logo-small
Funzionalità Prezzi
Notizie 0
Ultime notizie Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Webinar 0
Prossimi webinar Visualizza tutti
Prossimi webinar

Spiacenti, non abbiamo trovato prossimi webinar previsti.

Vedi webinar registrati
Blog 0
Post recenti Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Simone Serni

Responsive Web Design: il mobile-friendly

Simone Serni
 Responsive Web Design: il mobile-friendly

Responsive design, 7 ragioni per sceglierlo

Prima di entrare nel dettaglio e scoprire quali sono le 7 ragioni per cui il responsive web design è strategico ai fini marketing, è importante fare un passo indietro e chiarirne il significato. Con l'aggettivo responsive si intende

tutto ciò che reagisce e risponde rapidamente ed in modo appropriato ad un cambiamento

Nel caso del web design, cioè della struttura e dell'aspetto visuale di un sito web, significa che questo si adatta alle dimensioni del device utilizzato dall'utente (es. PC, smartphone, tablet, mini iPad, ecc.).

Nel responsive web design, quindi, ogni elemento, modulo o pulsante presente sulla pagina web si sposta automaticamente, adattandosi, riducendosi o addirittura cambiando posizione. Tutto questo, col fine di rendere la visualizzazione delle informazioni più facile ed immediata agli occhi dell'utente.

Il Mobile sta cambiando le nostre percezioni

L'utilizzo di smartphone e tablet per la navigazione online sta trasformando la nostra esperienza web: i dati confermano una crescita costante di questa modalità di fruizione dei contenuti e pongono il mobile sulla vetta indiscussa dei format più utilizzati al mondo, in modo trasversale su tutte le fasce di età. Ciò deve far riflettere e convincere privati ed aziende perché, da questo momento in poi, non basta più avere un sito ben strutturato, pieno di approfondimenti o costose applicazioni/servizi (es. assistenza-chat, gestione resi e riparazioni, ecc.).

Prima questo poteva fare la differenza, ma ora perde la sua straordinarietà, nel momento in cui un utente accede da smartphone o tablet e non riesce a interagire correttamente con i moduli e la struttura del sito web, ossia se i contenuti e il layout della pagina non sono stati sviluppati in modalità “web responsive”. 

Il tuo sito è già pronto?

Un sito web responsive è un Servizio

Un sito con un layout responsive è, di fatto, l’unica strada percorribile oggi per offrire ai nostri clienti la corretta e migliore esperienza online, rendendo i nostri prodotti e servizi facili da trovare su qualsiasi device (iPhone, Tablet, ecc.). Il responsive web design non deve essere visto come un mero mezzo, quanto invece un reale servizio offerto ai propri clienti, perché semplifica la navigazione e rende tutto più vicino e comprensibile.

Inoltre, come tralasciare l’impatto che il responsive sta avendo in terminiSEO! Dal 21 aprile 2015, data in cui Google ha reso attivo il nuovo algoritmo di ricerca e selezione dei risultati, di fatto è stata dichiarata guerra ai siti web NON responsive. Questi ultimi vengono classificati come meno performanti da Google stesso e ricevono quindi un punteggio totale inferiore, che influisce inevitabilmente sul ranking (lista dei risultati di ricerca). 

Le 7 ragioni per cui utilizzare il "Responsive Web Design"

Esistono 7 ragioni che spiegano l’importanza del responsive web design e di come esso possa diventare strategico per il successo della tua presenza web. Creare un sito, delle pagine-prodotto o delle landing page responsive si dimostra una scelta obbligata per la presenza di questi 7 elementi chiave: 

  1. Incremento del Mobile: il 60% degli utenti nel mondo naviga online via mobile, e la percentuale cresce di mese in mese.
  2. Shopping On Mobile: negli Stati Uniti e in Asia stiamo già assistendo al nuovo trend di acquisti direttamente da smartphone e tablet. Questo significa che anche per i siti e-Commerce sarà fondamentale rimodellarsi in chiave responsive.
  3. Social Media: la navigazione, l’interazione tra persone, i commenti e i post diffusi sui social hanno sempre più origine via mobile (anche negli orari di lavoro).
  4. SEO: Google ha dichiarato esplicitamente che il responsive design è un elemento determinante per il SEO ranking.
  5. Customer Experience: si sente fin troppo spesso parlare dell'importanza della “customer experience”, cioè della necessità di offrire al cliente una vera e propria esperienza da ricordare, quando entra a contatto con un brand (in un negozio/store, con l’assistenza, durante l’acquisto online, durante gli eventi, ecc.). Questo è proprio ciò che ti può garantire l'approccio web responsive (e, trattandosi di una miglioria ad uso e consumo dei clienti finali della web, parte della spesa per la progettazione di un sito responsive potrebbe essere inclusa nel budget alla voce: Assistenza e cura del cliente).
  6. Offerta di prodotti e servizi 2.0: il responsive design deve essere visto come una piattaforma ideata per facilitare l’interazione tra clienti e prodotti/servizi, magari con creatività e nuovi stili comunicativi.
  7. Mobile life is everywhere: grazie all’uso di device mobile, in realtà, un cliente può decidere di accedere ai tuoi profili social, al tuo sito-di-prodotto, al tuo blog in qualsiasi momento della giornata. Una recente ricerca afferma che il 75% degli Statunitensi porta il proprio smartphone ovunque, anche in bagno. Anzi, il bagno viene identificato come uno dei luoghi migliori perché offre maggiore privacy e relax.

Considerate tutte queste ragioni, perché rischiare di farsi trovare impreparati? Meglio disporre fin da subito di un sito in modalità responsive web design, che garantisca all’utente la migliore esperienza possibile, così da invogliarlo all’acquisto.

Perché Google premia il Responsive

L’aggiornamento dei propri algoritmi di calcolo, compiuto da Google nella primavera 2015, ha avuto un impatto significativo sui risultati di ricerca mobile di tutto il mondo: in pochi giorni milioni di siti web diventarono obsoleti. I ranking si modificarono perché i siti che offrivano un’esperienza mobile-friendly venivano premiati, mentre tutti gli altri venivano declassati.

Al momento, questo tipo di aggiornamento logaritmico riguarda solo i risultati di ricerca mobile, vale a dire solo le ricerche effettuate da smartphone e tablet (non quelle condotte su un computer desktop o laptop). L’algoritmo è però applicato universalmente, con analisi di pagina per pagina, in tempo reale, e non influisce nei soli risultati del paese in cui si risiede, bensì determina i risultati in tutto il mondo (per qualsiasi tipo di ricerca).

"Pagina per pagina", vuol dire che l’algoritmo offre i risultati tenendo conto della pagina singola e non del sito web o della piattaforma in cui è inserita. Questo aspetto può rivelarsi interessante in termini strategici, perché nel caso in cui il vostro sito non fosse stato ancora aggiornato in termini responsive, ma avete un Catalogo online sfogliabile mobile-friendly, oppure un Blog aziendale o un Forum interno, questo tipo di contenuti continueranno ad ottenere un buon livello di ranking.

"In tempo reale", significa che l’algoritmo seleziona ovviamente i risultati in pochi millesimi di secondo, ma tiene conto delle informazioni che sono state registrate durante l’ultimo passaggio di un Googlebot che, ad esempio, visitando quella pagina può averla indicata come “non responsive”. Se in un secondo momento questa pagina venisse modificata e adattata ai canoni del responsive web design, verrebbe riportata al suo livello di ranking più alto solo dopo il passaggio di un Googlebot, quindi mediamente solo dopo alcuni giorni o settimane.

Vuoi controllare il Grado di Responsive del tuo sito web?

È molto facile, ti è sufficiente scegliere uno dei tool nella lista qui sotto, indicare quale pagina web vuoi testare e il modello di smartphone o tablet su cui effettuare la verifica, o scegliere semplicemente il formato di visualizzazione Desktop o Portatili. Sono presenti vari modelli di Samsung Galaxy, iPad, Mini iPad, iPhone, e sarà molto semplice passare da una visualizzazione all’altra e capire con precisione come e quali moduli del tuo sito vengono visti con facilità e completezza da parte degli utenti mobile.

Come verificare se il tuo sito è responsive

In particolar modo, devi ricordare che la tua analisi dovrebbe tener conto non tanto dell’aspetto visual (bellezza d’insieme, o che la struttura del sito rimanga coerente con quella progettata), quanto invece del grado di usabilità, ovvero:

  • se i moduli principali sono tutti ben visibili e funzionanti da mobile
  • se lo scroll della pagina è giustamente solo verticale e non orizzontale
  • se i pulsanti di call-to-action sono facili da cliccare in modalità “touch”
  • se i Tab ed i Form “strategici”, ovvero di solito quelli di: contattaci, invia una richiesta di informazioni, invia una richiesta di preventivo, sono facilmente navigabili e ben funzionanti da modalità mobile.

Ecco alcune interessanti ed utili applicazioni web che puoi utilizzare gratuitamente per analizzare il grado di responsive del tuo sito:

Analizza il grado di responsive del tuo site con il tool PageSpeed

È il tool di Google che ti permette di verificare il rendimento della tua pagina su dispositivi mobile e dispositivi desktop. Un valore che va da 0 a 100 indica il grado di responsive della tua pagina e le soluzioni da implementare per migliorarne il rendimento. 

Il tuo sito è web responsive? Scoprilo con Responsinator

Attraverso questa applicazione, scopri quanto sia semplice testare la tua web, visualizzandola proprio come un utente che utilizza un iPhone5, un iPad, ecc. Ti renderai subito conto se le tue pagine web soddisfano i requisiti della modalità responsive web design.

Controlla l'esperienza web che stanno vivendo i tuoi clienti

La pagina si rivela fondamentale per capire che tipo di esperienza web stiamo offrendo ai nostri utenti, non solo ai fini SEO, ma soprattutto per avere sotto controllo gli strumenti comunicativi aziendali. 

Testa l'usabilità delle tue pagine su ogni dispositivo

Questa funzione di Quirktools ti permette di testare la tua pagina in modalità desktop (scegliendo tra dispositivi Netbook, Notebook e a seconda delle dimensioni dello schermo), tablet (su tutti i principali modelli), mobile (Samsung, iPhone, LG,...) e televisione.

Troppe volte accade che una campagna web risulti poco proficua per non aver ottenuto un alto tasso di impressions e richieste, senza però testare l’usabilità della pagina e dei moduli attraverso i quali il cliente avrebbe dovuto interagire. Analisi e prevenzione prima di tutto, in particolar modo prima di lanciare una campagna che richiede denaro e risorse aziendali.

Anche tu stai hai deciso di adattare il tuo sito alla modalità responsive?

Raccontaci se i risultati che stai ottenendo sono migliori che in precedenza.

Credits image (Responsive web design): Shutterstock

Marketing & Communication Manager di professione, da alcuni anni svolge attività come Consulente e Mentore per aziende e privati su tematiche di Digital Marketing, Content Marketing, Corporate Communication, Brand Building e Personal Branding. E' fondatore di Social Media Marketing Italia.

2000 simboli rimanenti
Rubén Alonso
Brutal Antonio!

Vaya lista, jeje. Totalmente de acuerdo con todos los puntos, y de hecho con el último sobre Google+ creo que tiene más importancia de la que parece. Al menos a mí parece servirme bastante para mi posicionamiento. :-)

Un saludo!
Antonio López
Rubén Alonso
Totalmente de acuerdo. Respecto a la lista, se que me he quedado corto, y reconozco que son muchos más factores los que influyen en el SEO, pero aquí he puesto los más importantes offpage.

Gracias por los comentarios.
Javier
Hola, creeis que google+ tiene preferencia sobre el resto de redes sociales en cuestion de SEO porque sea google?
www.compumarketing.es
Antonio López
Javier
Hola Javier. En teoría es la Red Social de Google, el problema es que el propio Google se ha dado cuenta que no la utiliza nadie... Las pruebas que yo he hecho no han resultado demasiado convicentes, pero se ha notado una leve mejora en algunas keywords. Saludos.
Guillermo Vega
Guillermo Vega
Javier
si por supuesto; sólo se indexan urls de G+; con lo cual tiene preferencia
Have a Suggestion?