Black Friday 2021: tendenze chiave, cambiamenti e nuove lezioni per i marketer

Chiara Clemente

Nov 18, 202121 min read
Black Friday 2021: tendenze chiave, cambiamenti e nuove lezioni per i marketer

Il Black Friday è passato in pochi anni da essere un fenomeno solo negli Stati Uniti a diventare parte del lessico globale. Il giorno di shopping più critico prima delle vacanze natalizie è stato influenzato lo scorso anno dalla pandemia mondiale in modi interessanti.

Anche se le vendite del 2019 hanno fatto registrare un record, con 7,4 miliardi di dollari di acquisti online, non è stato nulla rispetto al 2020. I consumatori hanno speso 9 miliardi di dollari sul Web il giorno dopo il Ringraziamento, con un aumento del 21,6% su base annua.

Il 2021 eclisserà questo traguardo? Ci stiamo dirigendo verso il primo Black Friday da più di $10 miliardi? E come possono i brand allinearsi alle esigenze dei consumatori per massimizzare il loro potenziale?

Abbiamo analizzato i siti Web e-commerce più importanti e le ricerche più popolari a livello globale e abbiamo anche dato un'occhiata più da vicino ai migliori prodotti di Amazon, in modo che tu possa capire meglio come sarà "l'epico festival dello shopping" del 2021 e prepararti in modo efficace al suo arrivo.

Black Friday 2021: Effetto pandemia in calo?

Mentre nel 2020 la pandemia globale ha fatto crescere più che mai le ricerche per "Black Friday" e "Acquista online", quest'anno i risultati sono sorprendenti:

  • Le ricerche per "Acquista online" sono diminuite di quasi il 55%, il che non solo annulla la crescita fulminea vista l'anno scorso, ma riduce il volume di ricerca ai livelli pre-2018;
img-semblog
  • Il volume di ricerca per "Black Friday" nel novembre 2020 è analogamente ora più basso di quanto fosse nel 2018 ed è quasi la metà di quello del 2019; 
img-semblog

Date le vendite online senza precedenti dello scorso anno, cosa significa? E il volume di ricerca è una metrica rilevante?

Durante lo scorso Black Friday sono state registrate 514 milioni di visite ai siti e-commerce, il 9,02% in più rispetto al Black Friday 2019. Le visite nel 2020 (la metrica chiave) sono aumentate di oltre il 50% su base annua. E tutto questo nonostante le ricerche più basse per il termine stesso.

Per dirla in un altro modo, il Black Friday 2021 vedrà probabilmente il maggior numero di visite di sempre. Ma la domanda non è quante visite avrà il Black Friday, ma che tipo di Black Friday sarà.

L'anno scorso si è visto un massiccio afflusso di consumatori che acquistavano online per la prima volta. È giusto pensare che molte di queste persone abbiamo utilizzato termini come "acquistare online" e "Black Friday" per scoprire offerte online in sostituzione dell'esperienza fisica a cui erano abituati.

Tuttavia, per i consumatori online esperti, questi due termini di ricerca risulteranno meno interessanti. I consumatori abituali del Web sanno già quali siti visitare e hanno i loro preferiti. È più probabile che vengano influenzati dalle email e dalle notifiche push dei loro rivenditori preferiti, che mostrano loro offerte pertinenti senza cercarle.

Il risultato? Meno ricerche, ma un consumatore più accorto, unito a un marketing sempre più mirato e migliore, si traducono in un notevole aumento delle vendite.

Anche se il volume di ricerca non riflette più accuratamente le vendite, altri problemi più reali potrebbero portare a un Black Friday più moderato quest'anno.

A causa della pandemia, si sono verificate difficoltà nella catena di approvvigionamento, che hanno causato ritardi o carenze di articoli (compresi i giocattoli più popolari, che in genere sono in cima alle classifiche ogni anno). Quest'anno, i rivenditori non solo dovranno vendere per un periodo prolungato, come hanno fatto l'anno scorso, ma dovranno anche essere attenti a quali linee di prodotti scontare e quanto tempo ci vorrà per rifornirsi.

Anche se i problemi della catena di approvvigionamento colpiranno maggiormente i negozi fisici, i rivenditori online saranno senza dubbio colpiti. Non aspettarti la vasta scelta di taglie, colori, stili e varianti di prodotto a cui sei abituato.

Ma c'è un tema che avrà invece un impatto positivo sulle vendite di questo Black Friday: la salute mentale.

Alcuni rivenditori hanno inviato campagne ai loro clienti che invitano a evitare i negozi e stare invece a casa con la famiglia. C'è stato un aumento significativo di brand consapevoli dei problemi di salute mentale e che fanno marketing intorno ad essi. Si potrebbe sostenere che in alcuni casi queste campagne sono più un caso di "bluewashing", ovvero un tentativo per apparire come un'azienda virtuosa e premurosa, mentre in realtà ogni attività viene fatta per motivi egoistici. 

Ad esempio, se i negozi chiudono durante il Black Friday, riducono potenzialmente tutti i costi associati al mantenimento di un negozio aperto. La richiesta ai consumatori di rimanere a casa per la loro salute mentale può essere motivata dal desiderio del rivenditore di aumentare invece le vendite online.

Ad ogni modo, molti brand hanno trovato il giusto equilibrio e tono adeguato nei confronti della salute mentale e accogliamo con favore i loro sforzi per sostenere meccanismi di difesa sani, indipendentemente dalla motivazione.

Cosa va di moda quest'anno?

Quindi, se i consumatori non cercano prodotti con il termine "Black Friday" incluso nella ricerca, cosa stanno cercando?

La PlayStation 5 di Sony (PS5) è in testa, con oltre 18 milioni di ricerche accumulate tra gennaio e settembre 2021. Al secondo posto, pari merito, troviamo l'iPhone 11 e il 12, con solo 1 milione di ricerche in meno rispetto al numero uno in classifica.

img-semblog

Esaminando le diverse categorie di prodotti, potremmo aspettarci che le console di gioco siano in testa alla classifica. In realtà, quel termine (o qualsiasi derivato) non è presente, probabilmente perché nel mondo delle console c'è una battaglia a tre tra PS5, Xbox Series X e Nintendo Switch. La ricerca di uno di questi tre prodotti è più efficace rispetto alla ricerca dell'intera categoria, dato che questi prodotti condividono l'intero mercato senza molta concorrenza alternativa.

A raccogliere la medaglia d'oro nelle ricerche per categoria, tuttavia, è l'umile laptop. Il secondo posto ci mostra che il mondo si sta riaprendo: i "voli" hanno accumulato oltre 61 milioni di ricerche negli ultimi 12 mesi, non appena le persone sono tornate a viaggiare. È anche giusto affermare che le compagnie aeree operano in modo più aggressivo nei confronti del Black Friday, influenzando i risultati.

img-semblog

Amazon continua a dominare la classifica dei rivenditori più popolari, con quattro volte il volume di ricerca del concorrente più prossimo — eBay. Questo non sorprende: secondo l'"Amazon Advertising Report" della piattaforma di vendita online Jungle Scout, il 74% dei consumatori statunitensi inizia le ricerche di prodotti sul sito Amazon.com.

img-semblog

Quando si tratta di brand, Nike e H&M sono i vincitori assoluti. Otto dei primi dodici marchi appartengono al settore dell'abbigliamento, che ha visto un'impennata delle vendite e altri vantaggi come una massiccia riduzione del magazzino. In breve, le persone stanno abbandonando il loro abbigliamento da casa a vantaggio della moda, a mano a mano che le restrizioni vengono eliminate.

Naturalmente, anche se questa è una buona notizia per l'industria dell'abbigliamento, c'è sempre un rovescio della medaglia.

Le vendite del Black Friday hanno un effetto tossico incerto ma molto probabile sull'ambiente. La costante pressione del Black Friday per indurre i clienti ad acquistare di più fa aumentare il numero di prodotti venduti. Molti di questi prodotti sono fabbricati a basso costo o in Paesi con standard ambientali troppo permissivi o, per alcuni prodotti, entrambe le cose. Questo crea numerosi problemi.

I prodotti fabbricati a basso costo sono spesso realizzati con sostanze chimiche e altri materiali che possono essere dannosi per l'uomo e gli animali se smaltiti in modo improprio. Pur non volendo segnalare l'industria dell'abbigliamento in particolare come responsabile, e dati gli impegni (più che altro verbali) dei brand leader nei confronti dell'ambiente, il problema dovrebbe essere affrontato in modo meno generico. Ma entreremo più in dettaglio sulla sostenibilità in seguito.

Quando si tratta del Black Friday, ti aspetti che i rivenditori propongano le loro migliori offerte, ma ciò non impedisce ai consumatori di cercare bonus extra sui siti di coupon. SlickDeals apre la strada, Rakuten si posiziona al secondo posto, ma il volume di ricerca per tutti i siti di voucher è relativamente basso. Tuttavia, rispetto allo scorso anno, i siti di voucher specializzati in esperienze, come Groupon e Wowcher, stanno tornando alla ribalta.

img-semblog

Per concludere i vincitori e i quasi vincitori di questo fortunato Black Friday, rivolgiamo la nostra attenzione ai nuovi prodotti in offerta. È una gara serrata tra l'iPhone 13 e la PS5, ma alla fine Apple batte Sony.

Sony ha avuto molto successo con la sua console PlayStation 5, che è stata rilasciata all'inizio di novembre. La PS5 ha guadagnato molta popolarità ma, come molti prodotti, è stata afflitta da problemi di fornitura. La stessa storia si è verificata con l'iPhone 13, che non dovrebbe riuscire a soddisfare la domanda dei consumatori fino a febbraio 2022. Questo, combinato con una carenza di chip che ha portato Apple a modificare le sue previsioni di produzione di ben 10 milioni di unità, ha fatto crollare i prezzi delle azioni del colosso di Cupertino.

img-semblog

Amazon è regina e re, ma Walmart si sta muovendo

Quando i consumatori cercano "Black Friday", spesso aggiungono un termine extra per affinare i loro risultati. Come l'anno scorso, le due aggiunte principali sono Walmart e Amazon. Anche Best Buy, Target e Nintendo Switch figurano nella top 10.

Allora perché Walmart batte Amazon, anche se le vendite online di Amazon sono 6 volte superiori a quelle di Walmart? Nonostante i migliori sforzi di Walmart per convincere i consumatori a scaricare la sua app, Amazon fa passi da gigante. Nell'ottobre 2021, i consumatori negli Stati Uniti hanno scaricato l'app Amazon Shopping oltre 1,7 milioni di volte, rispetto ai 566k download di Walmart. Ed essendo un riferimento nelle prime ricerche sui prodotti, come abbiamo menzionato precedentemente, è chiaro che la maggior parte delle attività di Amazon viene condotta lontano dall'occhio onniveggente di Google.

Quindi, i consumatori cercano Walmart più di Amazon perché i clienti di Amazon vanno direttamente sul suo sito o utilizzano l'app.

img-semblog

Parlando di Amazon, abbiamo riscontrato alcune tendenze interessanti analizzando i dati con Sellzone.

Sellzone, se non lo sai già, offre un grande potenziale a tutti i commercianti di Amazon, indipendentemente dalle dimensioni. Sellzone è una suite di sette strumenti: Keyword Wizard, Traffic Insights, Product Research, PPC Optimizer, Split Testing, Listing Quality Check e Listing Protection tools.

E cosa troviamo quando analizziamo i prodotti più cercati?

L'ultimo iPhone? No. Computer portatili? Nemmeno. In testa alla classifica c'è un prodotto Apple, ma non è un telefono. È una custodia per l'iPhone 11. La PS5, invece, fa la sua comparsa al terzo posto. Sembra che i consumatori abbiano cercato principalmente oggetti più piccoli come auricolari, cuffie BlueTooth e, curiosamente, il giocattolo Pop It.

Pop It è un gioco sensoriale che puoi personalizzare con una varietà di accessori diversi. Puoi appenderlo al polso o al collo e utilizzare uno dei quattro movimenti per ridurre lo stress, l'ansia, la noia e molto altro! Simile a un colorato blocco di pluriball, ogni lato di questo prodotto offre un modo diverso per passare il tempo. È anche un fantastico prodotto terapeutico per i bambini che hanno l'ADHD e che soffrono di autismo.

Ci sono molte teorie sulla popolarità di Pop It e altrettanti video sono apparsi su Tik Tok, YouTube e Instagram - in particolare uno di una scimmia cappuccina nella Carolina del Nord che ci gioca - che lo hanno spinto nei cuori e nelle menti di bambini e adulti nello stesso modo.

Le stime suggeriscono che ci sono da 500 milioni a 1 miliardo di esemplari in circolazione: come con gli spinner, i Pop It sono facili da copiare e produrre. Alcuni analisti suggeriscono che il 99,9% non è concesso in licenza dai creatori originali (che hanno creato il popolare gioco Indovina chi?, se mai dovessero farti questa domanda in un quiz).

img-semblog

Nelle ricerche di nuovi prodotti, a differenza di tutti i prodotti, emerge uno schema familiare. Ora che hai il tuo iPhone 13, vuoi proteggerlo, quindi le prime tre ricerche riguardano custodie, protezioni per lo schermo e altri accessori per lo smartphone di punta di Apple.

Ma c'è anche qualche sorpresa interessante. Un set di arricciacapelli arriva al 4° posto e un monitor da gamer ha un ruolo importante. Perché? Ancora una volta, dobbiamo cercare su YouTube e altri siti di video. La lezione? Supponiamo di produrre o vendere un prodotto che diventa virale per mano di centinaia di migliaia di micro-influencer e contemporaneamente fa appello al pubblico di destinazione di quelle piattaforme (nel caso di TikTok, ad esempio, il 60% degli utenti ha un'età compresa tra 16-24 anni). In quel caso, sei seduto su una miniera d'oro.

L'ultima lezione che possiamo trarre da Sellzone è eterna: se c'è un grande evento in corso, approfittane. Rinviata di un anno a causa della pandemia e disputata nel settembre 2021, la Ryder Cup ha visto gli appassionati di golf negli Stati Uniti spendersi con grande entusiasmo alla ricerca dei cappellini della manifestazione, in modo da poter tifare Steve Stricker e la sua squadra fino al successo finale.

img-semblog

Salviamo il pianeta? Forse

Dando un'occhiata alle tendenze del Black Friday dello scorso anno, un argomento aveva visto un grande aumento di interesse: la sostenibilità.

Abbiamo identificato un aumento significativo dell'interesse per i prodotti sostenibili ogni anno dall'approfondimento del Black Friday 2017/2018. Quindi, quanto interesse c'è nel salvare il pianeta quest'anno? Sfortunatamente, non molto. Dopo un aumento del 200-380% su base annua delle ricerche di prodotti sostenibili nel 2018 e del 72-210% nel 2019, gli ultimi due anni hanno visto un calo significativo dell'interesse.

Quanto è diminuito? La crescita annua per il 2020/2021 è negativa per la prima volta in quattro anni.

Ancora una volta, dobbiamo essere obiettivi su questo dato. Potrebbe essere che oggi il consumatore sia diventato così esperto che non ha bisogno di cercare esplicitamente termini come "shopping sostenibile" e "shopping ecologico". Dopotutto, se ne sai di più su un argomento, non hai bisogno di cercare informazioni.

E l'emergere di motori di acquisto specializzati, progettati per mostrare solo prodotti sostenibili - come EarthHero, che vede circa 200-300 mila visitatori unici al mese - e plug-in per il browser come DoneGood, hanno reso la ricerca di parole chiave per lo shopping sostenibile in qualche modo ridondante.

Il lato negativo è che i consumatori vanno alla ricerca di offerte del Black Friday, indipendentemente dalla loro sostenibilità, e questo è qualcosa che il settore della vendita al dettaglio deve affrontare collettivamente.

img-semblog

Le ricerche organiche servono, ma sappiamo tutti che da quando sono stati creati gli algoritmi dei feed dei social media, per far conoscere il tuo prodotto ai consumatori devi usare le pubblicità a pagamento.

Su un totale di 1,16 miliardi di dollari di spesa pubblicitaria, quali categorie stanno facendo la parte del leone nei budget SEM dei marketer? Anche se la vendita al dettaglio "generale" sarà probabilmente sempre la numero uno in quest'elenco, vediamo un altro effetto pandemico nelle altre prime posizioni. Abbiamo già discusso dell'incremento registrato nel settore dell'abbigliamento, che ha speso oltre 217 milioni di dollari in pubblicità. Diverse categorie domestiche come giochi, elettronica, prodotti digitali e cibo occupano i seguenti slot rimanenti.

Lo sport - che ha visto un aumento delle ricerche per le attrezzature con cui allestire una palestra in casa - e la casa e il giardino hanno entrambi goduto di un aumento dei fondi di marketing, poiché i responsabili della spesa pubblicitaria hanno tentato di capitalizzare tutto ciò che poteva interessare le persone che erano bloccate a casa ma che volevano mantenersi in forma, o chi stava imparando nuove abilità, come le arti culinarie.

La lezione qui non è rivoluzionaria. Ogni volta che si verifica un evento, che sia inatteso o prevedibile per la sua natura, i venditori al dettaglio dovrebbero pensare attentamente a quale dei loro prodotti si adatta veramente alla situazione.

img-semblog

Espandendo la nostra analisi, abbiamo preso i primi cinque domini in ogni categoria per gli Stati Uniti e raccolto i dati di Google Ads per settembre-novembre 2020. Abbiamo trovato quanto segue.

Il 26,8% degli annunci relativi all'elettronica ha menzionato specificamente il Black Friday. Il 21,2% degli annunci di moda ha fatto lo stesso. Ma, a parte questo, i marketer che usano il Black Friday nei loro annunci su Google sono pochissimi. Che si tratti di prodotti per animali domestici, fiori e regali, casa, prodotti per bambini o qualsiasi altra categoria, menzionare il nostro giorno di shopping preferito nell'annuncio avviene meno del 5,5% delle volte.

Il suggerimento qui è che usare il termine Black Friday in altre categorie semplicemente non fa la differenza. I marketer sono bravi a eseguire test e mantenere ciò che funziona. L'aggiunta della parola "Black Friday" a un annuncio può aumentare la concorrenza, il che è un esercizio inutile. Ma, per quelle categorie che abbiamo già identificato come "calde", come l'elettronica di consumo e l'abbigliamento, non includere il riferimento al Black Friday potrebbe fare la differenza tra essere visti e rimanere invisibili.

Il Black Friday è iniziato come un fenomeno statunitense ma molti altri Paesi lo hanno adottato con entusiasmo, nonostante non abbiano l'inebriante combinazione di giorno di paga e festa del Ringraziamento.

Esaminando le ricerche per il Black Friday in tutto il mondo, possiamo vedere che le ricerche “when is Black Friday” e "che giorno è il Black Friday" in portoghese sono significative. Anche se il Portogallo è il luogo di nascita della bellissima lingua portoghese, sono i brasiliani che cercano offerte "em massa".

img-semblog

Se analizziamo le ricerche per Paese, vediamo che quelli nordici sono in cima alla classifica, con ricerche per 10.000 abitanti che mostrano un maggiore interesse da Finlandia, Svezia, Danimarca e Norvegia. Ma, osservando il volume di ricerca senza aggiustamenti per la popolazione, il Brasile è in testa con una certa distanza, con quasi 8 milioni di ricerche, più del doppio di quelle della Francia, che ha 3,3 milioni di ricerche. L'interesse brasiliano per l'evento commerciale tipicamente americano è forte come lo era l'anno scorso. È tempo per te di investire in una piattaforma e-commerce multilingue e annunci social, dando priorità alla lingua portoghese? I dati dicono "sim".

img-semblog

Prima e dopo la pandemia (speranze)

Diciamo la verità. Non possiamo ancora affermare di essere in un mondo post-pandemia. A seconda del Paese in cui ti trovi, potresti essere appena rientrato in isolamento o meno, in ogni caso sembra che non torneremo alla normalità (qualunque cosa significhi) per un po' di tempo.

Ma possiamo dare un'occhiata all'andamento del traffico tra marzo 2020 e il Black Friday dello scorso anno, e il periodo da dicembre 2020 fino ad agosto 2021. E cosa troviamo?

Come notato altrove, l'enfasi su prodotti digitali, abbigliamento, elettronica e giochi è chiara. Ma c'è una tendenza entusiasmante che possiamo spiegare attraverso la conoscenza della psicologia e la comprensione della natura umana.

Durante la pandemia, e dall'ultimo Black Friday, non c'è quasi nessuna differenza. Nessuna. Zero. Nada.

Come mai? La pandemia globale ha causato un enorme cambiamento nel comportamento dei consumatori e nel modo in cui viviamo le nostre vite. È avvenuto tutto molto velocemente, ha causato cambiamenti immediati e, poiché gli esseri umani sono programmati per sopravvivere alle avversità, ci siamo adattati rapidamente.

Ma una volta che questi adattamenti sono iniziati e sono stati condivisi tra la popolazione generale attraverso social media, articoli, video e i media mainstream, abbiamo stabilito nuove abitudini. Gli esseri umani sono adattabili e, di fronte a una situazione "obbligata", sono straordinariamente bravi a cambiare rapidamente. Tuttavia, anche se ora non stiamo più affrontando un evento critico, siamo felici di continuare così come ci siamo abituati a fare, indipendentemente dal fatto che sia necessario o meno.

Cosa significa questo per i marketer? A meno che non ci sia presto un altro evento critico, ci vorrà molto tempo prima che le persone si avvicinino alle loro precedenti abitudini, il che significa che non dovresti affrettarti a tornare alle tue precedenti strategie di marketing. Pandemia o no, il modo in cui viviamo le nostre vite e le decisioni di acquisto che prendiamo ora sono scolpite nella pietra e lo saranno per anni.

Detto questo, ci sono alcuni cambiamenti degni di nota che la pandemia ci ha imposto.

Quando sei in isolamento con la persona amata, l'intrattenimento che puoi ottenere da una TV, uno smartphone, una console o altri dispositivi elettronici passa in secondo piano. Questo spiega perché le prime 10 ricerche in quella categoria includono "vestiti premaman", "vitamine prenatali" e "rimedi per la nausea mattutina".

A quanto pare durante il lockdown ci siamo tenuti impegnati e sembra che sia in arrivo un baby boom.

Se invece sei tra quelli che non sono stati confinati con il partner, i dati non mentono: per aiutarti a superare quelle notti solitarie, hai cercato "cuscini per il corpo" (con una nicchia particolare di cuscini per il corpo di anime e hentai - gli otaku giapponesi ne saranno orgogliosi). Qualunque cosa ti abbia aiutato a farcela, per noi va bene.

A proposito, compra a Fido o Tigro qualcosa di nuovo con cui giocare. Quasi tutte le ricerche nella categoria animali domestici riguardano il cibo. Cibo per cani. Cibo per gatti. Ogni tipo di cibo. Rendere felici i tuoi amici a quattro zampe (o altri numeri di zampe) mantenendoli con lo stomaco pieno è stata la tua unica vera preoccupazione. Non c'è un giocattolo per animali nei primi 100 termini di ricerca. Mettila come vuoi, ma ti stiamo chiedendo più giocattoli per i membri della tua famiglia allargata.

Vincitori del Black Friday (non ci sono perdenti)

Chi è in cima per quanto riguarda il traffico, mentre ci dirigiamo senza battere ciglio verso il grande giorno? Se mai ci fosse un indicatore di quale gigante della vendita al dettaglio farà più affari, il traffico verso il sito è un segnale importante.

Non ti sorprenderà affatto vedere Amazon farla da padrone. Quello che forse potrebbe farti sollevare un sopracciglio è scoprire che Amazon gode di quasi la metà del traffico degli altri dieci rivenditori della nostra ricerca messi insieme. Solo un sopracciglio? Preparati ad essere veramente sorpreso e a sollevare anche l'altro. Nonostante il dominio totale del Godzilla della vendita al dettaglio nel settore, il suo traffico è comunque cresciuto del 61%. È un risultato impressionante, che manterrà Jeff Bezos sui nuovi razzi di esplorazione spaziale per gli anni a venire.

img-semblog

Ma chi altro ha ottenuto risultati stellari o una crescita incredibile? Tra i rivenditori che hanno raccolto il maggior traffico, non è un negozio fisico ad occupare il secondo posto, ma il nostro vecchio amico eBay. Sembra proprio che quando si tratta di acquistare i nostri prodotti preferiti su Internet, preferiamo rivolgerci agli individui e piccoli rivenditori che riempiono le sale digitali di eBay, piuttosto che a Walmart, Target e Costco.

img-semblog

Da notare che AliExpress, il servizio di vendita al dettaglio online con sede in Cina e di proprietà del gruppo Alibaba, potrebbe aver perso leggermente traffico, ma detiene ancora il quarto posto. Mercado Libre, un sito di aste e acquisti online, ha beneficiato dell'interesse del Brasile per l'e-commerce e il Black Friday, registrando una crescita del traffico di quasi il 27%. Il sito serve i mercati di lingua spagnola e portoghese in Sud America.

Flipkart, che serve principalmente l'India, ha visto una crescita significativa (quasi il 67%) e sta facendo meglio di Costco in quanto a traffico. Questo in parte è sorprendente, in parte no. Costco è famoso per i suoi acquisti all'ingrosso riservati ai soci, quindi non è una scelta naturale per il consumatore medio, ma con entrate 32 volte superiori a Flipkart, ti aspetteresti che raccolga più visite.

img-semblog

La generazione del Formato breve richiede la tua attenzione

Su tutta la linea, ad eccezione della categoria gaming — che inverte la tendenza — i consumatori utilizzano i propri dispositivi mobili per fare acquisti. In media, il 70,5% dell'attività di acquisto avviene su uno schermo di piccole dimensioni. Il dispositivo che è senza dubbio l'invenzione più influente dall'inizio del denaro (o forse del linguaggio) è un'estensione delle nostre braccia. Non è mai a più di due metri di distanza (quindi dimentica il distanziamento sociale con il tuo dispositivo Android o iOS) e la stragrande maggioranza degli adulti controlla il proprio smartphone dopo pochi secondi dal risveglio.

Il gaming è l'unica eccezione a questa regola, in cui le carte in tavola sono completamente capovolte. Molto probabilmente è dovuto alla preferenza dei giocatori di giocare da PC: non ha senso per loro smettere di utilizzare il dispositivo su cui stanno giocando per prendere un dispositivo più piccolo per fare acquisti, per questo in questa categoria il 62% dei consumatori usa un computer desktop/laptop per l'e-commerce.

img-semblog

Secondo il nostro studio, una media del 30,8% dei consumatori si trova nella fascia di età 24-34 e quasi il 17% ha tra i 18 e i 24 anni. Quasi il 53% di questi sono donne e sappiamo, da diversi studi negli ultimi cinque anni, che le donne influenzano circa l'85% di tutti gli acquisti. Come si fanno quadrare tutte queste informazioni?

Data la maggioranza di utenti di Tik Tok (promemoria: il 60% dei TikToker ha un'età compresa tra 16 e 24 anni) e il fatto che la maggior parte degli utenti di Instagram ha un'età compresa tra i 18 e i 34 anni (con una divisione relativamente equa di uomini e donne), c'è un'ovvia lezione per i professionisti del marketing di qualsiasi prodotto che si adatta a quell'età e al genere target: usare subito il video in formato breve.

Anche se "influencer" sta diventando un termine oggetto di derisione, la realtà è che se hai qualcosa da vendere a donne di età compresa tra 18 e 34 anni, inviare prodotti agli utenti di Tik Tok che hanno un buon seguito è un ottimo modo per promuovere il tuo brand e aumentare le vendite. Dai un'occhiata, ad esempio, alla crescita di Shein.

img-semblog

Shein, rivenditore cinese online di moda fast fashion, è stato fondato nel 2008 da Chris Xu a Nanchino. Shein spedisce in 220 Paesi, con gli Stati Uniti come mercato principale. Nel giugno 2021, Shein ha superato per la prima volta Amazon sull'App Store iOS, diventando la principale app per lo shopping negli Stati Uniti, un titolo che ora detiene in oltre 50 Paesi.

E cosa si cela dietro la sua fulminea ascesa? Sebbene abbia collaborato per alcune campagne con musicisti come Katy Perry, Nick Jonas, Lil Nas X e Tinashe, sono probabilmente i micro-influencer di TikTok che hanno avuto un impatto maggiore. Al momento in cui scriviamo, i video con #shein sulla avvincente piattaforma di video in formato breve hanno ottenuto un totale di 16,4 miliardi di visualizzazioni. Sì, hai letto bene. 16,4 MILIARDI. Per un rivenditore che sembra essere uscito dal nulla, non ha negozi fisici (e quindi profitti incredibilmente alti) e ha iniziato come molte aziende e-commerce cinesi come distributore di prodotti di abbigliamento di altre aziende, Shein è un faro che sfrutta la generazione del formato breve e vince alla grande: per un totale di $10 miliardi nel 2020.

Black Friday, e tutti gli altri giorni

Quindi cosa abbiamo imparato dallo studio di quest'anno?

Le tendenze dei consumatori rimarranno invariate per qualche tempo, anche dopo la pandemia. I prodotti digitali, l'elettronica e l'abbigliamento saranno le categorie di vendita al dettaglio più solide. I marketer possono indirizzare molti articoli in quelle aree ai consumatori giusti attraverso video di breve durata e micro-influencer.

E anche se la crisi globale del COVID-19 ti obbliga a pensare attentamente su quali prodotti puntare, non dimenticare di sfruttare altri eventi per ottenere l'effetto migliore. I consumatori sono più esperti che mai, quindi fai attenzione se vale la pena utilizzare il termine "Black Friday" nei tuoi sforzi SEO e SEM e, se vendi in Brasile, assicurati che il tuo negozio parli portoghese.

Il Black Friday si sta rapidamente convertendo in un'occasione di acquisti interminabile. Ciò porta con sé un maggior livello di affaticamento del consumatore, quindi cerca di non estendere gli sconti troppo a lungo.

Sfruttare le opportunità di marketing del Black Friday (e di altri grandi giorni di shopping)

Ora che alcune delle tendenze chiave del Black Friday 2021 sono chiare, i brand dovrebbero armarsi di un piano d'azione per avviare le loro campagne e conquistare una parte dell'attenzione dei loro clienti.

Con la stagione natalizia dietro l'angolo, vogliamo mostrare come i brand possono sfruttare le opportunità offerte dai grandi giorni di shopping online:

  • Pensa come il tuo cliente target

Per avere la meglio quando ogni altro brand ha un'offerta competitiva, cerca di capire le esigenze specifiche del tuo pubblico di riferimento.

Con il suo database di 20 miliardi di parole chiave, Panoramica keyword può scoprire i prodotti e i marchi che sono più frequentemente ricercati dagli acquirenti online. E ora, un nuovo filtro per l'intento di ricerca ti permette di vedere immediatamente l'intento (o gli intenti) di qualsiasi parola chiave mentre cerchi keyword e domini, e tracci le posizioni.

Proprio come qualsiasi altra metrica di ricerca sulle parole chiave, l'intento di ricerca ti dà un'altra prospettiva sul tuo pubblico. Basta inserire l'elenco dei prodotti offerti nel tuo negozio e-commerce nello strumento Analisi in blocco per ottenere informazioni sui prodotti che stanno attirando un po' più di attenzione da parte degli utenti online:

img-semblog

Confronta le tue parole chiave in base al CPC e al volume di ricerca per selezionare manualmente i prodotti con il volume di ricerca più elevato e il CPC più basso: in questo modo, puoi concentrare i tuoi sforzi SEO e pubblicitari sulle parole chiave più appropriate. Quando si tratta di parole chiave a volume inferiore, parole chiave a minore concorrenza e parole chiave locali in Paesi e regioni meno popolati, la Keyword Difficulty (KD) è la metrica che ti dice quanto sforzo SEO potrebbe essere necessario per pianificare le tue campagne e impostare le priorità.

La ricerca di parole chiave con punteggi KD% bassi ti aiuterà a trovare parole chiave a coda lunga più accessibili per le tue campagne. Più alta è la percentuale, più dura sarà la competizione e più lavoro dovrai fare prima di vedere i risultati.

  • Trasforma i tuoi contenuti nel fattore chiave del traffico

Dopo aver scelto le tue parole chiave, il passo successivo per distinguerti durante le festività natalizie è creare contenuti che soddisfino le esigenze sia degli utenti che dei motori di ricerca.

Usa Topic Research per scoprire gli argomenti più popolari e i titoli più accattivanti, in modo da poter affinare le tue idee sui contenuti in base a tali esigenze:

Chart - Topic Research (Results for Black Friday in the US)

Una volta che le fasi di ideazione e creazione dei contenuti sono state coperte, verifica se il tuo testo è seo-friendly attraverso il SEO Writing Assistant (lo strumento è alimentato con insights SEO dei contenuti principali relativi alla tua parola chiave di destinazione, quindi i suoi risultati possono essere inestimabili).

  • Sfrutta il potere della ricerca vocale

La ricerca vocale ha un grande potenziale non ancora sfruttato e può offrire eccellenti opportunità alternative ai canali di traffico "tradizionali" sovraffollati.

Le istruzioni che trovi nel nostro ultimo studio sulla ricerca vocale possono aiutarti ad attingere al mercato vocale in espansione: dopotutto, in futuro diventerà più grande, migliore e più competitivo.

Scopri di più sulle strategie di marketing efficaci per l'e-commerce per sfruttare al meglio i giorni di shopping più importanti in calendario.

Author Photo
Chiara ClementeA digital marketer with a real passion for videos. I found my dimension in Semrush by creating engaging video content that helps digital marketers all over the world develop their online visibility with actionable advice.
Subscribe to learn more about Data Studies
By clicking “Subscribe” you agree to Semrush Privacy Policy and consent to Semrush using your contact data for newsletter purposes