta impazzendo. La pazienza.

Iscriviti al Blog SEMrush per ricevere contenuti preziosi direttamente nella tua casella di posta

Grazie!

La tua registrazione al nostro blog è stata eseguita correttamente.