it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Invia il post
Torna ai giochi
Amplia le tue conoscenze:
Amplia le tue conoscenze:
SEO on-page

Come si deve gestire la paginazione di un sito? I miei consigli in ottica SEO

63
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.

Come si deve gestire la paginazione di un sito? I miei consigli in ottica SEO

Gaetano Romeo
Come si deve gestire la paginazione di un sito? I miei consigli in ottica SEO

Buongiorno cari amici di SEMrush, continuiamo il nostro viaggio lungo le problematiche tecniche SEO più difficili da risolvere! Oggi vi parlo di una delle maggiori spine nel fianco, soprattutto in tema e-commerce: come gestire la paginazione.

Possiamo considerare la paginazione come una forma astuta di camuffamento di pagine identiche, che favorisce la lettura da parte del navigatore.

La paginazione (pagination) è utilizzata in contesti che vanno dalla visualizzazione di elementi nelle pagine di categoria di un e-commerce, agli archivi di articoli di un blog, alle presentazioni di gallerie e ai thread del forum.

Cosa è realmente la paginazione?

La paginazione è una numerazione ordinale delle pagine, che di solito si trova nella parte superiore o inferiore delle pagine del sito.

Nella maggior parte dei casi, viene utilizzata per le pagine principali e le partizioni. Spesso appare così:

Numerazione delle pagine di contenuti su un sito

Meno visite dei motori di ricerca al tuo sito

Maggiori info Crawl Budget: ecco perché devi ottimizzarlo Post Filippo Sogus

Quando i motori di ricerca eseguono la scansione del tuo sito, la profondità e il numero di pagine che visitano varia a seconda del trust del sito, della frequenza di aggiornamento del contenuto, ecc (stiamo parlando di crawl budget). Se hai un numero enorme di pagine con paginazione, la probabilità che i motori di ricerca passino attraverso tutte le pagine paginate e indicizzino tutte le pagine finali (articoli / articoli) si riduce notevolmente. Inoltre, il tempo di scansione che i motori di ricerca hanno a disposizione per scansionare il tuo sito è limitato e in questo caso sarà speso per visitare pagine di paginazione e non per visitare pagine veramente importanti.

Come vedono il tuo sito i web crawler?

Scoprilo con Log File Analyzer.

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Problema di duplicati 

A seconda della struttura delle pagine con paginazione, è molto probabile che alcune contengano contenuti simili o identici. Oltre a questo, scoprirai spesso di avere lo stesso Tag TITLE e tag meta description sul tuo sito. In questo caso, il contenuto duplicato può causare difficoltà ai motori di ricerca quando è il momento di determinare le pagine più pertinenti per una particolare query di ricerca.

1. Soluzione più semplice: eliminazione della paginazione della pagina dall'indice con l'aiuto di noindex

Nella maggior parte dei casi, questo metodo è una priorità e può essere implementato rapidamente. Il punto principale è l'esclusione di tutte le pagine di paginazione dall'indice, tranne il primo.

È implementato nel modo seguente:

Come escludere le pagine di paginazione dall'indice

2. Soluzione “View all” and rel=”canonical”

Questo metodo richiede l'utilizzo di Google per creare una pagina separata "Visualizza tutto", in cui vengono visualizzati tutti i prodotti / pagine di questo catalogo, e su tutte le pagine dell'impaginazione mettiamo rel="canonical" sulla pagina "Visualizza tutto".

Implementazione di questo metodo: dopo aver creato la pagina "Visualizza tutto" (ad esempio, site.com/catalog/view-all.html), quindi su tutte le pagine dell'impaginazione, devi inserire quanto segue nell'HEAD sezione:

Come usare il rel=canonical per risolvere la paginazione su un sito

Per i professionisti che si occupano della SEO, il problema non è dover gestire la paginazione ma come e quando intervenire, visto che un intervento errato potrebbe causare situazioni nefaste.

A un certo punto della crescita, tutti i siti web devono suddividere il contenuto in una serie di pagine componenti per l'esperienza utente (UX).

Maggiori info Crawler: 18 motivi per cui non indicizzano il tuo sito Post Elena Terenteva

Il nostro compito (quello di un SEO specialist) è quello di aiutare i motori di ricerca a scansionare e capire la relazione tra queste URL in modo da indicizzare la pagina più pertinente.

Fortunatamente, nel corso degli anni, le migliori pratiche SEO di gestione delle paginazioni si sono evolute. Lungo questo lungo percorso, diverse mitologie non sono più prese in considerazione e possiamo parlare di fatti concreti per risolvere il problema.

Vediamo quindi:

  1. Come sfatare i principali miti secondo cui la paginazione fa male alla SEO, crea contenuti di scarso valore e spreca crawl budget.
  2. Il modo ottimale per gestire la paginazione.

I falsi miti su paginazione e SEO

1. La paginazione fa male alla SEO

Corretto se la paginazione è stata implementata in modo non corretto, ad esempio se si dispone di una pagina "Visualizza tutto" e di pagine impaginate senza una relazione corretta = canonical o se è stata creata una pagina = 1 in aggiunta alla pagina root.

Errato quando si dispone di paginazione SEO friendly. Anche se il tuo H1 e i meta tag sono gli stessi, il contenuto effettivo della pagina è diverso. Quindi non è una duplicazione.

Il commento di John Mueller sulla questione della paginazione

2. La paginazione crea contenuti di scarso valore (thin content)

Corretto se hai diviso un articolo o una galleria fotografica su più pagine (per aumentare le entrate degli annunci aumentando le visualizzazioni di pagina), lasciando troppo poco contenuto in ogni pagina.

Ogni pagina deve sempre avere del contenuto originale e molto user friendly.

3. La paginazione diluisce i segnali di ranking

Corretto se l'impaginazione non viene gestita correttamente, poiché può causare errata equità interna dei link interni e di altri segnali di ranking, come i backlink e/o le condivisioni social, da suddividere in più pagine.

Errato quando gli attributi  rel="prev" e rel="next" vengono utilizzati: stiamo di fatto aiutando Google nel dare i giusti segnali di ranking.

4. La paginazione consuma inutile Crawl budget

Corretto se stai consentendo a Google di eseguire la scansione delle pagine oggetto di paginazione. E ci sono alcuni casi in cui vorresti usare quel budget.

Ad esempio, Googlebot può viaggiare attraverso URL paginate per consolidare i segnali di ranking e raggiungere pagine di contenuti più in profondità.

Errato se quando imposti la gestione dei parametri di paginazione di Google Search Console su "Non eseguire la ricerca per indicizzazione" o non disattivi un file robots.txt nel caso in cui desideri conservare il budget di ricerca per indicizzazione per pagine più importanti.

Best pratices di gestione della paginazione per la SEO

Utilizzo di rel="next" & rel="prev"

Dovresti sempre indicare la relazione tra le URL dei componenti in una serie paginata, usando gli attributi rel="next" e rel="prev".

Google consiglia questo markup come "un forte suggerimento" per indicargli come vorresti che le pagine venissero trattate "in una sequenza logica, consolidando così le loro proprietà di collegamento e in genere inviando gli utenti alla prima pagina".

In pratica, ciò significa che rel="next" / "prev" vengono trattati come segnali piuttosto che come direttive. Non impediranno sempre che le pagine paginate vengano visualizzate nei risultati di ricerca. Ma un tale evento sarebbe raro.

Completa il rel="next" / "prev" con un link rel="canonical" autoreferenziale. Così / category? Page = 4 dovrebbe essere rel = "canonical" a / category? Page = 4.

Questo è l'approccio consigliato da Google, in quanto la paginazione cambia il contenuto della pagina e così anche la copia master di quella pagina.

Se l'URL ha parametri aggiuntivi, includi questi nei link rel="prev" / "next", ma non includerli in rel="canonical".

Come gestire la paginazione di un sito con i comandi rel="next" e rel="prev

Conclusione

Per concludere, ecco i miei consigli per risolvere il problema riguardante la paginazione:

Se possiedi la capacità tecnica per creare la pagina "Visualizza tutto" (tali pagine vengono caricate rapidamente e non di dimensioni molto grandi, controlla le dimensioni delle pagine web prima e dopo l'implementazione), puoi utilizzare questa opzione, poiché Google la consiglia e Yandex conosce la direttiva rel="canonical".

Ma probabilmente nella maggior parte dei casi l'opzione migliore è associare l'uso dell'attributo rel="pagina successiva / prev page" (Google lo comprende) e il robot="noindex, follow" meta tag (sia Google che Yandex lo capiscono ).

Un aggiornamento

Qui facciamo una dovuta precisazione. Nonostante sia stato lo stesso Google nel 2011 ad introdurre gli attributi rel=”prev” e rel=”next”, pare che sempre da Montain View adesso ci dicano che questi attributi non abbiano più valore.

Cosa è cambiato?

Pare che Google non abbia più bisogno di questi attributi visto che anche senza questo aiuto riesce a capire tutto il funzionamento, soprattutto se c’è una sitemap.xml fatta bene.

Cosa NON è cambiato e perché usarli ancora

Se è vero che Google non si serve più degli attributi di paginazione “next” e “prev”, è anche vero che esistono altri motori di ricerca tipo Bing che li prendono in considerazione. La SEO non cambia mai radicalmente, ma si evolve. Infatti Yoast ha dichiarato che il suo plugin continuerà ad utilizzarli.

E tu come affronti la questione della paginazione?

Se hai ancora qualche dubbio scrivimi che tipo di sito hai e ti suggerirò la soluzione migliore per il tuo caso specifico: vedremo come agire per non veder compromessi i tuoi sforzi di ottimizzazione seo.

Verifica la salute del tuo sito

Con Site Audit di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Gaetano Romeo
Leggenda

Arrivare fin qui non è affatto semplice.

Digital Entrepreneur, Start up mentor e Advisor di diverse aziende, Gaetano è nato a Palermo nel lontano 1979, laureato in Lingue e letterature Euro-Americane, muove i primi passi nel digitale nel 2003 lavorando per piccole realtà locali. Fondamentale la sua esperienza tedesca, che lo stesso Gaetano ritiene di importanza capitale per la sua formazione non solo tecnica, ma anche umana. A Berlino, Gaetano lavora per multinazionali quali StudiVZ nel 2006, una sorta di Facebook tedesco, diventando Country manager per l’Italia, Zalando e Groupon in qualità di consulente, nel 2008 lavora a Monaco in qualità di Head of SEO per MYDAYS Italia, dal 2010 ha gestito a Milano SEO Romeo, successivamente divenuta Digital Laboratory, una delle realtà digitali più importanti in Italia. Adesso si occupa di far crescere le start up più interessanti, business advisor di notizie.it e top brand influencer di SEMrush. Direttore editoriale collana digital generation per il gruppo Maggioli, Advisor e socio di Notizie.it
Amplia le tue conoscenze:
SEO on-page
Condividi il post
o

Commenti

2000
Gaetano Romeo
Leggenda

Arrivare fin qui non è affatto semplice.

Si si assolutamente
Nuovo arrivato

Si è appena iscritto o è troppo timido per dire qualcosa.

Gaetano Romeo
Grazie della disp.tà

a presto!
Gaetano Romeo
Leggenda

Arrivare fin qui non è affatto semplice.

Giammaria Pisanu
Solo un piacere 💪
Nuovo arrivato

Si è appena iscritto o è troppo timido per dire qualcosa.

Salve sono un neofita della Seo e sto gestendo da poco un sito con blog integrato (cartelle) in wordpress. Leggendo il suo articolo sulle paginazioni, volevo sapere se, nonostante le paginazioni del blog siano impostate correttamente (Rel Next e Prev), varrebbe la pena inserire un noindex follow sulle stesse al fine di non perdere budget crawl, anche perchè le medesime per struttura del layout tendono a non permettere l'inserimento di molto testo. Grazie, Giammaria
Gaetano Romeo
Leggenda

Arrivare fin qui non è affatto semplice.

Ti ho già risposto su Facebook 😊

In ogni caso leggi bene l’articolo, perché non è proprio vero che non deve più 😊
Nuovo arrivato

Si è appena iscritto o è troppo timido per dire qualcosa.

Utilizzo di rel="next" & rel="prev" ?

Google ignora tali elementi (da anni), lo ha dichiarato a marzo 2019.
https://searchengineland.com/google-no-longer-supports-relnext-prev-314319

Invia un feedback

Your feedback must contain at least 3 words (10 characters).

Useremo questa email solo per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Thank you for your feedback!