Invia il post
Torna ai giochi

La grande lezione per la SEO del Search Quality Update di Google

98
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.
Ulteriori informazioni

La grande lezione per la SEO del Search Quality Update di Google

Benedetto Motisi
La grande lezione per la SEO del Search Quality Update di Google

L'ultimo update di Google - denominato Search Quality o Medic - rilasciato a inizio agosto è, a mio onesto avviso, molto molto (ho già detto molto?) più rivoluzionario di quello che si vuol far credere. E per rivoluzionario, intendo letteralmente, da dizionario:

Ogni processo storico, anche graduale, che finisca per determinare il mutamento di un assetto sociale o politico.

Nel nostro caso, ci limitiamo all'aspetto legato all'ottimizzazione sui motori di ricerca e alle professionalità ad esso legate, SEO e SEA. Ora, non è tanto per l'incisività con la quale l'ultimo aggiornamento ha inciso sulle SERP (basti guardare lo screenshot tratto dal Sensor di SEMrush)…

sensor.jpg

Scopri la Volatilità delle SERP

negli ultimi 30 giorni con Sensor di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

… quanto ciò che ha comportato dopo. Mi è capitato di analizzare una nicchia specifica, e mi pare di capire che:

Le intenzioni di Google emerse con l'ultimo update

Le SERP dopo il Google Quality Update

Già nel 2016, in realtà, sull'inossidabile Tagliaerbe Blog era evidente come gli utenti si muovessero in direzione delle ricerche informazionali piuttosto che quelle transazionali (volgarmente, di acquisto) o navigazionali.

Tipi di query

Insomma, Google come motore di ricerca di informazioni e NON come motore di vendita. A meno che, non si passi attraverso le Ads, in modo tale che la Inc. ci guadagni, giustamente, considerato che non sta lì per asciugare gli scogli e deve fare il suo bravo introito.

 Questa, ad esempio, è la SERP per la query "sollevatori per disabili", un prodotto, quindi: 

La query sollevatori per disabili

Grandissima parte dello spazio above the fold è occupato dalle ads, e questo succede praticamente in ogni SERP transazionale che porta direttamente a un acquisto

Non che le cose prima dell'ultimo Search Quality Update andassero meglio:

La serp di Google prima dell'ultimo update (agosto 2018)

Questa è la situazione per la stessa query dal 12 Giugno al 12 Luglio 2018. Solo il 2,36% di CTR per una query in top three. 

La cosa interessante, facendo un balzo temporale in avanti, è che molte SERP "di prodotto" presentano ora grande visibilità per i risultati organici dei siti editoriali e informativi, piuttosto che i tradizionali e-commerce, "costretti" quindi a investire nel canale a pagamento (Google Ads, rinnovato giusto qualche giorno prima dell'update).

Cosa può fare un SEO dopo l'ultimo Search Quality Update?

Cito ancora una volta, come sta succedendo spesso quando parlo di questo ultimo aggiornamento, l'amico e collega (anche qui su SEMrush) Gaetano Romeo.

La SEO va vista come UNO dei pilastri dell'Inbound Marketing, non l'UNICO; soprattutto in questo momento storico.

E il customer journey dell'utente che arriva dall'Organic Search non è più, per chi vende direttamente, così semplice:

Customer journey per il traffico di ricerca con prodotti

Ma assume un risvolto editoriale, di vero Content Marketing come non se n'è mai fatto finora:

Nuovo customer journey per la SEO

Non più quindi "prodotto dimagrante x" ma "come dimagrire velocemente" proponendo fra le soluzioni, il prodotto stesso. Mi rendo conto che si tratta di un percorso più lungo, più accidentato e incerto ma, per investire nella SEO, a oggi sembra una delle (poche) soluzioni.

Capacissimo che dopo questo post Google torni sui suoi passi con un rollback (lol) ma anche se fosse, un 2,36% (ed è solo un esempio) di Click-Through Rate mi sembra un dato piuttosto importante di come ci si sta muovendo in questo ambito.

E tu cosa ne pensi? Ti sembra un percorso già determinato o stai continuando ad agire come prima?

Aspetto i tuoi commenti qui sotto.

Scopri la Volatilità delle SERP

negli ultimi 30 giorni con Sensor di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Ti piace questo post? Seguici su RSS e leggi tanti altri post interessanti:

RSS
Consulente Web e giornalista pubblicista. Attivo in Italia ed Est Europa, ha iniziato a lavorare nella redazione online di Radio Radicale, spostandosi poi nel mercato business nella figura di SEO Editor di contenuti per il Gruppo HTML e per DEA Marketing. Ha tenuto e tiene corsi e speech per Politecnico di Milano, Unicattolica, Upter, Regione Lazio, Provincia Autonoma di Trento, CGIL Lombardia, LUISS Enlabs, Camera dei Deputati. Autore di "Interceptor Marketing" per Flaccovio Editore e contributore di "Le nuove professioni digitali" per Hoepli.
Condividi il post
o
2000 simboli rimanenti
Alessio Cioeta
Io conduco da quasi un anno un Blog di "sensibilizzazione assicurativa" e da Agosto registro una media di 30 ricerche organiche al giorno! È decuplicata rispetto ai periodi precedenti! Mi rispecchi molto con la tua descrizione del cambiamento che c'è stato! Molti sono più sintonizzati sulla informazione che io voglio dare, ma per l-acquisto siamo ancora in alto mare! Il vero problema adesso è la conversione! Purtroppo l'argomento non è "sexy" e c'è bisogno di un cambiamento culturale! Speriamo! ;)
María José Iglesias
Insomma, alla fine della favola, quello che abbiamo sempre sentito da Google sui "contenuti di valore" va a finire che diventa "informazione di valore". Vinceranno i siti che dopo aver informato l'utente, lo interessino a tal punto di trasformare l'informazione in vendita. Comprensibile pensando che Google vive di pubblicità, ma il senso di un sito web, ecommerce o meno, è sempre vendere, altrimenti informare per informare non avrebbe senso, a meno che non siano siti che guadagnino comunque sui link di altri. L'abilità del buon SEO sarà, penso, quella di informare l'utente, portandolo però prima possibile dentro all'imbuto. Se si sono fatti bene i compiti all'inizio non c'è necessità di portare l'utente a navigare fra mille pagine per portarlo a comprare. È forse il modo di portarlo dentro all'imbuto che cambia. L'importante, secondo me, è che i contenuti ci siano. E questo penso valga di più per i siti vetrina piuttosto che per gli ecommerce, con i quali G. potrà fare quello che vuole. Diventa quindi più difficile fare un ecommerce con veri contenuti di valore, anche se non si può perdere di vista che per "contenuti di valore" si intende non solo testo, ma anche immagini, video e tutto quello che sia, appunto, "contenuto". Anch'io ho avuto un'impennata importante ma non sono dentro ai siti medici.
Benedetto Motisi
María José Iglesias
Ciao Marìa!

In che ambito hai visto l'impennata? Ma il tuo sito è di tipo editoriale, o più e-commerce?

Comunque sono d'accordo, certo ora è difficile per un portale che ha come obiettivo la vendita, ed è per questo pure che bisogna iniziare a differenziare anche i canali di accesso; l'epoca del "essere sull'organico è gratis" è finita. Se mai è esistita!
Abruzzo Rural Property
Per me sembra che non sia andato male. 10,85% di visualizzazioni di pagina in più da agosto fino ad oggi, rispetto al periodo precedente. 12,27% nuovi utenti in più.
Benedetto Motisi
Abruzzo Rural Property
Molto buono, no :D?
Abruzzo Rural Property
Benedetto Motisi
Sì, molto buono. Sembra che non ci siamo sbagliati tanto.
Benedetto Motisi
Abruzzo Rural Property
dici, nella gestione?
Abruzzo Rural Property
Benedetto Motisi
Nella gestione seo che una piccola azienda può permettersi, e nella gestione dei clienti che ci ha dato buone recensioni.
Benedetto Motisi
Abruzzo Rural Property
Mi sembra un ottimo caso da portare, se vi va :)
Abruzzo Rural Property
Benedetto Motisi
Se lo trovi interessante, non c'è problema.
Benedetto Motisi
Abruzzo Rural Property
Vuoi girarmi link qua oppure non so, anche su messaggi privato sui social :D
Cosa può fare un Consulente SEO dopo l'ultimo Search Quality Update ?
Pregare...
Benedetto Motisi
Gstarseo.it SEO
Dici?
Benedetto Motisi
Ah no, lavorare e pregare..
Benedetto Motisi
Gstarseo.it SEO
Ora et labora, molto benedettina come regola!
Vincenzo Abate
Da quando è "entrato in vigore" l'ultimo aggiornamento il mio lavoro ha avuto un'impennata positiva :-)
Sono d'accordissimo con quanto scritto dal mitico Benedetto: non è più il momento delle query secche, l'obiettivo di tutti i SEO Copywriter è quello di informare l'utente con l'obiettivo di accendere il suo interesse. Una sfida molto più difficile, ma anche più affascinante.
Benedetto Motisi
Vincenzo Abate
Sempre dell'idea comunque, considerato il peso tecnico del crawl budget , che solo di testo non si può andare da nessuna parte.
Mi sono capitati siti che sono balzati su (al di là dell'indirizzo editoriale) per via della loro ottimizzazione tecnica. E i contenuti erano duplicati xD
Mirko Cuneo
Vincenzo Abate
l'utente al giorno d'oggi cerca informazioni, quindi è giusto che la serp sia composta da "stringhe informazionali"
Benedetto Motisi
Mirko Cuneo
Immagino poi che con la ricerca vocale, questo atteggiamento andrà sempre più consolidandosi.

Invia un feedback

Your feedback must contain at least 3 words (10 characters).

Useremo questa email solo per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Thank you for your feedback!