I backlink sono probabilmente il fattore di ranking più importante e ciò contribuisce al senso generale di incertezza riguardo alla loro gestione. Dimentica la discussione sull'etica dell'acquisizione di backlink - che ne dici di sbarazzartene? Il SEO medio dovrebbe preoccuparsi di rifiutare i link?

A differenza di altri argomenti, Google è stato abbastanza disponibile sul suo punto di vista riguardo al disconoscimento dei backlink e sul suo posto nella tua cassetta degli attrezzi nell'ottimizzazione per i motori di ricerca. Esaminiamo perché potresti voler rifiutare un link e come farlo.

Perché rifiutare i link?

L'unico caso d'uso prescritto da Google per il rifiuto di un link è quello di risolvere le sanzioni imposte alla tua proprietà web. Se ricevi un messaggio da Google nel tuo account degli Strumenti per i Webmaster riguardo "link innaturali", verrai penalizzato sia che tu ne sia consapevolmente complice o meno.

Parte dell'essere un webmaster è affrontare le sanzioni di Google man mano che si presentano. Questo non dovrebbe essere un problema se ti attieni alla SEO white hat, ma sapere come mantenere un profilo di backlink pulito è vitale per la tua strategia SEO a lungo termine.

Cos'è un cattivo backlink?

La stragrande maggioranza dei backlink organici sono "backlink buoni": rappresentano l'Internet ideale che piace a Google, uno in cui si fa spesso e liberamente riferimento a buoni contenuti. La maggior parte di loro non sposterà davvero l'ago della bilancia per il tuo sito, ma lentamente costruiscono la tua reputazione di risorsa affidabile e autorevole.

I “cattivi backlink”, invece, sono quasi sempre inorganici (anche se ci sono delle eccezioni). Due dei maggiori colpevoli sono i link che possono essere acquistati in massa da siti SEO loschi e gli schemi di backlinking intenzionali che usano una rete di backlink privata (PBN). Queste sono le linee guida di Google sugli "schemi di link".

È anche possibile ricevere "organicamente" un link da uno di quei siti dall'aspetto estremamente spam che sono solo elenchi di prodotti e link senza contenuto reale. Il link probabilmente non è stato inserito da un essere umano e di certo il tuo sito non ne sta beneficiando, quindi la cosa migliore da fare è rimuovere anche questi link.

Dai un'occhiata a questa guida: Analisi dei backlink: come individuare i backlink di qualità e quelli tossici

Attacco di SEO negativa

I backlink cattivi, o dannosi, sono anche oggetto di una strategia particolarmente priva di scrupoli chiamata Attacco di SEO Negativa. Chiunque abbia una minima conoscenza della SEO sa di non dover acquistare centinaia o migliaia di backlink, poiché ciò comporterà sicuramente una penalità sul proprio sito. Invece, si può attaccare un concorrente acquistando tutti quei backlink e indirizzandoli al suo dominio, così da assicurarsi che sarà penalizzato.

L'unica possibilità per una vittima di un attacco di SEO negativa è rifiutare tutti i link dannosi che puntano al suo sito.

Quando rinnegare i link?

Se non è già chiaro, rinnegare i backlink non è qualcosa che si fa per capriccio. È un'azione abbastanza seria che può influire in modo significativo sul posizionamento nella ricerca, nel bene e nel male. 

Google lo considera come l'ultima risorsa. È contenuto in Strumenti per i Webmaster > Avanzate e ci sono ben 3 schermate di avviso su cui devi cliccare prima di poter caricare un file di disconoscimento dei link.

In generale, dovresti rinnegare solo un link che sai per certo che ti sta danneggiando. Consulta le Linee guida sulla qualità di Google per un elenco più esaustivo.

Tieni in considerazione che un link da un sito a basso traffico o con scarsa autorità di dominio non è un cattivo link. Probabilmente non contribuirà molto individualmente, ma ogni link è un voto di fiducia al tuo sito che Google tiene in considerazione.

Cosa succede quando rifiuti un backlink?

Quindi cosa accade esattamente quando si rinnega un link? 

Hai inviato a Google la richiesta di ignorare quei link al tuo dominio. Se il disconoscimento del link ha esito positivo, questo non verrà conteggiato a tuo favore o contro di te quando viene determinato il posizionamento del tuo sito nei risultati di ricerca.

Google non è obbligato a esaudire la tua richiesta di rifiuto del link; nella documentazione ufficiale dice specificamente che l'invio del disavow file contenente i link rifiutati è un "suggerimento". Tuttavia, nello stesso documento, viene descritto come uno strumento per correggere cattive pratiche di collegamento o annullare il lavoro di un SEO scadente, quindi puoi aspettarti che onorino il rifiuto del link invece di punirti.

È possibile annullare il rifiuto di un link?

Sì, probabilmente. È possibile eliminare un disavow file precedentemente caricato, ma non è chiaro se Google conservi una copia della lista o se ripristini immediatamente i link e la loro influenza sulla tua classifica. Per questo motivo, fare esperimenti sul rifiuto dei link per manipolare le classifiche di ricerca è una cattiva idea.

Come rifiutare i link in Google Search Console

Chiunque abbia un tag di monitoraggio di Google Analytics sul proprio sito web ha anche accesso allo strumento Search Console di Google, che contiene informazioni sulla struttura dei link del sito. 

Puoi eseguire un controllo dei link dalla pagina Rapporto link di Search Console. Basta cliccare sul grande pulsante "Esporta link esterni" in alto a destra dello schermo e scegliere "Altri link di esempio". Esporta l'elenco nel tipo di file che preferisci.

Dopo aver determinato i link che vuoi rifiutare, dovrai elencarli in un file di testo (*.txt) da inviare allo Strumento di rifiuto di Google. C'è un formato molto specifico che devi seguire, ma è abbastanza semplice:

  • Ogni voce deve trovarsi su una riga diversa

  • Ogni voce deve iniziare con "domain:" (senza virgolette)

  • Il nome del file non è importante.

Seguendo queste regole, ecco alcune voci di esempio che potresti trovare in un elenco classico:

  • domain:spammysite.com

  • domain:niche.pbn.com

  • domain:blackhat.com/link-to-my-site

L'inserimento nella blacklist dell'intero dominio ti farà risparmiare la noia di elencare specificamente ogni URL. Inoltre, ci sono pochi casi in cui si vuole rifiutare un singolo link da un sito ma consentire comunque altri link da quel dominio. 

Vai allo Strumento di rifiuto dei link di Google e clicca su tutti i messaggi di avviso fino a raggiungere la finestra di dialogo che ti consente di sfogliare le tue cartelle e scegliere un file da caricare. 

Nota! A partire dal 19 gennaio 2021, lo strumento Rifiuta link di Google ha iniziato ad avere questo aspetto:

Se disponi di più account, assicurati di selezionare la proprietà corretta.

Quindi, seleziona il file da rifiutare che hai già creato e clicca "Apri" per caricarlo nello strumento di rifiuto. 

Entro un giorno circa, Google non terrà più in considerazione i domini elencati per determinare il posizionamento delle tue pagine.

Per riassumere rapidamente, ecco i passaggi per utilizzare lo strumento Rifiuta link di Google:

  • Passaggio 1: definisci i link che vuoi rifiutare. 

  • Passaggio 2: crea il tuo elenco di link da rifiutare. Suddiviso per URL e/o dominio.

  • Passaggio 3: carica il tuo elenco come file .txt nello strumento Rifiuta link di Google. 

Rifiuta i link in modo rapido e facile con Semrush

Il processo appena descritto sembra piuttosto semplice fino a quando non ti rendi conto che abbiamo saltato la parte difficile: identificare i backlink dannosi.

Conosciamo gli indizi di un cattivo backlink ma, quando esegui il rapporto sui link esterni, Google ti fornisce solo un elenco di domini e quante volte questi si sono collegati a te. Non ci sono informazioni che ti aiutino a determinare se vale la pena mantenere il link. 

L'unico modo per saperlo è controllare personalmente ogni dominio, il che non è fattibile per la maggior parte dei siti. Anche un piccolo sito accumulerà migliaia di backlink dopo pochi anni. Anche se individui i siti di spam ovvi, potrebbe essere quasi impossibile sapere se un sito fa parte di una PBN o se per altre ragioni non è apprezzato da Google.

Qui è dove la suite di analisi dei backlink di Semrush entra in gioco. 

Io uso lo strumento di report sui backlink per ottenere un elenco di tutti i backlink potenzialmente tossici (insieme a una stima di quanto possano essere dannosi). Il mio è impostato per fornire un report settimanale sui nuovi link, in modo da poter individuare e rimuovere rapidamente qualsiasi backlink potenzialmente dannoso.

Lo strumento di segnalazione dei backlink di Semrush mi consente di raccogliere facilmente tutti i backlink sospetti ed esportarli nell'elenco di rifiuto dei link dello strumento Backlink Audit. Lì posso scegliere se inserire nella blacklist gli URL specifici o l'intero dominio, prima di esportare l'elenco in un file .txt preformattato, pronto per il caricamento nello strumento Rifiuta link di Google.


Ora che sai come usare lo strumento Rifiuta link (Disavow Tool) di Google, ricorda di monitorare il tuo profilo backlink e rifiutare solo i link che devi assolutamente rimuovere. Con questa guida e l'aiuto di alcuni utili strumenti di controllo dei backlink, sei sulla buona strada per migliorare il tuo sito web! 

Author Photo
Daryana SolntsevaInternational lead presso Semrush Italia, esperta in marketing e relazioni pubbliche. Ama prendere ispirazione da tutti i casi possibili per migliorare il suo lavoro.
Subscribe to learn more about SEO Avanzata
By clicking “Subscribe” you agree to Semrush Privacy Policy and consent to Semrush using your contact data for newsletter purposes
More about SEO Avanzata
SEO B2B: una strategia completaLa SEO è uno dei canali di acquisizione dei clienti più importanti per le aziende B2B, con una forte visibilità organica in tutte le fasi del ciclo di acquisto e un modo comprovato per accelerare la crescita. In questa guida ti condurremo attraverso un comprovato processo di elaborazione passo a passo di una solida strategia SEO B2B.
14 min read
Come creare la struttura di un sito per la SEONon sottovalutare l‘importanza di avere un sito con la giusta struttura e l‘impatto che questa può avere sulle tue prestazioni SEO. In questa guida approfondiremo come strutturare il tuo sito, seguendo una procedura passo passo e mostrandoti come appare la struttura di un sito ideale.
13 min read
10 tecniche SEO avanzate per passare di livelloQuando operi in un settore competitivo, la SEO di base non è sufficiente per raggiungere il successo. In questa guida, faremo un‘immersione profonda in 10 tattiche SEO avanzate che puoi sfruttare per portare il tuo sito al livello successivo.
11 min read