logo-small
Funzionalità Prezzi
Notizie 0
Ultime notizie Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Webinar 0
Prossimi webinar Visualizza tutti
Prossimi webinar

Spiacenti, non abbiamo trovato prossimi webinar previsti.

Vedi webinar registrati
Blog 0
Post recenti Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
William Sbarzaglia

Apple: 40 anni di strategie di marketing vincenti

William Sbarzaglia
Apple: 40 anni di strategie di marketing vincenti

Il segreto di Apple: 7 lezioni di marketing per tutte le aziende

Oggi Apple spegne quaranta candeline, quarant'anni di innovazione tecnologica e di un marketing straordinario. Per celebrare l’evento, l’azienda di Cupertino ha realizzato un video che ripercorre la storia dell’azienza, neanche a dirlo, in quaranta secondi.

Non l’avete ancora visto? Eccolo!

Si tratta di una carrellata dei nomi di tutti i prodotti Apple creati dalla sua fondazione nel 1976.

Apple è per tutti noi l’azienda creatrice di prodotti avveniristici che ci hanno catapultato nel futuro. E forse nessuno ricorda che il primo computer palmare - antenato dei moderni iPhone e iPad- lo lanciò nel 1993, si chiamava Newton e... fu un completo fallimento.

Apple era forse troppo avanti, troppo futuristica per essere apprezzata?

Più probabilmente non aveva ancora trovato la giusta chiave di comunicazione.

Non clienti ma fans

Oggi Apple conta il primo miliardo di dispositivi venduti. L’azienda di Cupertino non ha solo innovato il mondo della tecnologia, creando prodotti rivoluzionari, ma ha dato il via a un vero e proprio stile di vita a marchio Apple. Ma, soprattutto, Apple ha portato innovazione nel mondo del marketing, esaltando il brand a livello di un vero e proprio culto.

Le persone non si limitano a comprare prodotti Apple, ma adorano l’azienda come una divinità.

Il brand di Cupertino è oggi l’unica azienda al mondo a non avere semplici clienti, bensì  fans.

40 anni di Apple: i fans

I 7 punti strategici del marketing di Apple

Quale altra azienda potrebbe trasformare una normale conferenza stampa in un evento mondiale dal vivo? Il segreto sta oltre i loro standard di prodotto e di design; alla base c’è la filosofia del genio carismatico Steve Jobs, convinto che l'utente non sempre sa quello che vuole.

Guardando le ultime linee di prodotto della società e i modelli di business sviluppati, si potrebbe pensare  di definirla semplicemente come:

  • Uno studio di progettazione
  • Una piattaforma multimediale
  • Una casa editrice
  • Un realizzatore di software
  • Un produttore di computer
  • Un movimento

Ma è combinando tutti questi aspetti in un'unica entità che si ha la ricetta del successo di una delle aziende più influenti di tutti i tempi.

Ma qual è il segreto di Apple?

Cerchiamo di capire quali sono i punti strategici del marketing Apple, ovvero, le lezioni di marketing dalle quali qualsiasi azienda può imparare per ottenere successo nel settore in cui opera.

1. Ignorare le critiche

Di norma si cerca di capire cosa vuole la clientela ascoltando le sue critiche, ma Apple decise di capovolgere lo schema. Quando Steve Jobs lanciò l'iPad, arrivarono fiumi di critiche e previsioni di fallimento di questo prodotto, ritenuto troppo visionario ed inutile, ma sappiamo tutti che non è andata così!

Ogni volta che Apple ha deciso di innovare, ci sono sempre stati forti dubbi, se non peggio.

Ricordo con simpatia quando Apple decise di togliere il lettore floppy disk dai propri Mac e io stesso pensai “Ma sono matti!”.

"Le grandi idee spesso ricevono violenta opposizione da menti mediocri."

— Albert Einstein

2. Trasformare l’ordinario in qualcosa di meraviglioso

Per un bel po' di tempo, i fans dei personal computer hanno adorato acquistare i vari componenti ed assemblarli. Allo stesso tempo, i produttori di PC hanno sempre costruito hardware standard per applicazioni standard.

40 anni di Apple: la presentazione di Apple2Steve Jobs, John Sculley e Steve Wozniak, alla presentazione del nuovo Apple II a San Francisco, 24 Aprile, 1984. (Sal Veder/Associated Press)

Apple non ha seguito nulla di tutto questo! L'azienda è stata pioniera non solo per le caratteristiche dei sistemi operativi, ma reinventando gli stessi standard di progettazione, regalandoci (si fa per dire) prodotti mai visti prima, come iMac, MacBook Air e ovviamente iPhone e iPad.

Dove gli altri si concentravano su un solo aspetto, Apple si concentrò sull'intero prodotto.

Questo ha fatto la differenza.

3. Giustificare il tuo Prezzo

Siamo in un momento in cui le strategie sul basso prezzo sono comuni. Ancora una volta, Apple ha ignorato lo standard vigente: non solo i prezzi dei suoi prodotti sono più del doppio di quelli dei suoi concorrenti, ma lo fa senza battere ciglio. Come ci riesce?

Bene, la risposta è duplice:

  1. Costruiscono prodotti ad alto impatto estetico per un pubblico sensibile al “bello”, che finisce per amarli appassionatamente.
  2. Giustificano il loro prezzo con benefici che non possono essere eguagliati.

40 anni di Apple: il design esclusivo

Nessun altro computer può essere paragonato al display di un iMac 27... semplicemente non può essere fatto.

Nessun software può esse paragonato ad iTunes, è unico.

Nessun computer portatile è sottile come il Macbook Air.

Nessun software è più intuitivo, nessun prodotto ha così tanto valore come i prodotti di Apple.

4. Comunicare nella lingua del pubblico

Non ha senso parlare di cose come Megabyte, Gigahertz e Potenza di elaborazione per i clienti che semplicemente non capiscono il gergo tecnico.

Date un'occhiata a qualsiasi scheda di un prodotto Apple e vedrete che in primo piano ci sono i benefici. Invece di risoluzione dello schermo, vedrete frasi come "Edge to edge di vetro", "Display retina" e "Retroilluminazione a LED." Certo, il gergo tecnico è disponibile per quelli che ne hanno bisogno, ma è presentato in un modo che fa venire voglia di conoscere piuttosto che fuggire.

L'arte è nel copywriting, non nelle caratteristiche.

5. Estendere l'esperienza

Avete mai sentito parlare di un unboxing? Nemmeno io fino a pochi anni fa, e ho scoperto che non ero il solo a conservare il packaging di Apple: ci sono addirittura persone che verificano l'effettivo processo di apertura dei propri prodotti Apple appena acquistati. Fate una ricerca su YouTube e troverete centinaia di unboxing Apple caricati da utenti di tutto il mondo!

Apple è attenta anche a questa parte, perfar sì che l'esperienza non finisca alla cassa. Si prende cura della progettazione di un'esperienza utente nello scartare e aprire la confezione, che si basa su incredibili procedure di imballaggio e di installazione. La Apple ti spiega che dedica molto tempo nel design degli imballaggi come dei prodotti stessi, facendo sì che la “scatola” sia coerente a quello che c'è dentro.

Di conseguenza, ha costruito un’esperienza che è quasi impossibile da eguagliare.

6. Costruire una Tribù

Apple è riuscita a costruire negli anni uno dei movimenti di fans più accaniti, con rispetto a qualsiasi altro prodotto di ogni tempo, chiamati anche "Fanboy". 

7. Diventare "Il nome"

Non si compra un lettore MP3, si acquista un iPod.

Non si compra uno smartphone, si acquista un iPhone.

Non si compra un computer, si acquista un Mac.

Se ci pensate bene, Apple ha iniziato una tendenza e non si accontenta di essere un leader indiscusso nelle vendite, ma vorrebbe il vero e proprio monopolio - il che spiega il motivo per cui è stato progettato iTunes come il principale fornitore di musica e il motivo per cui l'iPad, avendo il vantaggio di essere il primo, ha dettato gli standard per tutti i futuri dispositivi tablet.

Da qui in avanti, tutto sarà confrontato con iPad, iPhone, iPod e iTunes. Purtroppo questo genere di cose è difficile da duplicare, ma non impossibile. È necessario disporre di una di queste due cose:

1. Avere chiaro il concetto di essere primi sul mercato.

2. Reinventare il prodotto in modo che sia desiderato dalle persone.

Guardate come viene presentato Siri, l'assistente digitale dei dispositivi iOS, in questo spot:

Grazie a Siri... ci si può anche baciare!

USP, ovvero Unique Selling Proposition

L'iPhone non è stato il primo telefono, ma è stato progettato in maniera così unica che non lo si poteva neanche immaginare. L'iMac non è il primo computer tutto in uno, ma è diventato di fatto l’unico da poter essere preso in considerazione nel suo genere.

Non è tanto la cerchia del marketing che conta, quanto il modo in cui le persone si identificano in questa cerchia. Riguardatevi qualsiasi release di prodotto di Steve Jobs e vedrete come professava che ogni altro prodotto sul mercato sarebbe impallidito in confronto a quello che aveva creato.

Strategie di distribuzione: i negozi monomarca di Apple

Estratto da uno studio della Facoltà di Economia di Cagliari

Apple utilizza una grande varietà di canali distributivi diretti e indiretti.

I negozi monomarca si distinguono in diverse tipologie a seconda delle dimensioni:

1. Apple Store

Il più grande centro in cui si può trovare tutto l’assortimento Apple ed i più preprati “commessi” di questi prodotti.

2. Apple Premium Reseller

Rivenditore autorizzato Apple: non è assolutamente paragonabile per dimensioni di locale e fornitura ad un Apple Store. Questi negozi solitamente vantano un enorme mercato, poiché non ne esistono moltissimi sul territorio.

Servizi:

- Dimostrazioni pratiche

- Sconti Education

- Soluzioni per aziende

- Seminari ed Eventi

3. Apple Reseller

Un normalissimo rivenditore Apple. Solitamente si tratta di “piccoli” negozi che possono vendere qualcosa della merce commercializzata da Apple. Spazi riservati ad Apple nelle grandi distribuzioni.

4. Apple Store online

Creare una comunità: la strategia di Marketing vincente

Le campagne di Apple sono sempre state orientate a creare una comunità di clienti e di accesi sostenitori dei propri prodotti, strategia dimostratasi vincente, orientata a creare e sviluppare un forte senso di identità!

Vediamo alcune campagne di marketing storiche.

“Lemmings” (1984)

40 anni di marketing Apple: la campagna “Lemmings”

L'immagine di una eroina anonima simboleggia l'arrivo sul mercato del personal computer Macintosh come mezzo di liberazione dell'umanità dal conformismo. L'intero spot rappresenta un dichiarato omaggio al romanzo 1984 di George Orwell che descrive un futuro anomalo.

“Think different” (1997)

La campagna marketing Think different di Apple

La premessa della campagna è che quanti usano il computer di Apple sono differenti, pensatori creativi che credono che un individuo possa cambiare il mondo.

“Switch” (2005)

Spot girati come interviste agli “switcher”, ossia tutte quelle persone “passate a Mac”, che spiegavano il motivo della loro scelta.

“Get a Mac” (2008)

La campagna Get a Mac di apple

Lo spot ha come protagonisti due attori che richiamano l’aspetto di Steve Jobs e Bill Gates da giovani e che si presentano come “un Mac” ed “un Pc”. Il Pc riesce da solo a mettersi in ridicolo di fronte a un affabile e imperturbabile Mac

Alleanze: una scelta in chiave marketing

Certamente la partnership più famosa e discussa è quella con Intel, infatti da diversi anni Apple monta processori Intel sui propri sistemi (a scapito dei PowerPC precedentemente prodotti in collaborazione con Motorola e IBM).

Ma Apple ha anche stretto partnership con alcuni marchi non legati al mondo dell'informatica e della tecnologia in generale. Tra di essi troviamo:

  • Nike: l'iPod Sport Kit è stato venduto insieme alle scarpe da corsa Nike. Il dispositivo poteva essere usato non solo per ascoltare musica durante l’allenamento, ma anche per registrare i progressi fatti in palestra.
  • Mercedes Benz Classe S: Apple ha sviluppato per Mercedes un software di navigazione e progettato l'integrazione dell'auto con i gadget Apple come iPod e iPhone.
  • The 20th Century Fox: iTunes® Digital Copy offre la possibilità, per ogni dvd acquistato, di averne una copia da inserire nella libreria; il servizio comprende anche la possibilità di noleggiare film attraverso iTunes Store.

Come Apple ha conquistato Hollywood

Strategie di marketing di Apple: posizionarsi a Hollywood

Infine Apple è riuscita ad essere presente ad Hollywood in moltissimi film. E senza sborsare un centesimo. Businessinsider ha svolto questo interessante studio che ci offre un'altra utile indicazione della strategia di marketing di Apple:

L'azienda non paga per mettere in vetrina i propri prodotti ma è ben disponibile a distribuire una quantità infinita di computer, iPad, e iPhone,"

— Gavin Polone, Produttore

Ecco alcuni esempi di film in cui compaiono prodotti Apple:

  • Mission Impossible
  • Legally Blonde (la rivincita delle bionde)
  • 24 ore
  • Modern Family
  • 30 Rock (serie tv con Jack Donaghy)
  • Sex and the City 1 e 2
  • C’è posta per te (con Tom Hanks e Meg Ryan)

Ora tocca a voi: quanto siete fan di Apple?

Condividete una foto con i vostri oggetti Apple di culto su Twitter e Instagram con l'hashtag #semrushcontest. 

In premio, per chi pubblica l'immagine che otterrà più like, un account SEMrush GURU di 3 mesi! Avete tempo fino a lunedì 4 aprile alle ore 14.00 per postare le vostre foto.

Cosa state aspettando? Stay hungry... di premi SEMrush!

Mi occupo di web dal 2000, ho iniziato con progetti di e-commerce, fino ad appassionarmi al mondo della SEO. Mi sono avvicinato a realtà importati come Lamborghini, Parlamento Europeo, Istat. Il mio percorso mi ha portato al web marketing fino alla web analytics e recentemente al real time marketing. Negli ultimi anni ho intrapreso anche attività di public speaking, formazione e webinar su vari argomenti tra i quali SEO, web marketing e web analytics.

2000 simboli rimanenti
Andrea Andronic
Andrea Andronic
Queste strategie vincenti hanno permesso ad Apple di diventare l'azienda che è oggi! Complimenti ad Apple e complimenti a voi per l'articolo !
Se siete interessati al mondo Apple vi consiglio di visitare il mio blog www.iosblog.it
Valentina Pacitti
Andrea Andronic
Grazie mille Andrea! ;)
Andrea Andronic
Andrea Andronic
Valentina Pacitti
Colgo tra l'altro l'occasione per farvi i complimenti per il vostro software. L'ho acquistato a lavoro ( lo conoscevo giá da tempo ) e devo dire che sono davvero contento!
Valentina Pacitti
Andrea Andronic
Grazie Andrea, sapere che il nostro software é davvero di aiuto per chi lo utilizza ci rende davvero orgogliosi! Questo mese abbiamo raggiunto un traguardo importante: siamo passati da 6 milioni di keyword a 12!!! Lo noterai nel corso delle tue analisi. Per qualsiasi suggerimento o proposta di miglioramento dei tool di SEMrush non esitare a contattarci! Grazie ancora e continua a seguirci ;)
Have a Suggestion?