Invia il post
Torna ai giochi

La radio sta per scomparire? Ecco cosa accade con Internet, i social e il 5G

63
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.

La radio sta per scomparire? Ecco cosa accade con Internet, i social e il 5G

Andrea Boscaro
La radio sta per scomparire? Ecco cosa accade con Internet, i social e il 5G

Come tutti possono facilmente verificare, la famosa canzone "Video killed the radio stars" si è rivelata certamente piacevole ad ascoltarsi, ma per nulla efficace nel prevedere ciò che sarebbe accaduto: la radio non solo non è scomparsa con l'avvento della televisione, ma – ai tempi di Internet e della nuova offerta di contenuti video – è ancora ben presente con i suoi personaggi e con i suoi format nella dieta mediatica degli italiani: anzi, sta via via conquistandosi nuovi spazi e interpretando nuovi ruoli grazie al digitale ed all'evoluzione della tecnologia che la supporta.

Secondo il Rapporto Censis 2018, infatti, la radio è il primo mezzo di informazione per affidabilità secondo il 69,7% dei nostri connazionali, a fronte del 69,1% della TV, del 64,3% della stampa, del 42,8% dei siti web e del 33,6% dei social media.

Maggiori info Fake news e Native Advertising: chi vince? Post Enrico Verga

Colpito dalle fake news e dalla sua maturità, Facebook ha invece in un anno perso quasi dieci punti percentuali in quanto "edicola digitale" delle nostre giornate. 

Marketing per le radio: un protagonismo ancora forte

Non c'è dubbio però che la radio sia stata investita da un cambiamento almeno pari a quello che la TV ha rappresentato nel passato e dipinto dalla hit dei Buggles del 1980: cambiano le modalità di ascolto, cambiano le tecnologie di trasmissione e si innovano i modelli di business nel contesto più generale della crisi dell'editoria e dei suoi attori tradizionali.

Radio: i nuovi dispositivi

La radio, in quanto dispositivo tradizionale, nel 2018 è stata utilizzata dal 56,2% degli italiani (il 59,1% nel 2017) soffrendo lo stesso calo, ad esempio, sperimentato dall'autoradio (67,7% rispetto al 70,2% del 2017) mentre cresce la radio ascoltata sul cellulare (20,7%). 

In questa prospettiva, l'introduzione della tecnologia 5G – che presenterà una maggiore efficienza nella trasmissione del segnale attraverso la rete telefonica – aprirà nuovi scenari sia sul piano dell'estensione della platea degli ascoltatori che del collegamento fra l'ascolto della radio e l'accesso ai contenuti digitali che le emittenti stanno pian piano sperimentando (approfondimenti e playlist, contenuti video e aree di entertainment).

Se oggi ascoltare la radio esclusivamente da mobile significherebbe un consumo dati pari a 2,2 GB al mese, per il valore di 11€ per utente, comprendiamo quanto il 5G, per quanto meno affidabile della copertura della radio digitale, sia una leva di crescita per il settore.

Cosa accade alla radio con Internet e il 5G

Lo stesso effetto verrà dato dall'evoluzione della "connected car" e dallo sviluppo di app con comandi touch vocali che i player Apple e Google stanno mettendo a disposizione delle case automobilistiche e che rappresentano un terreno di confronto per gli stessi nuovi player della musica come Spotify.

La radio si è sempre rivelata infatti il miglior compagno di viaggio durante i tempi di guida, ma anche a casa: ecco perché la diffusione dei dispositivi come Google Home e il miglioramento dei software come Alexa aprono nuove strade alle emittenti radiofoniche sia per la fruizione di contenuti news che, a tendere, per la riproduzione della musica in un contesto di progressiva scomparsa delle radio FM.

I nuovi canali

L'ampliamento dei dispositivi – la cui fruizione rappresenta per le testate editoriali una strada, pur complessa e frastagliata, per compensare il calo dell'ascolto in modalità tradizionale – si accosta all'estensione in atto degli ambienti digitali, attraverso i quali innovare ed erogare contenuti: dalle app (che offrono anche opportunità di alert e coinvolgimento grazie alla consuetudine del second screen da parte degli ascoltatori) ai siti web (il 17% degli italiani già ascoltano la radio via pc), dai social media alle piattaforme come iTunes e Spotify, la sfida si sposta sulla creazione di nuovi formati audio e video per allinearsi con le aspettative degli utenti dei diversi ambienti.

Queste più ampie possibilità nascondono però, come sempre quando il digitale agisce in chiave disruptive di un settore, rischi di disintermediazione e di successive nuove forme di intermediazione dei contenuti e dei servizi che vengono resi disponibili: se osserviamo servizi come Radio Garden, che permette di passare da una radio ad un'altra semplicemente muovendosi su una mappa geografica e se studiamo i modelli di operatori come Spotify, Pandora e Mixcloud, vediamo quanto questi assumano il ruolo di nuovi "packager", sia dell'offerta musicale che dei contenuti resi disponibili sotto forma di podcast e playlist.

Radio Garden via streaming

Per questo motivo, e come in molte altre forme di editoria digitale, il successo delle radio nel futuro sarà pertanto dato dalla sostenibilità economica di un'offerta che, dal sonoro, sta estendendosi ad un vero e proprio ecosistema di contenuti audio, video, news, modalità di intrattenimento digitale.

Maggiori info Come pianificare il lancio di un Podcast Post Alessandro Mazzù

Anche un rapido sguardo ai grandi siti delle radio internazionali come NPR e BBC ("BBC Sounds", in particolare) mostra quanto l'evoluzione tenda ad affiancare ai formati tradizionali (le trasmissioni live e registrate), la creazione di podcast (anche instant su singoli fatti importanti) e contenuti soggette alle nuove forme di monetizzazione rappresentate dalle sponsorizzazioni e dal programmatic advertising.

L'evoluzione del marketing per le radio: i podcast

Maggiori info Che cos’è il Marketing Conversazionale di cui tanto si parla Post MailUp

I social media in particolare si prestano a supportare gli sforzi che le radio stanno portando avanti per fidelizzare gli ascoltatori e accrescere il tempo con il quale li si accompagna nel corso della giornata: dirette e video on demand, contenuti pensati per favorire le conversazioni e cementare la community, coinvolgimento live anche sugli instant messenger aggregano una audience digitaleche si affianca a siti e app per consolidare ed estendere la relazione con gli ascoltatori e creare nuove opportunità di monetizzazione attraverso la pubblicità in programmatic e i contenuti co-branded.

Preview: La guida definitiva per i professionisti dei Social Media di SEMrush

I social media sono diventati molto più di una semplice piattaforma di comunicazione, si sono evoluti in una parte integrante del marketing digitale. Le aziende di tutto il mondo si rivolgono ai social network, che aiutano grandi e piccole aziende a raggiungere i consumatori. Tuttavia, questa arena di marketing diventa ogni giorno più competitiva. La buona notizia è che puoi...

Ottieni il PDF gratuito

Guardare la lista dei primi canali YouTube italiani rivela quanto poco però gli editori radiofonici abbiano fino ad ora pensato ad una strategia coerente con la piattaforma: solamente la Rai è presente nei primi 20 posti con un canale che conta circa 2,5 milioni di iscritti. I veri protagonisti di questo mezzo sono infatti gli Youtuber che assolvono a ruoli simili agli speaker radiofonici e ai veejay degli Anni '90 (pensiamo a protagonisti di YouTube come "Me contro Te", "Il vostro caro Dexter" e "Luca e Katy"), grazie a toni di voce e piani editoriali esplicitamente pensati per il pubblico di YouTube e realizzati grazie agli strumenti di comunicazione e di editing sempre più avanzati offerti dalla piattaforma. 

La maggior attenzione dedicata di recente da parte delle principali radio nazionali e di alcune radio locali (es. Radio Globo) fa pensare che il Pulcino Pio non sarà l'unico successo che il mondo radio sarà in grado di sviluppare su YouTube nel nostro Paese.

Fenomeni radio su YouTube: il Pulcino PIo

Radio: i nuovi modelli di business

La radio raccoglie oggi il 7% dei ricavi del mercato pubblicitario italiano e deve fronteggiare, come gli altri attori tradizionali del sistema, l'ascesa dei player over-the-top digitali che, a livello nazionale e a livello locale, stanno radicalmente modificando il sistema della comunicazione e i rapporti di forza al suo interno. A difesa di questo valore, e in parallelo con gli sforzi creativi, editoriali e distributivi posti dai nuovi dispositivi e dai nuovi canali, le testate radiofoniche hanno di fronte a loro la necessità di sviluppare nuovi modelli di remunerazione con le relative sfide organizzative e commerciali:

  • la vendita di contenuti ad altre testate editoriali o ad aziende per loro iniziative di branded content e brand journalism;
  • la vendita diretta agli utenti di contenuti on demand, anche in forma di podcast, attraverso ambienti proprietari o di terze parti (iTunes, Google Play Store, …);
  • la valorizzazione del traffico web e mobile attraverso le forme di programmatic advertisingdisponibili;
  • la creazione e la distribuzione di contenuti social e la loro monetizzazione attraverso i formati co-branded offerti da Facebook ed Instagram.

Il successo organizzativo e commerciale di fronte a queste sfide è particolarmente importante per le radio locali: la crisi dei giornali locali e la progressiva maturazione delle imprese concorrono ad offrire uno spazio di manovra che può essere colto a patto che, sul piano dell'offerta editoriale e della raccolta pubblicitaria, si creino le condizioni per diventare soggetti cross-mediali competitivi, sostenibili ed autorevoli. Più le radio riusciranno in questo intento, più a guadagnarne sarà la libera informazione e la vita democratica delle comunità territoriali attorno a loro.

Che cosa ne pensi?

Scrivi il tuo commento qui sotto, magari raccontando come usi oggi la radio.

Preview: Analisi della concorrenza e dei mercati con SEMrush

In ambienti altamente competitivi come il mercato moderno, ottenere dati accurati e tempestivi può fare davvero la differenza per tenere sotto controllo i competitor. In questa guida abbiamo raccolto le domande principali dei marketer e abbiamo spiegato come gli strumenti e i report di SEMrush possono fornire tutte le risposte.

Ottieni il PDF gratuito

Andrea Boscaro
Maestro

Un veterano della community.

Andrea Boscaro è fondatore della società di formazione sul marketing digitale The Vortex e già Amministratore Delegato di Pangora (oggi Connexity), è autore dei volumi "Tecniche di web-marketing" e “Effetto digitale” editi da Franco Angeli e formatore legato ai temi dell'e-commerce, dei social media e dell'editoria digitale.
Condividi il post
o

Commenti

2000
Alessandro D‘Andrea
Entusiasta

Ogni tanto prende parte alle conversazioni.

Punto di vista molto stimolante Andrea, soprattutto per chi, come me, ha condotto e continua a condurre in radio :) . Aggiungo un punto: la radio, a differenza degli altri media offline, permette un interazione social molto più diretta ed affine al mondo online. Ultimamente la TV prova ad interagire in real time con chi commenta sui social (in questo senso, ad esempio, Propaganda Live è molto ben strutturato), ma credo siamo lontani anni luce dalla spontaneità e della velocità di interazione garantita dal mezzo radiofonico che, complici anche le frequenti pause, permette a speaker e registi di leggere, selezionare le migliori interazioni e, perché no, rispondere in diretta.
Andrea Boscaro
Maestro

Un veterano della community.

Alessandro D‘Andrea
Verissimo! Peraltro, si nota come nelle trasmissioni l'interazione sia più one-to-one (WhatsApp) che one-to-many (social).
Alessandro D‘Andrea
Entusiasta

Ogni tanto prende parte alle conversazioni.

Andrea Boscaro
Si, vero! In quest'ottica è molto interessante anche l'evoluzione portata dai messaggi vocali che, a mio parere, sono la versione 2.0 delle vecchie dediche. Cambiano i tempi e i modi, ma sentire la propria voce alla radio fa sempre un effetto molto piacevole :)
Luca Carchesio
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

Ciao Andrea, davvero un'articolo interessantissimo! ascolto la radio perlopiù in macchina negli spostamenti quotidiani e sono affezionato ad un canale specifico ma utilizzo lo smartphone per seguire alcune dirette "di calcio" su web radio. Oggi come oggi non saprei fare a meno di questi servizi... ottimo articolo! grazie..
Andrea Boscaro
Maestro

Un veterano della community.

Luca Carchesio
Grazie mille, Luca, evviva la radio!

Invia un feedback

Your feedback must contain at least 3 words (10 characters).

Useremo questa email solo per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Thank you for your feedback!

Sistema di ranking nella community

Il punteggio della Community SEMrush riflette il livello di riconoscimento professionale nella nostra community. Apprezziamo i contributi di qualità: i membri con il punteggio più alto riceveranno preziosi incentivi. Partecipa alle discussioni, scrivi post e parla nei webinar, adotta un tono amichevole, cerca di essere sempre d'aiuto, e arriverai al vertice delle classifiche.

  • Nuovo arrivato
    Si è appena iscritto o è troppo timido per dire qualcosa.
  • Entusiasta
    Ogni tanto prende parte alle conversazioni.
  • Aiutante
    Un membro esperto, sempre lieto di dare una mano.
  • Maestro
    Un veterano della community.
  • Pro
    Fa ottime domande e dà risposte brillanti.
  • Esperto
    Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.
  • Guru
    Un grande saggio del marketing digitale.
  • Superstar
    Sa tutto... o quasi.
  • Leggenda
    Arrivare fin qui non è affatto semplice.