logo-small
Funzionalità Prezzi
Notizie 0
Ultime notizie Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Webinar 0
Prossimi webinar Visualizza tutti
Prossimi webinar

Spiacenti, non abbiamo trovato prossimi webinar previsti.

Vedi webinar registrati
Blog 0
Post recenti Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Francesco Margherita

La semantica dei link interni

Francesco Margherita
La semantica dei link interni

Ragionare sulla semantica per disporre i link interni di un sito web 

La pratica dell’internal linking talvolta migliora il ranking, talaltra non sposta niente in termini di risultati e altre volte ancora peggiora le cose. In questo post ti parlo di web usability e di SEO tecnica… e di filosofia, soprattutto di filosofia.

Lo spunto per quest’articolo nasce dalla mia partecipazione alla Marathon di SEMrush intitolata “SEO Tecnico”. Se dico che parlerò di SEO sotto il profilo “tecnico”, probabilmente penserai a un intervento sugli aspetti legati all’ottimizzazione del codice di un tema o magari a quelli sistemistici legati (a pieno titolo) alla SEO. Ma la SEO copy non è tecnica? Scegliere le parole chiave per le tassonomie di un blog non richiede tecnica? Ma soprattutto e arrivando al punto, c’è anche una SEO non tecnica? E di cosa si occupa? Di Filosofia? Ma anche la filosofia, cioè la scienza del ragionamento richiede conoscenze tecniche, diverse forse da quelle necessarie a scrivere una pagina di codice, tuttavia non meno legate alla tecnica. Insomma se ci pensi un momento non ha senso… invece sì, ce l’ha.

Parlare di SEO tecnica ha perfettamente senso nella misura in cui la maggior parte delle persone è concorde nell’attribuire a queste due parole un significato preciso, cioè: “aspetti informatici legati alla SEO”.

Le parole non hanno un significato in sé, ma ne assumono uno in funzione del contesto in cui vengono inserite e / o  di chi le utilizza. Anni di studi sulla semantica mi portano serenamente ad affermare che l’unica cosa vera è l’inoggettività delle cose. Sono le persone a decidere chi ha ragione e chi no, chi ne capisce e chi un analfabeta funzionale. Se la penso come te sono intelligente, altrimenti sono stupido, indipendentemente da quello che dico o faccio.

Perché questo pistolotto epistemologico sulla SEO tecnica?

Perché oggi vorrei parlarti di una visione dei link meno “tecnica” e più imprecisa, più sporca, forse più umana e legata ai criteri di usabilità di un sito web, quei criteri ai quali Google presta attenzione, cosa di cui ho conferma da mille indizi “rumorosi” che mi  ballano sotto gli occhi ogni mattina da parecchio tempo.

Internal linking e Web usability

Un sito web è usabile (tra l’altro) quando rispetta la funzione pedagogica, vale a dire quando riesce a insegnarmi presto e facilmente dove cliccare per compiere un’azione importante legata al motivo esatto per cui sto navigando quella sua pagina in particolare.

La funzione pedagogica della web usability ha un’importante incidenza nel fornire a Google segnali sulla qualità di una pagina web, perché è chiaro che più un utente interagisce con la pagina in modo coerente con l’intenzione di ricerca originale, maggiore sarà la percezione di valore della pagina stessa per la chiave di interesse.

Se ad esempio guardiamo la homepage di sugoallamatriciana.it del mio amico Nicola Battistoni, ci salta subito all’occhio quel bel fascione blu che risalta con l’intestazione “Vai subito alla ricetta originale” e il link Clicca qui

Esempio di link interno su una pagina web

Da quel link puoi capire una cosa importante quanto (apparentemente) banale. Quando inserisci un link in pagina devi fare in modo che la gente ci clicchi sopra, perché più ci cliccheranno, più Google si farà l’idea che il tuo sito web è interessante; se al contrario gli utenti si limiteranno a guardare la pagina e andare via, il motore di ricerca potrebbe concludere che quello non era il contenuto che gli utenti stavano cercando o tutt'al più che il sito web è troppo difficile da usare.

Link contestuali vs Link strutturali

A partire da qui suddivido i link in almeno due tipologie: 

  • quelli strutturali, che si trovano nelle aree di navigazione fisse come il menu principale, il footer e i sidebar,
  • e quelli contestuali, che invece non vengono ripetuti globalmente per tutto il sito web, ma sono appunto contestuali alla singola pagina, trovandosi nel testo (body) o comparendo in un sidebar personalizzato. 

Un sidebar personalizzato contiene solo link pertinenti tra loro e con la pagina su cui viene mostrato. Ad esempio un grappolo di articoli può avere lo stesso sidebar.

Entrambi i tipi di link interni sono importantissimi, ma dalla mia esperienza posso dire che a Google piacciono un po’ di più i link contestuali, perché costituiscono strade uniche e sicuramente pertinenti da una pagina A verso una pagina B che possono trovarsi allo stesso livello nel silo o grappolo di contenuti, come mi piace chiamarlo, oppure essere l’una approfondimento dell’altra.

I link interni devono essere SEMPRE TUTTI rilevanti! Un grosso problema sono i widget di tipo “articoli recenti” o “articoli migliori”, che mostrano gli ultimi contenuti pubblicati o quelli più visti, senza che magari c’entrino niente con la pagina su cui mi trovo. Questo è veramente un peccato, soprattutto perché sto per dirti esattamente qual è il legame tra web usability e SEO.

Jakob Nielsen nel 2002 (diamine) scriveva che se un link presente in pagina riceve zero click, NON DOVREBBE ESSERCI. Sai come posizionare bene il tuo sito web? Semplice, fai in modo che gli utenti clicchino (prima o poi) su tutti i link interni presenti in tutte le pagine. Non occorre quasi altro.

Link interni controproducenti

Sono quelli che disperdono inutilmente link juice, magari diluendolo troppo. Se la tua pagina web presenta 100 link interni tutti rilevanti, ben vengano, ma se di questi 100 link solo 10 c’entrano qualcosa con la pagina su cui si trovano, il valore che la pagina web di partenza trasmetterà alle sole 10 pagine pertinenti sarà un decimo (100/10) di quello che invece avrebbe potuto passare gestendo più opportunamente i criteri di correlazione.

Link interni strutturali nel footer di una pagina web

Allo stesso modo, ti è mai capitato di vedere quei pre-footer tutti “tempeshtati” di link interni? Evidentemente in quei casi o si cerca di imbrogliare il motore di ricerca o si presume che il pubblico di riferimento del sito web sia costituito da Bot. In entrambi i casi basta con questa SEO del passato: che ne pensi di fare qualcosa per i tuoi utenti? Ti garantisco che Google lo apprezzerà!

Ed ora tutti in piedi

Per concludere questo intervento sulla internal linking vorrei mostrarti il terzo segreto di Fatima, vale a dire il modo in cui il mio supereroe personale Salvatore Aranzulla sviluppa il sidebar degli articoli nel suo blog personale, il cui indirizzo non scrivo per timore che SEMrush non regga l’emozione ed imploda generando un buco nero tale da inghiottire l’intera galassia. A me il software serve.

Inserendo ad esempio su Google la query: “antivirus gratis”, troverai nelle prime posizioni un articolo in cui Salvatore ha inserito un sidebar con link i cui anchor text sono talmente vicini da avere spesso la stessa esatta intenzione di ricerca. Operando in questo modo, sviluppando articoli simili e non uguali ottimizzati per chiavi simili e non uguali, si vanno a coprire tutte le possibili sfumature nella ricerca, aumentando la rilevanza di ciascuno dei contenuti presenti nel singolo grappolo. Il suo blog funziona per metà così, per l’altra metà ti rimando a questo mio studio sui criteri di composizione semantica degli articoli.

Un link non è semplicemente un modo per collegare due pagine web, ma è un elemento che concorre a sviluppare la semantica dell’intero sito web. Se i link sono chiari, il contesto è chiaro e il sito web si capisce.

Il link interno è un Fatto semantico

Che fai ancora là impalato, vai a vedere no?!

Aspetto i tuoi commenti.

Francesco: Sociologo, scrittore e musicista, Consulente SEO per aziende e formatore privato. Studio, sperimento e divulgo la mia passione attraverso il blog Seogarden.net. Le riflessioni sulla semantica applicata ai motori di ricerca sono al centro delle mie attività quotidiane (@francescomarghe).

2000 simboli rimanenti
Elisa Rosso
Elisa Rosso
Mi piacerebbe approfondire una particolare 'sottospecie' di link interni: i cosiddetti link "àncora", quelli che classicamente si vedono messi in cima all'articolo, a mo' di menu-indice, e che rimandano ai principali paragrafi dell'articolo, linkandone i titoletti (stile quelli che si vedono su Wikipedia).
Quello di Nicola Battistoni è un link àncora che rimanda il lettore alla sezione dell'articolo in cui c'è la ricetta.
Mi piacciono molto questi link, perché penso facilitino la navigazione (oltre a essere utili per la SEO); tuttavia penso siano anche 'rischiosi', nel caso di un articolo che viene aggiornato spesso, in cui i titoli possono cambiare, ecc: allora, ahimé, tanti 301! ^^
Ma sarei davvero interessata ad una "lezione" su questi particolari link, per vedere esempi d'uso, pro e contro.
Raffaele Conte
Ottimi spunti, anche se sarebbe bello fare delle ricerche "scientifiche" a riguardo.
Sarebbe utile fare delle ricerche del tipo: questa strategia è stata utilizzata su 100 siti e sul 80% ha portato questi risultati cambiando la tipologia dei link interni.... cosi come si fa per le ricerche scientifiche quando vuoi dimostrare una tesi.
Gianluca Contento
Raffaele Conte
« Nessuna quantità di esperimenti potrà dimostrare che ho ragione; un unico esperimento potrà dimostrare che ho sbagliato. »
Have a Suggestion?