Guest Blogging: la guida definitiva

Brian Dean

dic 15, 202217 min di lettura
Guest Blogging: la guida definitiva

INDICE

Guest Blogging: la guida definitiva

Questa guida contiene tutto quello che devi sapere sul guest blogging.

Come iniziare l'attività, come scalarla e come far apparire il tuo guest post su innumerevoli siti ad alta autorità.

Ecco i passi da seguire:

  • Passo 1: Trova gli obiettivi dei tuoi guest post
  • Passo 2: Prepara il terreno per il tuo guest post
  • Passo 3: Invia la tua proposta
  • Passo 4: Scrivi il tuo guest post
  • Passo 5: Segui il post
  • Passo bonus 1: Il guest post ampliato
  • Passo bonus 2: Consigli professionali per fare Guest Blogging

Qualche informazione sull'autore del post

Ciao, sono Brian Dean.

Negli ultimi anni ho pubblicato oltre 200 guest post.

Alcuni di questi sono stati pubblicati su siti di nicchia più piccoli, come questo:

niche site guest post

Ma ho anche pubblicato guest post su ENORMI blog del settore marketing, come il blog di Buffer:

Brian's guest post on the Buffer blog

Ho persino pubblicato i miei contenuti su siti autorevoli come Entrepreneur e Inc.

Inc. & Entrepreneur – Guest posts

Inutile dire che questi guest post hanno portato migliaia di visitatori in target sul mio sito.

traffic increase referral traffic

(Per non parlare dei potenti backlink che hanno migliorato in modo significativo il mio posizionamento su Google).

In questa guida ti svelerò esattamente come ho fatto.

Passo 1: Trova gli obiettivi dei tuoi guest post

Il tuo primo passo è trovare un sito su cui pubblicare un guest post.

Ecco 7 modi collaudati per trovare siti che accettano guest post:

Tecnica n. 1: stringhe di ricerca su Google

Cerchi qualcosa di diverso dalla tipica stringa di ricerca "parola chiave" + "scrivi per noi"?

Eccoti accontentato.

Di seguito, trovi una lista di stringhe di ricerca che personalmente utilizzo per trovare opportunità di guest posting:

La tua parola chiave "guest post".

La tua parola chiave "scrivi per noi".

La tua parola chiave "articolo ospite".

La tua parola chiave "opportunità di guest post".

La tua parola chiave "questo è un guest post di".

La tua parola chiave " autore collaboratore".

La tua parola chiave "voglio scrivere per".

La tua parola chiave "inviare un post sul blog".

La tua parola chiave "contribuire al nostro sito".

La tua parola chiave "rubrica ospite".

La tua parola chiave "inviare contenuti".

La tua parola chiave "invia il tuo contenuto".

La tua parola chiave "invia un post".

La tua parola chiave "questo post è stato scritto da".

La tua parola chiave "guest post per gentile concessione di".

La tua parola chiave "linee guida per i guest post".

La tua parola chiave "suggerisci un post".

La tua parola chiave "invia un articolo".

La tua parola chiave "linee guida per i collaboratori".

La tua parola chiave "scrittore collaboratore".

La tua parola chiave "invia notizie".

La tua parola chiave "diventare guest blogger".

"La tua parola chiave "guest blogger".

La tua parola chiave "cercasi guest post".

La tua parola chiave "cerco guest post".

La tua parola chiave "si accettano guest post".

La tua parola chiave "cercasi autori di guest post".

La tua parola chiave "cercasi articoli".

La tua parola chiave "diventare autore di guest post".

La tua parola chiave "si cercano guest blogger".

La tua parola chiave "diventare un autore invitato".

La tua parola chiave "inviare guest post".

La tua parola chiave "inviare un articolo".

La tua parola chiave "inviare un post".

La tua parola chiave "autore ospite".

La tua parola chiave "invia un suggerimento".

La tua parola chiave inurl: "guest blogger".

La tua parola chiave inurl: "guest post".

allintitle: la tua parola chiave + guest post

Tecnica n. 2: ricerca inversa di immagini su Google

Questo è interessante: per prima cosa, trova qualcuno nella tua nicchia che scrive molti guest post.

Ad esempio, Noah Kagan tende a collaborare con molti blog nel settore del marketing.

HubSpot – Author – Noah Kagan

In secondo luogo, prendi l'URL dell'immagine usata nella biografia dell'autore:

img-semblog

Infine, inserisci l'URL nella ricerca inversa di immagini di Google:

img-semblog

Voilà! La lista di siti che hanno ospitato i post dell'autore della tua nicchia... presentata su un piatto d'argento:

img-semblog

Tecnica n. 3: ricerca su Twitter

La ricerca su Twitter è una miniera d'oro che pochi sfruttano.

Infatti, ho trovato delle opportunità di guest blogging straordinarie su Twitter, opportunità che non avrei mai trovato su Google.

(Inoltre, i risultati di Twitter sono più freschi rispetto all'indice di Google. Questo significa che puoi trovare siti che sono effettivamente a caccia di guest post).

Ecco come fare.

Per prima cosa, vai alla pagina di ricerca di Twitter e inserisci una stringa di ricerca di base per guest post, come "[parola chiave]" guest post.

Twitter search – Paleo guest post

Quindi, esamina i risultati per trovare obiettivi interessanti di guest posting:

Paleo guest post tweets

Bingo!

In 5 secondi ho trovato diversi siti di alta qualità che accettano guest post, come questo:

Paleo guest post opportunity

Fantastico!

Tecnica n. 4: reverse engineer dei backlink del tuo competitor

Qui si tratta di fare un lavoro di reverse engineering sui backlink di un sito della tua nicchia.

In questo modo, potrai scoprire centinaia di opportunità di guest posting.

Ad esempio, ho notato che questo sito si posiziona per molte parole chiave della mia nicchia:

Sujan Patel – Homepage

Quindi ho preso l'URL della homepage e l'ho inserito su Semrush.

img-semblog

E ho ottenuto una lista di tutti i backlink del sito.

img-semblog

La maggior parte dei backlink non proveniva da guest post.

Ma una buona parte sì.

Infatti, nel giro di 5 minuti ho trovato (letteralmente) 10 siti di alta qualità in cui è stato pubblicato un guest post del proprietario del sito:

Sujan Patel guest posts

La parte migliore di questa strategia è che puoi trovare siti che non pubblicizzano apertamente il fatto di accettare guest post.

(In altre parole, siti che NON hanno una pagina "Scrivi per noi").

Grazie al reverse engineering puoi trovare questi siti con facilità.

Tecnica n. 5: AllTop.com

Se solo esistesse un sito che elenca i migliori blog di internet.

Oh, aspetta, esiste!

Si chiama AllTop.com.

Vai su AllTop, cerca il tuo argomento e otterrai una lista dei migliori blog della tua nicchia:

alltop results

È ovvio che non potrai inviare un guest post a tutti i siti elencati in AllTop.

Tuttavia, con un po' di impegno, potrai trovarne alcuni che accettano guest post.

Tecnica n. 6: la miniera d'oro dei commenti sul blog

Attenzione: questa è una strategia avanzata di guest posting.

Quindi se non hai mai pubblicato un guest post prima d'ora, evita questa tecnica per il momento.

Detto questo, ecco come funziona.

Probabilmente avrai notato che altri blogger commentano i tuoi guest post.

Ad esempio, ecco un guest post che ho pubblicato qualche tempo fa:

Example guest post

Come puoi vedere, diverse persone hanno commentato il mio guest post:

Comments on a guest post

E non si trattava di persone a caso... erano persone che gestiscono blog nella mia nicchia.

Così, dopo aver risposto ai loro commenti, ho inviato a ciascuno di loro questo script:

Ciao [Nome],

Grazie per aver trovato il tempo di commentare il mio guest post su [Sito web].

Non avevo mai pensato al fatto che [Inserisci qualcosa che ha detto nel suo commento].

È un'ottima osservazione.

Ad ogni modo, ho un'altra idea di guest post che sarebbe perfetta per il tuo sito.

Il titolo è: [Titolo del guest post].

Se ti interessa, posso inviartela questa settimana.

In ogni caso, grazie ancora per i tuoi suggerimenti!

Cordiali saluti, [Il tuo nome]

E questo semplice script per e-mail mi ha fatto ottenere una fantastica opportunità di guest post "come infiltrato" da un sito che non aveva una pagina "scrivi per noi".

Perché funziona così bene?

Beh...

Chi lascia un commento sui tuoi guest post ha ovviamente apprezzato i tuoi contenuti.

(Altrimenti non avrebbe trovato il tempo di lasciare un commento).

Quindi, a patto che tu invii loro un post straordinario, di solito le persone che contatti ti diranno "Sì!".

Tecnica n. 7: liste di siti che accettano guest post

Perché passare ore a cercare opportunità di guest posting quando altre persone hanno già fatto il lavoro duro per te?

Ad esempio, ecco un'enorme lista di oltre 300 siti di guest posting già pubblicata:

guest post list

Questo post fornisce anche le statistiche di ogni sito della lista:

website stats

Questo è un buon elenco per iniziare.

Ma se vuoi scoprire ancora più siti che accettano guest post, ecco 4 liste che io uso ogni volta che cerco siti su cui pubblicare articoli come autore invitato (guest blogger):

Questo dovrebbe tenerti occupato per un po'.

Ora che hai trovato un sito su cui pubblicare un guest post, è il momento del passo numero 2...

Passo 2: Prepara il terreno per il tuo guest post

A questo punto hai una lista di siti che accettano guest post.

Ora è il momento del passaggio successivo.

In questo passo ti mostrerò come trovare i siti che sono adatti ai tuoi guest post.

Imparerai anche come "scaldare" i proprietari dei blog.

Iniziamo...

Separa i forti dai deboli

Per prima cosa, devi separare il grano dalla pula.

In altre parole, devi trovare i siti per i quali vale la pena scrivere un guest post.

Per essere chiari:

Non si tratta di essere troppo esigenti.

Infatti, se sei agli inizi, è meglio che ti concentri sui blog che non sono molto popolari.

Questi blog più piccoli saranno molto più propensi ad accettare i tuoi guest post.

Poi, man mano che avrai più post all'attivo, potrai passare a siti più popolari.

In ogni caso, cerca di pubblicare guest post su siti che:

  • Hanno un profilo di link autorevole.
  • Sono nella tua nicchia (o in una nicchia correlata).
  • Pubblicano SOLO contenuti di alta qualità.
  • Possono portarti traffico mirato.
  • Non seppelliranno il tuo link in un piccolo riquadro della bio dell'autore.
  • Hanno un numero significativo di follower sui social media.

Ad esempio, qualche tempo fa ho pubblicato questo guest post sul blog di Buffer:

my guest post

Se dai un'occhiata al sito, ti rendi conto che ha tutte le carte in regola:

Un forte profilo di link? Sì.

È nella mia nicchia? Sì.

Ha un seguito significativo sui social? Sì.

Allora è il momento di...

Riscaldare i proprietari dei siti web che hai come obiettivo

Se vuoi pubblicare un guest post su un sito autorevole, devi entrare nel radar del suo proprietario prima di proporti.

In questo modo, quando lo contatterai, dirà: "Oh sì, quello è Marco, il ragazzo che lascia tutti quei commenti fantastici".

Ecco come fare:

1. Condividi gli articoli sui social media: vuoi che il tuo nome rimanga impresso nella mente di un blogger? Condividi i suoi articoli su Twitter, Facebook, LinkedIn e Pinterest:

twitter share

2. Commenta il blog: dedica qualche minuto a lasciare commenti intelligenti e utili sul suo sito. Ecco un esempio reale:

Awesome comment

3. Mandagli un'e-mail: se ti senti pronto, invia un'e-mail al proprietario del sito una o due settimane prima del tuo lancio per dirgli come ti ha aiutato un determinato contenuto:

Ciao [Nome],

Il tuo recente post su [Argomento] mi ha aiutato molto.

In particolare, ho messo in pratica [Tecnica o consiglio del suo post] e ho ottenuto [Risultati]!

Ti invio quindi questa veloce email per ringraziarti!

Grazie davvero, [Il tuo nome di battesimo]

Trova l'argomento PERFETTO per un guest post

Ecco come trovare l'argomento perfetto per un guest post:

1. Controlla i post più popolari del sito

A volte sono elencati nella barra laterale del blog:

Nerd Fitness – Sidebar with best content

Oppure puoi utilizzare uno strumento (come Semrush) che elenca le pagine di un blog con le migliori performance:

img-semblog

Indipendentemente dal modo in cui li trovi, è dimostrato che questi argomenti generano condivisioni, traffico e commenti.

Quindi, quando invierai a qualcuno un guest post su quell'argomento, ti dirà: "Perfetto: i contenuti su questo argomento vanno sempre alla grande sul nostro blog!".

2. Poi, visita il sito di BuzzSumo

Con questo strumento puoi trovare argomenti di tendenza nella tua nicchia:

buzzsumo

Perché è importante?

I blogger vogliono pubblicare post su argomenti caldi e di tendenza.

(Perché significa più traffico per il loro sito).

Quindi, se offri loro un contenuto su un argomento in voga, è molto più probabile che accetteranno la tua proposta.

3. Dai un'occhiata agli altri guest post che hanno pubblicato

Cosa hanno già pubblicato gli altri autori invitati? Questo ti darà un'idea di cosa cerca il proprietario del sito quando esamina i post.

Ad esempio, quando ho dato un'occhiata al blog di Buffer, ho notato che la maggior parte dei guest post erano casi di studio.

Buffer blog case studies

Così ho inviato loro un caso di studio per il mio guest post.

4. Controlla le linee guida del sito per i guest post

So che hai di meglio da fare nella vita che leggere la lista delle linee guida per i guest post di un sito.

Lo capisco.

Ma alcuni blogger hanno linee guida davvero molto specifiche.

Alcune servono per standardizzare i post, altre per assicurarsi che le persone le leggano davvero.

In ogni caso, è importante che tu le conosca.

Perché non c'è niente di peggio che scrivere un capolavoro di 2000 parole... per poi vederselo rifiutare a causa del limite di parole previsto per i guest post.

Passo 3: Invia la tua proposta

Immagina per un attimo di essere il proprietario di un sito autorevole in crescita.

Hai post da scrivere, tweet da twittare e una casella di posta elettronica straripante.

Come reagisci quando ricevi una proposta generica di guest post?

Sì, premi il tasto "cancella" il più velocemente possibile.

Ecco un modello di email collaudato che sortirà tutt'altro effetto:

Ciao [Nome],

Sono un lettore di lunga data. Avrai notato il mio commento al tuo post [Articolo] (articolo fantastico, tra l'altro).

Ti scrivo perché mi piacerebbe contribuire con un guest post su [Sito web].

Ho fatto un po' di brainstorming su alcuni argomenti che ritengo possano essere molto utili ai tuoi lettori:

[Idea 1][Idea 2][Idea 3]

Mi assicurerò che il pezzo sia ricco di informazioni che non possono essere trovate altrove.

Per darti un'idea della qualità che apporterò al tuo sito, ecco un link a un guest post che ho recentemente pubblicato su [Altro sito web].

Saluti, [Il tuo nome di battesimo]

Ecco cosa rende questo modello di email così efficace:

  • Inizia con qualcosa di SPECIFICO, relativo al sito a cui ti rivolgi.
  • È breve e diretto (<150 parole).
  • Fornisce 3 argomenti specifici tra cui scegliere (meno lavoro per il proprietario del sito).
  • Usa una strategia di vendita delicata.
  • Accenna alla tua esperienza e ai tuoi lavori pubblicati.

E ora è il momento di...

Passo 4: Scrivi il tuo guest post

Quindi un blogger ha accettato la tua proposta.

Fantastico.

Ora devi inviargli effettivamente qualcosa.

Ecco come fare.

Il mio "Sistema a due livelli" brevettato

Non ci sono molte ore in un giorno, quindi non puoi scrivere una guida definitiva di 3000 parole per ogni sito in circolazione.

Ecco perché dovresti dividere i tuoi obiettivi in due livelli:

  • Livello 1: si tratta dei 10-20 siti di autorità indiscussa nella tua nicchia. Siti che puoi citare a memoria, che visiti, leggi e segui.
  • Livello 2: i siti di livello 2 sono blog abbastanza soddisfacenti da giustificare un guest post di alta qualità. Ma non sono abbastanza grandi da dedicare una settimana a scrivere contenuti strabilianti per il loro sito.

A questo punto, parliamo di cosa inviare ai siti di livello 1 e a quelli di livello 2.

Contenuti per siti di livello 1

I contenuti per i siti di livello 1 devono essere di qualità pari o superiore a quelli che pubblichi sul tuo blog.

Sto parlando di contenuti straordinari che costringono il proprietario del sito a cliccare su "Pubblica".

Contenuti che fanno cambiare idea, stimolano la conversazione e spingono all'azione.

Contenuti che potrebbero apparire sulla homepage di Life Hacker o dell'Huffington Post.

Ricorda: i siti autorevoli sono tali perché pubblicano solo contenuti di qualità. 

Non abbasseranno i loro standard solo perché hai commentato qualche volta sul loro sito.

Devi davvero dare il meglio di te. Ecco come fare...

Ecco 4 cose che devi includere nei tuoi contenuti di guest post di livello 1:

1. Invia un processo: se analizzi i migliori contenuti di qualsiasi sito, noterai che hanno una cosa in comune: presentano un processo completo passo a passo per raggiungere un risultato.

Perché? I processi hanno un valore percepito molto più alto rispetto a una serie di consigli casuali.

Ad esempio, con il mio guest post su Buffer, ho mostrato alle persone i passi esatti che ho utilizzato per aumentare il tasso di conversione del mio blog del 134%:

Exact steps in guest post

In questo modo, le persone potrebbero seguire i passi del post... e migliorare il loro tasso di conversione.

Nessuna teoria. Nessuna balla. Solo un processo passo a passo che chiunque può seguire.

2. La lunghezza è una forza: gli articoli più lunghi hanno un valore percepito maggiore rispetto a quelli brevi.

Per questo motivo, per i siti di livello 1, miro ad avere ALMENO 2.500 parole.

Ad esempio, il mio post su Buffer è di ben 2.993 parole.

Ma come puoi vedere, non si tratta di un mucchio di banalità. Si tratta di 2.993 parole di contenuti estremamente pratici:

actionable content

3. Schermate, diagrammi di flusso e immagini personalizzate: includi molti screenshot e altre immagini. Gli elementi visuali ti aiutano a distinguerti e aggiungono molto valore al post.

Come puoi vedere, mi sono assicurato di includere decine di schermate nel mio guest post su Buffer.

Buffer guest posts screenshots

4. Link interni: i link interni sono molto utili per la SEO. Assicurati quindi di linkare gli altri contenuti del sito nel tuo guest post.

Questo dimostra che hai fatto il possibile per rendere il tuo guest post il più prezioso possibile.

Ad esempio, io ho linkato una serie di altri post sul blog di Buffer:

internal links

Sì, è stato necessario un po' di impegno in più per trovare i post del blog da linkare. Ma alla fine ho dimostrato al team di Buffer che ci tenevo davvero ad essere pubblicato sul loro sito.

Contenuti per siti di livello 2

Anche i siti di livello 2 meritano un po' di affetto.

Se sono nella tua lista di obiettivi, il blog deve avere qualcosa di interessante.

Anche se non impazzisco per questi siti... invio comunque qualcosa di valore.

Solo che non è così sorprendente come il materiale che invio ai siti di livello 1.

Passo 5: Segui il post

Ecco alcune cose che faccio per ottenere il massimo da ogni guest post:

1. Rispondere attivamente ai commenti: evita di pubblicare un guest post e poi scomparire. Dedica del tempo a rispondere ai commenti che ti vengono inviati. Infatti, di solito lascio un commento subito dopo che il mio post è stato pubblicato per dimostrare a tutti che sono pronto a rispondere ai commenti:

guest post blog comment

Then, I do my best to reply to all comments that come in within the first 48 hours:

comment reply

2. Promuovere il guest post sui social media:

Brian – Social media promoting tweet

Si tratta di un vantaggio per tutti: il sito su cui hai pubblicato il guest post riceve un po' di traffico e tu condividi un fantastico post con la tua community.

3. Inviare un messaggio di ringraziamento: di solito invio ai siti di livello 1 una rapida e-mail di follow-up per comunicare loro che ho apprezzato l'opportunità. Ancora una volta: questa è una cosa che non fa nessuno. Quindi questo breve messaggio di ringraziamento ti aiuta a distinguerti. Inoltre, mantiene aperta la porta per la prossima volta che vorrai pubblicare un guest post su quel sito.

4. Sfruttare la miniera d'oro dei commenti sul blog: come ho già detto nel passo numero 1, a volte mi capita di contattare le persone che hanno commentato il mio guest post... e chiedere loro di pubblicare un guest post sul loro sito.

Passo bonus 1: Il guest post ampliato

Sì, il traffico e i link sono fantastici.

Ma creare una lista di email è un vantaggio sottovalutato del guest blogging.

E per costruire la tua lista e-mail con il guest posting devi assolutamente provare il metodo del Guest post ampliato.

Si tratta di un processo in 3 passi che io utilizzo per trasformare il traffico di guest post in lead (e vendite).

Ecco come funziona:

1. Per prima cosa, crea una risorsa "bonus"

Si tratta di qualcosa di correlato al tuo guest post.

Potrebbe essere un ebook o un video.

Il formato specifico non ha importanza, l'importante è che sia sullo stesso argomento del tuo guest post.

Ad esempio, ecco il bonus che ho creato per il mio guest post su Buffer:

bonus tips

Come puoi vedere, si tratta di una serie di consigli che non ho potuto inserire nel guest post.

(E tutti questi consigli sono legati all'argomento del mio guest post: costruire la tua lista di email).

Ho anche inserito alcune checklist in PDF sulla creazione di liste.

bonus checklists

2. Successivamente, crea una pagina specifica per le persone che leggono il tuo guest post

Questa pagina dovrebbe offrire la tua sezione bonus in cambio di un'e-mail.

Ecco la mia:

squeeze page

(Sentiti libero di copiare il testo).

3. Infine, inserisci la sezione bonus alla fine del tuo guest post

Ecco un esempio:

guest post conclusion

E questa strategia ha funzionato ALLA GRANDE.

Infatti, ho ottenuto 188 iscritti in più alla newsletter utilizzando questa semplice strategia per il mio guest post su Buffer:

email conversions

(E come puoi vedere nello screenshot, la pagina a cui ho inviato le persone ha ottenuto un tasso di conversione del 37,8%. Non male!)

Passo bonus 2: Consigli professionali per fare Guest Blogging

Concludiamo questa guida al guest blogging con una serie di consigli professionali che ho raccolto nel corso degli anni.

1. Usa i commenti per stimare il traffico di riferimento

Come fai a sapere quanto traffico otterrai dal tuo guest post?

Se pensi che "sito più grande = più traffico", ti sbagli.

Ti spiego...

Qualche anno fa pubblicai un guest post sul blog di Pat Flynn.

brian guest post

In quel periodo pubblicai anche un guest post su uno dei più grandi siti di marketing online.

(Non voglio offendere nessuno, quindi non farò il nome del sito).

Il sito di Pat è popolare, ma questo sito di marketing è ENORME.

Quale pensi che mi abbia inviato più traffico?

Il blog di Pat... di gran lunga:

referral traffic

E se considero il numero di commenti che ogni blog tende a ricevere, non è neanche lontanamente paragonabile.

(Il blog di Pat riceve più di 50 commenti per post. Il sito di marketing? Circa 10 commenti per post).

Non si tratta di un esempio isolato.

Dopo aver pubblicato oltre 200 guest post, ho notato uno schema coerente:

Più commenti = più traffico.

Il motivo?

I grandi siti ricevono molti visitatori ma non hanno molti lettori.

E il modo migliore per stimare i lettori è vedere quanti commenti ricevono i post.

In conclusione? Più commenti riceve un blog, più traffico puoi aspettarti dal tuo guest post.

Come ha dichiarato Matt Cutts, Google probabilmente ignora i link nelle sezioni delle bio degli autori dei guest post, come questi:

author bio

Ecco perché devi includere almeno un backlink contestuale nel tuo guest post.

Per darti un'idea di cosa intendo, ecco un link contestuale da uno dei miei guest post:

contextual link

Come puoi vedere, il mio link si inserisce naturalmente nel contenuto. Non è assolutamente spammoso o forzato.

3. Correda i guest post con infografiche

Si tratta di una strategia da cintura nera che mi ha aiutato a comparire su siti di notizie e blog autorevoli.

Questo video ti illustra l'intero processo:

Youtube video thumbnail

4. Usa le tracce nella bio dell'autore

Ecco un ottimo modo per trovare opportunità "nascoste" di guest post.

Per prima cosa, trova qualcuno nella tua nicchia che sia un ospite prolifico.

popular blogger

Poi, prendi un frammento di testo dalla sua biografia.

text snippet

E inserisci il testo su Google (tra virgolette).

Google search – Neil Patel

E voilà! Hai appena trovato decine di siti su cui fare guest post.

Google SERP – Neal Patel

5. Promuoviti efficacemente nella tua Bio autore

Ammettiamolo: la maggior parte delle bio degli autori sono noiose.

E questo è uno dei motivi principali per cui la maggior parte dei guest post genera così pochi visitatori.

img-semblog

Invece, la tua bio autore deve INVOGLIARE le persone a visitare il tuo sito.

Ad esempio, ecco la bio di uno dei miei guest post:

another author bio

Vedi come ho descritto il motivo per cui vale la pena visitare il mio sito?

Questo è uno dei motivi principali per cui questo guest post mi ha inviato una marea di traffico:

traffic from a blog

Conclusione

Questa è la mia guida passo a passo al guest blogging.

Ora vorrei passare la parola a te: quale tattica di questa guida utilizzerai per prima?

Sei pronto a scrivere migliori bio come autore?

O forse vuoi trovare opportunità di guest posting con la ricerca inversa di immagini su Google?

In ogni caso, fammelo sapere.

Condividi
Trova idee per le parole chiave in pochi secondi

Migliora i risultati SEO con una potente ricerca di parole chiave

Strumento gratuito per la ricerca di parole chiave

Author Photo
Brian Dean is an internationally recognized SEO expert and entrepreneur. His website, backlinko.com is the foremost source for all things SEO and marketing news and advice. Feel free to get in touch with him on Twitter at @backlinko!