Vai ai casi

Booking.com raggiunge la posizione n.1 su Google tra 17 milioni di risultati

Caso di successo

Ogni decisione che viene fatta da Booking.com deve essere sostenuta da dati. Usiamo SEMrush fin dal 2012 e ci aiutato a valutare in modo più strategico come rafforzare la nostra presenza globale all’interno delle ricerche organiche e da allora anche a far crescere in modo significativo il nostro traffico organico.
Leonardo Saroni, Senior Product Owner, Booking.com

Informazioni su Booking.com:

Fondata nel 1996 ad Amsterdam, Booking.com è cresciuta trasformandosi da una piccola startup olandese alla più grande azienda del mondo di e-commerce nel settore viaggi. Facente parte di Booking Holdings Inc., Booking.com a maggio 2018 conta più di 15.000 dipendenti sparsi in 198 uffici in 70 paesi. Il sito web e le app mobile di Booking.com sono disponibili in oltre 40 lingue, offrono più di 28.506.187 voci totali riportate e copre 131.381 destinazioni in 228 paesi e territori in tutto il mondo. Ogni giorno vengono prenotate tramite la piattaforma più di 1.550.000 camere.

Sfide commerciali

Oggi Booking.com è il 3° più grande sito web di e-commerce e è una tra le principali agenzie di viaggio online. Riceve milioni di utenti ogni giorno e i suoi profitti superano i 12 miliardi di dollari.
Tuttavia nel 2012 erano molto lontani dallo sfruttare appieno il potere della SEO. Leonardo Saroni, Senior Product Owner di Booking.com, ricorda quei giorni: “Non potevamo tracciare il traffico per pagina di destinazione o lingua. Conoscevo solo che questa era la quantità di traffico e prenotazioni che ricevevamo da Google ogni giorno, ma non sapevo da che dispositivo, da quale lingua, con quale browser o dove i nostri utenti arrivassero. Avevamo bisogno di uno strumento che ci fornisse in fretta i dati e che ci mostrasse il potenziale di un determinato mercato.”
In effetti Booking.com stava cercando di espandere la sua presenza nei mercati internazionali e Leonardo aveva capito subito che erano necessari altri canali per raggiungere l’obiettivo. A Booking.com era necessario rispondere a due problemi principali, ossia i dati di ricerca competitiva e la business intelligence, usando una mentalità fortemente guidata dai dati.
Sapeva che la SEO poteva essere la soluzione ma... Che volume di affari poteva davvero derivarne?

Soluzione

Prima di tutto Booking.com doveva raggiungere gli altri player, che avevano già abbracciato i principi della SEO, in uno dei mercati in assoluto più competitivi. Visto che prima non c’erano dati, SEMrush è stato utile a effettuare confronti rispetto a siti di successo e a identificare le varie opportunità commerciali.
Una delle prime scoperte del team di Leonardo è stato che lo squilibrio tra il loro focus sull’Europa e quello sugli Stati Uniti era effettivamente troppo forte. Per esempio per la stessa parola chiave la loro visibilità e presenza nel Regno Unito era molto inferiore rispetto a quelle negli Stati Uniti.
Leonardo dimostrò internamente che era necessario costruire un brand fuori dall’Europa per sviluppare il loro profilo link e ottenere partnership importanti fuori dai confini europei. “Usare SEMrush ci ha aiutato a valutare in modo più strategico come rafforzare la nostra presenza nei mercati internazionali e negli Stati Uniti. Per esempio le prime pubblicità che abbiamo diffuso le abbiamo rilasciate negli Stati Uniti”, dice Leonardo. “Questo è un processo ancora in corso, tuttavia abbiamo visto un miglioramento eccezionale. Le nostre query di ricerca branded e il traffico organico da allora hanno visto un’impennata.”
Anche localmente Booking.com è riuscita a migliorare le sue prestazioni. Solo pochi anni fa Booking.com non era nella prima pagina della SERP di Google per “hotels in London”, una delle parole chiave più ricercate che si possano pensare sul web. Adesso sono in prima posizione nella ricerca organica, il che rende loro oltre 17 milioni di risultati.
“Ogni decisione che Booking.com fa deve essere sostenuta dai dati.”, afferma Leonardo. Non sorprende che SEMrush abbia anche facilitato la nascita di nuove idee all’interno dell’azienda. Quando è stata valutata la proposta di creare una landing page su Londra dedicata agli hotel romantici (Romantic Hotels), il team di Leonardo ha analizzato il volume di ricerca e la competitività della parola chiave per convalidare il progetto. “Prima avevamo una singola pagina di destinazione per destinazione. Nel corso degli anni abbiamo creato pagine di destinazione per temi ben specifici: appartamenti a Londra, B&B o anche hotel con parcheggio a Londra.”
È interessante notare che mentre all’inizio SEMrush veniva usato prevalentemente per la SEO, successivamente ha iniziato a giocare un ruolo significativo nello stabilire le partnership strategiche di Booking.com.
Leonardo riconosce 3 vantaggi principali nell’usare SEMrush.
I. Valutare contatti e affiliazioni. Leonardo spiega: “Ogni volta che qualcuno si iscrive per l’Affiliate Program possiamo usare lo strumento per comprendere il suo tipo di traffico. Hanno una SEO solida, quanto traffico hanno, stanno comprando quel traffico, qual è il loro potenziale reale di generare transazioni.”
II. Individuare nuovi partner e contatti. Booking.com può usare SEMrush per cercare i siti posizionati per primi e i domini con traffico elevato in certe nicchie di viaggio per identificare nuovi contatti.
III. Monitoraggio del brand. Ogni Affiliate Program ha le sue regole e le sue linee guida, come il divieto di fare offerte sulle “prenotazioni” o sui nostri elenchi e destinazioni, e con SEMrush possiamo vedere se vengono rispettati.

Risultati

L’analisi competitiva rende: Ai primi posti su Google per le parole chiave più importanti
Booking.com è passata alle prime posizioni della SERP di Google per le parole chiave più competitive del settore, come “hotels in London”.
La mentalità basata sui dati della compagnia viene supportata dalle capacità di SEMrush.
Prima di prendere nuove decisioni commerciali Booking.com fa riferimento a dati come volume di ricerca della parola chiave e competitività per valutare la bontà dell’idea.
Lo sviluppo delle partnership strategiche viene facilitato.
Booking.com ha la possibilità di valutare i potenziali affiliati in termini di capacità di generare transazioni, così come la loro conformità con le linee guida.
Leggi altri casi di successo

Vuoi avere successo anche tu? Inizia la prova gratuita

Inizia la tua prova gratuita