Come sfruttare Data studio per rendere il report Performance di GSC più efficace

Antonio Lambiase

May 22, 20195 min read
Come sfruttare Data studio per rendere il report Performance di GSC più efficace

Nella nuova versione di Google Search Console (GSC) i dati e i report presenti sono cambiati graficamente, tuttavia la visualizzazione delle informazioni continua ad essere pressoché identica.

Per rendere il report Perfomance di Search Console davvero efficace è necessario utilizzare una piattaforma di Data Visualization. Lo stesso Google oggi ha uno strumento di Data Visualization: Google Data Studio

Tra i vantaggi di Data Studiorispetto ad altri strumenti:

  1. è una piattaforma completamente gratuita
  2. è semplice da utilizzare
  3. si connette a Search Console, Google Analytics e tantissime altre piattaforme Google e non, con due semplici clic

Rendere i report più efficaci significa mostrare al nostro cliente i giusti grafici su cui concentrare l’attenzione per favorire le decisioni strategiche.

Come ogni strumento, anche Google Data Studio, combinato alle feature della GSC, può essere utilizzato in relazione alle proprie competenze. Nulla vieta, infatti, di utilizzare le piattaforme in modo molto semplice oppure avanzato, se si dispongono delle competenze necessarie per farlo.

Con l'abbonamento Business a SEMrush, puoi implementare i nostri dati come sorgente dati insieme alle altre 150 fonti di dati disponibili in Data Studio. Leggi come funziona l'integrazione e dove si trovano i punti di connessione per unire i due tool!

Integra i dati SEMrush con Data Studio

Ora è possibile!

ADS illustration

Google Data Studio: come sfruttarlo se sei un utente Basic

L’utilizzo più semplice è creare una sorgente dati di Google Search Console in Data Studio e iniziare a visualizzare i dati così come ce li mostra la piattaforma.

Sebbene questa visualizzazione sia tecnicamente corretta, la presentazione degli stessi in Data Studio risulta più efficace.

In alto la visualizzazione di GSC e in basso Data Studio.

Visualizzazione dati di Google Search Console
Visualizzazione di Google Search Console

Visualizzazione dati di Google Data Studio
Visualizzazione di Google Data Studio

Il vantaggio più rilevante riguarda la visualizzazione grafica dei dati. Le metriche riportate risultano più chiare grazie all’attribuzione di colori, alla grafica personalizzata e la disposizione dei dati facilita la lettura.

In Google Data Studio confrontare periodi di date è graficamente molto più accattivante e ordinato, gli stessi valori di confronto possono essere visualizzati in percentuale o in valore assoluto. Di seguito vediamo com’è possibile modificare la visualizzazione del confronto in Google Data Studio.

Come modificare la visualizzazione del confronto dei dati in Data Studio


Google Data Studio: utilizzo Basic Advance

I numeri, per quanto chiari e diretti, non ci restituiscono i trend di crescita o decrescita dei clic sul nostro sito web. Per una visualizzazione più efficace è consigliabile utilizzare un grafico serie temporale.

Anche la GSC presenta un grafico di questo tipo, tuttavia la visualizzazione proposta è priva di informazioni. In basso l’esempio di un arco temporale di quattro mesi.

Visualizzazione di Google Search Console di un arco temporale di quattro mesi
Visualizzazione di Google Search Console di un arco temporale di quattro mesi

Domande come qual è il rendimento dell’ultimo semestre, qual è l’andamento dell’ultimo anno, non possono trovare risposte in questo grafico.

Su Google Data Studio, invece, è possibile impostare una visualizzazione dei dati completamente personalizzata: selezionando una rappresentazione dei dati differente possiamo vedere come cambiano le informazioni.

Visualizzazione per settimana dell’anno

Visualizzazione dati per settimana dell’anno

Visualizzazione per mese dell’anno

Visualizzazione dei dati per mese dell’anno

A seconda del periodo, e di ciò che vogliamo mettere in evidenza, possiamo andare a selezionare una visualizzazione di dati differente (Mostra come).

Google Data Studio: utilizzo Advance

L’utilizzo base, seppure avanzato, non sfrutta appieno tutte le potenzialità di Google Data Studio. Un esempio concreto potrebbe essere la creazione di una dimensione personalizzata utile per capire se una query di ricerca è brand oppure no.

Farlo sulla GSC è possibile: creando un filtro che contiene “Nome brand” e successivamente un nuovo filtro che non contiene “Nome brand”. Il risultato è una serie di dati che è pressoché impossibile confrontare dalla piattaforma; per il raffronto è necessario un secondo strumento in cui caricare i dati (es. Excel). Qui una semplice analisi diventa lunga e complessa perché la visualizzazione non è efficace.

In Google Data Studio basta creare una nostra dimensione personalizzata. Come qui in basso:

Creazione dimensione su Google Data Studio

Alla base di queste dimensioni c’è l’utilizzo delle REGEX (espressioni regolari), non disponibili o di difficile utilizzo in Google Analytics o Excel.

Una volta creata sarà presente nella nostra sorgenti dati per sempre e può essere riutilizzata senza bisogno di scaricare dati per confrontarli.

Ad esempio possiamo creare:

  • grafici a torte
  • filtri semplici
  • filtri interattivi

Queste sono solo alcune modalità di visualizzazione del dato: le possibilità su Data Studio sono infinite.

Oltre alle query brand possiamo creare anche una dimensione per suddividere tutte le query tra: ricerca informative, di prodotto e di brand.

Un esempio qui in basso.

Esempio di dimensioni su Data Studio per suddividere le query di ricerca

Google Data Studio: utilizzo Pro

Il connettore dei dati di Search Console ci mette a disposizione due sorgenti di dati differenti:

  1. impressione sito
  2. impressione URL

Dato che il nostro sito web per una singola query di ricerca può essere posizionato con due URL differenti, è utile inserire all’interno dello stesso report due grafici: uno sorgente Impressioni sito e l’altro Impressioni URL.

Qui la documentazione Google in merito alle due differenti sorgenti. 

Ad esempio possiamo creare una tabella a sinistra con la query di ricerca che ha come sorgente Impressioni Sito. E una tabella a destra che ci mostra le URL del nostro sito con la sorgente Impressioni URL.

Il vero valore aggiunto di Data Studio è dato dall'opportunità di creare un grafico interattivo.

Grafico interattivo di Google Data Studio

Attivando questo filtro le nostre tabelle comunicano e, cliccando su di una query di ricerca, possiamo facilmente vedere se si stanno posizionando le giuste landing page.

Quando clicchiamo su una query di ricerca stiamo effettuando un filtro in base ad essa.

Qui in basso puoi vedere un esempio di come è possibile interagire tra le due tabelle.

Come creare un grafico interattivo con Data Studio

Qui il report interattivo.

Google Data Studio: utilizzo Guru

Abbiamo compreso come sia possibile utilizzare insieme gli strumenti di GSC e Google Data Studio in modi diversi in relazione alle competenze e alle capacità di analisi dei dati.

Leggere i dati risulta fondamentale per restituire una fotografia dettagliata dell’andamento di un intero progetto digital. L’utilizzo Guru combina scelta dei dati, impostazione, visualizzazione e analisi degli stessi. Di seguito un esempio di report, risultato della combinazione degli strumenti GSC e Data Studio.

Esempio report combinato tra Google Search Console e Data Studio

Conclusioni 

Abbiamo visto solo alcuni dei possibili utilizzi di Google Data Studio e Search Console, ma gli utilizzi sono infiniti. Le domande che vi consiglio sempre di farvi sono: 

  • Cosa devo mostrare al cliente?
  • Quale può esser il miglior modo?

Google Data Studio può avere un potenziale infinito, in quanto in un solo report oltre a Google Search Console possiamo mostrare le entrate di Google Analytics o addirittura i log dei nostri server – se caricate su piattaforme come Google Big Query. 

Ad oggi Google Data Studio ha molte funzionalità, ma sopratutto ne aggiunge di nuove ogni giorno. Vi consiglio si restare sempre aggiornati dalla  pagina Google.

Il potenziale di Google Data Studio è molto vasto, come spesso accade il limite è solo la nostra immaginazione. 

Integra i dati SEMrush con Data Studio

ora è possibile!

ADS illustration

Ti invito a provare le soluzioni che ho elencato in questo post: qual è l'uso di Data Studio che fa per te?

Raccontamelo nei commenti e se hai qualche dubbio puoi chiedermi una spiegazione più approfondita su un problema concreto.

Author Photo
Antonio LambiaseSpecialista in Google Ads dal 2014, nel 2016 entra nel team Paid Search di Studio Cappello, dove accresce le sue competenze e scopre il mondo della web analysis. Si è specializzato in particolare nella data visualization per Google Analytics e Google Ads. Tra i pochi esperti e collaboratori della Community degli Inserzionisti Google con il ruolo di Rising Star (Esperto Prodotto Argento). Quotidianamente si dedica alla creazione di dashboard per clienti dei settori più vari, sfruttando tutte le potenzialità degli strumenti di Data Visualization attuali.
Subscribe to learn more about SEO Avanzata
By clicking “Subscribe” you agree to Semrush Privacy Policy and consent to Semrush using your contact data for newsletter purposes
More about SEO Avanzata
SEO B2B: una strategia completaLa SEO è uno dei canali di acquisizione dei clienti più importanti per le aziende B2B, con una forte visibilità organica in tutte le fasi del ciclo di acquisto e un modo comprovato per accelerare la crescita. In questa guida ti condurremo attraverso un comprovato processo di elaborazione passo a passo di una solida strategia SEO B2B.
14 min read
Come creare la struttura di un sito per la SEONon sottovalutare l‘importanza di avere un sito con la giusta struttura e l‘impatto che questa può avere sulle tue prestazioni SEO. In questa guida approfondiremo come strutturare il tuo sito, seguendo una procedura passo passo e mostrandoti come appare la struttura di un sito ideale.
13 min read
Come rifiutare i linkCome decidi se un link deve essere rifiutato? Quali sono gli step per rinnegare un link in Google Search Console? Ecco la posizione ufficiale di Google sull‘argomento, così come qualche tips professionale.
6 min read