logo-small
Funzionalità Prezzi
Notizie 0
Ultime notizie Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Webinar 0
Prossimi webinar Visualizza tutti
Prossimi webinar

Spiacenti, non abbiamo trovato prossimi webinar previsti.

Vedi webinar registrati
Blog 0
Post recenti Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Kate Makulova

Come trovare clienti per un ristorante?

Kate Makulova
Come trovare clienti per un ristorante?

Intervista a Luca Bove e Nicoletta Poliotto che ci presentano i loro:

“Ingredienti di Digital Marketing per la ristorazione”

Cosa accade quando un SEO specialist con il pallino della Local search, incontra un’esperta in comunicazione che impiatta menù digitali per aziende Food e Travel? Accade qualcosa di originale e forse rivoluzionario, come la creazione del primo manuale italiano dedicato all’applicazione del Digital marketing nella ristorazione.

Luca Bove e Nicoletta Polliotto hanno pensato a tutti quegli chef, ristoratori o marketer che gestiscono clienti nell’area Food, che devono fare i conti con un nuovo contesto, con nuovi clienti e con tecnologie che entrano sempre più prepotentemente nelle loro attività (e cucine!). Luca e Nicoletta si sono chiesti come spiegar loro la rivoluzione che da alcuni anni sta investendo il il mondo della ristorazione ma, soprattutto, come aiutarli a recepire e, ovviamente, soddisfare, le nuove esigenze dei loro clienti.

Food App, social eating, street food, food delivery… sono solo alcune delle tendenze ora in atto nel mondo della ristorazione e per non perdere delle buone occasioni, bisogna avere ben chiaro come sono cambiate le regole del gioco.

Con i loro “Ingredienti di Digital Marketing per la ristorazione”, ogni ristoratore potrà trasformarsi in un Digital Chef capace di interpretare il comportamento della clientela, di raccontare la propria visione gastronomica in un blog e di farsi trovare più facilmente in rete. Luca e Nicoletta ci offrono la ricetta perfetta con cui preparare la portata più prelibata: quella del successo.

Intervista a Luca Bove e Nicoletta Poliotto che ci presentano i loro

1. Cosa vi ha spinto a rivolgervi ai ristoratori, persone non sempre familiari con il mondo del web marketing?

Luca:  proprio  il fatto che sono “lontani” dal mondo del web, quando invece i loro clienti lo usano assiduamente per (cercare di) trovarli. C’è una sorta di asimmetria tra i proprietari dei ristoranti e gli avventori, in favore di questi ultimi. Appurata questo, abbiamo pensato e scritto questo libro proprio per fare un po’ di divulgazione in un settore che è molto importante per l’Italia. Il mondo del food italiano è riconosciuto come uno dei migliori al mondo, ed è veramente un peccato non sfruttarlo al massimo.

Nicoletta: Da 8 anni, con il blog CnR Comunicazione nella Ristorazione lavoriamo alla diffusione di know-how, una vera e propria alfabetizzazione di un settore che, tolte alcune eccezioni, tra cui il management ristorativo di nuova generazione e le attività che si basano su nuovi modelli (penso al social eating, allo street food, al food delivery, …), è arretratissimo.

Come suggerisce Luca, c’è un dislivello notevole tra le nuove consuetudini comportamentali degli avventori (ormai abituati a cercare locali per vie tecnologiche e condividere le proprie esperienze culinarie nei social), e l’innefficacia digitale dei ristoratori.

I clienti chiedono a viva voce più interazione (l’incontrollata diffusione delle Food App ne sono una prova) e chef e titolari di ristoranti si tappano le orecchie!

Mind the gap!

E per colmarlo abbiamo deciso di scrivere il primo manuale che tratta di questi argomenti in Italia. :)

2. Luca ti occupi di local search dal 2007. Avresti mai potuto immaginare che apparissero cosi tanti ‘sottosettori’ quali local SEO per ristorazione, turismo, gastronomia, ecc.?

Quali sono secondo te le ulteriori prospettive di evoluzione?

Sì, mi occupo di Local Search dal 2007 e il mio Local Strategy è l’unico blog di settore in Italia. Il concetto in realtà non è così nuovo, risale alla fine del 1800 con il primo Phone Book (antesignano delle Pagine Gialle), che permetteva di rintracciare una attività vicino a dove ci si trovava, nel momento in cui se ne aveva bisogno.

Con l’evoluzione tecnologica siamo arrivati agli smartphone che portiamo sempre con noi e che sono il device principale attraverso cui facciamo ricerche locali. Bisogna poi considerare che ogni settore ha le sue particolarità: quando vogliamo prenotare un hotel cerchiamo informazioni differenti rispetto a quando cerchiamo un ristorante o un centro estetico.

Ciò vuol dire che ci sono approcci diversi di cui tenere conto in fase strategica.

Un discorso a parte merita il mondo delle catene e dei franchising e proprio su questa realtà sono molto concentrato ultimamente. L’aspetto più interessante di questo settore è che l’evoluzione è rapidissima. Già ora sulle schede local degli alberghi c’è la possibilità di prenotare e lo stanno testando anche per i ristoranti. In USA, relativamente al settore dei servizi per la casa, stanno introducendo anche una sorta di marketplace. Altri si stanno invece centrando sull’anticipazione della query, parlo di Google Now, Apple Siri, Cortana.

3. Si dice spesso che il Mobile Marketing è il pane quotidiano dei ristoranti locali. Sei d’accordo con questa affermazione?

Quali sono gli altri trend di digital marketing che i ristoratori devono considerare?

Luca: Decisamente SÌ. Quello della ristorazione è uno dei settori dove l’uso degli smartphone da parte dei clienti è più sostenuto e di conseguenza è proprio quì che si dovrebbero operare i maggiori investimenti di marketing. Tra local, social, web che raccolgono recensioni, Food App c’è veramente un mondo a loro dedicato che i ristoratori devono imparare a sfruttare. Di trend particolari no, questo settore ha molte analogie con quello turistico, ma con 10 anni di ritardo.

Nicoletta: Intanto l’invito che lanciamo al mondo della ristorazione è di iniziare a formarsi e ad aggiornarsi, perché i giochi si sono spostati online. La cucina è diventata l’ombelico di un mondo digitale che sarà conquistato dai primi che ne acquisiranno consapevolezza e si dimostreranno maestri nell’uso di strumenti e strategie. Come fanno in USA i Food Truck a esempio. A tal proposito consiglio un film divertentissimo, “Chef- la ricetta perfetta”, di cui parlo nell’articolo dedicato allo Street Food.

Un altro trend da non trascurare, oltre alle citate Food App e ai suggerimenti di Local Strategy del collega, è la gestione degli UGC, (foto, commenti, recensioni), il video marketing, le nuove piattaforme di Food ordering online (TheFork, che intervistiamo nel libro, Zomato, di cui parliamo abbondantemente). E perché no il Food delivery che sta impazzando. Pensiamo al successo di JustEat, per esempio. Il nostro ambizioso obiettivo e quello di dare validi spunti e strumenti utili per la creazione di una nuova figura, quella del Digital Chef, in bilico tra ragione e sentimento, tra innovazione e tradizione. La nostra ispirazione? Chef Massimo Bottura che, vi assicuro, gestisce personalmente il suo account di Twitter (@massimobottura).

4. Uno scrittore non si ferma  mai. Finito un libro, ne comincia subito un altro. Hai gia’ pensato all’argomento del tuo prossimo libro? Puoi anticiparci qualcosa?

È stata una faticaccia, per ora sono concentrato sul mio business e sulla formazione in questo ambito e non ho ancora pensato a nulla per il prossimo libro…

Nicoletta: A proposito di Food App, cui facevo cenno all’inizio della nostra conversazione, abbiamo realizzato soltanto un’appendice (App-endice 2) in cui introduciamo il vasto argomento, anche con un riferimento a una ricerca di Muse Comunicazione in occasione di BTO di dicembre 2014.

#BTO2014 OTA e Restaurant Booking Online: La Grande Abbuffata 

Luca te la lancio… facciamo il bis?

Se l’intervista vi ha fatto venir voglia di approfondire il tema del digital marketing applicato al mondo della ristorazione, potete consultare i blog dei nostri due esperti e scoprire come di diventa un Digital Chef.

Che cosa ne pensi dell'evoluzione del Food Marketing? Quali possibilità vedi all'orizzonte?

Condividi le tue opinioni con noi! Nei commenti puoi farci sapere cosa ne pensi.

Credit image (digital chef): Shutterstock

Kate è l’Head of event marketing. E’ la responsabile della pianificazione, sviluppo e implementazione delle strategie di event marketing qui a SEMrush. Viaggiatrice ed esploratrice, ama costruire connessioni e accettare sfide sempre nuove. Puoi contattarla su LinkedIn.

2000 simboli rimanenti
Have a Suggestion?