Invia il post
Torna ai giochi

Tips di Content marketing: intervista a Ann Handley

69
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.

Tips di Content marketing: intervista a Ann Handley

Questo post è in Italiano
Alicia Rodríguez Ruiz
Questo post è in Italiano
Tips di Content marketing: intervista a Ann Handley

Quando pensiamo a un riferimento mondiale per parlare di content marketing, uno dei primi nomi che vengono in mente è quello dell'intervistata di oggi.

Ho avuto la fortuna di incontrare Ann Handley di persona un paio di anni fa a una conferenza in Brasile, dove ho anche partecipato come relatrice, evidentemente lontana anni luce da lei. Durante il suo discorso, questa donna minuta riuscì a conquistare con la forza della sua esposizione una stanza con oltre 3.000 persone, tutti attenti a non perdere nemmeno un dettaglio di ciò che diceva.

Al termine del suo intervento ricordo di essermi sentita incredibilmente motivata per molte ragioni ma, soprattutto, perché Ann aveva chiarito qualcosa in cui io già credevo e che col tempo sarebbe rimasto per me una specie di mantra.

Non è una questione di quantità, ma di qualità.

Preview: Guida pratica al Content Marketing basato sui dati

Il content marketing è diventato una parte essenziale di una strategia di digital marketing di successo. Tuttavia molti professionisti dei contenuti continuano a essere insicuri sul modo migliore per creare contenuti di alta qualità.  Il nostro team ha condotto dei sondaggi con esperti di tutto il mondo, permettendoci di formalizzare il flusso di lavoro standard dei professionisti del content marketing, e...

Ottieni il PDF gratuito

Chi è Ann Handley?

Oltre a essere una esperta di marketing digitale e content marketing, Ann è uno degli autori più apprezzati del Wall Street Journal. La sua passione per il marketing ha portato persino IBM a nominarla come una delle 7 figure riconosciute del marketing moderno.

Ma non solo questo: secondo Forbes è una delle donne più influenti sui social media e nella classifica di ForbesWoman compare tra le 20 donne blogger più importanti.

Responsabile del content marketing di Marketingprofs, una società con oltre 600.000 abbonati, Ann aiuta i suoi clienti a ottenere risultati tangibili al riparo da contenuti mediocri. Una sfida che, se possibile, ha ancora più senso oggi, nell’attuale fase del content marketing.

Autrice di editoriali, i suoi libri sono stati tradotti in 19 lingue, tra cui turco, coreano, italiano, cinese e giapponese. Per quanto riguarda i suoi social network, dobbiamo dire che brillano di luce propria e solo su Twitter Ann Handley ha più di 439 mila follower.

Ann può vantarsi del fatto che i suoi commenti sul marketing digitale appaiono su media come la rivista Entrepreneur, IBM Think Marketing, Inc., Mashable, Huffington Post, American Express, NPR o Wall Street Journal.

Dal suo piccolo e accogliente ufficio collegato alla sua casa di Boston, ci delizia con tutta la sua esperienza e la sua vicinanza. Questa intervista è l’occasione perfetta per prendere nota dei tuoi commenti e delle tue opinioni sul content marketing.

Scopriamone di più sul content marketing con Ann Handley!

L’esperienza di Ann Handley sul content marketing - Intervista

Negli Stati Uniti l'implementazione del content marketing è in una fase matura già da molto tempo, diversamente da altri paesi. Ad esempio, qui da noi ci sono ancora molte aziende che non vedono ancora i vantaggi del content marketing. Con quali argomenti pensi che potrebbero essere convinte?

Il content marketing non è solo uno sforzo americano: le aziende globali hanno adottato l'approccio, ma il content marketing viene già utilizzato da molte società europee, ad esempio nel settore del turismo, e in quelle che sono attive sui social network.

Il content marketing non è qualcosa di nuovo.

Tutto ciò che viene pubblicato o prodotto nel marketing è già una sorta di "contenuto".

Ad esempio, la maggior parte delle aziende crea una newsletter per il cliente, sia in versione stampata che via e-mail. Anche questo è contenuto.

Sei su Facebook o Instagram? Anche questo è contenuto.

Ma per il 2019 c'è una maggiore urgenza di fare un buon (migliore) content marketing.

Nel 2019, adottare un approccio incentrato sui contenuti nelle tue azioni di marketing significa che devi pubblicare o produrre informazioni che soddisfino prima le esigenze del tuo pubblico.

Il tuo marketing deve informare, deliziare e/o educare i tuoi clienti.

Ne consegue che il modo migliore per entrare in contatto con i clienti nell'anno appena iniziato non è semplicemente quello di promuovere i prodotti di un’azienda. Piuttosto, il content marketing è un'opportunità per il tuo cliente di sapere perché dovrebbe preoccuparsi di ciò che fai o vendi.

Il tuo content marketing deve offrire informazioni abbastanza solide e utili da convincere il cliente a fidarsi del tuo marchio.

Ricorda che la fiducia è alla base della lealtà.

A prima vista, il grafico che mette in relazione la produzione di contenuti e il loro consumo mostra un preoccupante squilibrio tra questi due concetti. Come possono le aziende risolvere il problema urgente di content shock?

Il mondo non ha bisogno di PIÙ contenuti, ha bisogno di contenuti MIGLIORI.

Troppe aziende si preoccupano di più della quantità dei contenuti come se questa fosse la chiave. Evidentemente, non lo è.

È di gran lunga meglio impiegare il proprio tempo a fare davvero bene una o due cose e cercare di far crescere il pubblico in questo modo, che fare un sacco di cose a metà o direttamente non farle nel modo giusto.

C'è chi sostiene che i contenuti "tradizionali" come gli articoli del blog siano in netto calo. Sei d'accordo con questa affermazione?

Niente affatto, almeno non secondo una recente ricerca di content marketing condotta da MarketingProfs e The Content Marketing Institute: 

Questa ricerca ci dice che il 61% delle aziende B2B in Nord America sta investendo di più in contenuti digitali scritti, compresi i blog, rispetto a un anno fa.

Content marketing: ricerca diMarketingProfs e The Content Marketing Institute

Non solo: molte aziende stanno anche producendo ciò che conosciamo come contenuto long form.

Sondaggio sul content marketing: i testi long form crescono

Quindi la tendenza non è affatto quella di allontanarsi dai blog, c’è invece una chiara tendenza verso contenuti di qualità superiore, più significativi, con più valore e di tutti i tipi.

Insisto ancora una volta: non è questione di più contenuti, è questione di MIGLIORI contenuti!

Leggi il post Content marketing: 50 statistiche che dovresti conoscere.

Secondo te, quanto è importante seguire le linee guida stabilite da Google per quanto riguarda i contenuti e le intenzioni di ricerca? Dovremmo seguirle alla lettera o possiamo farlo in un modo meno rigido e più rilassato?

È molto difficile seguire le linee guida di Google alla lettera. Ma se presti loro attenzione e cerchi di soddisfare i principi fondamentali che le sostengono, non dovresti avere problemi.

Le linee guida di Google possono cambiare da un momento all'altro senza preavviso, quindi è importante capire quali sono i principi alla base di tali linee guida e ragionare su di essi, anziché seguire le regole in modo automatico.

3 consigli rapidi per fare bene content marketing nel 2019?

Newsletter, newsletter e newsletter!

La grande maggioranza delle aziende sta perdendo l'opportunità di inviare buone newsletter.

Tratta la tua newsletter come il fiore più prezioso del tuo giardino.

Un fiore che ha bisogno di tutta la tua attenzione, regolarmente.

Aspetta, so cosa stai pensando: “E-mail? Siamo nel 1999 o nel 2019? Non eravamo nell’era dell'intelligenza artificiale, di Facebook live e dei video?”

Ecco le mie ragioni per credere che il potere delle newsletter via e-mail sarà ancora più potente nel 2019:

  1. Una newsletter è l'unico posto in cui le persone, e non gli algoritmi, hanno il controllo.

  2. La maggior parte delle aziende usa oggi la propria newsletter come strategia di distribuzione.

Cosa accadrebbe se invece di concentrarci sulle notizie (ciò che noi vogliamo dire) ci concentrassimo sulla comunicazione stessa della newsletter (ciò di cui i nostri clienti hanno bisogno)?

A gennaio ho rilanciato la mia newsletter personale (annhandley.com/newsletter) come modo per parlare direttamente con il mio pubblico. Questa azione mi ha insegnato molto su ciò che funziona e ciò che non funziona nei contenuti e nel marketing, perché credo che le migliori newsletter siano la prova di come si può fare un marketing migliore nel 2019.

Crea contenuti SEO-friendly

e posizionati nella prima pagina di Google!

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Hai annotato tutto ciò che questa grande professionista del content marketing ha condiviso con noi?

Con quali consigli sei più d'accordo? Puoi scrivermelo qui sotto nei commenti.

Alicia es Content Strategist para España y LATAM de SEMrush, asesora de marketing de contenidos, responsable de la gestión de SoMeChatES y cofundadora de Syndicali. También es docente y speaker.
Condividi il post
o
2000 simboli rimanenti

Invia un feedback

Your feedback must contain at least 3 words (10 characters).

Useremo questa email solo per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Thank you for your feedback!

Community Ranking System

Our SEMrush community rank reflects the level of your professional recognition in our community. We value quality contributions, so highly ranked members will get valuable incentives. Take part in discussions, write posts and speak on webinars, be friendly and helpful, and you will eventually get to the top of the ladder.

  • Newcomer
    Either just recently joined or is too shy to say something.
  • Enthusiast
    Occasionally takes part in conversations.
  • Helper
    An experienced member who is always happy to help.
  • Master
    A veteran community member.
  • Pro
    Asks great questions and provides brilliant answers.
  • Expert
    Provides valuable insights and adds depth to the conversation.
  • Guru
    A bearer of digital marketing wisdom.
  • Superstar
    Knows everything… well, almost.
  • Legend
    Getting here is not easy at all!