Invia il post
Torna ai giochi

4 suggerimenti per creare post su LinkedIn che generano engagement

72
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.

4 suggerimenti per creare post su LinkedIn che generano engagement

Mirko Cuneo
4 suggerimenti per creare post su LinkedIn che generano engagement

LinkedIn è una piattaforma consolidata per qualsiasi attività legata al mondo del business.

Vuoi costruire il tuo brand? LinkedIn è certamente un buon posto da cui partire. Vuoi promuovere alcuni contenuti e coinvolgere gli utenti in discussioni riguardanti le tue ultime strategie? Non cercare oltre.

Purtroppo però, la maggior parte delle persone utilizza LinkedIn in modo sbagliato e, proprio per questo, molti dei contenuti presenti al suo interno sono poco pertinenti.

Credetemi quando dico che sarei disposto a pagare ben volentieri qualcuno se solo riuscisse a sviluppare un’estensione di Chrome in grado di bloccare qualsiasi post presente sulla mia timeline contenente parole come “millenial kynote speaker”.

La maggior parte dei contenuti presenti su LinkedIn sono noiosi, basti pensare al banale copia e incolla dei link dei vari blog.

Ecco qui allora qualche consiglio utile a generare un alto livello di engagement su LinkedIn.

Pianifica il tuo prossimo post

con Social Media Poster di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Linkedin: come convincere gli utenti a leggere i tuoi post

1. I video nativi, brevi e informativi, catturano l’attenzione su LinkedIn

Postare video su linkedin

Facendo il calcolo del tempo che trascorri sui Social Media puoi renderti conto di quanto questo sia elevato. Ogni giorno le persone passano almeno un’ora su YouTube, più di 30 minuti su Facebook, Instagram e altri social. Nell’arco di una vita ammontano più o meno a sei anni le ore che passiamo sulle piattaforme di Social Media.

Ma per LinkedIn il discorso cambia.

Se messo a confronto con gli altri Social Media, il tempo che trascorriamo su LinkedIn è praticamente insignificante. La maggior parte degli utenti lo utilizza meno di due ore a settimana e una grande quantità di persone non lo utilizza praticamente mai. Sono solamente 24, in media, i minuti al giorno che trascorriamo su LinkedIn in una settimana di 5 giorni lavorativi. Volendo essere generosi, ovviamente.

La navigazione su LinkedIn è veloce e molto funzionale, per cui postare l’ultimo link del blog e aspettarsi di ricevere 100 click e una dozzina di condivisioni è pressoché irrealistico.

A nessuno interessano i contenuti del tuo blog se quello che vedono è solamente un copia e incolla del link accompagnato dalla solita immagine rappresentativa.

Attualmente sono i contenuti video ad avere la meglio su LinkedIn. Video corti, intuitivi e facilmente comprensibili sono ottimi per veicolare molte informazioni in poco tempo e con uno sforzo minimo, piuttosto che lunghi post descrittivi o link di collegamento ai blog. I video nativi di LinkedIn possono durare dai 3 secondi fino ai 10 minuti, in base a quello che si vuole condividere.

Poche informazioni? Vanno bene.

Discussioni più lunghe o approfondimenti ad argomenti? Vanno bene comunque.

Preview: La guida definitiva per i professionisti dei Social Media di SEMrush

I social media sono diventati molto più di una semplice piattaforma di comunicazione, si sono evoluti in una parte integrante del marketing digitale. Le aziende di tutto il mondo si rivolgono ai social network, che aiutano grandi e piccole aziende a raggiungere i consumatori. Tuttavia, questa arena di marketing diventa ogni giorno più competitiva. La buona notizia è che puoi...

Ottieni il PDF gratuito

Allen Gannett, CEO di TrackMaven, usa i video nativi per connettersi con la sua audience attraverso brevi comparse. Queste clip sottotitolate della durata di 30 secondi sono registrate dal suo cellulare e vengono postate direttamente su LinkedIn. Sono etichettate con l’hashtag #AllenAsks e durano tutte meno di un minuto.

Quali post condividere su LinkedIn? Il successo dei video

Le interviste che Gannett fa ad alcuni esperti del mondo del marketing contengono una sola domanda attraverso cui è possibile veicolare diversi insights, senza però rubare troppo tempo agli utenti che lo seguono. 

A giudicare dal livello di engagement che raggiunge con ogni post direi che questa formula funziona alla grande.

Il primo consiglio è quindi quello di provare a rendere i tuoi contenuti LinkedIn più interessanti attraverso una serie di video brevi e informativi.

2. Rendi il testo il più semplice possibile

Come scrivere un post su LinkedIn

Come LinkedIn, Twitter è un’altra di quelle piattaforme social meno utilizzate che le persone o amano od odiano. Quando chiedi a qualcuno quale sia il suo social network preferito, Twitter non è mai in cima alla lista. Sono i giganti come Instagram e Facebook ad avere la meglio.

Ad ogni modo, Twitter qualcosa di buono ce l’ha: è semplice. La maggior parte dei suoi post, infatti, sono di tipo testuale e riescono ad andare dritti al punto. Twitter salta facilmente all’occhio poiché permette a chiunque di poter postare brevi contenuti in una forma semplice.

In poche parole, Twitter è stato bravo a rendere i suoi post essenziali.

Maggiori info Come aumentare il Click Through Rate grazie agli emoji Post Garrett Mehrguth

Su LinkedIn sono i post scritti in maniera semplice a generare più like, commenti e views rispetto a qualsiasi altra forma di contenuto. Per esempio, i contenuti LinkedIn di John Espirian sono dominati da emoji accattivanti e da contenuti di testo essenziali.

Perché? Perché questo rompe il rumore generato dalla promozione di contenuti.

Utilizzando questo tipo di comunicazione, le persone si fermano a leggere i tuoi contenuti e inoltre vengono invogliate a entrare nelle discussioni e producendo più commenti.

3. Non usare LinkedIn come una strada a senso unico

Come usare i post su LinkedIn

Oggi i social media sono molto meno efficaci perché ogni marketer ha la stessa identica strategia: fare spam con promozioni varie per poi sparire.

Tutti, più o meno, abbiamo la tendenza a pensare ai social media come degli strumenti per raggiungere le masse attraverso i nostri contenuti. Ed è vero, le persone entrano in contatto con i nostri post. Spesso però siamo noi a non essere in contatto con le persone, dando per scontato che esse cliccheranno, commenteranno e interagiranno con i nostri contenuti.

Per la maggior parte degli esperti in marketing e delle aziende il ciclo è più o meno questo:

Creare un nuovo post del blog -> fare live publishing -> caricarlo -> ripetere

Riesci a vedere quello che manca? È completamente assente la volontà di creare un legame reale.

Se non c’è reciprocità non puoi aspettarti un continuo flusso di engagement. La soluzione?

  • Rispondi ai commenti inseriti sui tuoi post.
  • Accendi discussioni riguardanti un post del blog.
  • Chiedi dei feedback.
  • Ancora meglio: chiedi genuinamente alle persone di dare la propria opinione sugli argomenti di cui vuoi saperne di più.
  • Cerca altre idee e apriti a discussioni con chiunque.

Rand Fishkin è l’esempio più emblematico di engagement generato coinvolgendo direttamente l’audience, senza utilizzare post promozionali.

Posta i suoi pensieri utilizzando diverse tattiche e conclude i post ponendo delle domande ai suoi lettori. Perché? Semplice: è realmente interessato ai feedback, ai diversi punti di vista e alle informazioni provenienti da fonti differenti.

Comincia anche tu a utilizzare la tua audience presente su LinkedIn come se si trattasse di persone reali. Parla con loro. Esplora i loro pensieri riguardo alle tue nicchie o alle idee tattiche.

Le persone amano le conversazioni reali.

4. Scrivi in modo diretto e semplice

Come scrivere post su LinkedIn che attirano utenti

La maggior parte delle persone usano i social media per un’unica grande ragione: dirottare il traffico. Ma su LinkedIn il miglior modo per generare engagement è quello di trattenere le persone sulla piattaforma stessa. Nonostante sia carino avere dei click al tuo ultimo post, probabilmente non è la tattica vincente.

Vuoi generare un engagement reale?

Non condividere link che il 99% della tua audience ignorerà. Non ne vale la pena. Piuttosto sfrutta lo straordinario sistema di contenuti nativi di LinkedIn e produci brevi storie che trascinino la tua audience senza forzarla a uscire dalla piattaforma.

Aaron Orendorff, il capo redattore di Shopify Plus, è uno specialista quando si tratta di mettere in atto questa tattica. Tramite la funzione LinkedIn “scrivi un articolo” Orendorff posta brevi pezzi editoriali che si focalizzano sullo storytelling e continuano tramite il suo hashtag: #LetsGetRejected.

Come aumentare engagement dei post su linkedin: l'esempio di Orendorff

Con solo un centinaio di parole e pochi minuti al giorno, produce contenuti che catturano l’attenzione, generando centinaia di like, dozzine di commenti e più di 50 condivisioni.

Se usi Pulse ogni volta che pubblichi un piccolo pezzo editoriale, la tua rete riceverà una notifica, dandoti un’occasione in più per generare engagement rispetto a un post organico sul tuo feed.

Conclusioni

LinkedInè un infinito pozzo nero di contenuti poco pertinenti e auto promozionali. Ti logghi per una manciata di minuti al giorno e l’unica cosa che trovi sono post che condividono sempre le stesse cose.

Per emergere su LinkedIn e produrre veramente engagement sui tuoi post, crea video nativi che abbiano chiamate dirette alle conversazioni nei commenti sottostanti e poi prendi personalmente l’iniziativa:

  • Scrivi post essenziali e che catturino l’attenzione guidando l’engagement.
  • Posta e rispondi ai tuoi lettori. Questo ti permetterà di creare engagement con i tuoi utenti.
  • Distinguiti dalla massa e vedrai che riuscirai a ottenere livelli di engagement molto più alti e prolungati nel tempo.

Qual è la tua esperienza su LinkedIn?

Leggi articoli e condividi post con la tua rete? Quali risultati hai ottenuto finora?

Fammi sapere se metterai in pratica i 4 suggerimenti che ti ho dato e se i tuoi risultati miglioreranno. Se ti interessa approfondire qualche aspetto di questa incredibile ma poco

Pianifica il tuo prossimo post

con Social Media Poster di SEMrush

Please specify a valid domain, e.g., www.example.com

Mirko Cuneo
Pro

Fa ottime domande e dà risposte brillanti.

Ho cominciato ad occuparmi di marketing all'età di 17 anni. Due anni più tardi ho fondato la mia prima azienda e un anno dopo la seconda incentrata sul mondo Fitness realizzando 38 store di vendita online. Tutta la mia attività si incentrava nel commercio elettronico. Oggi seguo un'azienda da 80 persone, lavoriamo ogni giorno per aiutare i nostri clienti a promuoversi online nel modo corretto evitando di commettere i classici errori del fai da te. Ho scritto due libri su come riuscire a governare il digital MArketing, indicando alcune linee guida che si possono seguire.
Condividi il post
o

Commenti

2000
Entusiasta

Ogni tanto prende parte alle conversazioni.

I also tend to share the video, articles, pictures, and ideas related to my business. And I got a really great response from the Linked in user. It is actually the platform for gathering the knowledge about great professionals, new ventures, new marketing strategies, and ideas. And I really like the point in your article that the content should be direct and simple. Nice Article. Appreciated!

Invia un feedback

Your feedback must contain at least 3 words (10 characters).

Useremo questa email solo per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Thank you for your feedback!

Sistema di ranking nella community

Il punteggio della Community SEMrush riflette il livello di riconoscimento professionale nella nostra community. Apprezziamo i contributi di qualità: i membri con il punteggio più alto riceveranno preziosi incentivi. Partecipa alle discussioni, scrivi post e parla nei webinar, adotta un tono amichevole, cerca di essere sempre d'aiuto, e arriverai al vertice delle classifiche.

  • Nuovo arrivato
    Si è appena iscritto o è troppo timido per dire qualcosa.
  • Entusiasta
    Ogni tanto prende parte alle conversazioni.
  • Aiutante
    Un membro esperto, sempre lieto di dare una mano.
  • Maestro
    Un veterano della community.
  • Pro
    Fa ottime domande e dà risposte brillanti.
  • Esperto
    Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.
  • Guru
    Un grande saggio del marketing digitale.
  • Superstar
    Sa tutto... o quasi.
  • Leggenda
    Arrivare fin qui non è affatto semplice.