logo-small
Funzionalità Prezzi
Notizie 0
Ultime notizie Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Webinar 0
Prossimi webinar Visualizza tutti
Prossimi webinar

Spiacenti, non abbiamo trovato prossimi webinar previsti.

Vedi webinar registrati
Blog 0
Post recenti Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Riccardo Esposito

Aumentare le visite del tuo sito e blog sfruttando SEMrush!

Riccardo Esposito
Aumentare le visite del tuo sito e blog sfruttando SEMrush!

Utilizza SEMrush per trovare i lettori del tuo blog e aumentare le visite del tuo sito web

Hai aperto un nuovo blog aziendale. Hai iniziato la tua avventura e stai pensando ai contenuti da pubblicare.

L’obiettivo? Usare gli articoli per aumentare le visite al tuo sito web, portare persone interessate al tuo prodotto/servizio verso le tue pagine, per attirare l’attenzione di potenziali clienti.

Questa è la logica dell’inbound marketing: ti fai trovare dalle persone giuste, al momento giusto. Niente pubblicità, niente banner che interrompono la fruizione dei contenuti: il tuo lavoro di blogging è il contenuto che le persone cercano e trovano. Grazie a una buona attività di SEO e social media marketing, aumenti le visite del tuo sito.Guarda anche tu il processo di inbound marketing suggerito da Hubspot.

Aumentare le visite del tuo sito con l'inbound marketing

I contenuti attirano l’attenzione dei lettori, che diventano lead preziosi da trasformare in customer. E poi in ambassador. Questa è la strada da seguire, ma per chi inizia a lavorare nel mondo del blogging c’è un punto da superare: come trovare i lettori? Come trovare una nicchia di appassionati? Come creare un pubblico? Io ho un metodo efficace, un metodo che può essere implementato utilizzando SEMrush.

Una prima ricerca

L’obiettivo è questo: trovare i luoghi in cui si ritrovano persone appassionate dell’argomento che vuoi seguire. Faccio un esempio: sei un SEO freelance e vuoi creare un blog dedicato a questo argomento. Vuoi farti conoscere da colleghi e potenziali clienti, quindi hai bisogno di posizionare il tuo nome come un esperto SEO: vuoi creare contenuti di qualità e raggiungere un pubblico di appassionati.

Tutto inizia con una buona ricerca. Vai su Google, digita una parola chiave che ti interessa (ad esempio “seo blog”) e inizia a spulciare tra i risultati. Devi individuare blog vivaci, progetti ricchi di contenuti, brand attivi sui social e - soprattutto - capaci di attirare molti commenti. Detto in altre parole, hai bisogno di una community. Il motivo è semplice: devi lavorare con il comment marketing: devi trasformare gli articoli in luogo di visibilità per il tuo nome. Attraverso il comment marketing puoi mettere in evidenza il tuo brand, puoi farti conoscere e farti notare dai proprietari del blog. Ma anche dagli altri lettori. 

Per iniziare nel miglior modo possibile, come ho già detto, devi lavorare con la ricerca di Google. Hai trovato qualcosa di utile? C’è qualche blog interessante che affronta l’argomento blog? Perfetto, inizia ad archiviare i primi risultati.

Per aumentare le visite del tuo sito trova blog utili

Crea una cartella nel tuo feed reader e archivia tutti i blog che rispondono alle tue esigenze. Per svolgere questo lavoro io uso Feedly, un feed reader che ha un vantaggio competitivo rispetto ad altre soluzioni: ti permette di scoprire blog simili a quelli che hai già inserito nelle directory, ma anche collezioni interessanti.

Aumenta le visite del tuo blog e sito web trovando blog utili

Tutto questo è utile, ma forse non sufficiente al tuo scopo. Hai bisogno di blog attivi, vivaci, legati alla tua nicchia per aumentare le visite al tuo blog o sito web. Prosegui quindi con la tua ricerca, facendoti aiutare anche dai social: nelle conversazioni si trovano suggerimenti e si fanno scoperte interessanti.

In questa fase lavori su punti precisi:

  • Individuare nuovi blog
  • Valutarne l’utilità
  • Monitorare l’attività dei blogger

Per individuare nuovi blog puoi usare la ricerca di Google, ma con SEMrush trovi un valido aiuto, grazie alla possibilità di mostrare i concorrenti organici di un determinatodominio. Ti faccio un esempio: prendi l’URL del primo blog che hai individuato. Lancia un’analisi su SEMrush e dedicati alla sezione competitor. Per raggiungerla puoi usare il menu a sinistra. In questa pagina trovi i principali competitor di un dominio, nuovi indirizzi da aggiungere alla tua lista.

Soprattutto, puoi iniziare il lavoro di valutazione e osservazione di un progetto web per capire se è il caso di dedicargli attenzione.

Valuta e osserva i blog

Valutare e osservare. Due lavori impegnativi, e che devono portare a una conclusione: i blog che ho inserito nel mio feed reader sono utili al mio scopo, ossia aumentare le visite del mio sito? Voglio portare nuovi lettori verso il mio blog, voglio fare in modo che persone interessate a un determinato argomento trovino il mio commento. O magari il mio guest post. I blog che sto valutando possono essere utili per fare comment marketing, ma anche per pubblicare dei contenuti.

Come me la immagino l’attività di guest blogging? Non finalizzata alla semplice acquisizione di link. Anzi, considerate le dichiarazioni di Matt Cutts e le linee guida di Google, per me il link di un guest post deve essere semplice, non performante in termini di anchor text. 

La creazione di link che non sono stati inseriti dallo staff redazionale o raccomandati dal proprietario del sito in una pagina, noti anche come link non naturali, può essere considerata una violazione delle nostre istruzioni.

— (dalla Guida di Search Console di Google)

(Puoi approfondire leggendo il post completo)

Dal mio punto di vista, i link possono essere anche nofollow, se è il caso. Il mio obiettivo è farmi conoscere da un pubblico nuovo e interessato, per fare in modo che arrivi sul mio blog e aumentare così le visite al mio sito web. Quindi la mia attività deve essere chiara, netta, decisa: valutare i blog sui quali agire e osservarne l’attività. In che modo? In primo luogo con un’attività empirica, leggendo gli articoli e osservando l’attività nei commenti.

Devi individuare i post che ricevono più interventi e individuare i lettori virtuosi, devi partecipare alle discussioni e stringere rapporti con chi si muove con cura sul blog che stai monitorando. 

Poi c’è il monitoraggio con gli strumenti che ti offre SEMrush.

Come aumentare le visite del tuo sito web sfruttando SEMrush

Prendi l’URL di un blog e inizia a studiare la panoramica: qui puoi ottenere le principali parole chiave che permettono al blog di posizionarsi, il traffico stimato, il numero di backlink, le pagine più linkate e il tipo di anchor text. Inoltre con lo strumento “Pagine” puoi avere una stima delle pagine che portano maggior traffico (e con quali ricerche). Detto in altre parole, osservi il comportamento pubblico di un blog e cerchi di capire anche cosa succede nelle retrovie: quali sono i suoi contenuti migliori, dove si concentrano i link in entrata, qual è la stima del traffico. 

Ora devi agire: ecco come aumentare le visite del tuo blog e sito web

Hai trovato e hai valutato i blog che ti interessano, con SEMrush hai definito il possibile valore di un blog, e con un monitoraggio attento di commenti e attività social hai individuato il suo potenziale.

Ci sono i lettori che vuoi portare sul tuo blog. Ora inizia a lavorare in questa direzione:

⇒ Partecipa ai commenti: rispondi alle domande dei lettori con interventi chiari.

⇒ Segui i lettori più attivi sui social, e magari anche sui rispettivi blog.

⇒ Dimostra il tuo valore con un guest post. O più di uno.

Il mio consiglio in questo caso è semplice: non puntare al risultato rapido e immediato. Lavora giorno dopo giorno, pubblicando contenuti utili sui blog dove si trovano le persone legate al tuo settore: puoi conquistare l’attenzione di questi contatti e iniziare nuove collaborazioni. Ma solo se seguirai la strada della qualità riuscirai ad aumentare le visite al tuo sito in modo efficace. Ecco qualche consiglio per fare un buon lavoro di comment marketing.

  • Non inserire link inutili.
  • Usa una firma reale (nome e cognome).
  • Inserisci il link nella firma: verso la tua home page.
  • Crea valore nei tuoi commenti.
  • Rispondi alle domande dei lettori.
  • Usa una formattazione efficace.

Spesso nei commenti i blogger cercano di “infilare” link a risorse proprie. Il tuo obiettivo non è aumentare le visite del blog, ma creare relazioni con i lettori più attivi, con i lettori che vuoi portare sul tuo blog. Stesso discorso vale per i guest post: devono essere studiati per dare valore al tuo nome, e non per guadagnare link.

La tua opinione

Per conquistare il tuo pubblico non basta pubblicare contenuti di qualità. Gli articoli sono importanti, hanno un peso decisivo nel successo di un progetto editoriale. Devi essere in grado di conquistare il tuo pubblico individuando i luoghi in cui si ritrovano e creano conversazioni. SEMrush è un tool utile per individuare e valutare i blog da inserire nel tuo progetto. In questo articolo ti lascio il mio punto di vista, definito grazie alla mia esperienza sul campo. 

Foto (visite sito web): Shutterstock

E tu, come aumenti le visite del tuo sito web o blog?

Vuoi aggiungere qualcosa? Pubblica la tua opinione nei commenti.

Riccardo è webwriter freelance, blogger, appassionato di scrittura online. Si occupa anche di formazione per liberi professionisti e PMI che vogliono sfruttare il blog per migliorare i loro risultati. Tutti i suoi preziosi consigli li trovi su Mysocialweb.

2000 simboli rimanenti
Chris Garcia
Chris Garcia
Buen post José. Las redes sociales es un tema muy serio y hay gente que cree que son un juego, con este post dejas bastante claras algunas posturas contraproducentes. Espero que sirva a mucha gente de guía. Un saludo.
José Facchin
Chris Garcia
Muchas gracias Chris :)
Un saludo!!
Guillermo Vega
Guillermo Vega
Lo que hay que aguantar José!! cuanto troll suelto, y encima no saben hablar con autoridad."la que conlleva..." será "lo que conlleva", en fin creo que es mas importante hacerte entender. Entrando en materia,
¿Crees qué limitarse a anuncios en Facebook Ads para conseguir tráfico barato, sería uno de esos caminos cortos poco recomendables?
José Facchin
Guillermo Vega
Hola
Guillermo,

En este tema hay mucha disparidad… porque es verdad que Facebook ha limitado tanto la visibilidad orgánica que sin pasar por caja es todo mucho más difícil. Pero, por más pasta que inviertas, si tus publicaciones no generan engagement, también se verán reducidas en visibilidad de pago.

Entonces, inversión “sí”, pero todo con mucha calidad y fomentando el engagement :)

Gracias por el comentario.

Un saludo.
Medi Tatuni
Medi Tatuni
Hola. Es la primera vez que leo un artículo suyo y me ha parecido interesante. No me gano la vida a través de las redes sociales, pero sigo algunas, amén de tener cuenta en facebook y la que conlleva la cuenta de gmail, y me parece útil lo que ha escrito.
Voy a serle un poco pedante, me lo dicen mucho, pero me es inevitable: sólo cuando se sustituye por solamente lleva tilde; "debemos ser conscientes DE que unas técnicas son más peligrosas que otras".
Un saludo y gracias por el artículo
José Facchin
Medi Tatuni
Hola Medi,

Me alegra que te guste el post ;)
Y gracias por tu recomendación en el tema del “SOLO”, pero me gustaría comentarte que hace tiempo que ya no es necesario utilizar la tilde aquí… Es por eso que decidí no utilizarla en ninguno de mis artículos.
Esto no lo digo yo, lo dice la RAE: http://www.rae.es/consultas/el... :)

Un saludo y espero que nos visites en muchas más ocasiones :)
Have a Suggestion?