it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Vai al Blog
Elizaveta Beresneva

Spesa pubblicitaria: le tendenze del traffico a pagamento durante il Coronavirus

63
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Questo post è in Italiano
Elizaveta Beresneva
Questo post è in Italiano
Spesa pubblicitaria: le tendenze del traffico a pagamento durante il Coronavirus

Con l'epidemia di Covid-19, la spesa pubblicitaria è in declino. Ma come può la tua azienda sfruttare al meglio la crisi?

Prima di menzionare in che modo la pandemia di Coronavirus influisce sulla spesa pubblicitaria online, dobbiamo tenere presente il comportamento mutevole del consumatore. Stiamo assistendo a un aumento senza precedenti di persone confinate in casa. Ciò significa che le persone trascorrono una quota significativa della loro vita online. E molto probabilmente vedremo questo comportamento rimanere per un considerevole lasso di tempo anche quando la pandemia finirà.

Alcune osservazioni sulle tendenze in corso:

  • Le persone trascorrono più tempo online.

  • Le aziende e i loro team di marketing sono più insicuri quando prendono decisioni sulla spesa pubblicitaria.

  • Le persone stanno aspettando che i governi allentino le restrizioni in modo da poter "tornare alla normalità".

  • Il potere d'acquisto delle persone è notevolmente diminuito.

Quindi, in che modo i marchi possono conciliare queste tendenze e prendere decisioni valide sulla spesa pubblicitaria?

COVID-19: Il panorama attuale della spesa pubblicitaria

Il Coronavirus è stato inizialmente paragonato alla crisi finanziaria del 2008 ma, col passare del tempo, abbiamo visto sempre più associazioni con la Grande Depressione degli anni '30. Con il peggioramento della crisi, sembra evidente che dovremo affrontare la più grande recessione dell'economia mondiale fino a questo momento.

Impatto della pandemia sui consumatori

Con cifre sulla disoccupazione che in tutto il mondo raggiungono livelli record, quasi nessun paese è esente da questa tendenza. 

L’Italia sta registrando un notevole aumento del numero di persone che richiedono un sussidio di disoccupazione, il che si riflette anche nel numero di ricerche di questa parola chiave.

ricerche per la keyword disoccupazione durante il coronavirus (gennaio-aprile 2020)

E questo, ovviamente, ha un impatto negativo sulla fiducia degli acquirenti e sulla spesa dei consumatori, anche per quelli meno colpiti dalla crisi del Coronavirus.

Tuttavia, secondo i dati di SEMrush, la parola chiave "comprare online" è salita alle stelle a marzo a livello globale, per un massimo di 14K+ ricerche mensili. Quindi, sembra che gli utenti siano pronti a spendere online e fare shopping online, visto che la vera esperienza di acquisto è ancora lontana.

ricerche della keyword "comprare online" durante covid19

Nel caso dell'Italia, passato il momento di "isteria collettiva" per l'acquisto online sperimentato a marzo, che ha coinciso con l'inizio della crisi nel paese, vediamo che ad aprile il numero di ricerche ha raggiunto il suo picco e continua ad essere stabile.

Quindi sembra che gli utenti siano ancora disposti a spendere e fare shopping online, mentre la vera esperienza di acquisto, faccia a faccia, è ancora molto lontana.

Per approfondire leggi: E-commerce e tendenze dei consumatori durante il Coronavirus.

Impatto della pandemia per gli inserzionisti

Nel complesso, la spesa pubblicitaria è diminuita drasticamente. E questo vale sia per i marchi grandi che per quelli più piccoli, dalla tua drogheria locale alle multinazionali.

Scavando più a fondo nei dati SEMrush, quando confrontiamo le statistiche di febbraio 2020 con marzo 2020, vediamo un enorme cambiamento nella spesa pubblicitaria digitale.

variazione della spesa pubblicitaria tra febbraio e marzo 2020

Il calo maggiore della spesa pubblicitaria da parte degli inserzionisti è quello di chi spendeva mensilmente tra i mille e i cinquemila dollari, mentre l'unico aumento si riscontra in quelli con spese pubblicitarie superiori a un milione di dollari.

Ripartizione per settori: cambiamenti negli investimenti pubblicitari

Quando osserviamo la suddivisione per settore, possiamo rilevare un modello simile al precedente:

variazione spesa pubblicitaria durante coronavirus

L'unico settore che ha continuato, e persino aumentato, le sue spese pubblicitarie è quello della bellezza e del fitness.

Nessuna meraviglia considerando che questo settore supporta già un alto tasso di stress per competere con i suoi rivali online, anche nell'era pre-COVID-19.

Pertanto, sembra essere il più adatto per adattarsi rapidamente all'ambiente in evoluzione e trovare opportunità di crescita.

Inoltre, molte aziende di bellezza e fitness si aspettano sicuramente un flusso elevato di clienti a breve termine, una volta terminata la chiusura a causa dello stato di allarme.

In questo vicolo cieco hanno offerto sconti, vendendo buoni regalo e offrendo posti nelle loro liste di attesa che, in conformità con le previsioni, hanno iniziato a riempirsi non appena le misure di restrizione hanno iniziato ad essere allentate.

Impatto del posizionamento degli annunci

Ora il pubblico generale si rivolge a notizie, giochi e streaming digitali.

YouTube in Italia, ad esempio, ha registrato un aumento del 49,04% del suo traffico secondo i dati di Analisi Traffico di SEMrush, mentre le entrate nette totali di Google per il 2020 dovrebbero diminuire di 28,6 mila milioni di dollari.

Nota: con una scarsa fiducia dei consumatori e un potere d'acquisto inferiore, i marchi continuano a considerare di investire nella pubblicità online.

Con la diminuzione degli investimenti pubblicitari, anche i costi della pubblicità sono diminuiti per la maggior parte.

Nel mezzo della crisi c’è un'opportunità

Come possiamo vedere dalla SEMCush CPC Map, la maggior parte delle industrie continua a mantenere un CPC medio inferiore rispetto a quello che avevano a dicembre dell'anno scorso.

Tuttavia, in questo momento, puoi attirare più utenti per un euro investito rispetto al periodo precedente a COVID-19.

Le uniche eccezioni, se confrontiamo prendendo come riferimento i mesi di dicembre 2019 e aprile 2020, sono i settori della bellezza, dell'elettronica, dei rivenditori e dell'istruzione online.

confronto cpc medio per categoria in Italia

COVID-19: Spendere o non spendere?

Solo tu conosci il miglior approccio all'investimento pubblicitario nei tuoi sforzi di marketing.

Ma, in poche parole, si tratta di scegliere tra raggiungere più utenti per dollaro o risparmiare denaro per tempi migliori.

Quando prendi le tue decisioni di marketing e pubblicità, tieni presente sia le prospettive di mercato a breve che a lungo termine:

  • È probabile che il passaggio da offline a online (anche nella pubblicità) continui. Le abitudini online delle persone sono cambiate e ampliate, quindi è meglio iniziare o aumentare da oggi i tuoi sforzi "digitali" per garantire che tu non sia l'ultima persona ancorata nel piccolo spazio offline.

  • Alcuni marchi stanno intrinsecamente anche aumentando la spesa per la pubblicità digitale per compensare i potenziali clienti che normalmente attirerebbero agli eventi. Secondo Analisi Traffico di SEMrush, Paypal, Manomano, Euronics e Altroconsumo sono alcune delle aziende che hanno aumentato significativamente il traffico a pagamento nell'aprile 2020 rispetto a febbraio 2020.

Top5 vincitori e perdenti in Italia per traffico a pagamento aprile 2020 vs febbraio 2020

Leggi lo studio: Impatto economico del Coronavirus: vincitori e perdenti del mercato.

  • Per i viaggi e gli eventi, una riduzione degli investimenti pubblicitari è inevitabile, in quanto non è chiaro quando scompariranno le restrizioni imposte in questi settori. Molti altri servizi che probabilmente apriranno nelle prime fasi della riduzione del lookdown possono iniziare ora a prepararsi in anticipo al flusso di clienti, approfittandoi dei costi pubblicitari bassi.

  • Dato il panorama in evoluzione, cerca nuove opportunità. Con nuove abitudini online, i consumatori sono collegati ad orari che i professionisti del marketing non hanno mai preso in considerazione. Pertanto, potresti voler personalizzare la tua pubblicità in orari più adatti al tuo pubblico prima che i concorrenti la scoprano.

  • Puoi trarre vantaggio dall'aumento del traffico dei media dovuto al flusso costante di notizie e quindi sfruttare queste piattaforme per la tua pubblicità online a un costo inferiore rispetto a prima della pandemia.

Considerazioni finali

L'idea chiave del marketing e della pubblicità nella nuova era del Coronavirus e dopo COVID-19, è quella di adattarsi al nuovo cliente.

Per approfondire leggi: Palestre e centri fitness: il nuovo business model per sopravvivere a Covid.

Quindi sposa l'approccio digitale e monitora come sta cambiando lo stile di vita del tuo pubblico target.

Raggiungilo nel posto giusto al momento giusto e, se sei disposto a destinare un po' di budget alla spesa pubblicitaria, ora puoi raggiungere i tuoi clienti ideali a un costo mai visto prima.

Potrebbe inoltre essere necessario modificare il messaggio pubblicitario in base al comportamento del cliente.

Puoi annunciare nuove offerte, offrire prestiti personalizzati ai clienti per usufruire dei tuoi servizi o semplicemente modificare l'intero messaggio di marketing per soddisfare la nuova domanda dei clienti.

E la tua azienda o il tuo team di marketing come sta gestendo la crisi?

Facci sapere nei commenti qui sotto come il tuo approccio alla spesa pubblicitaria online è cambiato o cambierà nei prossimi giorni, settimane e persino mesi!

Elizaveta Beresneva
Nuovo arrivato

Si è appena iscritto o è troppo timido per dire qualcosa.

Sono Influence Marketing Manager presso SEMrush. Sono appassionata di comunicazione, sia online che offline! Sono sempre aperta alle nuove opportunità e alla possibilità di creare belle collaborazioni.
Invia feedback
Il tuo feedback deve contenere almeno 3 parole (10 caratteri).

Utilizzeremo questa e-mail solamente per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Grazie per il tuo feedback!