logo-small
Funzionalità Prezzi
Notizie 0
Ultime notizie Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Webinar 0
Prossimi webinar Visualizza tutti
Prossimi webinar

Spiacenti, non abbiamo trovato prossimi webinar previsti.

Vedi webinar registrati
Blog 0
Post recenti Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Alessandro Scuratti

Blog aziendale: Guida alla scrittura di post di successo

Alessandro Scuratti
Blog aziendale: Guida alla scrittura di post di successo

Come creare un Blog aziendale di successo? 5 consigli per scrivere post efficaci

Quali sono gli obiettivi di un blog aziendale? I principali sono tre: far percepire l'azienda come un punto di riferimento del suo settore, far trovare i post su Google dai potenziali clienti e convertire i visitatori in clienti.

Si tratta di obiettivi ambiziosi, non c'è dubbio. Ma questi obiettivi sono sempre raggiungibili, da qualsiasi azienda, a patto che chi crea i contenuti sappia come muoversi. In effetti, una gran parte del successo delle attività di marketing su un blog si gioca proprio sul terreno dei contenuti. Se sai come creare post efficaci, il tuo blog aziendale avrà successo. In caso contrario, otterrai risultati scadenti, sia in termini di pubblico raggiunto che di ROI generato.

Ma come si creano buoni Post per un Blog aziendale?

A tal proposito, ho messo nero su bianco un elenco di indicazioni, quello che trovi più sotto. Vengono dalla mia esperienza di business blogger e ho trovato che funzionano per qualsiasi tipo di corporate blog. In altre parole: non è importante il settore in cui opera la tua azienda, perché, se segui le indicazioni sottostanti, otterrai sicuramente ottimi risultati dal tuo blogging.

Taglio corto. Ecco i cinque suggerimenti che ti do per migliorare la tua capacità di intercettare e convertire traffico in target attraverso il tuo blog aziendale. (Una premessa: nella trattazione mi concentrerò sui contenuti prettamente testuali. Non dimenticare però che i contenuti web possono essere di vario tipo, e cioè non solo testuali, ma anche audio, video, grafici o misti).

Blog aziendale: come scrivere post davvero efficaci?

1. Crea Valore per i tuoi potenziali Clienti

Se hai un blog aziendale, il tuo pubblico è facile da identificare: ti devi rivolgere ai potenziali clienti della tua azienda. E qual è la prima cosa da fare quando scrivi un post? È presto detto: devi sforzarti di creare un contenuto di valore, cioè un contenuto che sia pertinente, interessate e utile per chi lo leggerà.

Creare un contenuto web di valore significa risolvere un problema specifico al tuo pubblico. Se dai soluzioni specifiche ai lettori, gli fai un grosso favore. Crei oggettivo valore per loro

Un esempio di post efficace su un blog aziendale potrebbe essere questo mio post. Se sei un imprenditore o un direttore marketing (questo è il target a cui mi rivolgo come consulente) e vuoi capire come far decollare il blog della tua società, probabilmente troverai interessanti queste mie righe. Forse sono proprio quello che stavi cercando, perché ne sapevi zero sull'argomento. Se fosse così, ti ho dato elementi concreti per risolvere il tuo problema. Ho quindi creato valore per te.

Se invece sei un consulente di content marketing, probabilmente troverai scontate queste mie parole. È normale: sei fuori target, io scrivo per i decisori delle aziende e non per i consulenti esperti.

2. Offri una Soluzione pratica al Problema

Ho detto che creare un post di valore su un blog aziendale significa risolvere un particolare problema a uno specifico target. Ma come dev'essere la soluzione che fornisci? Dev'essere pratica, concreta, replicabile da tutti.

Così come una scoperta scientifica è vera solo se è replicabile, allo stesso modo la soluzione che dai in un tuo post dev'essere facilmente attuabile dai lettori. Se invece proponi soluzioni troppo complesse o che richiedono budget stellari, non vai nella direzione giusta.

Per esempio, le soluzioni che ti sto dando in questo mio post sono tutte concrete e fattibili. Se non da te direttamente, lo sono dalla persona nella tua azienda che scrive i contenuti per il blog aziendale. Avrei però potuto darti dei consigli diversi da questi, molto più complessi e costosi da attuare. Non credo però che li avresti graditi, a meno che tu non lavori per un grande brand. In quel caso, probabilmente hai ampie risorse a cui attingere. Ma sei però fuori target per me, perché la mia attività di consulenza si rivolge principalmente alle PMI.

3. Non vendere sfacciatamente!

Ti faccio una domanda secca, rispondimi senza pensarci: A che serve per te un post? Se hai risposto qualcosa come "Beh, è uno spazio pubblicitario dove pompare i miei prodotti", hai sbagliato!

Un post non è l'equivalente di uno spot televisivo. L'obiettivo principale di un post è farti percepire come un esperto di ciò che fai. Attraverso i contenuti che pubblichi sul blog aziendale, i potenziali clienti percepiscono che la tua azienda sa quello che dice e quello che fa. Post dopo post, diventi sempre più autorevole agli occhi del tuo target, proprio perché sai creare grande valore, e lo fai con costanza

Da tutto ciò deriva che un post non è uno spazio in cui incensare i tuoi prodotti o servizi. Nel blog dell’azienda non devi salire su una sedia e, con un megafono in mano, urlare quanto sei bello-bravo-buono. Gli utenti web non sono stupidi: capiscono al volo se stai cercando di spingere a forza ciò che vendi. Capiscono se sei interessato più a promuovere che a regalare valore.

Attento: non ti sto dicendo di rinunciare a qualsiasi attività promozionale nei post che pubblichi sul blog aziendale. Solo che in primo piano ci dev'essere la tua volontà genuina di risolvere un problema specifico alle persone della tua nicchia. A quel punto, solo in un secondo momento, cioè dopo che avrai dato loro del valore, potrai anche permetterti di richiamare l'attenzione sulla tua azienda. Come? Con una call to action. Cioè con un invito all'azione. (Se vuoi capire come si fa, guarda per esempio la chiusura di questo mio post: contiene proprio una call to action...).

4. Prova a essere originale

Originale in che senso? No, il mio non è un invito a essere creativo, magari scrivendo titoli a effetto nei post del tuo blog aziendale. E non è nemmeno un invito a sfoggiare giochi di parole o metafore nel testo dei tuoi contenuti.

Abbandona ogni velleità creativa: se vuoi esser efficace nel tuo business blogging, devi svestire il prima possibile i panni del poeta. Una volta i poeti  riuscivano almeno a impressionare le ragazze, oggi nemmeno quello. Figuriamoci quanto possano esser efficaci nello scrivere per fare business.

Ma quindi, per tornare alla domanda iniziale di questo quarto punto, originale in che senso?

Ogni tuo post è dedicato a un tema specifico, ma probabilmente qualche altro blog aziendale ha già trattato il tema in passato. Tu arrivi per secondo, terzo, quarto... ottocentoquarantaseiesimo!

Come differenziarti dagli altri competitor? Tratta l'argomento da un punto di vista originale, diverso, non comune. Osserva la faccenda da un'angolazione inusuale, presenta le cose come nessuno le ha ancora presentate.

Anche qui ti faccio un esempio. Una volta, nel mio blog aziendale, volevo scrivere un post sugli errori che le aziende commettono nel fare social media marketing. Avrei potuto scrivere un testo con un elenco di errori e intitolarlo così: "Gli X errori che le aziende fanno nel social media marketing". Ma tanti altri blogger avevano già parlato della cosa negli stessi termini. Io sarei stato solo l'ennesimo. Che fare, dunque? M'è venuta un'idea originale (sottolineo: originale, non creativa!). Ho scritto un post sui "7 vizi capitali del social media marketing".

Nel post ho cercato ovviamente di dare valore al mio target, ma al tempo stesso ho presentato quel contenuto in una maniera inusuale. Il post ha avuto un buon successo, sia in termini di visite che in termini di condivisioni sui vari social network.

5. Scrivi per farti trovare su Google

Hai mai sentito parlare di Search Engine Optimization? In breve: la SEO è la disciplina che ti permette di avere visibilità su Google e sugli altri motori di ricerca. Hai presente la prima pagina di Google? Probabilmente sai quant'è importante stare tra quei primi dieci risultati, dal momento che circa il 90% degli utenti web non estende le proprie ricerche oltre la prima pagina.

La SEO ti consente di migliorare il posizionamento di ogni post del tuo blog aziendale sui motori. Gli dà molte più possibilità di farlo trovare dai tuoi potenziali clienti. Un bel vantaggio, vero?

Ma come si fa a fare SEO nel proprio blog aziendale? Bisogna valutare e agire su tutta una serie di parametri specifici: dal "tag title" all'URL del post, dall'attributo "text" delle immagini ai "tag H1-H2" della pagina web che ospita il post.

Sulla SEO potrei scrivere per chilometri e chilometri, dal momento che l'argomento è davvero importante. Ma il mio spazio qui è quasi terminato, perciò mi limito a suggerirti un approfondimento sul mio blog: i 13 consigli per fare SEO nei tuoi contenuti e posizionarti bene su Google.

Ecco, questi erano i miei cinque consigli di base per gestire un blog aziendale con successo. Se li applichi, otterrai sicuramente grandi risultati (anche e soprattutto in termini di ROI) nel medio e lungo periodo. E siccome te l'ho promesso, chiudo con una bella call to action:

Blog aziendale: esempio di una call to action effettiva

Quali sono i Post sul tuo Blog che hanno avuto più successo?

Da cosa pensi che dipenda questo risultato? Raccontalo nei commenti.

Alessandro è content marketing specialist, business blogger e
formatore con 20 anni di esperienza. Autore del blog ComunicareSulWeb.com e del libro Scrivere per il web 2.0. Conduttore del podcast sul web marketing della casa editrice Area51 Publishing.

2000 simboli rimanenti
Have a Suggestion?