it
English Español Deutsch Français Italiano Português (Brasil) Русский 中文 日本語
Invia il post
Torna ai giochi

Case study: aumentare il traffico organico grazie a una strategia di contenuti

60
Wow-Score
Il Wow-Score mostra il livello di interazione del posto di un blog. Si calcola sulla correlazione tra il tempo di lettura attivo degli utenti, la loro velocità di scrolling e la lunghezza dell'articolo.

Case study: aumentare il traffico organico grazie a una strategia di contenuti

Emanuel Paglicci
Case study: aumentare il traffico organico grazie a una strategia di contenuti

Le aziende che puntano sul blogging ottengono nuovi lead in modo più rapido, all’incirca 4,5 volte in più rispetto alle aziende che non lo fanno (fonte HubSpot). Per questo motivo la creazione dei contenuti per il blog rimane tra le priorità per oltre il 50% dei marketer. Tra le tipologie di content più apprezzate dopo gli articoli per il blog, troviamo i post sui social media e i case study.

Definiti anche case history, queste “storie di successo” legate a un’azienda in particolare (in alcuni casi anche a un singolo prodotto o servizio), sono utili per il pubblico perché attraverso di esse può constatare l’efficacia di una soluzione o di una metodologia proposta per la risoluzione di un problema. Oggi focalizziamo l’attenzione proprio su quest’ultimo strumento, efficace per l’azienda B2B che vuole acquisire nuovi clienti. 

Per definizione un case study è l’analisi di un caso concreto che si è verificato, e che può essere usato come esempio o modello teorico a cui ispirarsi (e a cui fare riferimento per applicazioni future o successive ottimizzazioni).

Il case study rappresenta la riprova sociale, una testimonianza diretta, la concretizzazione di una promessa fatta.

Come raddoppiare il traffico organico grazie ai contenuti (case study)

Potremmo paragonare il case study al passaparola: il racconto di un’esperienza personale, di un vissuto “sulla propria pelle” che pur essendo senza dubbio una forma promozionale per l’azienda protagonista, rappresenta a ogni modo uno strumento di comprovata utilità per chi sta passando al vaglio una serie di nuove opportunità per il proprio business.

Uno dei case study più emblematici dell’azienda di consulenza strategica Ander Group (nella quale rivesto il ruolo di General Manager) è rappresentato da Training Specialist. Un esempio concreto di come l’incremento dell’attività di blogging abbia moltiplicato il traffico qualificato sul sito web dell’azienda, spianando la strada alla generazione di nuovi lead da coltivare e convertire in clienti.

La sfida: aumentare l’affluenza puntando su nuovi target e orari di apertura prolungati

Training Specialist è una palestra di Massagno (Lugano, Svizzera) già operativa da tre anni sul territorio, nel momento in cui decide di avvalersi della consulenza strategica di Ander Group in ambito di comunicazione e marketing.

Il progetto portato avanti dai fondatori dell’attività, due personal trainer professionisti, prevede un allenamento incentrato in prevalenza sulla tonificazione a corpo libero, elemento distintivo della struttura (nonché vantaggio competitivo). Il target principale di clientela (che attualmente frequenta la palestra) è formato da uomini e donne, di età compresa tra i 25 e i 45 anni.

Maggiori info Cosa sono le Buyer Personas e come si usano Post William Sbarzaglia

L’allenamento a corpo libero, però, ben si presta anche all’attività fisica consigliata alle persone anziane che vogliono tenersi in forma o a quelle con squilibri posturali. Inoltre, per migliorare l’esperienza dei clienti, Training Specialist prolunga gli orari di apertura (dalle 6 alle 22), con un solo giorno di chiusura settimanale (la domenica). Da qui le nuove esigenze di comunicazione da parte dell’azienda, legate alla volontà di aumentare il numero di frequentatori della struttura, sia sfruttando tutte le diverse fasce orarie, sia rivolgendosi a nuove buyer personas.

L’approccio metodologico di Ander Group

Fin dall’inizio, il team di Ander Group sviluppa ogni fase di realizzazione del nuovo piano di marketing in stretta collaborazione con l’azienda cliente. Questi gli step principali che si susseguono:

  1. Assessment: è indispensabile il confronto con il management aziendale, per individuare il target di riferimento, analizzare i competitor più importanti e individuare le parole-chiave significative per il business

    È la keyword giusta?

    Conosci subito il volume di ricerca della tua parola chiave

    Please specify a valid domain, e.g., www.example.com
  2. Strategia e posizionamento: si lavora in ottica di Inbound Marketing e si struttura nel dettaglio sia il funnel di vendita che il piano editoriale per il blog.
  3. Sviluppo e content design: il sito web passa in restyling (ottobre 2017) non solo nella forma ma anche nei contenuti e viene sviluppato su tecnologia HubSpot.

I due titolari di Training Specialist, per quanto sempre attenti agli obiettivi di crescita prefissati per la loro attività, non avevano ancora sfruttato a pieno le potenzialità offerte dalla digital transformation, mantenendo il sito web esistente alla “velocità zero” di un sito vetrina.

Maggiori info Inbound marketing: cos’è e che vantaggi offre a un’azienda Post Jose Facchin

L’approccio metodologico di Ander Group invece, e il metodo collaudato dell’Inbound Marketing, permettono da subito di aumentare l’efficacia e la produttività del sito: in soli due mesi (novembre-dicembre 2017), i nuovi contatti provenienti in maniera esclusiva dal canale online sono 18. In soli 15 giorni (quelli successivi, della prima metà di gennaio 2018), i nuovi lead acquisiti sono 7. L’incremento è del 133,34%.

Le performance del sito di Training Specialist migliorano da tutti i punti di vista:

  • 500 visite tra il 1 e il 15 gennaio

  • +70% di visualizzazioni

  • tasso di conversione al 12%

La fase iniziale è senza dubbio quella che stupisce tutti nell’immediato: l’impatto del lavoro in ottica di Inbound marketing svolto online si rivela decisivo e produce risultati tangibili nei confronti di un sito preesistente ma non operativo né sfruttato in maniera strategica nel suo potenziale.

Nel corso dell’anno 2018 appena trascorso:

  • le visite al sito sono state oltre 61mila

  • 472 è il numero dei nuovi contatti per l’azienda

  • di cui 281 acquisiti tramite landing page create ad hoc

Maggiori info La grande lezione per la SEO del Search Quality Update di Google Post Benedetto Motisi

Una delle tappe salienti di questo percorso è rappresentata dal periodo estivo (a partire dal mese di agosto in poi). L’aggiornamento dell’algoritmo di Google del 1° agosto 2018, infatti, ha premiato in modo evidente Training Specialist: all’andamento costante delle visite, seppur crescente mese dopo mese, si è susseguita una vera e propria impennata del sito dell’azienda. Il motore di ricerca ha riconosciuto l’autorevolezza del sito e dei contenuti, premiandolo con un aumento del numero delle visite.

Andamento traffico organico sito (case study)

L’update del 1° agosto rappresenta un passaggio importante, nella vita di un sito web come Training Specialist. Al di là di considerazioni e analisi successive avanzate da allora (che riguardano la ratio di questa operazione da parte di Google), sappiamo con certezza che i punti focali su cui Big G punta i riflettori da sempre sono la qualità dei contenuti e la rilevanza dei siti. Ciò che è successo a Training Specialist, con questo aggiornamento, è stato proprio il riconoscimento dell’autorevolezza conquistata nel tempo.

Arrivando ad oggi (gennaio 2019), data dell’ultimo monitoraggio dei dati su HubSpot, nel periodo 1-11 gennaio 2019, il sito di Training Specialist è stato visitato 6.222 volte (+115% rispetto a dicembre 2018) e i nuovi contatti sono 42 (+82,61% rispetto a dicembre 2018).

case study training specialist: sessions-leads

schermata-2019-01-12-alle-102528.png

Conclusioni

Quello appena presentato è il case study di un business di prossimità: un esempio concreto di sviluppo sul territorio di un’attività già avviata e affermata ma che non avrebbe potuto abbracciare nuove fasce di potenziali clienti senza un piano di marketing strutturato e organizzato. Questo perché il lavoro sviluppato alla base è di tipo educazionale, volto a persuadere i nuovi clienti dell’efficacia del lavoro di tonificazione a corpo libero, sfatando il mito della “sala attrezzi” e del sollevamento pesi per vedere risultati a livello muscolare. Un lavoro, questo, difficilmente possibile attraverso un annuncio pubblicitario o un volantino distribuito ai passanti.

Va da sé che tutte le aziende sono differenti e rappresentano casi studio a sé stanti, perché diversi sono la storia, le criticità e gli obiettivi di sviluppo che le caratterizzano. Compito della consulenza strategica in questo ambito è proprio quello di individuare le aree più deboli da rafforzare e i punti di forza invece da valorizzare, per trovare soluzioni quanto più personalizzate, e quindi efficaci, e permettere all’azienda cliente di vincere la propria sfida.

Che cosa ne pensi di questo case study che ti ho presentato?

Hai anche tu un caso studio che evidenzia il ruolo strategico dei contenuti nell'aumento del traffico organico e dei lead di un sito web? Raccontamelo nei commenti, sarà interessante discuterne insieme.

Preview: Guida pratica al Content Marketing basato sui dati

Il content marketing è diventato una parte essenziale di una strategia di digital marketing di successo. Tuttavia molti professionisti dei contenuti continuano a essere insicuri sul modo migliore per creare contenuti di alta qualità.  Il nostro team ha condotto dei sondaggi con esperti di tutto il mondo, permettendoci di formalizzare il flusso di lavoro standard dei professionisti del content marketing, e...

Ottieni il PDF gratuito

Emanuel Paglicci
Guru

Un grande saggio del marketing digitale.

Emanuel Paglicci è General Manager presso Ander Group SA. 10+ anni di esperienza internazionale e un primo e-book: Attira nuovi clienti e vinci la concorrenza con la lead generation. Ad aprile 2018 è uscito il suo libro "I contatti servono se sai trasformarli in clienti ricorrenti" edito da Dario Flaccovio.

Lo trovi qui --> https://amzn.to/2qByPyW

Co-docente del corso: APF Specialista in Marketing presso Swiss Management School (SMS School) - (CH)

Docente di Inbound Marketing presso la Scuola Specializzata Superiore di economia di Bellinzona (CH)

Formatore con 15 certificazioni in Inbound Marketing, Sales e Growth Driven Design, è guest author nel blog SEMrush, su webintesta.it e altri portali.

Autore delle pubblicazioni:
>> “Healthcare and Insurance Companies: How ESG Scorecards Can Be a Sustainable Solution for Both”, del Polytechnic Institute of New York University.
>> “How To Transform Perfect Strangers into Paying Customers”, edito da Business Express Press (New York).
Condividi il post
o

Commenti

2000
Luca Carchesio
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

Che articolone! complimenti Emanuel... ho avuto modo di affrontare pressochè lo stesso percorso per un azienda sul mio territorio che si occupa di wellness. Risultati davvero importanti hanno dato nuova linfa all'azienda che ha finalmente scoperto le potenzialità di una strategia pensata, organizzata e vincente attraverso il contenuto...
Emanuel Paglicci
Guru

Un grande saggio del marketing digitale.

Luca Carchesio
Grazie mille Luca, mi fa molto piacere che l'articolo ti sia piaciuto!

Ne approfitto per aggiornare i dati riportati sopra:

- gen 2019 --> 18'671 session e 134 lead
- 01-18 feb 2019 --> 11'437 session (+2,65% rispetto a gennaio) e 82 lead (+24,24% rispetto a gennaio)

Se hai svolto attività differenti (o aggiuntive), citale pure, saranno sicuramente utili per chi le leggerà :)

Buona giornata.
Luca Carchesio
Esperto

Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.

Emanuel Paglicci
Quello che posso aggiungere, per la mia esperienza, che oltre a conversioni "digitali" che prima ovviamente non avvenivano perchè non c'erano attività di alcun tipo, l'azienda in questione, si è ritrovata a gestire anche conversioni telefoniche attraverso il traffico del content marketing a cui io ho "agganciato" un call to action "chiamaci" che sta lavorando moltissimo!

Il cliente ha anche pensato di disabilitare momentaneamente la linea per ri-ogranizzare il team.

Insomma, dall'approdo dell'azienda nel digitale ha avuto solo dei + ! e pensare che inizialmente la mia spiegazione delle suddette attività era stata accolta con un pò di diffidenza.

Con questo concludo.. con la mia strategia di content marketing stanno anche affermandosi, in città e zone limitrofe, come un portale di informazione sul benessere, l'allenamento e l'alimentazione.
Paolo Munari Mandelli
Entusiasta

Ogni tanto prende parte alle conversazioni.

Salve Emanuel.

Ho una domanda, che proprio non riesco a togliermi dalla testa.

Ho fatto una analisi del mio competitors attraverso ( posizione di ricerca organica ) per vedere le sue keywords. Ho visto che tra i dati per una specifica keyword mi da tutta una serie di informazioni come: posizione, traffico in % , volumi e costi. Ecco la mia domanda è: se nella colonna dei costi ti fa una stima delle spese mensili, che possono essere 10/100/1000 euro al mese, queste vanno considerate come spese vere, che effettivamente il mio competitors spende?

Grazie mille in anticipo.
Emanuel Paglicci
Guru

Un grande saggio del marketing digitale.

Paolo Munari Mandelli
Buondì Paolo,
grazie per il commento.

Se ho capito interpretato bene la domanda, il numero che vedi dovrebbe essere relativo al prezzo della keyword su Google Adwords in un determinato periodo. Se tu riuscissi a farmi avere uno screenshot potrei essere più preciso. Buona domenica.
Paolo Munari Mandelli
Entusiasta

Ogni tanto prende parte alle conversazioni.

Emanuel Paglicci
Ciao Emanuel.

Prendevo esempio da Semrush.
Come faccio ad allegarti uno screen?
Emanuel Paglicci
Guru

Un grande saggio del marketing digitale.

Paolo Munari Mandelli
Ciao Paolo, vedi pure la risposta di Valentina sotto! :)
alessandro civera
Aiutante

Un membro esperto, sempre lieto di dare una mano.

Paolo Munari Mandelli
Ciao Paolo
non vorrei sbagliare nel darti questa risposta ma se non ho capito male il valore che viene indicato è la cifra che dovresti spendere in Ads per raggiungere quei volumi di traffico. Prendila con le pinze questo è frutto del mio utilizzo di SemRush attendiamo magari una fonte Autorevole :)
Valentina Pacitti
SEMrush

SEMrush employee.

Paolo Munari Mandelli
Ciao Paolo nella colonna Costi di Ricerca organica il valore indicato corrisponde al CPC della keyword moltiplicata per il suo volume. Spero di aver chiarito il tuo dubbio. Se hai altre domande scrivici pure ;)

Invia un feedback

Your feedback must contain at least 3 words (10 characters).

Useremo questa email solo per rispondere al tuo feedback. Informativa sulla privacy

Thank you for your feedback!

Sistema di ranking nella community

Il punteggio della Community SEMrush riflette il livello di riconoscimento professionale nella nostra community. Apprezziamo i contributi di qualità: i membri con il punteggio più alto riceveranno preziosi incentivi. Partecipa alle discussioni, scrivi post e parla nei webinar, adotta un tono amichevole, cerca di essere sempre d'aiuto, e arriverai al vertice delle classifiche.

  • Nuovo arrivato
    Si è appena iscritto o è troppo timido per dire qualcosa.
  • Entusiasta
    Ogni tanto prende parte alle conversazioni.
  • Aiutante
    Un membro esperto, sempre lieto di dare una mano.
  • Maestro
    Un veterano della community.
  • Pro
    Fa ottime domande e dà risposte brillanti.
  • Esperto
    Offre preziosi consigli e dà profondità alla conversazione.
  • Guru
    Un grande saggio del marketing digitale.
  • Superstar
    Sa tutto... o quasi.
  • Leggenda
    Arrivare fin qui non è affatto semplice.