Studio sulla SEO di YouTube: approfondimenti e dati per aiutarti a posizionarti più in alto

Chiara Clemente

Aug 05, 202115 min read
SEO di YouTube

È davvero incredibile pensare che quello che era nato come un sito web di video-dating, oggi sia il secondo motor e di ricerca (e sito web) più utilizzato dopo Google, con più di 2 miliardi di utenti attivi mensili.

Oggi YouTube è più di una semplice piattaforma video per l'intrattenimento occasionale e i video musicali: è un vero e proprio motore di ricerca. Ne è una prova il fatto che gli stessi cambiamenti che avevamo già riscontrato su Google in seguito alla pandemia si sono presentati anche su YouTube:

  • A marzo 2020, le ricerche su YouTube di video contenenti "home office" nel titolo sono cresciute di un incredibile 210%, le visualizzazioni di "allenamento a casa" sono aumentate del 515% e i video in cui si fa qualcosa "a casa" hanno ottenuto il 700% di caricamenti giornalieri in più.
  • Questi modelli di domanda sono identici a quelli che abbiamo scoperto nei nostri studi per valutare l' impatto della pandemia nelle ricerche su Google: Arredamento per la casa e Sport e tempo libero sono state le categorie di e-commerce in più rapida crescita nel 2020.

E se YouTube è un motore di ricerca, allora esistono algoritmi di ranking che influiscono sulla visibilità organica dei video.

Insieme a Tubics, abbiamo condotto ricerche approfondite, studiando molte variabili diverse, per svelare l'algoritmo di ranking di YouTube e fornirti indicazioni chiave e suggerimenti utili per classificare, potenzialmente, i tuoi video in prima posizione!

Studio sulla SEO di YouTube: i punti chiave

Di seguito entreremo nel nocciolo della SEO per YouTube, ma ecco un'anteprima delle importanti scoperte del nostro studio:

  • Più della metà dei video classificati in prima posizione ha più di 50 parole nella descrizione.
  • Il 52% dei video classificati per le parole chiave "how to" ha più di 100 parole nelle descrizioni, mentre per il campione generale è solo il 31%.
  • Il 52% dei video classificati per le parole chiave "how to" dura più di 5 minuti, mentre per il campione generale è solo il 33%.
  • Solo l'8% dei video con timestamp si classifica al primo posto.
  • Il 55% dei video ha un rapporto di corrispondenza tra titolo e parola chiave pari a 1.
  • L'affinità del titolo con le parole chiave, il numero di visualizzazioni e la durata del video sono i parametri più importanti, secondo il modello di Machine Learning che abbiamo utilizzato per questa ricerca.

Che cos'è la SEO di YouTube?

Prima di addentrarci nello studio, dovremmo evidenziare che la SEO di YouTube è un po' diversa dalla SEO normale e che i creatori di video hanno davvero bisogno di capire l'algoritmo per apparire in alto nei risultati di ricerca.

Le decisioni sul ranking di YouTube si basano in gran parte sui seguenti fattori: 

  • Dinamiche di crescita del canale (numero di iscritti e visualizzazioni);
  • Segnali di coinvolgimento (mi piace, non mi piace, commenti); 
  • Funzionalità dei video (durata del video, metadati, descrizioni, ecc.).

Abbiamo analizzato ogni variabile per scoprire insights basati sui dati che ti aiuteranno a ottenere una migliore visibilità per i tuoi video su YouTube.

Metodologia dello studio

Abbiamo estratto dal nostro database di parole chiave di Google 15.000 parole chiave che hanno attivato un video in primo piano sulla SERP. Quindi abbiamo dato un'occhiata ai primi 10 risultati di ricerca di YouTube per ciascuna di queste parole chiave per verificare in che modo le diverse funzionalità dei video influiscano sulla loro posizione nella ricerca di YouTube. Sulla base di questi dati, abbiamo raccolto un'ampia gamma di metriche per valutare quali di queste influiscano sul rendimento dei video. 

Tra le altre cose, abbiamo analizzato: le prestazioni delle parole chiave "how to" rispetto alle parole chiave generali, il posizionamento di ricerca dei video in base alle loro metriche di coinvolgimento (mi piace, commenti, visualizzazioni) e gli elementi chiave di un video (descrizione, titolo, tag). 

Per confrontare le metriche per posizioni diverse abbiamo utilizzato i valori mediani invece dei valori medi poiché sono meno influenzabili dalle anomalie.

Modello di apprendimento automatico

Abbiamo utilizzato un modello di apprendimento automatico per identificare quali caratteristiche di un video di YouTube sono più importanti per il ranking. Utilizzando i modelli dell'albero decisionale, abbiamo definito che l'affinità del titolo con l'incidenza delle parole chiave, il numero di visualizzazioni e la durata del video sono i fattori più importanti per questo modello.

Accanto a queste metriche, abbiamo monitorato metriche non correlate al coinvolgimento (lunghezza del titolo, rapporto di similitudine dei tag, lunghezza della descrizione), che hanno mostrato un impatto anche sulle classifiche.

Per confrontare termini di ricerca, titoli, descrizioni e tag, abbiamo utilizzato il rapporto parziale di somiglianza della distanza di Levenshtein. Questa metrica ha valori da 0 a 1, dove 0 significa che le parole chiave sono completamente diverse e 1 che le parole chiave coincidono. 

Sezioniamo l'algoritmo di ranking di YouTube 

Esplorando i primi 10 risultati per le parole chiave analizzate, siamo stati in grado di individuare alcuni modelli generali tra i fattori chiave che influenzano la visibilità dei video su YouTube.

Diamo un'occhiata agli elementi che modellano l'algoritmo di ranking di YouTube. 

Quando si tratta di SEO per YouTube, le dinamiche di crescita sono importanti?

Iscritti

I nostri dati hanno mostrato che la maggior parte dei risultati di una ricerca su YouTube proveniva dai canali con il maggior numero di iscritti. Tuttavia, il 18% dei video proveniva da canali con meno di 1.000 iscritti. Ciò significa che anche i piccoli canali possono trovarsi tra i primi 10 risultati di ricerca.

img-semblog

Ad esempio, cercando le parole chiave “how to apply thermal paste” (come applicare la pasta termica) o “most annoying sound in the world" (suono più fastidioso del mondo), possiamo vedere che i canali più piccoli occupano la posizione numero uno. Di seguito, vediamo infatti che Tech Illiterate, con 6.430 iscritti, supera Linus Tech Tips che invece ha 13,7 milioni di iscritti. 

xBgGTMusqwwtmG_G75aPrK7J1I-wFRWp1ri3rTKHgROgRdtmasavEcu7-8FyGH11u5k4DhiS0HiEf1AYfvY2xa8ETvmxAsDuCN6G52VSHe9V9QcxZWOVcJlygiWCny353ww7X4U

Se volessimo provare a spiegarne il perché, potremmo cominciare dal fatto che Tech Illiterate ha una quota inferiore di "Non mi piace" e una descrizione video più elaborata. Ma questi fattori sono davvero così importanti e hanno un impatto sulla classifica? Continua a leggere per scoprirlo.

Suggerimento: quando cerchi di classificarti per determinate parole chiave, non fissarti sulla concorrenza. Non preoccuparti di ottenere milioni di iscritti, anche se questo aiuta. Concentrati sulla creazione di contenuti accattivanti e di alta qualità. Le buone statistiche e i follower arriveranno.

Visualizzazioni

Il numero medio di visualizzazioni di un video di YouTube in seconda posizione è inferiore del 74% rispetto al numero medio di visualizzazioni di un video in prima posizione.

Tuttavia, la relazione causa-effetto può essere invertita. Il primo video nell'elenco ha semplicemente più probabilità di essere visualizzato. Questa potrebbe essere una questione del tipo "è nato prima l'uovo o la gallina?". 

Ma c'è un fattore relativo alla visualizzazione che ha sicuramente un impatto sulle classifiche. YouTube stima il tempo di visualizzazione di ogni video per ogni parola chiave, suggerendo quelli che hanno maggiori probabilità di essere visualizzati fino alla fine.

ksEtd4JbLzPvMuO3sfSQ9re77-uIkZuTRvWKIV841ZTQfHRt4y0q46SbNLdLsW5l893YFp5fLrNTJHM_D9RVFXnJ_Cw6U7pR6PTbyJmvpvmCvp72Z6gscJ_EXNi_GVWTtArxKzk

Se cerchi "baking tips" (consigli di cottura), troverai una grande differenza nel numero di visualizzazioni tra il video in prima posizione di Scrumdiddlyumptious con 3,9 milioni di visualizzazioni e il secondo video di Claire Saffitz x Dessert Person con sole 446 mila visualizzazioni. Il primo video è 9 volte più corto, quindi è probabile che abbia maggiori possibilità di essere visto fino alla fine.

Suggerimento: non aspettare che l'algoritmo di ranking di YouTube entri in azione. Promuovi attivamente il tuo video e condividilo su più canali quando è appena sfornato, per assicurarti una spinta maggiore e raggiungere un pubblico più ampio. 

In che modo le metriche di coinvolgimento influenzano le classifiche di YouTube?

YouTube ha dichiarato pubblicamente che incoraggia i creativi a interagire con il proprio pubblico per massimizzare il coinvolgimento e aiutare il posizionamento dei video.

Anche se potremmo credere alla parola di YouTube, abbiamo deciso di vedere fino a che punto il coinvolgimento influisce sulle classifiche dei video e in che modo.

Mi piace

Il numero medio di Mi piace per la seconda posizione sui risultati di ricerca di YouTube è inferiore del 72% rispetto al numero medio di Mi piace per la prima posizione. 

Questi dati si riflettono nell'esempio precedente, dove il video Scrumdiddlyumptious ha ottenuto il doppio dei Mi piace di quello di Claire Saffitz x Dessert Person (24K contro 12K).

La differenza tra la prima posizione e tutte le altre è davvero notevole. Ma questo insight potrebbe avere una connotazione simile a quella della questione uovo-gallina. 

I video che si posizionano più in alto ottengono più visualizzazioni e quindi più Mi piace e Non mi piace. Il numero di Mi piace è correlato al numero di visualizzazioni con un coefficiente di correlazione pari al 99%. 

Non mi piace

Il numero medio di Non mi piace per la seconda posizione è inferiore del 70% rispetto al numero medio di Non mi piace per la prima posizione. È la stessa logica dei Mi piace.

Commenti

Con i commenti le cose sono più semplici. 

Abbiamo individuato una correlazione diretta, secondo cui se un video riceve più visualizzazioni, è più probabile che riceva commenti. Ciò ha mostrato una correlazione del 99,9%: nel nostro studio il numero mediano* di commenti è stato di 259.

Suggerimento: sei stanco di sentire la frase "Metti Mi piace al video e non dimenticare di iscriverti al mio canale" quando guardi un video su YouTube? C'è una ragione per cui i video creators lo fanno. Incoraggiare gli spettatori a mettere Mi piace e a lasciare commenti con qualsiasi opinione o pensiero, rispondendo entro 24 o 48 ore, serve per mostrare il coinvolgimento degli spettatori. I commenti e le opinioni dei tuoi follower possono creare grandi discussioni; anche le reazioni al tuo video e ai commenti alimentano il coinvolgimento. 

Impatto delle funzionalità e degli elementi dei video sulle classifiche di YouTube

Ciò di cui abbiamo discusso finora - gli sforzi promozionali, i segnali di coinvolgimento, la dimensione del canale e le sue dinamiche di crescita - ha a che fare con i fattori "esterni" che influenzano le prestazioni di ranking dei tuoi video. 

Ma anche le caratteristiche interne di un video possono fare una grande differenza per il posizionamento.

Durata di un video

La lunghezza di un video può contribuire alle classifiche.I nostri risultati mostrano la distribuzione della durata del video in percentuale: il 45% dei video nel nostro studio aveva una durata da 3 a 5 minuti e il 5% una durata inferiore a 1 minuto. È importante notare che alcuni dei risultati (0,4%) sono live streaming e non hanno parametri di durata.

img-semblog

Ogni video creator si trova ad affrontare la domanda "meglio essere conciso o dettagliato?". I dati possono darci alcuni numeri approssimativi sulla questione.

Quasi la metà di tutti i video che raggiungono i primi 10 risultati di ricerca su YouTube durano tra i 3 e i 5 minuti. I successivi formati video di maggior successo durano tra 1 e 3 o tra 5 e 10 minuti.

In sintesi, possiamo vedere che la lunghezza media del video aumenta con la posizione del video. Tuttavia, la differenza non è così grande.

img-semblog

Anche se sembra che i video di 3-5 minuti siano la strada da percorrere, la risposta logica (e forse più giusta) alla domanda sulla lunghezza ideale di un video dovrebbe essere "dipende". Dopotutto, gli utenti che cercano "come fare un crunch" e la "spiegazione del finale dei Soprano" si aspettano livelli di approfondimento diversi.

Quando si cerca "esercizio crunch" su YouTube, di solito si ottiene una selezione di video che si trovano all'estremità più corta dello spettro:

TBbXWuELuDQMUHhJ58M3qfiktAr3Jj6pn15TeR0H-JneyABCq6VxUUPngH18UxT6hqiZld0SEMgNiVmJPtUE4ayeYCGoNZ-afYGvr2LrOSoGgcbpQOX8zWrk4Ifzee4N6XhlX64

Per quanto riguarda invece la "spiegazione del finale dei Soprano", otteniamo video più elaborati che vanno in profondità per chiarire il finale della serie:

HjBNuEin9EVUFRPTnqUjzgWwYtxbchdxOy1gu4-1aYk-zaUXBx7RtKru3greDJLEHbTfmN1MRPMf0RApHD1XKucq5y7_zLbHd7uBgCcJa_kvAbg7mWubm2YuJTWoCHB30BTlq1s

Suggerimento: crea video con il giusto equilibrio tra durata e qualità. È importante avere una buona introduzione e una buona conclusione per mantenere gli utenti coinvolti durante tutto il video. Usa schermate di chiusura per fornire un flusso di visualizzazione senza interruzioni. 

Titoli e descrizioni

Il nostro studio mostra che, rispetto ai titoli e alle descrizioni, ci sono due cose da affrontare:

  • Limite di parole;
  • Parole chiave. 

Il 54% di tutti i video analizzati ha una media di 8 parole nel titolo. E guardando tutti i dati, possiamo vedere che essere eccessivamente prolissi non è una tattica popolare tra gli YouTuber.

img-semblog

Si può invece essere più generosi nelle descrizioni dei video. Le descrizioni, infatti, danno sia a YouTube che agli utenti più contesto su cosa aspettarsi in un video e, come vedremo più avanti, offrono più spazio per posizionare le parole chiave. 

img-semblog

Il 31% dei video con il rendimento migliore presenta descrizioni di 11-30 parole. Ma sembra che qui si possa diventare più prolissi.

Abbiamo scoperto che il numero medio di parole in una descrizione era 107 e il 17% dei video classificati nella posizione uno aveva almeno 250 parole nella descrizione.

img-semblog

Menzionare la parola chiave per cui il tuo video è ottimizzato consentirà a YouTube di capire facilmente che il tuo video risponde al termine di ricerca usato dall'utente. 

Il nostro studio mostra che il 30% delle descrizioni dei video ha un'affinità con le parole chiave pari a 1, il che significa che la parola chiave principale è stata menzionata nella descrizione del video. L'affinità media della descrizione con una parola chiave era 0,42.

img-semblog

Suggerimento: la nostra ricerca indica che i video migliori hanno descrizioni più lunghe. Assicurati che la tua descrizione rifletta accuratamente i contenuti del video in modo che gli utenti abbiano una buona idea di cosa aspettarsi. Le best practice classiche per i titoli funzionano anche per YouTube. Prova a includere la tua parola chiave target principale nel titolo del tuo video, evitando accuratamente di fare keyword stuffing. Aggiungi dei numeri al titolo per invogliare gli spettatori a cliccare (ad es. "5 modi per cambiare una gomma").

Numero di link, hashtag e tag nella descrizione

Il nostro studio ha mostrato che il numero medio di link nella descrizione di un video era 3.

img-semblog

Avere riferimenti e link nella descrizione del tuo video è un buon modo per guidare gli spettatori lungo il customer journey, indirizzandoli in modo fluido ad altri video sul tuo canale o addirittura al tuo sito web. 

Quando si tratta di aggiungere link alle descrizioni dei video, prova a includere link brandizzati (ad esempio, invece di bit.ly/xx, useremo semrush.com/xx) poiché questo aumenta potenzialmente il CTR del 39%.

YouTube Creator Academy ha dichiarato pubblicamente in uno dei suoi articoli che consiglia ai creatori di video di utilizzare gli hashtag nelle loro descrizioni. 

I nostri risultati mostrano che il 36% dei video in prima posizione ne è provvista. A partire dalla posizione due, l'utilizzo degli hashtag scende al 24%.

img-semblog

Alcuni YouTuber aggiungono il maggior numero possibile di hashtag. Ma YouTube mostrerà solo tre hashtag e, se ne usi più di 15, li ignorerà tutti. Quindi è meglio essere ragionevoli e attenersi alle linee guida di YouTube. 

Ora diamo un'occhiata all'impatto dei tag di YouTube. 

I tag non devono essere confusi con gli hashtag, che vengono visualizzati sotto un video. I tag sono le parole chiave nascoste che i creator possono aggiungere durante il caricamento di un video. 

Il nostro studio mostra che i video che si posizionano più in alto utilizzano una media di 13 tag. Il loro utilizzo sembra avere una stretta correlazione con le classifiche: i video con meno tag tendono ad avere posizionamenti più bassi.

img-semblog

I tag (come accade con i metatag "normali") dovrebbero essere strettamente legati alle parole chiave, in quanto sono un elemento pensato per i crawler e non per gli umani. 

Nella nostra ricerca, l'affinità media dei tag con le parole chiave era 0,58, dove 0 significa che le parole chiave sono completamente diverse e 1 che le parole chiave corrispondono.

img-semblog

Chiaramente, più stretta è la corrispondenza tra tag e parole chiave, più alto sarà il ranking.

Suggerimenti: inserisci nella descrizione solo link ad altri video pertinenti. Quando usi gli hashtag, considera le parole chiave che hai scoperto con Semrush e il report sulle sorgenti di traffico di YouTube. Infine, non esagerare con i tag. Usa questa estensione di Chrome per scoprire tutti i tag di un video. Brain Dean consiglia che il primo tag sia la parola chiave target.

Timestamp

I timestamp consentono ai video creator di linkare "momenti" specifici di un video, in modo che gli spettatori possano accedere facilmente a determinate parti di un video. I timestamp appaiono anche sulle SERP di Google insieme al video. 

lOKKonaIXuCmI5bnOfDeTDh4rLzWRpxSDivju9TZGLObzrDARrLQDLF-qqO2QFHkp4lpVvc5JqRHnIY--vm2qX5Jymfc3qq4RjtN2pKbYJVaZ7hMIoUj8ge_hKZpEg4VPCx4eaA

Attualmente i timestamp provocano alcune discussioni tra gli YouTuber: alcuni pensano che riducano la durata delle visualizzazioni, mentre altri si aspettano un aumento del coinvolgimento.

Il nostro studio mostra che i video con timestamp costituiscono l'8% di tutti i video che si classificano nella prima posizione. 

Posizione

Numero di video

Quota tra tutti i video nella stessa posizione

Quota tra tutti i video con timestamp

1

162

1.1%

8.2%

2

167

1.2%

8.4%

3

198

1.4%

10%

4

222

1.5%

11%

5

199

1.4%

10%

6

216

1.5%

11%

7

198

1.4%

10%

8

196

1.4%

9.8%

9

206

1.4%

10.3%

10

220

1.5%

11%

Possiamo dedurre che per le classifiche di ricerca i timestamp non fanno molta differenza. Tuttavia, il nostro campione contiene prevalentemente video brevi che in genere non presentano timestamp. Nei video più lunghi, possono avere un'importanza crescente.

Per le parole chiave "how to", solo il 4% dei video del nostro campione ha timestamp nella descrizione. Questo numero non cambia in modo significativo con la posizione.

Per quanto riguarda la questione se aggiungere o meno il timestamp, visto che nella SEO per YouTube sia il tempo di visualizzazione che il coinvolgimento hanno la stessa importanza, in questo caso è sempre meglio sperimentare e vedere come cambiano le classifiche e altre metriche con o senza timestamp.

Suggerimento: non esiste un numero magico quando si tratta di timestamp, ma in genere meglio non esagerare. Assicurati di elencare i timestamp in ordine cronologico (sulla timeline del video) e fai in modo che l'etichetta del timestamp sia breve ma descrittiva.

Esploriamo le specifiche della SEO per YouTube per le parole chiave "how to" rispetto ad altre parole chiave

Abbiamo analizzato 1.165 parole chiave che iniziano con "how to". Abbiamo scelto le query "how to" (come fare) perché di solito rappresentano l'intento educativo e quei video che le persone trovano principalmente nelle ricerche. Quindi, la nostra ipotesi era che l'ottimizzazione della ricerca dovesse essere più importante per queste keyword rispetto ad altre.

Ecco le principali differenze rispetto ai risultati generali.

1. Durata del video (in secondi)

Per le parole chiave generiche, la durata media del video era di 16 minuti e 53 secondi, mentre per le parole chiave "how to" era di 7 minuti e 57 secondi. 

Mentre i video più performanti delle parole chiave generali erano in genere di una lunghezza media, per "how to" si trovavano all'estremità più lunga dello spettro. 

img-semblog

2. Numero di parole nella descrizione

Il nostro studio ha mostrato che, mentre il numero medio di parole in una descrizione per keyword generiche era 152, quello per keyword "how to" era 107. 

img-semblog

Come abbiamo usato gli Insights sulla SEO di YouTube per far crescere il nostro canale

Più di un anno fa, abbiamo iniziato a ottimizzare i nostri video sul canale YouTube di Semrush. La nostra campagna di messa a punto di YouTube aveva due obiettivi: rispondere meglio alle richieste degli utenti e migliorare la posizione dei nostri video nei risultati di ricerca di YouTube. 

Come risultato, il traffico organico verso i nostri video è cresciuto del 37%.

Ecco alcune delle modifiche più rapide che hanno avuto il maggiore impatto sulle nostre classifiche e sulle prestazioni complessive del canale: 

  • Aggiungere descrizioni lunghe (almeno 2.000 caratteri, 400-600 parole);
  • Usare timestamp e tag in tutti i video (nel nostro caso, i timestamp non hanno influito sui tempi di visualizzazione e hanno persino influenzato positivamente le nostre statistiche sul coinvolgimento degli utenti);
  • Aggiungere 2-3 parole chiave principali nei titoli dei video per soddisfare l'intento di ricerca degli utenti.

In questo video sveliamo suggerimenti collaudati per la SEO di YouTube. 

Per concludere

Ora che disponi dei dati del nostro studio sulla SEO per YouTube e che conosci la nostra esperienza di crescita su questa piattaforma, ecco una checklist finale da seguire una volta iniziato il tuo viaggio di ottimizzazione di YouTube:

  1. Non lasciarti scoraggiare dalle dimensioni del canale della concorrenza. Per alcune parole chiave, il numero di iscritti non sempre è importante. Concentrati piuttosto sulla creazione di un video di qualità che risponda in modo esaustivo alla query di un utente.
  1. Assicurati che il tuo video abbia l'attenzione che merita, condividendolo su più social media (Twitter, Facebook, Instagram, Pinterest, Quora).
  1. Un buon canale YouTube ha metriche di coinvolgimento forti. Accertati che il contenuto che carichi attiri e coinvolga gli utenti, inserendo un'introduzione e una conclusione motivanti.
  1. Sii creativo con i tuoi titoli per incoraggiare gli utenti a fare clic.
  1. Indipendentemente dal tipo di video che stai caricando, assicurati di avere una descrizione dettagliata e convincente. 
  1. Usa la potenza di tag e hashtag e sfrutta al massimo le informazioni sul tuo canale. Sfrutta tutto ciò di cui hai il completo controllo.
  1. Approfitta degli strumenti gratuiti e delle estensioni di Chrome, come Video Rank Tracker e vidIQ, che ti aiuteranno nel monitoraggio del ranking su YouTube, nell'analisi, nello studio della concorrenza e altro ancora.

Video Rank Tracker

Keep up with your YouTube rankings for your target keywords.

ADS illustration
Author Photo
Chiara ClementeA digital marketer with a real passion for videos. I found my dimension in Semrush by creating engaging video content that helps digital marketers all over the world develop their online visibility with actionable advice.
Subscribe to learn more about Data Studies
By clicking “Subscribe” you agree to Semrush Privacy Policy and consent to Semrush using your contact data for newsletter purposes