La guida per principianti a Google Tag Manager

Chiara Clemente

Jan 24, 202214 min read
La guida per principianti a Google Tag Manager

Google Tag Manager è uno strumento vitale per webmaster e proprietari di siti. Il sistema è fondamentale per gestire i tag di qualsiasi sito Web in modo veloce, efficiente e comprensibile anche per quelli che non sono programmatori professionisti.

Questa guida definitiva ti fornirà tutte le informazioni necessarie per diventare un esperto di Tag Manager.

I tag sono frammenti di codice aggiunti alle pagine di qualsiasi sito Web. Hanno una gamma di funzioni diverse. Un primo esempio è il tag del codice JavaScript che è vitale per far funzionare Google Analytics. Quel tag raccoglie i dati di cui Analytics ha bisogno per fornire i suoi vari rapporti e approfondimenti. Altri tag possono estrarre e inviare informazioni diverse a piattaforme come Google Ads e molte altre.

La gestione efficace dei tag del tuo sito, quindi, è fondamentale per realizzare analisi sul sito Web. Ciò, a sua volta, rende fondamentale l'ottimizzazione delle prestazioni del sito. Ecco perché vorrai continuare a leggere e scoprire come Tag Manager rende molto più semplice produrre e implementare tutti i tag di cui il tuo sito ha bisogno.

Cos'è Google Tag Manager?

Google descrive il suo prodotto Tag Manager come un "Sistema di gestione dei tag" (Tag Management System - TMS). È un ottimo modo di considerarlo. Tag Manager fa per i tag di un sito Web quello che un Content Management System (CMS) fa per il suo contenuto. Il servizio fornisce un'interfaccia attraverso la quale creare e tracciare tutti i tag di cui il tuo sito ha bisogno.

Non devi più codificare manualmente ogni tag. Invece, puoi creare tutti i tuoi tag attraverso l'interfaccia. Tag Manager li implementerà quindi per il tuo sito. Cioè è possibile se hai incorporato un semplice pezzo di codice di Tag Manager in ogni pagina del sito Web.

Ci sono tre vantaggi principali nel gestire i tag in questo modo:

  • Alleviare la pressione sugli sviluppatori: né tu né gli sviluppatori web della tua azienda dovete preoccuparvi della codifica manuale dei tag. Ciò ti dà più tempo da dedicare ad altre attività, come la gestione dei contenuti del tuo sito.
  • Maggiore precisione: i tag codificati da una persona sono più suscettibili agli errori. Un semplice errore di battitura o di copia e incolla può rendere inutile un tag. Tag Manager non commetterà tali errori.
  • Controllo e supervisione del marketing: l'interfaccia di Tag Manager semplifica il controllo e il monitoraggio di tutti i tag. Ciò significa che puoi creare e utilizzare più tag direttamente correlati alle tue priorità di marketing. In questo modo è più facile produrre e implementare tag per raccogliere informazioni per le tue attività di marketing.

Tag Manager ti dà controllo e padronanza sui tag per una vasta gamma di piattaforme di analisi. Iniziare con Tag Manager è piacevole e facile, oltre che gratuito. La prima cosa che devi fare è configurare il tuo account Tag Manager.

Come configurare un account Google Tag Manager

Per iniziare con Tag Manager, devi configurare un account con il servizio. A differenza di molti prodotti di Google, non accedi immediatamente a Tag Manager tramite un account Google esistente. Devi invece andare sul sito di Tag Manager e cliccare su uno dei pulsanti "Crea account", come mostrato di seguito:

img-semblog

Devi quindi inserire alcune informazioni. Innanzitutto, devi scegliere un nome per il tuo account Tag Manager. Google consiglia a ogni azienda di creare un solo account. Il nome della tua azienda, quindi, può anche fungere da nome del tuo account.

img-semblog

Devi anche scegliere un "Nome contenitore". Il contenitore è il pezzo di codice che devi aggiungere alle tue pagine web affinché Tag Manager funzioni. Il nome del contenitore dovrebbe essere il nome del sito o dei siti in cui incorporerai il contenitore. A questo punto, tutto ciò che devi fare è scegliere la piattaforma pertinente dal menu e fare clic su "Crea".

Una volta che hai configurato questa semplice pagina, vedrai due popup. Il primo sono i termini di servizio di Google, che devi accettare. Il secondo mostra tutti i dettagli dello snippet contenitore che devi aggiungere alle pagine del tuo sito.

img-semblog

Ci sono due parti nello snippet contenitore. La prima parte di codice utilizza le informazioni di estrazione JavaScript. Dovresti posizionare lo snippet il più in alto possibile nella sezione <Head> delle tue pagine. Il secondo frammento è un iframe HTML. Devi inserire quel codice immediatamente dopo il tag <Body> di apertura di ogni pagina.

L'elemento HTML iframe del contenitore entra in gioco solo in circostanze specifiche, ovvero quando un visitatore del sito ha disabilitato JavaScript. Avere lo snippet incorporato garantisce che i tag continuino a funzionare, anche senza JavaScript.

Dopo aver configurato il tuo account e il tuo primo contenitore, sei pronto per utilizzare Tag Manager. Ora puoi iniziare a imparare qualcosa in più sull'interfaccia e sugli elementi che contiene.

Tag, attivatori e variabili

Ogni piattaforma di analytics ha il suo vocabolario. Ciascuna usa parole e frasi uniche che potresti non aver mai incontrato prima se non hai già usato lo strumento. Google Tag Manager non fa eccezione.

img-semblog

Il TMS utilizza tre etichette in particolare che devi comprendere. Conoscerle renderà più facile iniziare a utilizzare lo strumento. Queste tre etichette sono tag, attivatori e variabili. Ciascuna costituisce un elemento vitale di Tag Manager e ha una sezione all'interno dell'interfaccia. Puoi vedere i collegamenti per accedere alle sezioni evidenziate nell'immagine qui sopra.

Ma cosa sono tag, trigger e variabili?

Tag

I tag sono fondamentali per Tag Manager. Si tratta di frammenti di codice usati da piattaforme di analisi e marketing per integrarsi con siti e app.

Google Analytics, ad esempio, utilizza i tag per raccogliere dati sugli utenti di diversi siti. Tag Manager esiste per semplificare la creazione e l'implementazione di questi tag. Il sistema funziona come un'interfaccia. Attraverso di esso, puoi creare e pubblicare tag senza doverli codificare tu stesso.

Vale la pena ricordare che questi tag sono distinti da quelli di cui parlano spesso gli sviluppatori web. Gli sviluppatori utilizzano tag HTML standard per codificare le pagine web. Esempi di questi tipi di tag sono i tag <Head>, <Body>, <Blockquote> e così via. Chiamiamo tag anche i frammenti di codice per l'analisi dati e il marketing poiché sono spesso incapsulati da tag HTML <script> o <img>.

Tag Manager supporta nativamente molte diverse configurazioni di tag, tra cui tag di prodotti di Google e molti di piattaforme di terze parti. Puoi anche creare tag personalizzati se GTM non supporta la configurazione dei tag che vuoi utilizzare.

Google sconsiglia l'uso di tag personalizzati. Considera sia meglio chiedere a un provider di tag di aderire al suo Tag Vendor Program. Se vuoi utilizzare varianti personalizzate, tuttavia, puoi creare tag HTML, immagine o funzione. Trovi le istruzioni complete su come crearli qui.

Attivatori

I tag nel codice di un sito Web si attivano in risposta a un evento specificato. Per rilevare quell'evento serve un attivatore. Gli attivatori "ascoltano" il tuo sito o la tua app e aspettano che si verifichino eventi specifici. Esempi di tali eventi sono visualizzazioni di pagina, invio di moduli e clic sui link. Quando rilevano l'evento che stanno cercando, gli attivatori dicono ai tag di attivarsi.

Quando crei un nuovo tag in GTM, una cosa che devi fare è configurare il suo attivatore. Hai una gamma di tipi di attivatori tra cui scegliere. Ognuno si riferisce al particolare tipo di evento per il quale vuoi che il tag venga attivato.

Per impostazione predefinita, l'attivatore che crei provoca l'attivazione di un tag ogni volta che si verifica l'evento pertinente. Tuttavia, puoi applicare filtri a un attivatore per specificare ulteriormente quando è necessario che i tag si attivino e quando no.

Ad esempio, potresti aggiungere un filtro che indica che un tag si attiva solo quando l'URL su cui si verifica un evento ha un suffisso specificato. Potrebbe essere "/prodotti", "/blog" o qualcosa di simile. In questo modo, puoi concentrarti meglio sugli eventi che si svolgono in particolari aree del tuo sito.

Variabili

Le variabili in Tag Manager riguardano sia i tag che gli attivatori. Sono valori che aiutano a definire con precisione cosa dovrebbe fare il tag o l'attivatore. Il modo migliore per spiegare le variabili è esaminare a turno come funzionano per attivatori e tag.

Nel caso degli attivatori, le variabili specificano quando l'attivatore deve indicare al tag correlato di attivarsi. Ad esempio, potresti configurare un attivatore per attivare il relativo tag quando la variabile URL include "sitoweb.com/prodotti".

Quando si tratta di tag, le loro variabili definiscono i dati esatti che il tag dovrebbe raccogliere. Ad esempio, puoi configurare un tag per estrarre un ID prodotto e il valore monetario relativo a una transazione. Tag Manager include un'ampia gamma di variabili integrate che coprono la maggior parte delle esigenze di base per configurare attivatori e tag.

È inoltre possibile creare variabili definite dall'utente. Puoi creare queste variabili per tenere conto di requisiti specifici da soddisfare (ciò presuppone che le variabili integrate non coprano tali requisiti). Parleremo più avanti dei due tipi di variabili.

Come creare un Tag

Ci sono molte cose che puoi fare tramite GTM. La principale è creare tag. Questi sono gli snippet di codice che il servizio implementerà nel sito o nell'app scelti per te. Dopo aver creato alcuni di questi tag, scoprirai che farlo ti verrà naturale.

Per aiutarti con il tuo primo tag, però, esaminiamo il processo passo dopo passo. Le seguenti istruzioni ti guideranno attraverso la creazione di un tag di Google Analytics per i risultati delle visualizzazioni di pagina. Tale tag si attiverà per inviare i dettagli di ogni hit di visualizzazione di pagina che il tuo sito riceve al tuo account di Analytics.

Se crei questo tipo di tag, dovrai rimuovere il contenitore Analytics esistente dal codice del tuo sito. Questo perché avere entrambi incorporati nel codice di una pagina causerà duplicati nei risultati di visualizzazione della pagina. Tale duplicazione rovina i tuoi dati.

Il primo passaggio per creare un tag consiste nel selezionare il collegamento "Aggiungi un nuovo tag" dall'area di lavoro di GTM, come mostrato di seguito:

img-semblog

La pagina successiva che vedrai sarà quella in cui potrai configurare il tuo tag. Il tuo primo compito è dargli un nome. Puoi nominare i tuoi tag come preferisci. Tuttavia, ti ritroverai con un discreto numero di tag per sito, quindi devi essere in grado di distinguerli. Un modo utile per denominare i tag è adottare il seguente stile:

Tipo di tag — Tag specifico — Identificatore univoco.

Ad esempio, potresti chiamare un tag di visualizzazione di pagina di Google Analytics: "UA (Universal Analytics) — Visualizzazione di pagina — Tutte le pagine del sito". Inserito il nome, puoi cliccare sulla casella che ti chiede di scegliere il tipo di tag.

img-semblog

Vedrai quindi un elenco di tipi di tag disponibili. Queste sono le configurazioni dei tag supportate nativamente da GTM, di cui abbiamo parlato prima. Scegli la configurazione per l'analisi dei dati o per altre piattaforme che stai cercando di integrare nel tuo sito. Nel caso di questo esempio, si tratta di Google Analytics.

Poiché stiamo creando un tag Analytics, vogliamo che quella piattaforma tenga traccia del tag. Per questo, devi scegliere un "Tipo di monitoraggio" e quindi inserire il tuo ID della proprietà web da Analytics. "Tipo di monitoraggio" è il tipo specifico di tag che vuoi creare. In questo esempio, stiamo creando un tag di visualizzazione di pagina in modo che tu possa scegliere il tipo di tracciamento "visualizzazione di pagina".

Hai due diverse opzioni per inserire il tuo ID della proprietà web di Analytics. La prima opzione è inserire manualmente l'IP per il tag. È facile da fare, ma dovrai ripetere la procedura per ogni altro tag di Analytics che andrai a configurare.

Per aggiungere manualmente l'ID della proprietà web, devi prima accedere al tuo account Google Analytics. Una volta lì, apri il pannello di amministrazione e scegli "Impostazioni proprietà". Troverai il tuo ID di monitoraggio nello spazio indicato di seguito:

img-semblog

Tornando a GTM, assicurati di selezionare la casella sul tag che dice "Abilita l'override delle impostazioni in questo tag". Vedrai un campo in cui puoi inserire il tuo ID di monitoraggio. C'è una seconda opzione per inserire l'ID della proprietà web.

Invece di inserire l'ID per ogni tag, puoi creare una variabile personalizzata. Quella variabile conterrà sempre l'ID. Puoi aggiungerlo a un tag con un clic. Come accennato in precedenza, GTM presenta due tipi di variabili. Se hai intenzione di creare un tag personalizzato, dovresti capire come funziona ciascuna variabile.

Variabili integrate

Le variabili integrate sono le variabili che GTM può definire automaticamente per te. Lo strumento è in grado di rilevare elementi nel codice di un tag e li utilizza per identificare la variabile.

La maggior parte dei tipi di variabili più comuni è inclusa in GTM. Queste includono quelle relative ai clic o alle pagine. Puoi aggiungere queste variabili tramite l'area "Variabili integrate" della sezione "Variabili" dell'area di lavoro GTM.

Variabili definite dall'utente

Le variabili definite dall'utente (o personalizzate) manterranno qualsiasi valore definito per loro. Può essere un valore numerico, una stringa di nome specifica o un insieme di URL specifici. Nel caso del nostro esempio, è l'ID di monitoraggio associato al tuo account Google Analytics. A proposito, torniamo alla creazione di quella variabile personalizzata per il tuo primo tag.

Per creare la variabile per il tuo ID di monitoraggio, vai alla sezione "Variabili" all'interno di GTM. Vedrai un elenco delle variabili integrate aggiunte per la proprietà in questione.

img-semblog

Scorri verso il basso e raggiungerai l'area "Variabili definite dall'utente". Clicca su "Nuova", quindi scegli l'opzione "Costante" per la configurazione della variabile quando richiesto. Successivamente, inserisci il tuo ID di monitoraggio come valore della variabile. Non resta quindi che cliccare su "Salva" e la nuova variabile è pronta.

Ora puoi tornare al tag che stai creando. Questa volta non selezionare l'opzione "Abilita l'override delle impostazioni in questo tag". Scegli invece la variabile personalizzata appena creata dal menu a discesa "Configurazione di Google Analytics".

Questo è il tuo primo tag creato e configurato. L'ultima cosa che devi fare è configurare l'attivatore. Per configurare l'attivatore per il tuo primo tag, fai clic sulla casella "Attivazione". C'è uno screenshot qui sotto:

img-semblog

Vedrai quindi la pagina "Scegli un attivatore". Fai clic sulla piccola icona con il segno "+" nell'angolo in alto a destra della pagina per creare un nuovo attivatore. Come per il tag, devi prima assegnare un nome all'attivatore. Dagli un nome correlato alla sua funzionalità. Ad esempio, poiché stiamo creando un tag di visualizzazione di pagina da attivare per tutte le pagine del nostro sito, possiamo denominare l'attivatore "Tutte le pagine".

Hai quindi la possibilità di scegliere il tipo di attivatore. Il tipo di attivatore definisce il tipo di evento per il quale l'attivatore indica al tag di attivarsi. Nel caso di un attivatore di visualizzazione di pagina, ti consigliamo di selezionare "visualizzazione di pagina" come tipo di attivatore.

Il passaggio finale consiste nel selezionare quando l'attivatore comunica al tag di attivarsi. Le tue opzioni sono di attivarlo per tutte le pagine o solo per determinate pagine. Il nostro primo tag generico verrà applicato a tutte le pagine del nostro sito. Pertanto, dovresti scegliere l'opzione "Visualizzazioni di tutte le pagine".

Hai visto come configurare il tuo primo tag e il suo attivatore. Ora clicca su "Salva". Potrai vedere il tag, insieme a tutti gli altri che creerai, nell'area "Tag" del tuo spazio di lavoro GTM:

img-semblog

Sebbene tu abbia creato il tuo tag, non è ancora attivo sul tuo sito. Devi pubblicare il tuo nuovo tag affinché inizi a raccogliere dati e inviarli a Google Analytics. Prima di pubblicare il tag, è consigliabile testarlo tramite GTM ed eseguire il debug di eventuali problemi riscontrati.

Test con GTM e debug del tag

Come tutti i migliori strumenti per Google Analytics, GTM è intuitivo dall'inizio alla fine. È semplice testare i tag. Tutto quello che devi fare è cliccare sul pulsante "Anteprima" in alto a destra nell'area di lavoro principale. Vedrai quindi un banner nella parte superiore dell'area di lavoro, che ti informa che la modalità di anteprima è attiva.

Se ora accedi al tuo sito Web in una nuova scheda, vedrai una finestra della console GTM per il debug dei tag. È nella parte inferiore del browser. La finestra mostra informazioni sui tag relativi alla pagina web in cui ti trovi. Ancora più importante, ti dice se i tag sono stati attivati o meno, nonché quali dati hanno passato alle rispettive piattaforme (Analytics, ecc.).

Il primo tag di visualizzazione di pagina che hai creato dovrebbe attivarsi non appena visiti una delle pagine del tuo sito. Se nella finestra della console vedi che lo ha fatto, sei pronto per pubblicare il tag. Se non si è attivato, devi scoprire il motivo e risolvere eventuali problemi. Il modo per farlo è cliccare sul tag all'interno di quella finestra della console.

Quando clicchi su un tag nella finestra di anteprima, puoi vedere gli "attivatori di attivazione" per il tag. Questi sono i fattori che determinano se l'attivatore indica al tag di attivarsi. Quando un tag non è stato attivato, vedi una "X" rossa accanto al filtro di attivazione. Se pensi che il tag avrebbe dovuto essere attivato, quella "X" rossa è vitale. Ti mostra l'elemento della configurazione dell'attivatore su cui devi tornare e modificare.

Una volta che sei soddisfatto del funzionamento del tuo tag, puoi pubblicarlo sul tuo sito Web. Dall'area di lavoro principale di GTM, clicca sul pulsante "Invia" nell'angolo in alto a destra:

img-semblog

Cliccando su "Invia", stai pubblicando una nuova versione del tuo contenitore, completa del tag che hai aggiunto. Dovrai dare un nome alla versione del contenitore e fornire una descrizione. Puoi usare questi due elementi per spiegare le modifiche che hai apportato. In questo modo, puoi ricordare a te stesso o mostrare agli altri utenti del contenitore GTM cosa hai fatto e quando.

Il passaggio finale consiste nel cliccare su "Pubblica". Il tag dovrebbe ora attivarsi e inviare i dati al tuo account Analytics in base alle impostazioni che hai definito. Vale la pena controllare ora che funzioni correttamente.

Le migliori estensioni per GTM

Questa guida ha lo scopo di aiutarti a iniziare con Google Tag Manager. Leggendo quanto sopra, dovresti anche aver imparato le basi della configurazione di GTM e della creazione di tag. Tuttavia, quando avrai acquisito una certa familiarità con lo strumento, potresti voler ottenere un po' di più da GTM.

C'è una vasta gamma di strumenti ed estensioni che puoi usare per fare proprio questo. Due delle migliori estensioni in circolazione sono Tag Assistant e GTM Debug. Sono entrambe estensioni del browser Chrome progettate per supportare l'utilizzo di GTM.

Tag Assistant è l'estensione di Google per la risoluzione dei problemi relativi all'utilizzo dei tag. Con Tag Assistant installato, puoi accedere a qualsiasi pagina del tuo sito e l'estensione identificherà i tag presenti. L'estensione ti riporterà eventuali errori con quei tag e ti darà suggerimenti per correggere quegli errori.

GTM Debug è uno strumento simile. Ti consente di visualizzare facilmente i dati degli eventi e gli hit di Analytics relativi a qualsiasi tua pagina. Puoi anche usarlo per visualizzare ed eseguire il debug dei tag della tua pagina in modo simile a come abbiamo descritto tramite la funzione di anteprima di GTM. Nel caso di GTM Debug, tuttavia, è possibile valutare solo i tag già attivi.

GTM ti aiuta a organizzare, implementare e inventariare i tuoi tag

Se possiedi un sito Web o sei un webmaster, sai quanto sia importante raccogliere dati accurati. I dati guidano ogni aspetto della tua attività. Gli insights forniti da dati accurati ti aiutano a prendere le giuste decisioni di marketing e ti assicurano che il tuo sito funzioni come dovrebbe.

I tag, quei piccoli frammenti di codice che aggiungi alle tue pagine, sono fondamentali per ottenere questi dati. È possibile codificare, implementare e organizzare tutti i tag di cui hai bisogno. Ciò, tuttavia, richiede tempo, è complicato e soggetto a errori. Google Tag Manager esiste per rendere molto più semplice mantenere tutti i tuoi tag in ordine.

GTM è un'interfaccia attraverso la quale puoi gestire rapidamente l'utilizzo dei tag su qualsiasi sito o siti e che semplifica il processo di creazione di quei tag e l'aggiunta alle tue pagine. Inoltre, ti assicura di avere sempre a portata di mano un inventario completo dei tag che stai utilizzando. Se prendi sul serio l'analisi del tuo sito, non puoi fare a meno di GTM.

Share
Author Photo
A digital marketer with a real passion for videos. I found my dimension in Semrush by creating engaging video content that helps digital marketers all over the world develop their online visibility with actionable advice.