logo-small
Funzionalità Prezzi
Notizie 0
Ultime notizie Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Webinar 0
Prossimi webinar Visualizza tutti
Prossimi webinar

Spiacenti, non abbiamo trovato prossimi webinar previsti.

Vedi webinar registrati
Blog 0
Post recenti Visualizza tutti

Momentaneamente non disponibili. Torna in un secondo momento.

Visualizza tutti
Chiara Storti

AdWords e PPC: come analizzare competitor e parole chiave

Chiara Storti
AdWords e PPC: come analizzare competitor e parole chiave

Guida alla scelta delle keyword più efficaci per le tue campagne pay per click

Ormai mi occupo di AdWords e PPC da parecchi anni e ho imparato che per poter creare delle campagne pubblicitarie efficaci per il nostro business online è fondamentale conoscere il mercato in cui ci si vorrà proporre e posizionare.

Tra gli aspetti salienti sicuramente vanno considerati:

  • i canali di advertising: non esiste solo Google AdWords e non esiste solo il PPC, quindi come prima cosa va stabilito se per il nostro business sia preferibile un canale all’altro o in che misura (e quindi con che budget) affrontarli e presidiarli;

  • i competitor: le strategie da loro utilizzate nelle attività di web marketing, i canali presidiati, il modo in cui li presidiano, le campagne di advertising che hanno attive o che hanno attivato in passato, le keyword su cui stanno puntando sia a livello di ranking sia a livello di PPC;

  • le parole chiave: quali hanno maggiori volumi di ricerca, quali posizionano già in modo naturale le nostre risorse web e quali no, che tendenze di ricerche hanno, che fluttuazioni e stagionalità presentano, che SERP generano mediamente.

Google AdWords: la principale piattaforma di advertising in Italia

Se parliamo di advertising e di campagne pubblicitarie PPC, nel mercato italiano uno degli strumenti più utilizzati è sicuramente Google AdWords, il sistema di advertising online di Google.

La scelta di Google come canale di advertising sui motori di ricerca deriva dai suoi molti punti di forza:

  • copre una fetta molto importante di mercato, raccogliendo oltre il 95% delle ricerche degli utenti Italiani (fonte: http://gs.statcounter.com);

  • ha una lista notevole di siti e spazi aderenti al sistema Google AdSense, sfruttabili per le campagne display;

  • comprende importanti siti partner (da AOL a Google Maps e YouTube e altri siti Google);

  • permette di applicare settaggi molto specifici alle campagne, che consentono di raggiungere in modo preciso il target desiderato.

Google AdWords basa le campagne di advertising sul PPC (pay per click) e consente la pubblicazione di annunci di vario formato, su varie reti, con molti settaggi personalizzabili, con monitoraggi efficaci sui rendimenti dei gruppi di annunci e con una definizione precisa di budget e di costi spendibili in clic, consentendo quindi un controllo completo e una puntuale verifica sul ritorno dell’investimento in qualsiasi momento

Per chi volesse approfondire le basi di AdWords, esiste una guida dalla A alla Z, con i primi passi per creare una campagna pay per click.

Google AdWords si presenta nel mercato come uno strumento elementare e alla portata di tutti, atto a creare campagne PPC efficaci in pochi clic. Offre ai nuovi inserzionisti la possibilità di utilizzare coupon e codici sconto con budget gratuiti fino a 200 €… ma la realtà dei fatti spesso non è così rosea.

Google Adwords è una strumento potente, ma può diventare molto costoso e poco gratificante nel momento in cui non vengano effettuate le dovute analisi preliminari e nel momento in cui non si sia in grado di strutturare delle campagne settate “come Dio comanda”.

Non avremo sicuramente modo di vedere in un unico articolo quanti dettagli possiamo personalizzare e sfruttare al meglio per ottimizzare le nostre campagne ppc ed i nostri gruppi di annunci, ma possiamo scoprire come SEMrush ci viene in aiuto in alcune importanti fasi di analisi.

Sfruttiamo SEMrush per analizzare i competitor e le keyword

Abbiamo detto che per ottenere i migliori risultati da una campagna pay per click con Google AdWords è bene analizzare i competitor e le parole chiave.

Con SEMrush possiamo fare entrambe le cose, in modo preciso e approfondito:

  • possiamo analizzare un concorrente, ogni parola chiave di posizionamento organico e le parole chiavi e gli annunci che sta utilizzando per le sue campagne di advertising;

  • possiamo analizzare le keyword di nostro interesse ed i volumi di ricerca o le SERP corrispondenti.

SEMrush offre nel suo pannello un complesso sistema di analisi di dati. Esso ci permetterà di ottenere moltissime informazioni utili sui nostri competitor per creare campagne ppc efficaci e, con lo strumento di analisi delle keyword, ci permetterà di analizzare le tendenze ed i volumi di ricerca di qualsiasi termine, le parole chiave ad esso correlate, le SERP con risultati organici e con risultati a pagamento generati dalla ricerca della keyword.

Ci sono quindi due fasi che ci consentono di sfruttare le potenzialità di SEMrush per le analisi preliminari alla creazione di una campagna pubblicitaria ppc:

  • analizzare le strategie dei nostri competitor, posizionamenti organici, posizionamenti a pagamento, annunci;

  • analizzare le keyword legate al nostro business, le tendenze ed i volumi di ricerca, le SERP.

Analisi dei competitor con SEMrush: posizionamento organico e a pagamento

Partiamo con la prima opzione: analizzare i concorrenti.

Se abbiamo già un elenco di concorrenti o ipotizziamo quali siano i nostri principali competitor, la prima cosa da fare prima di creare la nostra campagna PPC su AdWords è quella di inserire nella casella di ricerca di SEMrush l’indirizzo del loro sito internet (nello spazio “Inserisci dominio, keyword o…”) e avviare l’analisi (pulsante “Cerca”).

Analisi preliminari con SEMrush per creare una campagna PPC

L’analisi ci mostrerà una serie di dati estrapolati dal sistema.

Nella prima parte della schermata vedremo una panoramica del dominio, con i risultati organici, i risultati a pagamento, i backlink del dominio analizzato, il display advertising, la distribuzione geografica dei posizionamenti organici e a pagamento, i volumi di traffico generati.

Panoramica keyword, analisi volumi di ricerca con SEMrush

Ma dobbiamo entrare nello specifico, e scendendo nella pagina troviamo:

le principali keyword, la distribuzione della posizione organica, i principali competitor individuati per parole chiave in concorrenza nel ranking;

Analisi dei competitor con SEMrush: la ricerca organica

le principali keyword, la distribuzione della posizione a pagamento, i principali competitor individuati per parole chiave in concorrenza nelle campagne PPC.

Analisi dei competitor con SEMrush: la ricerca a pagamento

Le cose su cui focalizzare la nostra attenzione, in questo specifico ambito, saranno le parole chiave di posizionamento organico, quelle di posizionamento a pagamento e, volendo, gli annunci ppc che i nostri concorrenti stanno utilizzando per promuovere i loro prodotti o servizi, concorrenziali ai nostri.

Per approfondire ogni singolo punto è sufficiente cliccare sul link “Visualizza report completo”.

Nella porzione riguardante le parole chiave di posizionamento organico sarà sufficiente leggere (online, o dopo il download in un foglio di calcolo) quali keyword e quali risorse possono essere interessanti anche per noi, non tanto per copiare la strategia di un concorrente, quanto per valutare possibili spunti di miglioramento e strategie da attuare per “mostrarci al meglio” nelle nostre campagne ppc.

Ricordiamoci che ci sono anche i filtri che si possono applicare, per osservare solo ciò che maggiormente ci può interessare.

Come rendere efficace una campagna PPC: le analisi con SEMrush

Nella porzione riguardante le parole chiave di posizionamento a pagamento faremo un’analisi similare a quella proposta per l’organico.

L'analisi delle keyword e delle posizioni di ricerca a pagamento

Sempre nell’ambito dell’advertising possiamo dare uno sguardo agli annunci che i nostri concorrenti propongono (https://it.SEMrush.com/it/info/empty/domain_uniq_ads/).

La lettura degli annunci delle campagne ppc della concorrenza ha vari punti interessanti da analizzare:

  • che leve stanno usando;

  • che promozioni propongono;

  • che servizi o prodotti spingono maggiormente;

  • che pagine di atterraggio stanno utilizzando…

Anche in questo caso, non tanto per copiare, quanto per valutare criticità e punti di forza che ci consentano di migliorare e rendere efficaci al massimo le nostre campagne pay per click.

Analizza gli annunci PPC dei tuoi competitor

Già tramite questi dati potremo iniziare a progettare una campagna AdWords adeguata al mercato e alle strategie messe in atto dalla concorrenza.

Analisi delle keyword con SEMrush: volumi, tendenze e ricerche correlate

L’altra opzione di cui avevamo parlato per sfruttare gli strumenti di SEMrush per le analisi preliminari alla creazione di una campagna ppc è quella di effettuare una ricerca delle parole chiave che meglio descrivono il nostro business ed analizzarle.

Per fare questo dobbiamo sfruttare la scheda “Analisi Keyword” di SEMrush: basterà digitare nella casella che abbiamo visto inizialmente (figura 1) la nostra keyword, al posto del dominio del competitor, e avviare l’analisi.

SEMrush ci mostrerà queste informazioni:

il volume di ricerche, il numero di risultati presenti, una stima di costi per il clic a pagamento e una stima del livello di concorrenzialità a pagamento, la distribuzione del CPC e le tendenze su Google AdWords;

Panoramica della parola chiave utilizzata per la tua campagna pay per click

  • le parole chiave con corrispondenza a frase e quelle correlate (una delle funzionalità che più apprezzo): l’elenco delle parole chiave che hanno una corrispondenza a frase con quella da noi analizzata, ed un elenco con le possibili keyword con ricerche correlate, elenchi entrambi espandibili ed analizzabili nel dettagli dal link “Visualizza report completo” (nel dettaglio, o anche già nell’anteprima, si possono visualizzare le SERP a avviare ulteriori analisi per singola keyword);

Le parole chiave correlate e con corrispondenza a frase per i tuoi annunci

  • i risultati della ricerca organica, gli annunci a pagamento presenti, le tendenze di presenza di annunci: nello specifico potremo vedere le SERP, comprensive degli eventuali annunci che compaiono (chi li pubblica, cosa mostrano, di che tipo sono, che tendenze hanno)

Analizza serp e annunci per creare campagne PPC efficaci

Una volta ottenuto ed affinato il nostro elenco di parole chiave, una volta nota la strategia dei nostri competitor, non ci resta che affinare ancora e ancora e ancora… per poi affrontare serenamente Google AdWords!

SEMrush risulta uno strumento perfetto per analizzare in profondità le proposte dei nostri competitor, offrendoci una serie di dati utili, permettendoci di analizzare in modo approfondito anche le SERP ed i volumi di ricerca e stagionalità di singole keyword, per realizzare la nostra campagna PPC con Google AdWords in modo da aumentare rapidamente il numero delle visite e far decollare il nostro business.

E tu come scegli le parole chiave per creare le tue campagne PPC su AdWords?

Chiara è co-fondatrice di Spicelab.it e partecipa come docente e relatore in vari eventi italiani di Web Marketing. Una campagna AdWords sta a Chiara come il pane alla crema di cioccolata, un piano SEO come Napoli alla pizza, una strategia Web Marketing come Genova al pesto. Dall’advertising all’ottimizzazione, dalle un mazzo di keywords: ti aprirà le porte al mondo del web(marketing) in un… click!

2000 simboli rimanenti
Have a Suggestion?