it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Invia il post
Torna ai giochi
Amplia le tue conoscenze:
Google Analytics

Come raggruppare in maniera logica canali e sorgenti di traffico in Google Analytics

59
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.

Come raggruppare in maniera logica canali e sorgenti di traffico in Google Analytics

Alessandro Lombardi
Come raggruppare in maniera logica canali e sorgenti di traffico in Google Analytics

Capita che quando andiamo ad analizzare i dati, del nostro sito web o di un nostro cliente, che ci sia un po' di confusione nell'individuare quale link arriva da una un'attività a pagamento, organica, da una newsletter, dai Referral e via dicendo.

Google Analytics offre già di default un raggruppamento dei canali ma, diciamocelo, non è il massimo della precisione. 

Per ovviare a questo piccolo ma, dipende dal business, importante inconveniente possiamo personalizzare e raggruppare i canali come meglio crediamo.

Aggregare il traffico nella maniera più utile per estrapolare informazioni

Questa funzionalità è molto utile per entrare nel dettaglio e segmentare il traffico al nostro sito e così capire su quali canali puntare di più e quali, invece, hanno bisogno di migliorie.

Cosa serve?

Le tecnologie e strumenti che ci serviranno sono 3:

  1. Parametri utm
  2. Url Builder
  3. Google Analytics

Parametri utm

UTM è l'acronimo di Urchin Tracking Module, e sono utilizzati per identificare la sorgente di traffico, indicando i dettagli della campagna che ha portato una determinata visita al sito web.

es. https://www.miosito.it/?utm_source=gads

Url Builder

Piattaforma di Google, gratuita, che permette di personalizzare i link da abbinare alle Campagne, Anchor, CTAEmail, Newsletter... insomma su ogni tipo di attività online.

Raggruppare canali e sorgenti di traffico in Google Analytics: Url BuilderUrl Builder

Google Analytics

Non ha bisogno di presentazioni, comunque è la piattaforma di Google, anch'essa gratuita, per analizzare tramite un codice di monitoraggio univoco:

Maggiori info Google Analytics: Tips per aumentare subito le conversioni Post Valentina Pacitti

  • Pubblico
  • Traffico
  • Conversioni
  • Eventi
  • Acquisizione
  • Comportamento

all'interno di un sito web.

Google AnalyticsGoogle Analytics

Consigli per i parametri utm

Io consiglio, per chi usa i parametri utm, di stillare una lista di nomenclature in base all'attività online, da scrivere sempre nel medesimo modo: o tutte minuscole o tutte maiuscole. Ti faccio qualche esempio per essere più chiaro:

Google Ads = gads

Facebook Ads = fbads

Instagram Ads = igads

Newsletter = news

Black Friday = bf

e così via...

Non c'è un metodo o una nomenclatura precisa ma quello che conta per non fare confusione quando andiamo ad analizzare i dati è usare sempre il solito nome.

Da dove si vedono i parametri utm?

Per vederli dobbiamo entrare in Google Analytics poi andare in Acquisizione poi Tutto il Traffico ed entrare in Sorgente/Mezzo.

Sorgente/Mezzo in Google AnalyticsSorgente/Mezzo

Se poi andiamo in Canali, che si trova sempre in Acquisizione, troveremo il criterio di base dal nome Default Channel Grouping: i valori sono di fatto delle etichette che Google Analytics assegna al traffico raggruppandolo secondo delle impostazioni predefinite dal sistema.

Canali di traffico in Google AnalyticsCanali

Ora che abbiamo fatto un ricapitolo della situazione base in Google Analytics possiamo entrare nel dettaglio per come dare etichette personalizzate che ci possono aiutare nell'analisi dei dati.

Come raggruppare i canali su Google Analytics

Questa funzionalità la troviamo in Amministrazione nella colonna relativa alla vista clicchiamo su impostazioni canali poi Raggruppamento dei canali e quindi cliccare il bottone rosso in alto Nuovo raggruppamento dei canali.

Raggruppamento dei canali in Google AnalyticsRaggruppamento dei canali

Gli diamo un nome univoco e iniziamo ad assegnare e definire delle etichette e delle regole di raggruppamento in base al parametro utm che assegnamo ai Link.

Suddivideremo i nostri canali per:

  • Diretto
  • Ricerche a Pagamento
  • Ricerca Organica
  • Email
  • Affiliazione

N.B. La procedura è la medesima per ogni tipo di etichetta, l'importante è che vengano usati i parametri sempre con la stessa nomenclatura in modo da non perdere mai nulla. Io ho una lista scritta su carta appesa sul muro vicino alla mia scrivania con ogni tipo di attività abbinata al proprio parametro utm. Lo so, sono un po' all'antica ma la carta è pur sempre la carta! Ma andiamo avanti...

Diretto

Partiamo dal canale più semplice da definire: il Diretto. Clicchiamo su Definisci un nuovo canale chiamiamolo Diretto e definiamo la regola che dice a Google Analytics quale sessione deve essere etichettata come Diretto cliccando sul menu a tendina, scegliendo Canale definito dal sistema e poi scegliere come corrispondenza Diretto e poi clicchiamo su Fine. Qua Google Analytics ci viene incontro in quanto non andremo a riscrivere le regole che Google ha definito ma andremo semplicemente a personalizzarle. E questo è fatto!

Creare un canale su GA: Raggruppamento DirettoRaggruppamento "Diretto"

Ricerca a pagamento

Qua la questione è un po' più complessa del Diretto perché andremo anche a definire quali parametri utm vogliamo che facciano parte di questo canale. La procedura iniziale è la stessa e quindi Definisci un nuovo canale, lo chiamiamo Ricerca a Pagamento, poi menù a tendina e scegliamo Canale definito dal sistema e selezioniamo come corrispondenza ricerche a pagamento; però all'interno di questo canale noi vogliamo che ci vada tutta la ricerca a pagamento, quindi andremo a mettere una condizione di "O" e aggiungeremo dal menù a tendina un altro Canale definito dal sistema e nella corrispondenza sceglieremo Display; cliccheremo di nuovo "O" poi la stessa trafila... Menù a tendina scegliere Canale definito dal sistema, corrispondenza e sceglieremo Altre Forme di Pubblicità. Tutto questo perché vogliamo che in questo canale ci sia tutto quello che arriva dalle Campagne ADV

Ma non è finita qua! Come fa a sapere Google Analytics quali sono gli URL che andranno a popolare questo canale? 

Andremo a premere di nuovo il bottone "O" però a questo giro andremo a scegliere dal menù a tendina Mezzo, poi dal menù a tendina che si presenta accanto andremo a scegliere contiene e scriveremo il parametro che utilizziamo per la ricerca a pagamento, in questo caso gads. Visto che nella ricerca a pagamento io utilizzo anche altri parametri utm nelle ricerche a pagamento aggiungo, sempre premendo il tasto "O", un altro mezzo che contiene a questo giro fbads. Potremmo continuare all'infinito, tutto dipende da quanti parametri utilizziamo per questo tipo di ricerca, ovviamente ricordati di salvare. Questa immagine ti aiuterà a capire meglio la procedura appena descritta.

Come si raggruppano canali su Google AnalyticsRaggruppamento di canali

Per quanto riguarda gli altri canali la procedura è la stessa. Come ti sarai accorto è più facile a farsi che a dirsi!

Personalizzare canali e sorgenti di traffico in GA: ultimo step

Maggiori info Analytics: i report per analizzare i percorsi degli utenti Post Marco Micheli

Torniamo in Canali e dove c'è scritto Default Channel Grouping scegliamo il metodo di raggruppamento appena creato, torniamo in Sorgente/Mezzo e la vista sarà differente da come l'abbiamo lasciata, sarà ordinata in base alle nostre esigenze e non avremo più sessioni classificate come Other o Referral non veri.

Raggruppamento personalizzato canali in GARaggruppamento personalizzato canali

Conclusione

Potete creare anche più Raggruppamenti di Canali su Google Analytics, in base al business trattato, che entrano più o meno nel dettaglio, l'importante è che i dati che andrete poi ad analizzare non siano inconsistenti e privi di valore o che non analizzino da dove arriva il valore.

E tu come raggruppi i canali e le sorgenti di traffico su GA?

Lascia il tuo commento qui sotto e fammi sapere se hai provato e se hai avuto difficoltà a mettere in pratica questo metodo.

Analizza il traffico dei tuoi competitor

con Traffic Analytics

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Alessandro Lombardi
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

Digital Marketing Strategist e Advertising Specialist in Facebook Ads e Google Ads. Web marketing specialist in "Roads" e "Riot Design".
Amplia le tue conoscenze:
Google Analytics
Condividi il post
o

Commenti

2000
Alessandro D‘Andrea
Entusiasta

Ogni tanto prende parte alle conversazioni.

Ciao Alessandro, benedetti gli UTM! :)
Aggiungo solo una considerazione, frutto dell'esperienza personale: in GA è per me utilissima anche la scheda "Campagne", che permette di vedere i nomi delle campagne impostate. Se questi sono parlanti a sufficienza, e si aggiunge la dimensione secondaria "Sorgente/Mezzo", si ha a disposizione un quadro chiarissimo di cosa va e cosa non va quasi immediatamente ;)
Alessandro Lombardi
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

Alessandro D‘Andrea
Parole sante, devono essere sufficientemente parlanti!

Invia un feedback

Your feedback must contain at least 3 words (10 characters).

Useremo questa email solo per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Thank you for your feedback!

Sistema di ranking nella community

Il punteggio della Community SEMrush riflette il livello di riconoscimento professionale nella nostra community. Apprezziamo i contributi di qualità: i membri con il punteggio più alto riceveranno preziosi incentivi. Partecipa alle discussioni, scrivi post e parla nei webinar, adotta un tono amichevole, cerca di essere sempre d'aiuto, e arriverai al vertice delle classifiche.

  • Nuovo arrivato
    Si è appena iscritto o è troppo timido per dire qualcosa.
  • Entusiasta
    Ogni tanto prende parte alle conversazioni.
  • Aiutante
    Un membro esperto, sempre lieto di dare una mano.
  • Maestro
    Un veterano della community.
  • Pro
    Fa ottime domande e dà risposte brillanti.
  • Esperto
    Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.
  • Guru
    Un grande saggio del marketing digitale.
  • Superstar
    Sa tutto... o quasi.
  • Leggenda
    Arrivare fin qui non è affatto semplice.